Lomellina noir-Ravenant (3)

Scritto da , il 2020-09-01, genere pulp

Lomellina noir – Ravenant (3)

Io sono morta. Questo è il ricordo più prepotente e doloroso che mi è affiorato nella mente. Sto camminando lungo un sentiero di campagna affiancato da alberi, la luce fa fatica a filtrare tra il fogliame. Ho la netta sensazione di essere seguita. Uno strano odore di petrolio galleggia nell’aria.
Lo stomaco brontola, chissà da quanto tempo non mangio. Mi fermo un attimo, la mano appoggiata al tronco di una quercia. Rumore secco alle mie spalle. Non mi volto, giro dietro l’albero, m’immergo nella vegetazione. Dietro un albero dal tronco largo, mi nascondo e mi acquatto, osservando la vegetazione circostante.
Non ci vuole molto, la sagoma di un uomo tarchiato, pancia prominente, calvo, sui cinquant’anni, vestito di pelle nera. In mano stringe un revolver.
Un frammento, un nome: Boris.
Dillon mi bacia, mi accarezza una spalla, esce dalla stanza di un motel. Fuori c’è un furgone nero, alla guida un uomo che Dillon ha salutato con il nome di Boris.
Boris che ora si aggira per il bosco con una pistola in mano in cerca di me. Perché? Vuole uccidermi? Vuole portarmi da Dillon?
Un rumore secco, inconfondibile, alle mie spalle. Scema che sono. Lo scatto di un cane che viene armato “Alza le mani e voltati, lentamente” una voce famigliare. Un altro frammento che esplode nel mio cervello

Ricordi che si affacciamo nella mia mente spezzata. Una sala da biliardo fumosa, luci al neon, Dillon al bancone che beve birra dal collo di una bottiglia. Io gli faccio compagnia. Boris il pelato che si sta sparando nella narice una striscia di coca. Mentre CAlder e Nia, hanno abbandonato la loro sfida a biliardo e stanno scopando come ricci. Il bar è chiuso, oltre noi cinque non c’è nessun altro. Dillon si gira verso Calder esclamando “Diavolo, non potete proprio scopare qui?”
“Perché tu e Kelly non vi unite a noi? Una bella orgia non guasta a nessuno” aveva ridacchiato Dillon “Boris no perché troppo fatto”
“Ma per un cazzo” aveva risposto Boris alzandosi dallo sgabello e barcollando verso il biliardo
“Tu che dici?” mi aveva chiesto Dillon “Ti va di farti sbattere in compagnia loro?”
Io mi ero limitata a sorridere. Mi ero alzata togliendomi il top e sfilandomi la gonna “Come si dice? Palla in buca?”
Dillon aveva riso, bevuto un sorso, poggiato la bottiglia sul bancone, alzato e venuto dietro. Niente orgia insieme a Nia e Calder. Ho scelto un altro biliardo e mi ci sono seduta sopra, sfilandomi le mutandine e lanciandole nella sala. Dillon a cazzo snudato, era entrato dentro di me e aveva cominciato a stantuffarmi come un dannato porco, strizzandomi e mordendomi i capezzoli.
E, quando stava per venire, mi sono sfilata dal suo cazzo, mi ero inginocchiata e gliel’avevo ingoiato fino in fondo.

“Dillon”
“Chi diavolo sei tu?”
Non riesco ad afferrare la domanda. Perché mi chiede chi sono? Dopo tutte le scopate che mi sono fatta? “Sono io, Kelly” faccio confusa
“Palle. Le assomigli ma, non sei lei” ha una grossa magnum e me la sta puntando a due dita di distanza dalla faccia “Sei una sosia? Una sorella gemella?”
“Che diavolo ti prende?” faccio sempre più confusa “Sono Kelly. Abbiamo scopato allegramente”
“Smettila!” mi urla contro, ora la canna puntata e premuta sulla fronte “Kelly è morta! Tu chi sei?”

Flash. Il contatto con la canna della pistola mi riporta in mente un altro frammento. Un lampo, la vista che diventa rossa e poi nera. Dietro la vampa di luce c’è Dillon. Dillon che mi uccide. Ma non è possibile, perché io sono ancora qui e.. Lui continua ad urlarmi contro che io dovrei essere morta.

“Io sono.. Una cugina di Kelly, Cristina” butto lì, magari il bluff funziona
“E cosa fai Cristina qui?”
“Io cercavo Kelly” questa storia fa acqua “Ad un motel. So che era lì..”
“Bugiarda” dice Boris
“Spogliati” dice Dillon
“Cosa?”
“Togliti quei vestiti luridi. Voglio vedere le tue tette”
“MA che?..” la pistola torna a premere contro la mia fronte. Obbedisco. Tolgo la casacca. Boris strabuzza gli occhi, la lingua che saetta tra le labbra.
Le mie tette rimbalzano fuori. Dillon allarga gli occhi e arretra sorpreso “Hai lo stesso tatuaggio”
“Io.. Sì, è di famiglia”
“Non sembri tanto sconvolta per la morte di tua cugina” dice Dillon “Chi sei?”
Sospiro. Quella è una situazione assurda. Almeno mi ricordassi cosa diavolo è questa storia. Non mi crede. Dice che sono morta. Mi ha ucciso lui. Ma se io sono morta.. Gris..La voce di mia nonna mi giunge da lontano E’ molto antico. Lui è lo spirito della vendetta e della lussuria. Da quando i gitani hanno preso a vagare per il Mondo, lui ha viaggiato con noi. Tu sei figlia di mia figlia. Tu sei una dei 999.. Come i figli di Azhasi. Come le vite che avrai in dono.. Di giorno, il tuo corpo sarà resistente, ma non immortale. Dal tramonto all’alba, il Gris diventerà te e sarai immortale.
Parole che avevo attribuito ad una vecchia visionaria. Storie raccontate ai bambini nelle sere attorno ad un fuoco. Eppure. E cosa devo fare per avere queste vite? Avevo chiesto a mia nonna
Dovrai morire

Sorrido, le mani alzate, alzo le spalle e guardo verso Dillon “Hai ragione, non sono Cristina”
“Chi sei?”
“Lo sai benissimo chi sono, Dillon. E io so che tu sei un fottuto sbirro corrotto a cui piace rapinare banche e gioiellerie”
Lo scoppio mi arriva inaspettato. Il rumore di un petardo accompagnato da un folto dolore alla testa. Dillon bestemmia, Boris mi grida contro una ‘Muori fottuta troia’. Io mi ritrovo a cadere carponi nella terra, il fiato corto e la vista annebbiata “MA che cazzo!” urla Dillon
“E’ un demone” urla Boris “E’ un mostro! Guardala, ha un buco in testa e non muore”
Poi uno scoppio più forte, la mia faccia che precipita velocemente verso il suolo. Buio.


Apro gli occhi in un ambiente buio e stretto. Cerco di alzarmi ma colpisco il soffitto basso. Lamiera e odore di benzina. Sono in un baule di una qualche tipo di auto, il motore è acceso. Qualcuno apre la portiera e la richiude. L’auto si rimette in movimento. Il terreno diventa incerto, come quello dei sentieri di campagna. Cosa faccio?
Fai quello per cui sei nata. Una voce nella mia testa, il corpo che formicola. L’ho immaginato?
L’auto si ferma, ancora una portiera che si apre, rumori di passi, qualcuno che impreca. Il baule si apre. Un fucile canne mozze mi si punta contro. Dietro c’è la testa calva di Boris “Fottuto mostro” e preme il grilletto

L’uomo con la pelle color del miele mi sta accarezzando il culo mentre mi penetra. Tette e capelli ondeggiano ad ogni colpo di reni che mi infligge. Voglio godere di ogni attimo.
Poi lui mi afferra e mi gira. Il suo cazzo enorme è una sbarra di carne che entra in me. Le mani sotto le tette che mi palpano, i pollici che giocano con i capezzoli, il suo possente uccello che riempie la mia fica. La sensazione di sentirlo in gola “Ashazi” dico con voce estatica
“Non sprecare il Dono che ti è stato fatto” dice lui “999 vite, ora ne hai due in meno. Se muori durante il giorno, la vita ti viene tolta. Se muori nelle fasi della luna, non ne sprechi nemmeno una”
“Vite sprecate.. Vite sprecate” ansimo. I suoi ritmi aumentano, la sua punta colpisce come un mortaio. Sento che l’orgasmo è prossimo “Cosa devo fare?”
“Tu sei un ravenant ora. Hai un solo proposito”
“Quale?”
“Tu lo sai” lui esplode dentro di me e io con lui
“Sì,Azhasi” so cosa fare

Apro gli occhi e mi ritrovo a fluttuare dentro all’acqua, la caviglia legata ad una catena, legata ad un masso. Apro la bocca, l’acqua mi entra in gola ma, non affogo. Perché durante la notte non spreco le mie vite.
Mi abbasso, armeggio con la catena, non ho materiale con cui forzarla. Allora mi viene in mente che, se non posso annegare, non posso nemmeno sentire dolore se mi fratturo qualche osso.
Con le ossa del piede fratturate, mi libero della catena e risalgo in superficie. Alte pareti scoscese di pietra e ghiaia: una cava. Nuoto fino ad una draga lasciata ad arrugginire contro la parete. Mi isso su un molo di legno, espello l’acqua che ho bevuto prima. Mi alzo in piedi, sono nuda dalla cintola in su. Controllo il piede, non mi fa male ma, sento comunque le ossa rotte. Ho bisogno di vestiti, di un bagno caldo e di scopare.
Risalgo da una scala fino alla cima della cava. Chissà che ore sono.
Fari di auto in avvicinamento. Forse Dillon che torna con Boris per vedere se il mostro è rimasto in fondo al lago. Ritorno sui miei passi e mi nascondo come meglio posso.
L’auto si ferma a pochi metri di distanza. Uno sportello si apre, qualcuno scende “Kelly?” una voce che sembra emergere da un passato lontano “Kelly? Sei qui?”
Un’immagine si fa largo nella mia mente e prende concretezza. Esco dal mio nascondiglio e vado incontro all’uomo “Alex”
L’uomo, un giovane sui venticinque, di bell’aspetto, dai capelli ricci e gli occhi blu, tutto sorrisi mi si fa incontro “temevo di non trovarti più”
Lo abbraccio, ci baciamo, sento la sua voglia sotto i pantaloni “Ti sono mancata?”
“Si sente?”
Premo contro di lui, sono nuda e lui soffoca un gemito “Ti scoperei qui seduta stante ma..”
“Lo so” sospira lui “Ti ho portato degli abiti. Non puoi andare in caccia conciata così”
“Terrò la mia fica in caldo per te”

Questo racconto di è stato letto 4 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.