La signorina Nunzia

Scritto da , il 2020-09-03, genere feticismo

Fin dalle mie prime pulsioni sessuali, intorno ai 12/13 anni, sono sempre stato attratto dai piedi femminili e dalla sottomissione. E come tutti i ragazzini di quella età le prime esperienze del genere me le sono fatte in famiglia e la mia, tra cugini zii e affini, era numerosa soprattutto di donne. L’estate era la stagione che amavo di più, non solo perché eravamo sempre tutti assieme in villeggiatura nella grande villa di campagna, ma perché era il periodo che le donne di casa sfoggiavano i piedi nudi. E fra cugine dirette e indirette, zie di sangue e acquisite, ce n’era un campionario di una bellezza e sensualità da imbarazzo della scelta. Io, più che da quelli delle prime - spesso mie coetanee o poco più grandi delle quali, pur essendo da bambine e poco curati, comunque approfittavo visto che spesso dormivamo negli stessi letti - ero attratto da quelli delle seconde più curati e sempre smaltati come solo le donne mature sanno fare.
Siccome a differenza delle cugine, le zie, su queste cose, erano inavvicinabili, io mi ero inventato altre maniere per potere godere dei loro bellissimi piedi. Le spiavo. Prediligevo quelle che avevano l’abitudine di andare a letto mettendosi un cuscino sotto i piedi, che tormentavano in maniera inconsapevolmente sensuale e spietata, tanto da farmi impazzire non solo di goduria, ma anche di gelosia. Si gelosia, perché sognavo esserci io al posto di quei cuscini a farmi umiliare in quel modo da quei piedi bellissimi.
Così dopo pranzo e cena, non appena tutti si ritiravano nelle stanze, quatto quatto senza essere visto, anche grazie alla posizione delle camere da letto, mi posizionavo per godermi quello spettacolo e poi scappare in bagno a segarmi. Qualche volta riuscivo pure ad avvicinarmi, senza far rumore, ai loro piedi e ad appoggiarvi il naso o la bocca, senza che se ne accorgessero, per gustarne l'odore talmente inebriante che mi faceva godere a tal punto da non riuscire ad arrivare al bagno e così sborravo li stesso, per poi ripulire in silenzio e velocemente col rischio di essere visto.

Crescendo iniziai ad avere le prime ragazze con cui fare sesso, ma il mio chiodo fisso fu sempre quello: i bei piedi di donna matura da leccare e sotto cui farsi umiliare. Però, eccettuate le tecniche sempre più affinate di spionaggio e di avvicinamento silenzioso a quelli delle mie parenti o segarmi in bagno o a letto grazie a riviste femminili dove si raffiguravano piedi nudi e in collant, era praticamente impossibile conoscere una donna matura disponibile. Dunque, quando sembravo oramai rassegnato ad “accontentarmi” dei piedi delle mie fidanzate, che spesso dovevo pure faticosamente convincere con tatto per evitare di farmi la nomina di pervertito, successe l’inaspettato. La sorpresa più bella che mai avrei potuto immaginare e paradossalmente grazie a ciò che i maturandi del quinto anno di ginnasio temono di più, gli esami di stato.

I miei genitori ci tenevano tantissimo a che mi diplomassi, anche perchè avevo già 19 anni, così decisero di mandarmi da una insegnante privata perché mi aiutasse a prepararmi al meglio e per togliermi da qualunque altra distrazione che in una casa così affollata potesse distogliermi dallo studio. Fu così che conobbi la signorina Nunzia, un'insegnante abilitata vincitrice di concorso, ma da anni messa in lista d'attesa, che dava lezioni private nel suo appartamento nella quale conviveva con gli anziani genitori.
Il giorno che andammo a trovarla per pianificare il piano studi, per me fu amore a prima vista. Ma non tanto per la sua persona - la signorina Nunzia, 50 anni circa, magrolina, statura bassa, piccole tette e culo assente, era una di quelle donne che passerebbero inosservate, non brutta, ma nemmeno bella - quanto per i suoi piedi.
Quando ci ricevette, infatti, calzava degli infradito che le esaltavano dei piedi curatissimi, con dita perfette e unghia grandi smaltate di rosso. Piedi che, mentre era seduta a parlarci, con quelle sue gambe magre accavallate, muoveva in una maniera sensuale facendo penzolare dal piede sospeso l’infradito. Insomma quelli che sognavo io e non a caso facevo veramente molta fatica a non fissarmi a guardare quello spettacolo. Ero eccitato a tal punto da non capire assolutamente nulla di quello che stavano decidendo per me, tanto che dicevo sempre si a qualsiasi cosa. Lo avevo tanto duro che risaltava dai pantaloni, finendo per provare un forte imbarazzo per la paura che potessero accorgersene. Appena tornati a casa sentii il bisogno irrefrenabile di correre in bagno a farmi una sega immaginandomi con la faccia sotto quel piede sospeso con infradito pendente. Ma non mi bastò. Talmente eccitato da quella donna che la sera mi feci spompinare due volte dalla mia ragazza: appena scesa in macchina e poi dopo la pizzeria. Dopo perfino da un nostro amico frù frù che da tanto mi tirava il filo e al quale non parve vero che stava realizzando un sogno, quello di prendere il mio bel cazzone duro e voglioso in bocca.

Così dunque iniziai a frequentare le lezioni. Dovevo andarci tre pomeriggi alla settimana. La signorina Nunzia mi faceva studiare sul grande tavolo del suo salone. Inizialmente con me seguiva altri tre studenti. Io stentavo a concentrarmi sui libri e sui quaderni. Il mio sguardo cadeva sempre sulle sue gambe magre accavallate e su quei piedi bellissimi col gioco che faceva con l’infradito. Poi, sempre quel primo pomeriggio, successe per caso ciò che avrebbe indirizzato la mia storia con la signorina Nunzia verso quei risvolti che avevo sempre sognato. Avvenne che mentre ricopiavo degli esercizi di matematica, inavvertitamente feci cadere una matita. Mi abbassai sotto il tavolo per recuperarla. Non vedendola subito, mi misi a quattro piedi per trovarla e mi accorsi che era finita vicinissima alle gambe accavallate della signorina e al suo piede penzolante che giocava con l’infradito. Istintivamente ne approfittai. Mi ci avvicinai furtivo, quel piede visto da così vicino era bellissimo. Gli avvicinai il naso per sentirne l’odore. Un odore così buono che non riesco ancora oggi a descriverlo. So solo che mi fece indurire il cazzo così tanto che temetti di sborrare li stesso. Poi gli cadde l’infradito, anche questo mi eccitò tantissimo perché il piede rimase totalmente nudo a pochi millimetri dalla mia faccia, e quando lei abbassò lo sguardo per vedere dove fosse caduto, feci in tempo ad afferrare velocemente la matita e rialzarmi. Ma ero eccitatissimo e il cazzo mi pulsava dentro le mutande, così le chiesi di poter andare al bagno. Arrivati lì, me lo tirai fuori sul lavandino e bastarono poche segate per esplodere in una sborrata che riempì il lavabo.
Mi piacque quella cosa nata per caso, così per le lezioni successive lo facevo di proposito. Matita, penna o gomma a terra e stessa azione di avvicinamento ai piedi, soprattutto approfittando nel momento in cui lei attenzionava gli altri ragazzi. Odoravo il piede e poi scappavo in bagno.
Poi un giorno la signorina Nunzia mi comunicò che si era messa d'accordo con i miei genitori, che per il tipo di preparazione che avrei dovuto sostenere era meglio per me venire la mattina quando non c'erano altri studenti, in modo tale che avrebbe avuto totalmente sotto controllo.

Ricordo benissimo quella mia prima mattina. Era di lunedì, puntuale alle 9 circa mi presentai a casa sua. Fu la madre ad aprirmi e farmi accomodare. Stavo per entrare in salone, mentre l'anziana donna guadagnava la via verso la cucina, quando mi fermai di colpo davanti la porta per la scena che mi si parò agli occhi: la signorina Nunzia, con indosso una sorta di kimono, leggeva assorta degli appunti semidistesa sul grande divano, con le gambe stese totalmente scoperte e con i piedi nudi giocava con un cuscino che aveva sotto.
Mi eccitai da impazzire. Il cazzo in un lampo mi divenne duro come la pietra e provai la stessa gelosia per quel cuscino come ai tempi in cui ragazzino spiavo le zie. Ma mentre mi accarezzavo la patta, lei si accorse di me e velocemente si ricompose
“Che fai li impalato? Entra su”
mi disse con un sorriso invitandomi ad accomodarmi. Così ci sedemmo al grande tavolo ed iniziammo la lezione.
Avevamo iniziato da poco, quando entrò la madre che comunicò alla figlia che sarebbe uscita e che si sarebbero riviste la sera a cena. Così rimasti completamente soli, con la coda dell'occhio notai la signorina Nunzia posare lentamente gli occhiali sul tavolo, prendere una matita con due dita, e di proposito farla cadere a terra, guardandomi poi con un sorriso ironico attendendo una mia reazione che però non avvenne subito, in quanto continuavo a fingere di essere concentrato sulla pagina che stavo leggendo.
“Che fai, non scendi a terra per raccoglierla? Guarda, è qui sotto le mie gambe!”
A quel punto alzai la testa e la guardai deglutendo arrossito di vergogna, perchè capii che mi aveva scoperto.
“Dai che aspetti?” incalzò “A terra e prendi sta matita!!”
Io però rimasi seduto al mio posto impietrito. Si, mi aveva scoperto e non c'ero abituato. Dei miei metodi per spiare o avvicinarmi ai piedi di qualcuna non si era mai accorto nessuno. Lei si.
Poi cancellando dal viso quel sorriso sarcastico, in tono adirato continuò ad incalzarmi
“Pensi io sia una cretina, una di quelle bambocce che frequenti tu? Credi che non l'abbia capito cosa tentavi di fare sotto al tavolo? E poi cosa fai in bagno? Nel mio bagno!! Nemmeno bene sai pulire. Che schifo!”
Ero in stato di shock e volevo sprofondare per la vergogna, poi ebbi un attimo di lucidità e realizzai che Nunzia capì che volessi vederle le mutande o addirittura la fica, non i piedi. Così, non so come, mi presi di coraggio e confessai
“Signorina chiedo perdono, ma non è come pensa lei”
Le risposi intimorito
“Ah no? Non è come penso io? Tutti i pomeriggi...ogni volta, guarda caso, ti cadeva qualcosa e giusto giusto sotto il tavolo dalle parti delle mie gambe! Allora dimmelo tu com'è!”
Rispose lei
“Ecco signorina...si è vero ho cercato la scusa di avvicinarla di nascosto sotto al tavolo...ma in realtà non era per guardale le gambe da vicino o tra le cosce...ecco. In realtà era una scusa per avvicinarmi...ecco...per avvicinarmi...ai suoi piedi...i suoi bellissimi piedi...ecco!”
E lei
“Sei attratto dai miei piedi? Ma che stai dicendo? A chi la vuoi dare a bere? ”
mi disse guardandoseli.
“Si signorina...giuro. Non volevo vederla nell'intimo...mi creda...volevo solo...ecco...solo...solo avvicinarmi e...provare a...diciamo...gustare i suoi piedi. Io da sempre sono attratto dai piedi femminili...e i suoi sono bellissimi...non riesco a resistergli. Ma non lo faccio più...lo prometto...mi scuso se le ho creato disagio, non volevo. Speravo che non se ne accorgesse. La prego però di non dirlo ai miei...la prego non lo faccia,,,anzi, forse è meglio, vado via subito e, se vuole, inventiamo una qualunque scusa per non farmi più venire...ma non dica quello che facevo, la supplico”
Così dicendo mi venne spontaneo inginocchiarmi davanti a lei che continuava a guardarmi arrabbiata in silenzio. Poi mi dice
“Alzati. Prendi tutta la tua roba e vai a casa”
Obbedii in silenzio. Riempii lo zaino e a testa bassa mi recai verso la porta. Stavo per uscire quando improvvisamente Nunzia, che mi seguiva dietro, in tono più disteso mi dice
“...senti dai, ci vediamo mercoledì, su...oggi diremo a tua madre che mi è venuto un forte mal di testa...ciao”
Tornai a casa con l'umore sotto i tacchi. Però quel “ci vediamo mercoledì” mi consegnò una flebile speranza che quantomeno quello che era successo restava segreto.
Quel giorno e mezzo che mi divideva dalla prossima lezione, lo passai fra la preoccupazione che non avrei potuto più godere dei piedi di Nunzia e le seghe che mi facevo pensandola comunque e nonostante la figuraccia rimediata.
Così arrivò il mercoledì mattina. Ad aprirmi la porta fu la signorina Nunzia che mi salutò con un sorriso stentato. Mi fece accomodare e ci mettemmo a fare lezione senza dire altro, mentre io mi forzavo a non guardarle i piedi. Poi, tra una versione di greco e un esercizio di matematica, Nunzia si toglie gli occhiali, mi guarda e mi dice
“Non ho fatto altro che pensare a quello che è successo l'altro ieri. Non ci ho dormito stanotte...dunque saresti attratto dai miei piedi? Solo da questo e non da altro?...ma ci devo credere?”
Ed io tentando di comprarmela le risposi
“Si signorina, si giuro...non volevo assolutamente violare il suo intimo...però...se posso permettermi...con questo non voglio dire che di lei non mi piace nient'altro...anzi, la trovo affascinante...a me piacciono le donne...diciamo così...mature...e poi se la trovassi brutta non mi sarebbero interessati nemmeno i suoi piedi...ecco”
Nunzia a quel punto mi sorrise, appoggiò le spalle alla sedia. Si rilassò un attimo. Poi mi chiese di mettermi in ginocchio come avevo fatto la scorsa volta per chiederle scusa. Io lo presi come un ordine della mia padrona, sebbene ancora non c'era nulla, ed eseguii posizionandomi davanti alle sue gambe accavallate. Lei sfilò l'infradito del piede della gamba accavallata e me lo mise nudo sotto il naso coprendomi la bocca
“....quindi se io faccio così...tu ti ecciti!?”
Farfugliai un “si giuro” visto che avevo il suo piede sulla bocca “è bellissimo profumatissimo signorina!”
Quindi si mise a ridere, lo levò di scatto, mi fece alzare e sedere nuovamente al mio posto, dove mi accomodai con un vistoso rigonfiamento tra le gambe che lei notò immediatamente sembrandone ingolosita: quei pochi secondi di piede in faccia bastarono per farmi rizzare il cazzo da rischiare di sfondare mutande e pantaloni. A quel punto Nunzia, gettando ancora lo sguardo sulla patta gonfia dei miei pantaloni, mi fa la proposta che nemmeno nei miei sogni più proibiti mi sarei aspettato e che ancora oggi stento a credere sia successo.
“Ascolta...no...non dirò nulla a tua madre o a tuo padre...e nemmeno voglio che te ne vada via. Facciamo un patto tra noi, ma che sia un segreto...segreto! Significa che nemmeno agli amici più intimi dovrai mai rivelare. Altrimenti si, non voglio più vederti.”
Ed io finalmente sollevato:
“Si signorina certo, stia tranquilla. Non parlerò nemmeno sotto tortura, parola mia d'onore!”
Annuì soddisfatta, con la sedia si avvicinò di più a me e riprese:
“Confessione per confessione...ti rivelo anche io qualcosa di me! Sai da quando non faccio sesso?”
Risposi io:
“No signorina”
E lei:
“Da quando avevo la tua età e un bastardo dopo avermi illusa mi ha abbandonato il giorno delle nozze. C’era tutto preparato, chiesa, invitati, locale. Tutto!...fu una tragedia per me, non tanto economica quanto per il mio cuore e la mia anima...abbandonata davanti a tutti...così da quel giorno non ho più voluto incontrare nessuno. Solo che quando mi ripresi un tantino mi accorsi che il sesso mi mancava e...mi manca ancora adesso...a guardarmi non si direbbe, no?...e invece si...mi manca. Allora...ecco...vai di vibratore, di falli di gomma...ho pure tentato di sedurre il ragazzo bengalese che 2 volte alla settimana viene a fare le pulizie qui in casa, anche se poi ho avuto paura e ho desistito...tornando nella solitudine della mia stanza a giocare coi falli di gomma!...poi sei arrivato tu. Si tu. Anche se lunedì ho avuto quella reazione...la reazione dell’insegnante...della catechista, si faccio pure questo, a cui ho lasciato il sopravvento...ho provato qualcosa di piacevole che pensavo di non provare più...un giovane così bello e dotato che si interessava a me ...ed erano anni e anni che nessuno ci provava più con me...queste due notti non ho fatto altro che pensarci e soprattutto pensarti...ed ho capito anche perchè istintivamente l'altro ieri stesso ti ho detto di ritornare oggi...tutto questo che è successo ha fatto risvegliare la donna vogliosa che in realtà sono...vogliosa di...cazzo...si, cazzo! E sai quanto mi è mancato un cazzo vero...un cazzo giovane e duro...in questi lunghi anni?”
Sorrise come si fosse liberata di un macigno sullo stomaco, mi guardò con aria ammiccante, si sfilò velocemente gli infradito e mi mise i piedi sulle cosce. Io glieli accarezzai, mentre il cuore mi batteva forte. Stava succedendo quello che avevo sempre sognato.
Così mi portò sul divano, si tolse quel kimono che aveva la volta scorsa, rimanendo in reggiseno e mutandine, e con dolcezza iniziò a spogliarmi. Appena vide il cazzo eretto, con la cappella sgusciata e già umida, fece un “oh mio Dio” di meraviglia per le dimensioni e poi aggiunse “che delitto orrendo che un cazzone così bello si debba consolare da solo...in un bagno...quando potrebbe fare felice una donna come me!!”
Rise e mi spinse facendomi sedere, si posizionò dall'altro capo del divano e mi mise i piedi in faccia muovendoli nella stessa maniera sensuale e spietata con la quale prima lo stava facendo al cuscino. Non ci potevo credere: ero io adesso il suo cuscino, il mio sogno si avverava!
Furono momenti di assoluta goduria. Quei piedi bellissimi, lisci, senza duroni e dall'odore indescrivibilmente buono, non davano tregua al mio viso: me li strusciava sugli occhi, sul naso, mi infilava le dita in bocca invitandomi a succhiarli e laccarli negli interstizi. Ovviamente avevo il cazzo turgido come un pilone autostradale pronto ad esplodere, stavo per metterci la mano per segarmi quando mi bloccò
“Fermo!!...non ti rischiare, sai!?....io ti do i piedi, ma il cazzo è mio!!...il patto consiste in questo!!”
Così venne dal mio lato, si chinò e iniziò a leccarmelo tutto, dalla cappella alle palle. Poi parti con la pompa...e mi fece una pompa...ma una pompa che mai più in vita mia avrei provato. Insomma si vedeva, dal gusto con cui ci si dedicava, quando davvero gli mancasse un cazzo vero.
Eiaculai ad esplosione nella sua bocca , tipo vulcano,. E produssi tanto di quella sborra che esondò pure sul copridivano. Ma non finì lì. In men che non si dica, e grazie nuovamente al gioco dei suoi piedi in faccia, me lo fece tornare duro e teso. Stavolta però vi si sedette sopra facendosi penetrare piano piano fino in fondo. Messa a cavalcioni fra le mie gambe, scopammo a smorza candela fino a procurarle orgasmi multipli sottolineati da grida di piacere che ebbi paura qualcuno avvertisse la polizia. Poi sfiniti crollammo sprofondati tra i cuscini del divano.
“Oh dio mio, quanto tempo era che sognavo una scopata così...quanto! Secondo me ti ci ha mandato Dio qui da me, non ci sono altre spiegazioni”
mi disse accarezzandomi il viso.
“E' stato stupendo pure per me, signorina...quanto sognavo un paio di piedi bellissimi e sensuali come i suoi che mi umiliassero così...e poi anche...mai avevo scopato così con una donna...mai...lei è fantastica Signorina. Vorrei diventare il suo schiavo...anche non solo sessuale...mi piacerebbe che mi facesse rassettare e pulire casa...mi mandasse a fare la spesa e se dimentico qualcosa...o qualcosa non è di suo gradimento, essere punito e umiliato...ovviamente mi occuperei h24 dei suoi bellissimi piedi...glieli...glieli pulirei con la lingua anche quando sono sudati...glieli massaggerei quando li sente stanchi...le metto lo smalto...si...la mia faccia sarebbe sempre il suo cuscino...”
A queste mie parole, scoppiò in una risata rumorosa ma non per prendermi in giro, anzi
“Giuro che mi piacerebbe veramente...non scherzo...risparmierei pure con Suma, il mio bengalese delle pulizie...sarebbe anche la mia vendetta sugli uomini traditori e vigliacchi: avere uno schiavetto...maschio... bello e giovane tutto a mia disposizione...servita ed adorata come un'imperatrice...cosa ci sarebbe di più bello nella vita per una come me?”
Ed io
“Lo farei signorina...lo farei...me ne dia l'opportunità!”
E lei, alzandosi dal divano e rivestendosi
“Eh fosse così facile...ma purtroppo tesoro mio, non si può...primo, perchè come hai visto non vivo sola, ho i miei anziani genitori in casa...secondo perchè tu hai la tua vita, la tua famiglia...possiamo solo fantasticarlo...vederci e giocarci su solo in questi frangenti...non possiamo perdere di vista la realtà! E a proposito, dovremmo ricordarci che sei qui per studiare e prepararti a dovere per gli esami di stato...non oso pensare che succederebbe dovessi essere bocciato...potrebbero pure scoprire quello che di extra facciamo!”
E io ricomponendomi
“Già...sarebbe una catastrofe e rischieremmo di non vederci più. E io anche dopo gli esami vorrei rivederla ancora, signorina Nunzia”
A quelle parole, si avvicinò e accarezzandomi sui pantaloni all'altezza del cazzo, mi da un bacio sulle labbra e con aria come sconsolata mi risponde
“Vedremo...vedremo...tesoro...intanto per oggi torniamo a studiare che si è fatto pure tardi”

Da quel momento pure lo studio non mi sembrò più una montagna da scalare, infatti negli incontri successivi stabilimmo prima di fare sesso, provando nuove situazioni, e poi ci dedicavamo alle lezioni.
Anche il fato giocò a nostro favore. Avvenne che i suoi genitori tutte le mattine furono costretti ad uscire per andare ad accudire una zia malata e così per le mattine successive, una volta mi volle come pedana sotto al tavolo in modo tale che sulla mia faccia potesse poggiare i piedi e giocarci mentre mi correggeva le versioni di latino.
In un'altra si fece fare una pedicure, ma con la lingua e i piedi sudati, smalto da apporre compreso. Un'altra ancora, mi ordinò di mettermi nudo e indossare solo un grembiulino da cameriera, così mi mi fece lavare i piatti in cucina, poi lavare il gabinetto, lucidarle le scarpe pure con la lingua, odorare la sua biancheria intima e le calze usate prima che glieli caricassi nelle lavatrice.
Gli leccavo pure la fica in bagno o stesa nel suo letto e non mancavano nemmeno le punizioni corporali, come schiaffi e bacchettate, ogni volta che riteneva stessi sbagliando. E ad ogni fine lavori mi dava il suo premio: farsi leccare i piedi sempre subordinato al fatto che, quando per l'eccitazione non resistevo più, fedele e puntuale le consegnassi il mio cazzo duro che gustava prima in bocca e poi nella fica in tutte le posizioni.

E come tutte le più belle cose vivesti solo un giorno come le rose, cantava De Andrè. Per me, invece, vissero per un mese e mezzo. Poi arrivarono gli esami, che andarono bene, e di conseguenza il momento dell'addio. Ma il solo pensiero di non dover più vedere la donna che mi aveva spalancato le porte del paradiso mi faceva impazzire.
Così approfittando del fatto che bisognava pagarle ancora l'ultima settimana, un pomeriggio mi recai da lei e le feci la proposta di metterci assieme. Avremmo fatto finta di essere una coppia cosiddetta normale agli occhi di tutti, ma quando soli lei la padrona ed io il suo schiavo.
A quella proposta Nunzia accennò un breve sorriso, rimase un attimo in silenzio, abbassò lo sguardo e mi rispose
“Pensi che non mi piacerebbe? Sei fighissimo....compresa la tua passione per i piedi che non avevo mai provato e che mi ha intrigato parcchio....e mi hai fatto godere da impazzire questo mese e mezzo...però, porca miseria...ne abbiamo già parlato che..che dobbiamo guardare in faccia la realtà....tesoro mio, anche fosse possibile, come lo giustifichiamo che io tua insegnate privata, trent'anni più grande di te, diventi la tua fidanzata sebbene di facciata? Come si fa?...metterei in difficoltà pure te!”
E io senza darmi per vinto
“Ma io per lei sarei disposto a tutto...a superare ogni difficoltà...perchè la sola idea che da domani non potrò più vederla...non potrò più adorarla e servirla...mi fa impazzire”
Mi sorrise dolcemente accarezzandomi sulla guancia, lanciò uno sguardo come a vedere se ci fosse qualcuno nei paraggi e mi baciò appassionatamente. Subito dopo pregò a voce alta i suoi che non la disturbassero, chiuse la porta, si tolse gli infradito e per l'ultima volta mi fece godere dei suoi piedi con tanto di sega finale. Poi aprì un cassetto del settimanile accanto e tirò fuori un foglio con l'intestazione del ministero della pubblica istruzione.
“C'è anche un'altra cosa che devi sapere. Fra 15 giorni mi trasferirò a Verona. Dove dopo più di 10 anni che attendevo, mi è stata assegnata la cattedra che avevo vinto in un concorso. Anche per questo, vedi, sarebbe impossibile frequentarci ancora, sia pure saltuariamente di nascosto...”
Una lacrima le scese sulla guancia, abbassò la testa e mi pregò di andare via.
“E' stato bello e ti porterò sempre nel mio cuore perchè mi hai fatto riscoprire donna”
Queste furono le sue ultime parole.

Tornai a casa con la morte nel cuore, feci di tutto affinchè i miei genitori non si accorgessero del mio stato emotivo. Ma appena solo nella mia stanza alternavo pianto e seghe immaginandomi ancora con lei a godere dei suoi piedi. Studiai pure qualche maniera per poterla raggiungere a Verona, ma niente non ci riuscii. E di lei per molti anni non seppi più nulla.
Fino a quando un giorno, quando oramai quasi non ci pensavo più, anche perchè conobbi altre donne compresa quella con cui convivo ancora adesso, una telefonata di mia madre mi riportò a lei. La Signorina Nunzia era morta per un infarto, mi disse, e che i funerali si sarebbero svolti qui in città dove era riuscita a farsi trasferire da Verona dove si era pure sposata.
Così, con la cornetta ancora appesa all'orecchio, rividi, come in una sorta di moviola, tutto il film dei nostri incontri in quel mese e mezzo di sesso sfrenato e spensierato. Risentii le sue parole e rividi scenderle sul viso quella lacrima mentre mi salutava per l'ultima volta.
Quindi mi recai nella chiesa dove si svolgevano le esequie. C'erano poche persone. Nel banco in prima fila c'era un uomo anziano, doveva essere il marito. Lo osservai cercando di non essere visto e per un attimo ebbi un fremito di gelosia pensando che, diversamente da come sognavo io a quei tempi, lui aveva avuto la fortuna di averla tutta per se giorno e notte. Magari, chi lo sa, è stato per lei quello schiavetto che avrei voluto essere io e pure a lui avrà riservato la goduria di quei suoi piedi stupendi.
Fu solo un attimo. Posai una rosa rossa sulla cassa, mandai un bacio con la mano e andai via
“Ciao Nunzia. Adesso starai salendo la scalinata per il paradiso, la stessa che hai fatto salire a me in quei giorni stupendi, grazie di essere esistita, che la terra ti sia lieve”

Questo racconto di è stato letto 7 4 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.