Una famiglia originale 7 - La prima esperienza saffica con la mamma.

Scritto da , il 2020-04-23, genere incesti

Per tutto il viaggio di ritorno verso casa,la mamma non aveva fatto altro che scusarsi con la ragazza per la brutta esperienza alla quale,anche se solo per una leggerezza involontaria(Non aveva considerato che a quell'incontro l'aspettavano da sola e,soprattutto non poteva sapere che tra gli invitati vi fossero quei due energumeni che lei non aveva mai visto prima)dimenticando nella foga autoinflittiva,di ricordare che la figlia aveva trascorso anche momenti meravigliosi con quel maschio che con dolcezza,l'aveva resa donna.

La figlia visibilmente turbata,l'aveva acoltata in silenzio senza trovare le parole che avrebbero potuto consolare e discolpare la mamma la quale,in fin dei conti,era stata lei stessa vittima di quel tranello.

Già,proprio così,davvero di una trappola doveva essersi trattato a giudicare dal codardo e complice comportamento dell'uomo che si era presentato in una veste di gentilezza e perbenismo e che,al momento del misfatto,non aveva profferito parola rimanendo spettatore passivo col suo bicchiere di Wisckies in mano.

Rientrati in casa,avevano cercare di riprendere un contegno normale per non impressionare il padre.

La moglie era subito andate a salutare l'uomo che le stava aspettando con ansia "Ciao amore...dopo ti racconto" gli aveva detto mentre lo baciava per correre subito dopo in camera per cambiarsi e pensare ad un racconto che non turbasse il marito.

La figlia invece,dopo aver gridato dall'ingresso un "Ciao pà!" era subito corsa in bagno per nascondera le vistose macchie che aveva dietro la gonna ed i lucidi filamente che le rigavano le cosce e le gambe sino alle scarpe.

Dopo aver gettato nel cesto della biancheria sporca i corpi del reato intrisi di sperma,si era messa sotto il getto di acqua tiempida della doccia e mentre si lavava,con suo grande stupore,si era sorpresa a masturbarsi.

Forse ancora confusa da quanto era successo,mentre si toccava,si era bagnata le mani dello sperma che ancora colava dalla sua vagina e se l'era portata in bocca leccandosi le dita dal sapore sconosciuto.

In quella postura,sotto lo scroscio d'acqua,aveva avuto ancora un inaspettato e violento orgasmo.

Frastornata da quanto le stava succedendo,si era asciugata e col solo accappatoio addosso,era andata a salutare il padre.

-Ciao bambina.....come stai?-

-Bene papà,molto bene!-

Dopo una lunga pausa di silenzio,in cui la ragazza seduta sulle gambe del padre si stringeva al suo corpo ancora accogliente e tonico come quando era bambina,lui le aveva bisbigliato nell'orecchio:

-Com'è andata bambina!-

-Bene papà...molto bene e....finalmente sono una donna anch'io!-

Aveva risposto la ragazza con la voce gioiosa di una bimba che aveva avuto il regalo tanto atteso.

-Grazie a dio,aveva risposto lui rilasciando un lungo sospiro liberatorio.-

La ragazza prima di andare in camera sua per cambiarsi,era passata dalla mamma per abbracciarla ed informarla di come avesse tranquillizzato il papà e poi,prima di filare in camera sua,aveva stampato un bacio sulle sue labbra aggingendo un fugace "Grazie mamma!" ed era sparita.

Per alcuni giorni erano tornati alla vita "normale" la ragazza a preparare la tesi di laurea ed a intensificare la frequentazione del ragazzo che sarebbe diventato suo marito,mentre la madre si dedicava come un bravo angelo del focolare,alla cura della casa,del marito e dei figli.

In quel periodo non avevano mai fatto cenno a quanto fosse successo e la mamma era convinta che oramai tutto il peggio fosse stato dimenticato dalla figlia.

Si sbagliava!

Si sbagliava giacché nella ragazza,si facevano sempre più vividi i ricordi di quei momenti che le apparivano via via meno brutti sino a rendersi conto,seppure incosciamente,che tutto quello le era piaciuto e la conferma gliela dava la sua cosina che ad ogni flasch della sua memoria,cominciava a bagnarsi.

I primi giorni,aveva addirittura deciso che avrebbe rotto il tabù col suo ragazzo e gliel'avrebbe finalmente data.

Purtroppo,ogni suo tentativo(eccitata da quel ricordo che come un tarlo le tornava alla mente in modo ossessivo)di offrirgli l'occasione era destinato a fallire giacché lui,aveva deciso che l'avrebbe portata vergine sull'altare.

(Saltando un po in avanti col racconto,va anticipato il fatto che lui era talmente inesperto che la prima notte di matrimonio,non si era neanche accorto che la sua sposa non fosse più illibata e non si era neanche accorto che sua moglie non era l'ingenua che aveva sempre creduto)

A quel punto,la ragazza aveva deciso di raccontare tutte le sue sensazioni alla mamma per poi chiederle,di riprendere insieme a lei quei giochi trasgressivi,incestuosi e così eccitanti.

Quella sera stessa,approfittando del fatto che il fratello era impegnato a Bologna per questioni di università,la mamma aveva chiesto al marito se poteva lasciarle la camera matrimoniale dove avrebbe avuto alcune discussioni da fare con la figlia.

L'uomo aveva acconsentito immediatamente memore del fatto che,quando lui era pienamente attivo sessualmente,capitava che nei loro incontri scambisti in casa di amici o in qualche club privé,la moglie si divertisse oltre che con altri maschi,anche con le donne con le quali mostrava di avere notevoli attitudini lesbiche oltre che una vera passione per il corpo delle belle femmine.

E quella con la figlia aveva tutte le caratteristiche per essere il meglio di tutte le precedenti esperienze.

Sino a quel momento i rapporti saffici tra madre e figlia si erano limitati a pochi baci i più eccitanti dei quali,erano stati proprio quelli che si erano scambiati nel momento in cui la ragazza stava offrendo la sua verginità a quel vile traditore.

Quella notte dunque,sarebbe stata l'occasione per rinsaldare in modo definitivo la loro incestuosa complicità sessuale.

La ragazza aveva trascorso anche quella notte come fosse un sogno.

Totalmente passiva,aveva lasciato che fosse la mamma a prendere ogni iniziativa usando sul suo corpo tutte le capacità che la sua collaudata esperienza le aveva insegnato.

L'accarezzava con mani di velluto e con la lingua pennellava ogni parte del suo corpo svelandole angoli che mai avrebbe immaginato che potessero darle tanto piacere.

Le accarezzava i seni e le succhiava i capezzoli come solo una donna o un bambino sanno fare.

Le strizzava i capezzoli in modo doloroso,strappandole gridolini dalla bocca dischiusa.

Dalle cose che lei aveva raccontato alla mamma,era oramai chiaro che nella figlia si andava sviluppando una carica erotica da vera ninfomane ed emergevano pulsioni masochiste sino ad allora sconosciute dalla ragazza stessa.

Giocando tra le cosce aperte della figlia,la mamma col tocco magico delle dita e della lingua,la facevano sciogliere facilmente,dopo lunghissimi momenti di languore,in orgasmi esplosivi come fucilate.

Infilandole un dito nel culo mentre le leccava la fica e le mordeva il clitoride,le svelava l'esistenza di altri pertugi sconosciuti sino a quel momento.

Poi l'aveva girata a pancia in giù e mentre con le dita la penetrava in vagina e le stimolava le piccole e grandi labbra,con le lingua le leccava il forellino inviolato nascosto tra le gonfie natiche.

Godeva la ragazza,godeva ed ansimava muovendosi smaniosamente non sapendo ancora come gestire il proprio corpo in momenti di piacere così totali,sublimi e sino ad allora inesplorati.

Poi la mamma,essendo giunto il momento di offrire alla sua bocca il succoso frutto che aveva tra le gambe,l'aveva fatta girare in posizione supina.

Ponendosi sulla figlia nella postura del sessantanove,le aveva offerto la fica da succhiare mentre lei era tornata ad occuparsi ancora della giovane e preziosa vulva della figlia.

-Amore...leccami come ho fatto io conte e gioca anche tu con le dita e la bocca con la mia fica e il mio buco del culo che troverai aperto e increspato come un fiore.

Quei giochi erano andati avanti per tutta la notte ed alle tre,quando avevano persino usano un dildo in ogni pertugio (in realtà,quella prima volta la mamma aveva risparmiato il culo della figlia mostrandole tuttavia,come poteva essere usato su di lei.)sfinite dalla fatica e dai numerosi orgasmi,si erano accasciate l'una tra le braccia dell'altra cadendo in un sonno profondo.

Al mattino,erano state svegliate dal padre che dopo aver servito la colazione ed essersi accertato del loro stato di felicità,stava per uscire per andare al lavoro quando la figlia,saltando dal letto completamente nuda,l'aveva inseguito per abbracciarlo e baciarlo sulla bocca:

-Grazie papà..grazie...sei grande..grande!-

Dopo un altro lungo bacio in cui aveva voluto attorcigliare la sua lingua con quella del genitore,l'aveva accompagnato alla porta ed era tornata sul lettone dalla mamma per fare l'amore.

segue

Questo racconto di è stato letto 4 5 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.