Bianco é tornato

Scritto da , il 2020-09-07, genere zoofilia


Ero stanca ma sentivo la rubida lingua di Bianco sulla mia miccetta ... ancora una volta lui leccava la mia figa e col suo muso spingeva ...
le mie cosce tremavano ancora dopo l'ultimo orgasmo che quasi mi fece svenire, cercai di spingere il suo muso ma lui prendeva la mia
mano tra i suoi denti senza farmi del male ... la sua lingua insistente mi faceva allargare le gambe e senza sosta é riuscito ad addentrarsi nella
mia gnocca ... tremavo ed alzavo i miei fianchi per prendere piú della sua lingua i sussulti mi fecero girare piano piano e mi trovai presto
a quattro zampe ... subito Bianco si mise dietro ... io archeggiai mia schiena per agevolare le sue leccate ... adesso prendevo tutta la sua
lingua dentro la figa cosa che mi porto un'altro orgasmo ... senti le sue zampe su miei fianchi e dopo alcuni colpi finalmente il suo cazzo era
dentro di me ... il mio corpo sfinito riprendeva forze da chi sa dove ... lui sbatteva il suo cazzo dentro la mia figa finche il suo nodo un'altra
volta ci lego insieme ... ero con le mie tette penzolanti, lui ansimava sopra mia schiena, pure io ansimavo vogliosa ... ho sentito il suo membro
scivolare fuori dalla mia figa e mi addormentai ...

Quando mi svegliai, Bianco era sparito ... mi sono vestita e usci dalla grotta ... Bianco era li fra gli alberi e mi guardava ... incominciai a
camminare e lui davanti a me ... dopo un po' riconobbi il sentiero che mi portava in paese e lui si allontano in mezzo al bosco.

Rientrai a casa e subito andai sotto la doccia ma prima di lavarmi ho messo due ditte nella passerina e mi sono gustato il sapore di Bianco
che ancora c'era nella mia figa.

Passarono i giorni ... poi le settimane e pensavo a quel incontro meraviglioso, di sera non riuscivo a dormire se non mi toccavo e giocavo
con la mia passerina ... mi sentivo allupata ogni giorno di piú.

Una sera mentre annaffiavo in giardino é venuta una vicina per dirmi che i guardaboschi avevano datto l'allarme. perche c'era stato avvistato
un lupo ... un lupo bianco nelle vicinanze ... la ringraziai e girai per rientrare in casa, allora lei aggiunsi ... deve chiudere la vostra porta ...
la salutai con la mano e rispossi ... va bene grazie ... il mio cuore batteva a mile ...

Quella sera abbassai le luci ed aprí la porta ... mi sono seduta nella oscuritá ed ascoltavo i rumori fuori ... feci un sobbalzo quando
ascoltai l'ululare dei lupi in lontananza ... ma Bianco non é venuto ... mi sono andata a coricare quasi a l'alba.

Nella terza serata di attesa ... oramai stanca ... verso la mezzanotte sentí cadere qualcosa ... subito mi alzai ed andai vicino alla porta ...
c'era lui che mi guardava e anussa l'aria ... lui cautamente mi s'avvicino ... lo feci entrare ed uscí per vedere se c'era qualcuno nei
dintorni ... c'era solo silenzio dappertutto ... rientrai in casa pressi una ciottola d'acqua per Bianco ... lui sorvegliava tutte le mie mosse ...

Il naso sensibile di Bianco sapeva che mi trovavo in ovulazione ... sono andata nella stanza da letto e lui dietro di me ... mi sono subito
spogliata ... in ginocchio vicino a lui incominciai ad accarezzare la sua guaina ... il suo membro piano piano incomincio ad uscire ...
dopo un paio di centimetri mi abbassai e lo presi in bocca ... li facevo un pompino al mio peloso amante ... le sue gocce saline
scivolavano sulla mia guancia ... mi son messa sotto a lui e lo feci venire sulle mie tette grosse e vogliose ... con le mani mi sono
spalmata le due tette, il ventre, un po' sulla figa ed in mezzo alle mie cosce, ero tutta bagnata dagli umori di Bianco ... lui si misse
a leccare le mie tette e poi la mia ficchetta ... ho presso il suo muso e lo sfregato sulla mia figa ... Oh caro quanto mi sei mancato !
lui sbatteva la sua lingua sul mio clitoride e le labbre chiuse della mia gnocca ... colpo dopo colpo mi portava vicino all'orgasmo ...
le mie gambe si allargarono da sole e la sua lingua entro nella mia micetta facendomi urlare ... i sobbalzi incominciarono col mio
orgasmo ... le mie mani tremanti, mie pulsi si contorcevano e le mie gambe si chudevano ed aprivano ... e non finiva mai ...
sono rimasta per terra a lungo ... Bianco leccava il suo cazzo ancora gonfio nel angolo vicino al letto ...

Sono andata in bagno ma non mi son lavata mica ... mi piaceva girare con le mie tette penzolanti e dondolanti ma ancora toste ed il mio corpo
che luccicava tutto bagnato dalla sborra di Bianco ... cosa piú bella ... poi sono andata in cucina e presi due bistecche ed una bottiglia di latte ...
tornai da Bianco il quale faceva un pisolino sull'estesso posto dove c'era prima ... l'odore delle bistecche lo fecero alzare la testa ... si alzo e si
mise a mangiare, le bistecche sono sparite subito ... ero per terra vicino a lui, mi sono sdraiata con le mie tette ben in vista ed incominciai a
versarmi del latte addosso ... lui ha subito cominciato a leccarmi, fermandosi su i cappezzoli e faccendomi impazzire ... continuavo a fare cio
versando un po' sul ventre e la micetta ... la sua lingua instancabile e senza sosta girava tutto il mio corpo ... era tanta la mia voglia che diedi un
salto e mi trovai a pecorina sul letto ... per Bianco non c'estato bisogno d'altro ... subito prendeva i miei fianchi con le sue zampe ed incomincio
a dare colpi col suo membro tra le mie cosce, il mio culetto e poi riusci a centrare la mia gnocca ed il suo cazzo infilo la mia stretta passerina ...
mi chiavava con dolcezza direi, perche il suo nodo colpiva le mie labbra senza andare dentro ... siamo rimasti cosi per un bel po' ... io godevo e c'era
un fiume che scorreva sulle mie cosce ... poi con un solo colpo il suo nodo ando dentro ed incomincio farmi venire ancora e poi tante altre volte ...
sono diventata ormai multi orgasmica ... siamo rimasti attaccati a lungo ... ma il bello é proprio quello perche il suo nodo massaggia il mio punto G,
cosa che diviene in orgasmi vari ... ho preso le sue zampe perche volevo il suo cazzo il piú a lungo possibile dentro di me e quindi non volevo farlo
scendere dalla mia schiena ... i suoi getti di sperma riempivano la mia figa ed inondavano la mia cervice ... non finivo mai di vanire e sentirmi femmina
arrapata ... il suo benedetto cazzo scivolo fuori dalla mia gnocca ed un vuoto si fece dentro di me ... siamo rimasti sdraiati l'uno vicino all'altro ...
io baciavo il suo muso e lui leccava le mie guancie ... amore ... davvero proprio e vero amore.

Bianco é rimasto con me due giorni ... a la terza serata lui usci dalla porta e spari.
Ma io oramai avevo capito che lui riusciva a sapere quando mi trovavo nei giorni dell'ovulazione, quindi dovevo aspettare altre quattro settimane.

Sono andata dal parrucchiere per farmi tagliare i capelli ... poi ho preso la macchina e sono andata a Bolzano dove trovai uno "sex-shop" e presi
un cazzo finto di cane ... presi anche della biancheria intima per aspettare mio maschio il piú bella possibile ... sono tornata la sera a casa ... mi sono
mesa la vestaglia, poi sono andata in vasca e provai col gioccatolo sessuale ... il ricordo di Bianco facilitava il raggiungere degli orgasmi, ma non era
lo stesso ... mi son rasata la figa e la pelle mi é rimasta molto soffice e sensibile ... eravamo quasi alla quarta settimana ...

Nei giorni della mia ovulazione incomincia a camminare nuda all'interno di casa ... la porta era sempre socchiusa ... io giravo come una lupa in calore ...
quasi mi viene un colpo ... lui era in salotto davanti a me ... sono andata subito a chiudere la porta e me ne andai movendo i miei fianchi esageratamente
verso la stanza da letto... ero felicissima ... ma non c'é l'ho fatta ad arrivare e bussarono alla porta ... mamma mia ma chi puó essere ... ho preso la
vestaglia per coprire la mia nuditá ed apri la porta solo un po' e chiesi che volevano ... il guardaboschi mi disse che ancora c'erano dei lupi nell'area e
quindi di fare attenzione e chiudere la mia porta ... intanto Bianco aveva infilato il suo muso sotto la vestaglia e mi leccava le cosce e la fossetta del culo ...
io cercavo di chiudere le mie cosce ma lo stesso lui ci riusciva e sua lunga lingua arrivava quasi sulla mia ficchetta ... salutai il ragazzo e chiusi la porta ...
lanciai la vestaglia per aria ... ho corsa sul divano e con le mie gambe divaricate ho aperto le piccole labbre della mia figa per lasciarlo fare a sua volontá ...
é stato a leccare la mia micetta a lungo ... ho goduta due volte ma non mi bastava ... la metá del suo cazzo era fuori dalla sua guaina ... lo volevo dentro
di me e quindi mi son mesa in ginocchio, ho appoggiato le mie tette sul divano ed aspettai che lui mi chiavase fino in fondo il suo bellissimo cazzo ...
mi chiavo tantissimo che sono quasi svenuta ... non sapevo gia dove mettere le mie mani che pizzicavano le mie tette ...

Bianco é rimasto con me questa volta tre giorni ... adesso sento la sua mancanza ed aspetto disperatamente la mia prossima ovulazione ...

Questo racconto di è stato letto 8 1 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.