Slave di mia siocera

Scritto da , il 2020-06-15, genere dominazione

Questa mattina Padrona Carmela riceve una telefonata dai pastori calabresi conosciuti a Castrovillari. Gli hanno chiesto se potevano riavere la vacca . Sarebbe passato a Roma uno di loro con il carrello per trasporto animali . La Padrona stabili il giorno che potevano passare per caricare Cinthia. Arrivato il giorno stabilito , prima che scendesse la vacca , ci permisero di fare sesso e questa volta potei eiaculare nella fica della bestia. Sali il pastore per ritirare Cinthia e gli mise il campanaccio da vacca e la copri con un mantello e scalza scese con l'ascensore. Appena uscita dal portone la fece salire sul carello dove erano le altre vacche animali. Una volta arrivati a Castrovillari la sistemarono in stalla che conosceva benissimo . Qui la misero , come le altre volte, a quattro zampe incatenata e attaccata alla mungitrice automatica. Cinthia aveva raggiunto la sesta misura di mammelle e produceva al giorno bel 25 litri di latte per mammella . Contemporaneamente veniva montata da animali e uomini . Venne riconsegnata dopo 4 mesi. Quando rientro in casa delle Padrone racconto , dopo aver avuto il permesso di parlare, della sua seconda volta da vacca da monta e da latte. Ringrazio le Padrone perché finalmente è contenta del suo stato di bestia. Io mentre ascoltavo ero eccitato e la Padrona suocera mi colpi con il frustino sul mio uccello e poi mi ordinò di montare la bestia . Io ringrazia e scopai a lungo la vacca con soddisfazione di entrambi.

Questo racconto di è stato letto 3 5 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.