Lomellina noir-Ravenant (4)

Scritto da , il 2020-09-02, genere pulp

Lomellina noir – Ravenant (4)
Questa notte non è fatta per scopare. Niente sesso selvaggio, niente pompini umidi e sperma, niente chiavate nel culo.
Questa notte il Gris dovrà fare quello per cui è nato: ottenere la sua vendetta.
Ho lasciato Alex con un dono. Il suo caldo uccello sporco di sperma mi ha appagato, ma non del tutto. LA voglia di questa notte sarà fatta di sangue e non di sperma.
Conosco Alex da qualche anno. Siamo cresciuti insieme, con la nonna. Abbiamo giocato insieme, ascoltato le storie che la nonna raccontava la sera per farci addormentare; abbiamo scoperto l’amore quando eravamo ragazzi. Con lui ho perso la mia verginità. Mi ricordo il suo corpo magro e asciutto, l’incertezza del momento, la lentezza nello scoprirci, l’impazienza nel fare sesso.
Per un po’ di tempo siamo rimasti separati. Io sono andata all’Università e mi sono iscritta all’Accademia di polizia. Alex ha fatto cinque anni da perito informatico e si è trovato un lavoro presso l’officina di suo padre e suo cugino.
Una settimana prima degli eventi che mi hanno portato nel fondo di quella cava, un mio superiore venne da me e mi propose un lavoro sotto copertura. Mi parlò di poliziotti corrotti e di una serie di rapine che, con ogni probabilità, coinvolgeva anche loro. Mio compito era quello di avvicinarmi ad uno di loro e prendere confidenza.
E la confidenza la ebbi grazie all’aggancio di Alex che, in un qualche modo, era tenuto al guinzaglio da Dillon, il loro capo.
Quando me lo presentò, loro erano in una sala da biliardo. Calder stava scopando con Nia, unica donna del gruppo; Boris si stava facendo un pippone sul bancone del bar. E Dillon, lui beveva birra. I suoi occhi mi hanno scannerizzato e spogliato da subito. Glielo leggevo negli occhi che voleva strapparmi i vestiti e scoparmi lì dov’ero.
Cosa che è accaduto di lì a poco, quando mi ero spostata sul tavolo da biliardo a quello dove scopavano CAlder e Nia. Mi sono fatta prendere e scopare in ogni modo possibile. E più pompava, più io ne volevo. E’ così che diventai la pupa del gangster.
Il mio compito era quello di farmi sbattere e captare il più possibile le informazioni che li avrebbe portati alla forca.
Quella sera, con due agenti appostati a mezzo chilometro di distanza, sarebbe dovuta scattare la trappola. Avevo saputo della rapina, di quello che avrebbero fatto. Avrebbero dovuto prendere con le mani nel sacco Dillon e la sua cricca. Invece…
Invece qualcosa era andato storto e io ero stata uccisa. Ed ero diventata un ravenant, uno strumento di vendetta appartenente alle leggende gitane di qualche migliaio di anni fa.
E Alex..
Prima dell’evento fatidico, Alex mi aveva messo una cimice dentro l’orecchio, invisibile ad un esame attento. “Non si sa mai” aveva detto “Così saprò dove trovarti”
E così era stato

Quando era arrivato alla cava, con il cambio dei vestiti, subito gli avevo chiesto “Perché ci hai messo tutto questo tempo?”
“C’è stato un problema. I poliziotti che stavano aspettando di intervenire sono caduti vittima di un’imboscata e..” aveva scosso la testa “Quando ho visto le fiamme del motel ho temuto il peggio. Ho aspettato un po’ e, quando ho sentito del misterioso bozzolo rinvenuto in mezzo alle ceneri, più il fatto che qualcosa fosse uscito e scappato fuori.. beh, ho pensato alle storie di nonna e al fatto che..”
“Già. Le storie di nonna che non sono più favole della brutta notte”
“Quindi, ora sei un ravenant?”
“Così pare”
“E sai cosa comporta questo?”
“Comporta che devo dare la caccia a Dillon e prendere la mia vendetta”
“Loro ti hanno ucciso, due volte”
“Lui. E’ Dillon che ha premuto il grilletto. Alex, lui mi ha ucciso perché sapeva che ero uno sbirro. Tu mi hai presentato a lui. Verrà anche da te”
“E’ già passato ma, io mi sono reso irreperibile”
In quell’attimo, prima di mettermi in caccia, gli ho abbassato i pantaloni e tirato fuori l’uccello dagli slip. Chinandomi verso di lui, ho cominciato a massaggiargli i testicoli e a succhiarglielo completamente. Ci ho dato dentro fino a che non ho sentito il getto che mi entrava in gola e scivolava fino allo stomaco
“Mi raccomando, sta attento” gli ho detto mentre mi avviavo nella notte

La sala da biliardo dove ho fatto il primo incontro con la squadra, si trova in un paese a ridosso della raffineria. Una manciata di case, un piccolo castello, una chiesa e un municipio. In giro non c’era nessuno, a parte un paio di randagi che rovistavano tra i rifiuti.
Il dollaro sonante si trova agli inizi del paese, subito dopo il cimitero. Perfetto. Nel cortile solo due auto:un auto sportiva rossa e un Suv. So già chi troverò.
Arrivo alla porta e la spalanco, in pugno ho una Colt calibro 45. Mi basta per quello che devo fare.
Come avevo supposto, nel locale solo due persone. CAlder e Nia sono impegnati nel loro sport preferito. Sul biliardo, Nia sta godendo come una vacca in calore, mentre CAlder la sta pompando furiosamente. Rimango nascosta nell’ombra per un po’, spiando i due maiali. Mi sento magnanima, li lascio raggiungere l’orgasmo. Cosa che avviene da lì a poco.
Esco dall’ombra e mi annuncio “Grazie per lo spettacolo, signori”
Calder schizza fuori da Nia, il cazzo floscio che spande sperma sul pavimento. Nia scatta su a sedere, la mano che scivola verso la giacca appoggiata sul tavolo da biliardo “Ferma lì” intimo mostrando la pistola “Non sei così veloce”
“Chi cazzo sei?” ringhia lei
“Come, non mi riconosci? Abbiamo scopato insieme, una volta. Con CAlder e Dillon, propri lì, su quei biliardi”
“Tu sei morta” dice Calder ritirandosi l’uccello “Non puoi essere lei”
“Lo sono. Io sono Kelly e voi mi avete uccisa. Non specificamente voi ma, siete coinvolti e, quindi..” mi stringo nelle spalle
Guardo Nia. Bel fisico, grandi tette, una bella peluria tra le gambe, un fisico tonico, palestrato. Mi sarebbe piaciuto farmela, leccarle la fica. In altri tempi, quando Kelly era una semplice ragazza desiderosa di provare nuove esperienze. “Come fai ad essere ancora viva?” chiede CAlder “Dillon ha detto che ti ha sparato in faccia”
“Stomaco e faccia” sorrido “Magia zingara. Quando mi sono risvegliata, ho incrociato Dillon e Boris e, beh, mi hanno ucciso un’altra volta. E poi mi hanno gettato in fondo ad una cava legata ad un peso. Ma sono ancora qui. Solo per voi, solo per vendetta”
“Non puoi ucciderci così e farla franca” dice Nia minacciosa
“Sarò magnanima con voi” sorrido ancora “Se mi dite dove sono Dillon e Boris”
“Dietro di te, puttana” sento dire
Non faccio in tempo a girarmi che, una forte esplosione riempie la stanza e io mi ritrovo sollevata da terra e lanciata in avanti, la schiena che si piega ed eplode. Finisco a faccia in giù, la pistola che mi sfugge di mano. Boris, alle mie spalle, ricarica il fucile a pompa e comincia a spararmi addosso, sfracellandomi la schiena. LA cosa curiosa è che, a differenza del giorno appena trascorso, ora non sento dolore.
Alla festa dello sparo si uniscono anche CAlder e Nia. Bestemmie e insulti “Muori, mostro” urla Boris
“Cazzo, non sanguina” dice CAlder “E’ veramente un mostro”
“In testa” urla Boris “Sparatele in testa”
Mi alzo. Nia mi centra in piena fronte. Vacillo un istante, poi mi giro verso di lei. Guardo a terra, dal mio corpo fluisce una polvere color ruggine “No, no, no” Boris è terrorizzato. CAlder, inorridito, spalanca gli occhi e indietreggia. Nia se la fa addosso, lascia cadere la pistola a terra e cerca di scappare.
Lesta le sparo alle gambe, dietro un ginocchio. Lei urla e cade a terra con un urlo. Giro il braccio e lo punto verso Boris “Dov’è Dillon?”
Boris scuote la testa e dice “Fottiti troia infernale” gli sparo diritto in mezzo agli occhi
Calder ha afferrato un crocifisso(ma dove diavolo ce l’aveva?) e me lo punta contro “Stai indietro, creatura infernale”
“MA smettila” e gli sparo ad una gamba “Dove diavolo è Dillon?”

“Pronto?”
“Ciao Dillon”
“Tu, non puoi essere..”
“Boris è morto e CAlder è leggermente indisposto al momento” guardo CAlder, a terra, che si regge lo stomaco insanguinato. Nia è strisciata via lentamente, anche dopo che le ho sparato nell’altra gamba. “Dimmi dove sei e ti vengo a trovare”
“Tu sei un demone fottuto” dice lui “Col cazzo che vengo da te”
“Come vuoi Dillon. Vorrà dire che verrò io da te” e chiudo la comunicazione. Guardo CAlder e la vita che gli fluisce via lentamente “Davvero non capisco. Sei un cazzo di poliziotto. Tu e Dillon, quella merda di Boris. Avete una divisa e voi cosa fate? La infangate così, sputando sui principi e su quello che rappresenta, comportandovi come coloro che dovete perseguire e punire. Che schifo siete?”
“E accontentarci delle briciole che lo stato ci passa. Vedere la feccia che arrestiamo cavarsela per stupidi cavilli legali?” sputa un grumo di sangue “FAnculo”
“Sì, fanculo” alzo la pistola e gli sparo diritto in faccia

Fuori, Nia ha fatto quasi tutto il piazzale, trascinandosi con i gomiti, lasciando una scia di sangue sulla terra, come bava di una lumaca. Le piazzo la canna della pistola tra le chiappe “Encomiabile la tua forza di volontà ma, non serve a nulla fuggire”
“Ti prego, lasciami andare. Lasciami andare. Se finisco in prigione, durerò poco. Non avrò vita facile”
“Lo so, è per questo che ti lascerò vivere” estraggo i caricatore della mia colt, gliela faccio toccare e poi la lascio lì “Pagherai per tutti” e me ne vado, lasciandola lì ad urlarmi contro

Dillon si riscuote dal torpore. Era riuscito a raccogliere del denaro che aveva nascosto per le emergenze, salito in auto e fuggito sulla provinciale che conduceva verso le colline. Le luci della raffineria lo hanno accompagnato per un po’, prima di sprofondare nel buio delle strade di campagna.
Sapeva che, quel mostro che era Kelly, lo avrebbe cacciato come un animale e si sarebbe presa la sua vendetta. Doveva mette tanti chilometri e fuggire il più lontano possibile da lei. Via da tutto e tutti. Gli altri erano spacciati. Fanculo anche loro. Era questione di tempo prima che gli sbirri buoni scoprissero cosa avevano fatto gli sbirri cattivi. Rapina, omicidio plurimo, minacce. Sarebbe entrato in galera e mai più uscito.
Rideva quando, superato il cavalcavia che portava sulla A 7 e svoltato sulla destra, un camion lo ha speronato e fatto finire in un campo.
Dal camion era sceso qualcuno che lo aveva salutato con un ciao Dillon, prima di colpirlo e farlo svenire.
E si era svegliato con le mani legate al cruscotto e Kelly seduta al volante del camion che lo aveva investito. Davanti a sé, si apriva la bocca di una cava abbandonata “Bocca del diavolo” spiega Kelly indicando davanti a sé “Ora ti slego”

Mi fido a tenergli le mani libere poiché non è in grado di nuocere. Gli ho iniettato una droga in grado di intorpidirlo abbastanza da non fargli fare scherzi, ma abbastanza per renderlo cosciente di quello che gli accadrà.
E’ quasi l’alba “Ti concedo un ultimo, perverso dono” gli slaccio i pantaloni e gli tiro fuori l’uccello. Da buona troia, mi abbasso sul suo uccello e comincio a succhiarglielo. Lo faccio godere in cinque minuti e lascio che si goda quegli attimi, mentre il sole è una striscia rossa all’orizzonte “Gli altri sono morti, tranne Nia che si prenderà buona parte delle colpe. Tu.. Tu verrai ritrovato sul fondo di questa cava con un biglietto d’addio” e gli faccio vedere un biglietto dentro una busta di plastica “Dove spieghi cosa hai fatto e i crimini che hai commesso. Ti accompagnerò personalmente all’inferno. La cosa divertente è che io sopravviverò” accendo il motore e ingrano la prima marcia
“No, ti prego” biascica
Il baratro si spalanca davanti a noi. Chiudo gli occhi, il sole è sorto…


Alex mi sta aspettando tutto sorrisi. Quando entro in casa sua, stanca e sfinita “Ho bisogno di una doccia” il sole è alto da un paio d’ore
“E’ finita?” chiede lui “Ho sentito dell’arresto di Nia”
“Finita in una vampa di gloria” vado in bagno. Doccia, torno in camera da letto. Alex nudo sorridente. Io nuda, lo abbraccio. Ci baciamo, ci tocchiamo, lascio che lui entri dentro di me. Scopare, fare l’amore. Devo scrollarmi di dosso le brutture degli ultimi giorni. Devo convivere con la mia nuova condizione per sempre, o almeno, per 997 vite.
Alex dentro di me, delicato, gli occhi fissi nei miei. Dimena i fianchi, oscilla, mi bacia. Ricambio il suo amore, gli accarezzo la schiena, lascio che il suo seme mi riempi e mi riscaldi.
“E adesso, che farai?” chiede lui
“Ora? Farò l’amore con te fino a notte”
“Intendevo..”
“Sì, lo so” sorrido “Sono uno sbirro. Lo sono ancora. Ci sono altri Dillon la fuori, a cui dare la caccia” lui mi tocca il tatuaggio “Sono un ravenant”
“C’è un nuovo sceriffo in città” ride lui
E torniamo a fare sesso…


FINE

Questo racconto di è stato letto 5 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.