Una famiglia originale 9 - 3 Giorni di sesso incestuoso poi...era arrivata la mamma.

Scritto da , il 2020-04-25, genere incesti

Il racconto di Nadia delle sue gesta insieme alla mamma prima di sposarsi,aveva eccitato ancora il fratello che per la seconda volta in quella giornata,aveva il cazzo tormentato dalla stretta dei pantaloni.

La sorella,anch'essa eccitata dal suo stesso racconto,aveva aggiunto nuovi umori allo sperma che ancora conservava nella fica e vedendo la patta gonfia del ragazzo gli aveva detto:

-Andrea guarda che se non fai qualcosa,il tuo amichetto si disintegra.

Hai visto anche tu com'eri arrossato e gonfio prima....perché non ti slacci la patta e gli dai un po di tregua!?-

-Hai ragione,ma tu non avresti dovuto raccontarmi tutte quelle cose e comunque,avrei dovuto farlo prima visto che tra dieci minuti siamo a casa.

Le aveva risposto il fratello con una smorfia di dolore.

Giunti a casa,lei si era subito fiondata sotto la doccia mentre lui,si era seduto sul bidet per fare degli sciacqui di acqua fresca.

Dopo essersi asciugata lei,indossando solo un minuscolo perizoma era andata in cucina a preparare la cena.

Il fratello che non l'aveva mai vista nuda,era rimasto a bocca aperta davanti a quella visione.

La ragazz scalza,era alta quasi quato lui che superava il metro e ottanta.

Aveva un corpo asciutto,la pelle bianchissima e liscia,i seni che parevano meloni tanto erano gonfi e sodi con i capezzoli che spuntavano come picciuoli bruni su un'areola rosa.

Le gambe slanciate terminavano con due natiche sporgenti che come tugide valve,parevano scolpite nel marmo tanto erano lisci e perfetti nella loro carnale nudità col filo del miniscolo indumento che vi spariva come ingoiato.

Il monte di venere segnato da un sottile linea di peli neri,traspariva sotto l'indumento leggero come fosse tracciata da una matita.

Il triangolino del perizoma,appariva morbido e gonfio con le grandi labbra separate da uno spacco sottile che pareva il prolungamento del filo di peli.

Quel corpo agli occhi stupiti del ragazzo appariva come un inno alla bellezza femminile e benché sottile e slanciato aveva tutte le curve combinate in modo armonico coi suoi fianchi larghi e la vita sottile.

Quell'immagine quasi diafana,era un vero invito all'amore ed al sesso ed in quel momento si era sorpreso a pensare che il marito doveva essere davvero un coglione per non prendersi cura di una creatura così.

Con passi leggeri e meccanici,si era portato dietro la sorella affaccendata vicino ai fornelli e l'aveva stretta in vita tirandola a se e baciandole le spalle ed il collo.

Lei che aveva sentito la sua erezione spingerle dietro le natiche,si era girata e tenendolo un po distaccato dal suo seno,l'aveva guardato negli occhi dicendogli con vove languida:

-Sento che il tuo amichetto si è risvegliato,credo che abbia bisogno di un urgente controllo!-

Aveva riso prima di congiungere le sue labbra a quelle del fratello e dopo un lungo bacio umido e appassionato,si era inginocchiata ed abbassandogli il pigiama glielo aveva succhiato sino a farselo venire in bocca.

-Spero che questa cura lo faccia guarire perché ti voglio in forma in questi giorni e vorrei che ti ricordassi di questo momento giacché passerà del tempo prima che te lo succhi ancora per ingoiare il tuo gustoso nettare come ho fatto adesso.-

Gli aveva detto in modo sibillino prima di appoggiare in modo leggero,le sue labbra umide di sperma alla bocca del fratello.

Dopo cena e prima di andare a letto,chiusa in bagno lei aveva telefonato alla mamma per rassicurarla che tutto procedeva per il meglio e per chiederle se potevano rientrare un giorno prima.

-Perché?-

Aveva chiesto lei con voce turbata continuando poi:

-Cosa c'è,non vai d'accordo con tuo fratello,non gli piaci?-

-No no mamma tranquilla,se per questo,filiamo d'amore e d'accordo sai...lui ce l'ha sempre duro ed è davvero come mi avevi raccontato tu.-

Dopo un accenno di risata,aveva ripreso:

-Sai mamma,mentre venivamo a casa dopo una prima sosta nella pineta dannunziana....ricordi?

Avevamo parlato a lungo...in verità avevo parlato solo io e gli avevo raccontato un po di noi e credo proprio che ne sia rimasto impressionato e,a giudicare da come era gonfio il suo jeans,penso proprio che vi abbia fatto un pensierino.

Io non gli dirò niente di questa telefonata e se tu riesci a tornare prima,gli faremo la sorpresa.-

-Va ben amore,farò come vuoi tu.-

Dopo l'entusiastica reazione della ragazza e gli scambi di baci telefonici Nadia aveva finito di prepararsi in bagno ed era andata in camera da letto dove il fratello l'aspettava con le verga dura e dritta verso il cielo come un'arma pronta a sparare i suoi colpi.

L'indomani non avevano nessun altro impegno che continuare a scopare e dunque,quella notte l'avevo passata a fare l'amore in ogni sua possibile variante.

Nei momenti in cui si sentivano stanchi,si appisolavano per qualche minuto per riprendere al risveglio più assatanati che mai.

Si erano alzati alle due del pomeriggio e dopo un'abbondante ed energetico pranzo ed una breve siesta passata a favorire la digestione,avevano ripreso a scopare sino all'ora di cena.

Tutta la casa era pregna dei loro odori.

Era il pungente,acido odore del loro sudore.

Era odore di fica e umori vaginali ed era olezzo di sperma che lei continuava a conservare dentro di se per offrirla al fratello sempre umida e ancora piena del suo stesso seme.

Al ragazzo la cosa pareva strana ma,prendendolo come un regalo che gli faceva per tenere alta la sua eccitazione,se ne mostrava felice.

La verità a lui non svelata era che in quei giorni,lei cercava di essere ingravidata e dunque,neanche una stilla di quel prezioso seme doveva andare perduta ed era per quel motivo che non lo avrebbe più fatto godere con la bocca.

Anche quando gli offriva il forellino più segreto nascosto tra le natiche,si premurava di raccomandargli di non venirle dentro quel pertugio ma,nel pomento opportuno doveva sfilarsi e metterlo nella vagina dove avrebbe potuto scaricarsi a piacimento.

Nel corso di quei tre giorni,gli aveva insegnato cose per lui inimmaginabili.

Oltra che insegnargli a leccarle il buco del culo e leccarglielo lei stessa,lo aveva anche sodomizzato col suo grosso e fedele vibratore e gli aveva anche insegnato ad usarlo su di lei avanti e dietro nei momenti in cui doveva riposarsi per ricaricare le cartucce.

Il pomeriggio del terzo giorno,mentre erano ancora a letto a scopare,la porta della loro camera si era aperta ed a sorpresa era apparsa la figura della mamma.

segue

Questo racconto di è stato letto 5 4 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.