George e Teresa 6/7

Scritto da , il 2020-05-15, genere incesti

Dopo una proficua giornata passata a casa della signora Alma che ho cavalcato fino allo stremo torno a casa giusto in tempo per vedere sentire dei gemiti che vengono proprio dalla finestra della camera da letto di Teresa.
Riconosco subito la voce della signora Celeste che ulula frasi tipo “sfondami tutta” e subito mi torna la voglia. Così invece di entrare in casa mi fermo al portone di Teresa e suono il campanello aspettando che venga ad aprirmi.
La troia mi vede dalla camera e subito mi urla “Vengo tesoro vengo...” .
La sento scendere dalla scala e già me la immagino tutta nuda e pronta ma invece la visione è anche migliore quando mi si presenta con addosso una paio di calze di nylon autoreggenti trasparenti che la fanno ancor più troia sottolineando la sua fica larga e pelata.
Appena chiude il portone ho già calato i pantaloni e sono pronto a pompare.
“Dai corri che ci stiamo divertendo” mi dice mentre sculettando il grosso deretano mi fa strada su per la scala.

Sul letto matrimoniale c’è Celeste tutta nuda con le grosse tettone in bella vista. I suoi polsi sono legati alla testiera e le sue gambe belle larghe sono cinte al fondo del letto con dello spago.
Sul corpo ha dei segni rossi probabilmente causati dalla frusta fatta in casa che c’è lì accanto e ci sono anche delle zucchine e una grossa melanzana li accanto che immagino dove siano state e sconsiglierei di mangiare senza averle prima ben lavate.
Io la guardo e subito dico a Teresa “mi sa che ne approfitto” e lei sorride facendomi l’occhiolino.
Così, senza tanti problemi salgo sul letto, mi metto nella posizione più comoda e lo ficco dentro a Celeste senza tante cerimonie.
La fica è bella piena e caldissima e felice mi svuoto pompando piano piano fin che non erutto.
Teresa intanto mi da una mano, allunga la faccia sul mio culo e mi fa un lavoro di lingua nell’ano davvero ben fatto.
“Cazzo sborro.... Sto venendo.... Ti riempio Celeste, ti riempio tutta vaccona”.
“O si.... riempimi si” geme la troia vogliosa di altro sperma.
“Piaciuto?” le chiedo.
“Si ma adesso picchiami, fammi male” implora lei.
“No ma dai non so se mi piace fare ste cose” dico io.
“A lei invece piace un casino” interviene Teresa e prima che aggiunga altro si avventa sul braccio di Celeste e la morde con tutte le sue forze.
Solo ora notò che la donna ha segni di morsi umani un po’ ovunque.
Io intanto sfilo il cazzo mezzo molle dalla sua vulva “Direi che posso passare il turno adesso”...
“Allora direi che è ora di darci il cambio” dice mia zia Olga che entra in quel momento già nuda e con un cazzone di gomma attaccato in vita.
Celeste sgrana gli occhi ancora un po’ perplessa, Teresa pare felicissima....Olga sta già palpando i tettoni della nuova amica ansiosa di farsela.
Teresa prende da una sedia uno straphon sempre piuttosto grosso e comincia a legarselo in vita per passare all’azione.
Le due donne col cazzo si lanciano uno sguardo di intesa, con gesti decisi strappano i legacci a Celeste e senza tante cerimonie le saltano addosso.
In un attimo la donna subisce la doppia penetrazione delle due che la prendono come fosse un panino tappandole fica e culo con quei due cefali di lattice che le entrano dentro quasi del tutto.
La scena è davvero bellissima e degna di un film porno tedesco e me la godo per un po’ da spettatore col cazzo in mano. Ma sono davvero stanco, non dimentichiamo che ho pompato tutta la mattina con Alma, altra vecchia porca sempre aperta in ogni buco, è così lascio le tre porche al loro gioco saffico e torno a casa a farmi una doccia.
Entro in bagno e, sorpresa, c’è nonna Norma in piedi tutt’a nuda e coperta di schiuma. Non si sta proprio lavando perché è chiaro da come muove la mano fra le gambe che si sta sparando un grilletto.
Io mi tolgo tutto e rivelo il cazzo dannatamente duro sia per quello che sto vedendo, sia per quello che ho visto prima. Nonna Norma si volta, mi guarda e senza smettere di toccarsi fra le gambe esclama “Sarà lurido quel pisellone” e mentre lo dice sta già allungando la mano per afferrarlo.
Entro in doccia con lei che mi da davvero una lavata al cazzo anche se in pochi attimi diventa una gran sega mentre le mie mani corrono sul suo corpo formoso è sempre provocante.
Il cazzo si sta marmorizzando fra le mani di mia nonna mentre, voglioso, le afferro un seno morbido e lindo strizzandola, palapandola, godendo le sue ghiandole mammarie.
La spingo contro le piastrelle, le si arcua appena in avanti per porgermi il deretano, i nostri corpi caldi e bagnati si strusciano l'un l'altro, sento il suo pelo bagnato solleticarmi la cappella, scivolo fra le sue grandi cosce e sono dentro.
Il mio cazzo la perfora piano piano, l'acqua fa un effetto sottovuoto molto piacevole.
Agguanto le tettone una per mano e la bacio sul collo con passione mentre pompo a tutta forza.
“Godi nonna....”.
“O si pisellone mio godo, godooooo....”.
Mi sto esaltando, lo sfilo da un buco e lo infilo a forza nel suo culone.
“O si nonna siiii” gemo mentre la sodomizzo come un pazzo.
Lei a sua volta gode come una vacca e si sente dal calore della sua vulva che cola libera umori che gocciolano a terra.
Arrivo al culmine, lo sfilo, lei capendolo fa appena in tempo a girarsi e a chinarsi abbastanza per poterselo portare verso il viso. Lesta lo afferra e lo sega a tutta forza “Vengoooo”.
Nonna si china all'altezza giusta appena in tempo per farsi sborrare in faccia.
Beve buona parte dello sperma senza troppi complimenti.
Chiude l’acqua, e mi abbraccia col suo corpo grasso e umido mentre riprendo fiato. Prende un po’ di sperma che ha sul seno con un dito e se lo porta alla bocca assaporandone il gusto come una troia raffinata.
“Bhe adesso però bisognerà che la doccia la facciamo per davvero. Siamo più sporchi di quando siamo entrati” ride lei tutta felice.

Questo racconto di è stato letto 3 7 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.