Con mio figlio 8 - Chiavata durante la festa di matrimonio.

Scritto da , il 2020-06-19, genere incesti

Nel nostro lungo rapporto fatto di curiosità,complicità e trasgressioni di ogni genere, ininziato sin dalla nostra tenerissima età e proseguita anche oltre il nostro matrimonio,mia sorella Irene mi aveva abituata a sorprese di ogni genere.

Persino il giorno del suo matrimonio era riuscita a farmi scopare con un cameriere mentre lei intratteneva gli ospiti più invadenti e teneva d'occhio il locale dei vini dove mi aveva fatta trascinare.

D'altra parte,funzinava sempre cosi.

Tutte le nostre "vittime" non ci conoscevano e ovviamente anche per noi erano degli sconosciuti.

Quel cameriere,un ragazzo di colore,non ci aveva servito al nostro tavolo e dunque,non sapeva che fossimo sorelle.

Era stata davvero diabolica in quella circostanza.

Aveva notato che era lui addetto al rifornimento dei vini e dunque,ad un certo punto, nella confusione generale,aveva scritto un biglittino e glielo aveva fatto consegnare in mezzo ad una banconota a 20 euro da un bambino che partecipava alla festa.

Poi mi aveva detto di tenere d'occhio quel bel ragazzo color cioccolato e di seguirlo quando fosse sceso in cantina.

Fortunatamente la scala che scendeva era riparata da una parete ed una tenda e comunque,era la stessa scala che conduceva ai bagni di servizio.

Dunque,anche se avessi fatto un incontro indiscreto avevo la scusa di avere sbagliato bagno.

Più tardi,dopo il fattaccio avrei saputo che gli aveva scritto:"C'è una mia amica che vuole scopare con te.Quando scendi le scale,fai un cenno grattandoti la testa e aspettala già pronto perché lei è arrapata e di tempo ne avete poco poco".

Che troia mia sorella!

In quel momento avevo anche capito perché il giorno prima mi aveva detto:

"Domani vieni alla festa del mio matrimonio come facciamo quando andiamo a caccia di maschi....vieni senza mutandine e non dimenticare un preservativo mi raccomando.
Ho pensato anche a te ed alla festa che ricorderai per sempre!La tua festa,la mia festa...la nostra festa!"

Era davvero incredibile Ire.

Una mente vulcanica quando doveva inventare qualcosa di trasgressivo.

Ero sicura che se avesse potuto,sarebbe scesa anche lei insieme a me.

Alla fine della scala vi era uno stretto corridoio che a destra portava verso i cessi ed a sinistra in un dedalo di piccoli ambienti poco illuminati dalle pareti piene di bottiglie.

Dietro ad un muro,me lo ero visto apparire come la visione di un fantasma vestito com'era di bianco e colla testa pressoché invisibile a causa del buio.

A quel punto,il mio sguardo era subito caduto verso il basso dove,dai pantaloni bianchi,spuntava un'enorme cazzo nero.

Senza lasciarmi impressionare da quel randello dopo avergli detto cioa e un rapido commento per quella mazza,mi ero inginocchiata e glielo avevo preso in bocca.

Tutto quello che stavo vivendo in quel momento era assolutamente diverso da ogni precedente esperienza.

L'ambiente,l'atmosfera coi suoni della festa che giungevano dalla sala,il forte odore di cazzo e di sudore che emanava quella incredibile bestia e la meravigliosa sensazione di stringerlo tra le dita cosi incredibilmente duro e caldo.

Ad un'iniziale difficoltà a prenderlo tutto in bocca,era seguita la piacevole sensazione di sentirmelo scivolare tra le labbra facilitata anche,dalla mia abbondante saliva e dalle sue mani che accompagnavano i movimenti della mia testa.

Via via che lo lavoravo con la lingua e le labbra lo sentivo divenire sempre più gonfio sino a che,le sue comtrazioni,mi avevano costretta a sfilarmelo dalla bocca per lavorargli la cappella con la lingua mentre lo segavo con entrambe le mani.

Per qualche istante,avevo esitato all'idea di mettermelo dentro ma poi,la libidine aveva preso il sopravvento e con le mani tremanti dal desiderio,avevo cercato di infilargli il preservativo.

-Non ce la puoi fare,è troppo piccolo.-

Mi aveva detto quando si era reso conto dei miei inutili sforzi.

-Usa questo.-

Mi aveva detto porgendomi un coso che a prima vista sembrava uno di quei palloncini per bambini già gonfio.

Anche quello tuttavia,lo avevo infilato con una certa difficoltà a causa del tremore delle mie mani.

Quando mi aveva fatta girare ed appoggiare coi gomiti su di un vecchio tavolo in legno,e mi aveva sollevato la gonna sin sopra la schiena,tremavo come una foglia nell'attesa di quanto stava per succedere.

Non era successo niente di tutto quello che temevo ma dopo pochi minuti,navigavo nelle preterie della lussuria più spinta.

Lui rendendosi conto dei miei timori,mi si era avvicinato all'orecchio con la bocca e mi aveva tranquillizzata,poi bagnandosi la mano con la saliva me l'aveva passata sulla fica trovandomi già bagnantissima "Sei già un lago...non ti farò male".

Non mi aveva fatto male ma mi aveva rimpita sino a farmi sentire le sue contrazioni sin dentro lo stomaco e il cervello.

Mentre mi montava procurandomi orgasmi a raffica avrei voluto gridare,avrei voluto che mia sorella fosse li con me mentre in modo assolutamente innaturale,soffocavo in gola il mio piacere.

Mentre mi cavalcava come fossi la sua giumenta,sbuffava come fossero davvero le froge del mio stallone del quale,da un mometo all'altro avrei sentito il nitrito."Lo vuoi in bocca?"

Aveva bofonchiato con la voce impastata "Si!" gli avevo risposto.

Quando me lo ha sfilato ho sentito una incredibile sensazione di vuoto...avrei voluto dirgli,implorarlo di rimettermelo dentro ma lui mi aveva già girata e spingendomi a terra,me lo aveva appoggiato sulle labbra e già senza goldone,aveva cominciato a spruzzarmi in bocca come una pompa.

Dio mio...dio mio quanta sborra avevo ingoiato in quel momento!

Mentre mi rassettavo per tornare su,non riuscivo a capacitarmi di come avessi potuto deglutire tanta sborra e con tanta facilità.

Salendo le scale,ero alquanto inquieta nel timore che qualche schizzo,sfuggendo dalla mia bocca avesse potuto imbrattarmi il vestito.

Fortunatamente,tutto era andato per il meglio ed anche il trucco e l'acconciatura dei capelli si erano salvati.

Vedendomi arrivare mia sorella si era liberata dal marito e dalla cerchia di scocciatori che la circondavano e mi era venuta incontro per prendermi sotto braccio e farsi accompagnare in bagno.

-Che trioa che sei Mary!-

Mi aveva detto mentre gustava con la lingua infilata nella mia bocca i residui di sperma che avevo conservato per lei.

Poi,spingendomi in ginocchio davanti a lei,mi aveva ricoperta con l'ampio abito da sposa e fingendo di rifarsi il trucco e lavarsi le mani,si era fatta leccare la fica ed aveva goduto 2 volte indifferente al via vai delle persone.

Anche lei come me,era già senza mutande.

-Che troia che sei Ire!-

Che troie che eravamo e siamo ancora!

Naturalmente,mia sorella anche da sposata non aveva mai smesso di coinvolgermi nei suoi giochi e spesso erano sorprese assolutamente imprevedibili come quella che aveva preparato per mio figlio quella sera.

Quella volta però la sorpresa era stata preparata per mio figlio ed io la conoscevo già avendomela confidata la mia sorellona.

Credevo di sapere di cosa si trattasse ed invece.......

segue








Questo racconto di è stato letto 1 4 0 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.