Slave di mia suocera

Scritto da , il 2020-01-24, genere dominazione

Sono sposato e con mia suocera sono sempre andato daccordo a parte qualche rara volta che si litigava. Ma successivamente chiedevo scusa anche se avevo ragione perché io di indole sono un sottomesso ed ero attratto da lei per il suo carattere dominante. Lo frequentata più spesso quando dopo appena 5 anni è rimasta vedova. All'inizio , lei era una donna di altri tempi, non ha mai cercato altri uomini per sesso perché era rimasta fedele al marito. Anche se io non condividevo la sua scelta perché se rimani vedova non è colpa della moglie ma solo del destino . Ho cercato dapprima di fargli capire la mia sottomissione in modo leggero eseguendo sempre i suoi ordini. Ma non è bastato . Io dormivo spesso da lei con la scusa di fargli compagnia e aiutarla. Stavamo in stanze vicine e spesso d'estate dormiva solo con la camicia da notte leggera e senza mutande. Questo comportava che io frequentemente mi masturbavo vedendogli i peli della fica. Ma un giorno per sfortuna mi trovo che mi ero appisolato ed ero nudo con uccello in mano seduto . Per ben tre anni non mi fece più frequentare casa sua. Ma per fortuna poi mi perdono e ripresi a dormire da lei. Con il passare degli anni incomincio a essere sempre più viziosa per mia fortuna. Infatti incomincio a chiedermi di aiutarla a fare la doccia. Ma all'inizio solo per insaponargli le spalle mentre lei era girata. Si faceva massaggiare le spalle e passare olio su tutta la parte posteriore. Poi riuscii a convincerla di massaggiare anche la parte anteriore. Mentre eseguivo il massaggio stavo frequentemente in erezione e lei se ne accorse ma non mi rimprovero. Quando dormivo nel mio letto mi coprivo solo da un lenzuolo , anche inverno perché la casa era sempre riscaldata, e sotto stavo nudo e spesso in erezione . Mia suocera per passare dalla sua stanza alla cucina doveva passare per forza davanti la mia stanza che io lasciavo sempre aperta con la scusa che non sentivo se chiamava. Poi lei ripassando spesso alcune volte entrava per vedere se ero sveglio. Ma io facevo finta di dormire ma cercavo di scoprirmi in parte per fargli vedere che ero nudo e in erezione. Finalmente un bellissimo giorno quando la stavo accompagnando al bagno per aiutarla nel fare la doccia , lei mi ordino di spogliarmi con la scusa di non bagnarmi i vestiti. Appena ricevuto la sua richiesta non persi tempo e mi spoglia finalmente nudo davanti lei è in stato di erezione. Poi mi misi a leccargli i piedi dichiarandomi suo schiavo disponibile a ogni suo ordine e ringraziandola di avertmi ordinato di spogliarmi. Da allora ogni volta che passavo a casa sua , mi lasciava accanto alla porta di casa un cesto dove riporre i mie vestiti e indossavo solo un collare e un guinzaglio e la raggiungevo a quattro zampe salutandola leccandogli i piedi. Quando dovevo rimanere a dormire da lei d'estate stavo nudo accanto al suo letto come tappetino in attesa di essere usato da lei. D'inverno invece mi permetteva di dormire Sul letto ma dalla parte dei suoi piedi in modo che mi preoccupavo di scaldarglieli. Durante il giorno , sempre stando nudo con collare e guinzaglio , mi mettevo a quattro zampe e lei seduta sulla sedia a rotelle e appoggiando i piedi sulla mia schiena si faceva scorrazzare per tutta casa dandomi la direzione semplicemente con il piede toccandomi la quancia dove voleva girare. Il terrazzo era coperto da piante e stava all'ultimo piano. Era impossibile che si potesse vedere all'interno. Infatti alcune volte mi teneva sul terrazzo tenuto alla catena dove aveva precedentemente tenuto il cane. Spesso era d'estate ma alcune volte anche d'inverno quando era meno freddo tanto mi aveva fatto comprare quelle cucce per grossi cani. Quando mangiava , dopo essere stata servita , mi faceva stare sotto al tavolo e mi dava o i suoi avanzi nella ciotola del cane oppure mi lanciava qualche boccone sotto il tavolo . La sera quando vedeva la TV mi posizionavo come tappetino per farla stare più comoda . Mia moglie si può dire che era gelosa perché con la madre litigava spesso ma vedeva che io andavo spesso da lei specialmente dopo che sono diventato lo schiavo di mia suocera , ma ovviamente non lo sapeva la figlia . Mi confesso mia suocera che la figlia spesso si faceva sculacciare dal padre perché era attratta da lui e si gettava spesso ai suoi piedi invocandolo di punirla e lo faceva spesso quando era sola con lui. Questo atteggiamento della figlia era causato dalla gelosia nei confronti della madre . Invece mia moglie mi diceva che all'epoca lei aveva una quinta di seno è una volta provo a toccarglielo il padre perché era da solo e la moglie era fuori diverso tempo per lavoro. Quello che mi sarebbe piaciuto realizzare che anche mia moglie fosse stata sottomessa dalla madre. Sarebbe stato bellissimo che entrambi servivamo mia suocera e lei ci teneva al guinzaglio e stabiliva quando io potevo montare la figlia.



Questo racconto di è stato letto 8 3 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.