George in nylon 3/5

Scritto da , il 2020-04-13, genere incesti

Occasionalmente fumo sigarette, non come Olga che se non ha in bocca un cazzo o una figa ha di certo una sigaretta. Forse per questo non avevo mai notato prima quanto Grazia la tabaccaia cinquantenne del paese avesse le tette grosse. Davvero due mammelle da paura.
Forse oggi sono più attento del solito o lei è più scollata del normale ma non posso fare a meno di fissarle.
Strizzate sotto una maglietta sembrano quasi dire toccami mentre lei le fa danzare di qua e di la prendendo le sigarette.
Probabilmente le ho fissate così tanto che lei deve averlo notato. Perché quando me le porge dice “non ti serve altro?”.
“Non so... cosa?”.
“Magari vuoi palparmene una per sentire se sono vere e sode” dice spiccia ridacchiando.
Resto di stucco. Avercene di porche che te le offrono così senza preamboli.
Quindi stiamo pure al gioco. “Bhe magari ci metterei la bocca per sentire il sapore”.
“È ma allora mi dovrei spogliare”
“Magari.... così mi spoglio anche io e ti ricambio il favore”.
“È lo so. Tua zia mi ha detto che sei dotato come un mulo”.
A ecco, capito tutto. Anche lei è una delle porche amiche di zia. In effetti compra le sigarette tutti i giorni e due tettone così non poteva essersele lasciate scappare.
“Aspetta due minuti” dice e va a chiudere a chiave il negozio mettendo il cartello torno subito.
“Magari non subitissimo” penso io.
Andiamo nel retro bottega, mi spoglio.
Il pisello le piace. “O non mentiva.... questo è davvero di un cavallo”.
Inizia a denudarsi anche lei. Sfila la maglia, si toglie il reggiseno nero ed ecco due bocce da paura con grossi capezzoloni a chiodo in tutto il loro splendore.
“Piace?”.
“Due opere d’arte... ma togli anche sotto dai che voglio vederti tutta”.
“Ummm”.
Si sfila la gonna. Resta in calze nere con gancetto e reggicalze nero che le cinge la vita un po’ grassa. Ovviamente niente mutande, come tutte le “amiche di zia e nonna”.
“E il pelo?” domando.
“Me la sono rasata non ti piace?”.
In effetti preferisco un po’ di bosco ma non glielo vado certo a dire.
“Rasata è più facile da leccare” dichiaro e mi metto in ginocchio davanti a lei.
Infilo la testa e faccio uno dei miei soliti lavoretti di lingua. Gode... la sento.
Però dopo pochi minuti sento che con la mano mi accarezza la testa “caro mio sei bravissimo ma io devo riaprire ai clienti. Me lo fai provare il bastone o è solo per bellezza?”
Mi alzo in piedi e glielo mostro duro e pronto come non mai. “Tutto tuo Grazia”.
C’è una poltrona nello stanzino. Mi ci siedo e lei mi siede sopra. Armeggia un po’ per guidarlo nella direzione giusta e... “ummm siiiii.... o che roba.... siiii”.
Inizia a penetrarla.
La mia attenzione però è tutta per le mega poppe che ho già afferrato con entrambe le mani e che ora strizzo e succhio come un pazzo.
Lei si erge sul culone, inizia a dimenarsi, il cazzo va su e giù, Grazia gode, io anche.
“Però dobbiamo sbrigarci” dice.
“Sei tu che fai il ritmo”.
E lei quindi lo aumenta.... si impala a tutta velocità e ogni due minuti la sento venire di nuovo. Io ciuccio avido i capezzoloni alternando il destro al sinistro mentre le mie mani le palpano con tutta forza queste sue borracce divine. Il cazzo sovreccitato alla fine sta per esplodere.
“Ummm mai scopato così bene... ummm questo sì che è un cazzo” mormora Grazia mentre sente la cappella dilatarsi dentro di lei.
“Queste si che sono tette” mormoro io.
“Dai chiudi che è già mezz’ora che trombiamo” suggerisce la tabaccaia che vuole sentire il mio orgasmo.
“Ok. Posso sulle tettone. Posso?”.
“Ma no dai che poi non riesco a pulirmi. Vieni dentro e basta”.
“Va Bhe....” annuisco rassegnato.
Aumenta di più il ritmo “dai dai dai” mi incita.
“Si, si siiiii” ribatto io schizzandole un litro di sborra nella fica pelata.
Poi come nulla fosse raccattiamo i vestiti, lei si pulisce la figa con un fazzoletto mentre un rivolo di sperma che aveva dentro cola sul pavimento. Pare molto pratica perché allarga ben bene le gambe per far defluire a dovere il fluido senza macchiarsi le gambe. Sembra quasi che pisci in piedi poi come nulla fosse si veste e torna a riaprire.
Io rimetto i pantaloni, prendo le sigarette, saluto ed esco “arrivederci”.
“O si, spero molto presto” mi sorride felice e velocemente per non essere vista da nessuno mi da un bacio.

Torno a casa e mi accoglie zia Olga.
“Ci hai messo una vita a comprare le sigarette”.
“Troia” ribatto io.
“Pensavo gradissi la sorpresa” sorride.
“Si ho gradito. Belle angurie...”.
“Meglio delle mie?” ma no zia le tue sono eccezionali e approfittando che è nuda (ha solo le calze nere) gliele afferro e le succhio.
“Dai chinati che ho voglia di spagnola... volevo farlo con lei ma aveva i minuti contati”.
Obbedisce. Si sdraia sul divano e lascia che le monti sopra. Le infilo il cazzo fra le poppe e comincio a godere. Apre la bocca, ingoia la cappella, la lecca bene... ci sa fare”.
Venti minuti di pompino alla spagnola tecnicamente perfetto con sborrata finale in faccia.
“E meno male che avevo gli occhiali” dice ridendo.
Ci fumiamo una sigaretta nudi sul divano... “ancora pochi giorni e poi devi andare a scuola” mi fa notare.
“Non me lo ricordare. Meno male che è l’ultimo anno”.
“Avresti già finito se non avessi perso un anno. Non pensi di fare l’università?”.
“Non lo so. Magari si, magari no, preferirei trovare subito un lavoro per fare un po’ di soldi. Farmi sempre mantenere da te e nonna mi pesa un sacco”.
“E che lavoro vorresti fare col diploma del liceo?”.
“Non so... magari il porno attore” rido.
“Bhe li avresti un futuro” annuisce.
“Anche come gigolò, visto come mi pagano bene se le vostre amiche baldracche.
“Se dovessi pagarti io a botta sarei già in bancarotta”.
“Ma zia con te e nonna lo sai che è diverso... Lo si fa con piacere punto e basta...”.
Mi mette una mano sulla gamba “senti a proposito di piacere. Cerca di stare attento con le compagne di classe perché non sono come noi... Cerca di sparare fuori capito?”
“Ma si zia stai tranquilla...”.
“Mica tanto tranquilla, la Grazia mi dice che le hai fatto il pieno”.
“Ma perché è ancora...?”.
“Ovvio che si...”.
“Azz mi spiace. Lei però mi ha detto che potevo”.
“Ma si tranquillo anche a me ha detto che non ci sono problemi. Me lo ha solo accennato raccontandomi quanta gliene hai fatta”.
“A quindi dopo che mi scopo le tue amiche ti chiamano e ti dicono come sono andato?”.
“Diciamo che mi fanno i complimenti. Anzi dice di passare quando vuoi. Nel primo pomeriggio specialmente. C’è poca gente e ti vede volentieri”.
“Nessun problema”.
“E quando mai hai problemi tu” ride lei indicando che mi è già tornato duro.
“Scusa zia... vuoi che ti prendo a pecora?”.
“Ma no lascia stare, facciamo per bene stasera ti va. Mi metto le calze blu cobalto che ti piacciono tanto”
“Si va bhe però a me tira adesso”.
“E io adesso devo fare la cena se no non si mangia. Quindi?”.
Si alza, si infila un grembiule da cucina e le ciabatte e con addosso solo le calze va nella l’altra stanza e si mette a lavorare fra i fornelli.
Io entro, sempre nudo e vistosamente in erezione “Nonna?”.
“Stasera è a cena da una sua amica siamo soli soletti”.
“A immagino. Chissà che cena faranno. Zucchine, salame e banane. Chi è la porca?”.
“Vera, l’altra tua nonna. Dopo quello che è successo sono diventate davvero molto intime se capisci cosa intendo” e sorride.
“Magari la prossima volta le presento anche te che ne dici?”.
“Ummmm maiale. A tre per volta ci vuoi vero?”.
“E perché no!”. Mi avvicino, lei è chinata appena sul tavolo e sta tagliando i pomodori per il sugo.
SPROK!!!
“Oiiiii ma quello è il buco sbagliato. O cazzo che male porca troia” urla la zia.
“Ei che linguaggio” sussurro mentre spingo per farlo entrare bene bene.
“Vorrei vedere te se ti entrasse un treno merci nel culo di sorpresa”.
“Vuoi che esca?” domando senza alcuna intenzione di farlo.
“Va Bhe ma fai piano. Sarò anche sfondata ma è poi sempre il mio buco del culo. Entra piano se no mi spacchi”.
“Va bhe ormai è dentro”.
“Si ormai si... pompa pure amore di zia ma spicciati che davvero ho da fare in cucina”.
Obbedisco. La schizzo in otto minuti poi esco, me lo pulisco sulle sue calze e mi svuoto con una pisciata nel lavandino.
Zia, si sfila le calze nere luride e nuda riprende a cucinare incurante che dal culo le cola sborra a ogni passo. “Tanto oggi la cucina tocca a tua nonna pulirla” ridacchia mentre io vado a farmi la doccia.

Torno in cucina in accappatoio bello lindo ma ma zia stranamente non ha ancora apparecchiato.
Mi chiama. È di sopra in camera... salgo.
“Sorpresa” esclamano all’unisono.
Sul letto c’è Grazia. Nuda con solo le calze nere e i meloni in bella vista. Gambe spalancate e fica in bella vista.
In piedi mia zia ovviamente nuda anche lei. L’aria di sesso è palpabile... qualcosa hanno già combinato perché fra le gambe Grazia ha un bel rigagnolo che cola.
“Oggi abbiamo lasciato un discorso in sospeso” mi sorride Grazia.
Non me lo faccio dire due volte. Apro e tirò fuori il cazzo già notevolmente duro.
Mi siedo subito sulla sua pancia. Lei si afferra le poppe, allarga il solco e me lo fa infilare per bene.
È molto pratica, si vede che di spagnole ne ha già fatte tante.
Zia si allontana “vi lasciamo soli soletti mentre apparecchio”.
“Magari potremmo mangiare qui a letto che ne dici” propongo senza voltarmi e senza smettere di pompare far le tette di Grazia.
“Bisognerà portare il cibo adatto” ammicca la zia uscendo.
“Non scordarti le calze” dico io tutto concentrato a farmi fare un cappello di saliva sul cazzo.
Grazia lo inghiotte, lo strizza fra le immense poppe e mi sega...
“Spero che tu abbia tempo perché stasera ti chiavo in tutti i modi possibili... ti faccio godere come mai prima d’ora.
Sgrana gli occhi, l’idea le piace e succhia sempre più di gusto mentre le tettone mi si strofinano sul cazzo a tutta forza.
Dieci minuti e le sto già venendo fra le angurie.
Pare delusa ma poi si rende conto che non è nemmeno venuto molle...
“Prodigioso” esclama.
“Si comodo per fare i bis e i tris...” ammetto mentre le scivolo verso il bacino. Gliela apro bene con una mano e glielo pianto subito dentro.
“Unrka che trave”.
Iniziò a pompare... “dopo magari te lo metto anche in culo ti spiace?”.
“O no... mettilo dove vuoi caro... ma non smettere... non smettere mai”.

Torna zia Olga con le calze blu autoreggenti da ragazzina che sul suo giunonico corpo la fanno sembrare una vera maiala. Ha un vassoio con dei panini.
“E sarebbe quella la cena” chiedo mentre sto aprendo piano piano il culo vergine a Grazia che tiene la testa nel cuscino per non urlare.
“Ho pensato che se dovevi mangiare a letto era meglio qualcosa di pratico. Panini e birra per tutti”.
“A ok”.
“È un po’ di verdura per darti una mano” aggiunge mostrandomi che sul vassoio ci sono anche delle zucchine belle grosse.
Le guardo, sorrido “Ottima idea” e ne afferro subito una.
Senza esitare la ficco in pancia a Grazia. “Sei contenta adesso ne hai due”.
“Urkaaaaaa” bela lei sempre con la bocca sul cuscino.
“È una anche io” sorride zia Olga che senza tanti complimenti se ne sta già infilando una in fica godendosi lo spettacolo.

Coadiuvato dalle zucchine ora ho le due vacche a pecora sul letto una accanto all’altra. Ognuna si muove la zucchina nella gnocca mentre io alterno le scopate nei loro culoni godendo senza sosta.
Vedo ancora una zucchina disponibile e la ficco in culo a Grazia che ora ne ha due. Lei si muove autonomamente quella davanti mentre io spingo su e giù quella dietro con tutta la forza che ho. Nel contempo, eccitato, sborro un altra volta nel culo di zia.
Andiamo avanti così fino a tarda notte quando Grazia, esausta e spaccata in due chiede pietà.
Zia le offre di dormire da noi ma la tabaccaia rifiuta. “È quasi l’una del mattino fra un po’ mia figlia si chiederà dove sono finita. Meglio che vada a casa”.
“Hai una figlia?” chiedo.
“Si Emma non la conosci?”.
“Non mi pare. Ha le tette grosse?”.
“Non come me ma si abbastanza grosse”.
“Cazzo mi piacerebbe conoscerla”.
“Bhe si può anche organizzare” dice Grazia senza battere ciglia.
“Non vedo l’ora”.

Zia mi batte una pacca sulla spalla “Accidenti devi davvero averla soddisfatta se ti offre di farti la figlia così senza far storie”.
“È figa questa figlia?”.
“Non tanto. Un po’ mascolina ma sinceramente non ci ho mai nemmeno pensato”.
“Strano” rido io.
“A brutto porco è così che si parla alla tua zietta”.
“Quando ha una zucchina nel culo si”
Lei si tasta le chiappe, si accorge dell’ortaggio, lo afferra e se lo sfila. I vuoto d’aria le fa fare una poderosa scoreggia. “Opsss... un po’ d’aria. Pensa che me ne stavo dimenticando era così piacevole”.
“Se vuoi torniamo a letto e ci metto la zucchina di carne ancora una volta”.
“Ti sembro una che dice di no. Aspetta solo che butto via le zucchine anche se un po’ mi spiace, con quello che costano al chilo”.
“Allora non buttarle”.
“Vorrai mica mangiarle sporche di sborra e di merda?”.
“No. Pensavo, domani mattina quando passa Teresa, affacciati e dille che ne hai comprate troppe, che se le prenda lei se no devi buttarle”.
Ride. “Quella se le mangerebbe lo stesso avida ingorda”.
“E mi raccomando. Non lavarle... Che mangi pure la merda dei vostri culi”.
“Ma che bastardello perverso che ho cresciuto” sorride zia eccitata dalla mia idea.
Mi fissa “Che ne dici se ne porto una in camera, magari la usiamo ancora”.
“Di buchi sotto ne hai due in effetti” annuisco io e ridiamo insieme mentre saliamo le scale eccitati e vogliosi di fottere ancora.

Questo racconto di è stato letto 3 1 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.