George in nylon 2/5

Scritto da , il 2020-04-09, genere incesti

“Ne ho solo tre paia” dice zia rovistando nella sua cassapanca.
“Solo?”.
“Si ne ho fosse, blu, verdi, a rete ma nere sono un po’ scarsa”.
“Allora bisogna andare in merceria dalla Elsa” dichiara nonna con un gran sorriso.
“Già...” ammicca zia Olga con aria furbetta.
“Portati il nipotino sono certa che si divertirà” conclude nonna maliziosa.
Sanno della mia predilezione per il nylon e la cosa non mi stupisce quindi già immaginano quando mi verrà duro appena scateneranno la mia anima feticista. Del resto andare a curiosare in un posto dove le calze sono esposte in bella vista non mi spiacerebbe affatto.
Così, detto fatto, accompagno zia alla nostra merceria di fiducia.

La padrona è una certa Elsa, una donna sulla cinquantina non sposata che da anni riforniva di calze, mutande e lingerie quasi tutte le donne del paese. La vetrina del negozio era nera, oscurata, e non si poteva vedere dentro. Anche la porta era chiusa a chiave e bisognava suonare per farsi aprire. Non sapevo come fossero di solito le mercerie ma la cosa, ammetto, mi aveva sempre fatto suonare strana la cosa è frenato la mia curiosità. Quindi ero doppiamente felice di varcare la soglia immaginando chissà come fossero esibiti gli intimi femminili e i capi in nylon.
Forse però fantasticavo troppo perché come mi spiegò in seguito zia, la ragione per cui teneva chiuso a chiave era semplicemente perché Elsa viveva al piano di sopra e scendeva ad aprire solo quando c’era davvero un cliente avanzandosi così lunghe e noiose ore al bancone. In più, siccome spesso i capi intimi andavano provati era anche utile evitare che qualcuno aprisse la porta nel momento sbagliato e si trovasse di fronte una donna mezza nuda.
“Peccato” dico.
“Come?” chiede zia suonando il campanello.
“No dico peccato che magari uno spalanca una porta e trova una piacevole sorpresa”.
“Te l’ho già detto mille volte quanto sia importante la discrezione” conclude lei.
La donna magra coi capelli neri chiaro tendenti al grigio topo ci apri sorridendo. Era un pelo più alta di zia col viso un po’ rugoso che non nascondeva la sua età matura.
Mi venne subito da guardarle le gambe perché pensando che di lavoro vendeva calze ero curioso di sapere quali prediligesse.
Così abbasso lo sguardo e ad altezza ginocchio dove finiva una gonna scura a trama scozzese guardai il nylon color castoro che inguantava le sue lunghe gambe.
Dallo spessore sembrava un quaranta denari ma non c’era da vedere altro e mi resta la curiosità di sapere se siano collant o calze. Le scarpe invece non ci sono. La donna è tranquillamente a piedi scalzi è così noto anche le sue unghie che fanno capolino sotto alle calze smaltati con un rosso infuocato.
Non le chiedo perché sia a piedi scalzi anche perché forse è una sua abitudine e anche perché appena varcata la soglia sono attratto da una fila di sette gambe di plastica femminili slanciate in alto e in bella vista una dietro l’altra sul fondo del negozio. Ognuna indossava una calza di nylon di colore diverso ed erano tutte davvero stimolanti tanto che mi stava venendo voglia di andare ad accarezzarle una per una.
La mia attenzione cala su quella verde che subito accarezzo per sentire quanto sia sensuale il contatto col nylon e in un attimo mi immagino zia con quelle addosso.
Così la guardo mentre sta spiegando ad Elsa cosa le serve e dico “Perché non prendi anche un paio di queste”.
“Ma sono roba da ragazzine” obietta zia.
“Ma tu per me resterai sempre una ragazzina” dico io facendo sgranare gli occhi ad Elsa.
Non so bene quali siano i rapporti con la zia quindi per non peggiorare la situazione dico “Nel senso che sei sempre tanto bella”.
La zia comunque non batte ciglia e guardando Elsa dice “Tu che ne dici? Con quelle calze glielo farei venire duro?”.
“Quest’anno il verde scuro e il viola vanno molto di moda” dice la donna senza tanti problemi.
Capisco che per zia parlare di incesto con Elsa non è un problema e quindi mi allargo “Allora anche un paio viola per la nonna. Sai come starebbe bene”.
“È un paio per te no?” dice zia.
Elsa la guarda lei le restituisce lo sguardo equivoco “Gli piace indossare” spiega.
“E a chi non piacerebbe” annuisce Elsa.
Io le fisso un po’ imbarazzato ma sotto anche un pelo eccitato. Non ho vergogna a dire che metto le calze da donna è che mi eccita farlo. La cosa non ha mai ridotto la mia mascolinità o la mia libido, anzi, semmai, l’ha sempre accentuata.
“Vuoi provarne un paio?” chiede tranquilla Elsa che non pare per nulla sconvolta.
“Davvero?”.
“Bhe tanto che siete qui perché no -dice lei e poi subito fissa mia zia- a te Olga quelle verdi starebbero di incanto ma anche blu o rosa...”.
“Non mi ci vedo alla mia età con questi colori” borbotta zia.
“Bhe provali e vedi come stanno” insite Elsa.
“Giusto -dico io mentre già mi slaccio i pantaloni- proviamole e poi decidiamo”.
Quando tirò fuori il bastone è subito chiaro che la cosa suscita un certo interesse nella donna che lo fissa quasi sbavando. Io intanto mi denudo completamente e poi inizio ad infilarmi le calze blu cobalto che, devo ammetterlo mi stanno anche bene.
Zia senza troppa reticenza si cala la gonna, mostra all’amica la bella patata senza mutande e prese le calze verdi se le infila piano piano.
“Come sto?” domanda alla fine poco convinta.
Io le mostro il cazzo duro come una pietra e bello scappellato “Direi che sta già facendo effetto”.
“E tu Elsa che ne dici?” domanda maliziosamente zia a cui non è sfuggito che Elsa sta già ravanando con una mano sotto alla gonna.
“Adesso però ci devi far vedere tu come stai con le calze” dico avvicinandomi scodinzolando il pisellone sul nylon.
“Hey” esclama lei ma io ho già individuato la cerniera che tiene su la gonna e, con una certa maestria la faccio scorrere verso il basso.
La donna si ritrova in collant e con la figa in bella vista dato che, come immaginavo, non ha le mutande.
Un bel cespuglio nero anche parecchio fluente enfatizzato dal nylon che lo copre fa sussultare il mio cazzo mentre non posso fare a meno di notare che il collant, in vita è parecchio unto e con notevoli strappi.
La abbraccio approfittandone sia per poggiarle il pene sul bacino sia per accarezzarle una delle piccole pere sotto la camicetta “che hai sei già bagnata pensando al mio cazzone” sussurro e provo a infilarle la lingua in bocca.
“Un maschio in nylon è così sexy” sussurra lei mentre allunga la mano per accarezzarmi una coscia.
“George guarda che ti stai sbagliando” dice mia zia che intanto ha prudentemente chiuso la porta a chiave”.
“In che senso?”.
“Non prendo piselli sono lesbica” sussurra Elsa divincolandosi.
“Eppure sei tutta bella unta qui sotto” faccio notare allungando la mano.
“Non è roba mia” dichiara lei.
Non capisco.
Si rivolge a mia zia “Olga glielo spieghi tu?”.
“Forse è meglio se glielo fai vedere” dice zia.
E così fanno.
Apre una piccola porticina in fondo alla stanza e ci fa entrare.
Meraviglia delle meraviglie c’era solo un piccolo divano a due posti e un tavolino e per il resto tutto era coperto di calze e collant di nylon. Di ogni marca e colore. Leggeri, a rete, a pois, colorati, trasparenti. Molti poggiati sul tavolino, altri gettati sul divano, parecchi per terra tanto da coprire il pavimento. Altri ancora erano appesi in bella vista al muro con tanto di etichetta.
“La mia collezione” spiega la donna.
“Cioè le hai messe tutte?”.
“No... cioè si le ho messe tutte ma erano già stati indossati prima. Quando una cliente viene per delle calze nuove le chiedo sempre quelle vecchie e le offro lo sconto se me le da. Smagliate, strappate, sporche.... più puzzano più mi piace”.
“Feticista. Ottimo. Anche io adoro il loro odore” dico mentre ne prendo una da terra e lo annuso assaporandone l’aroma.
In quel momento zia apre la borsetta e tira fuori una palla di nylon “queste sono le nostre. Mie di Lidia e anche di un paio di amiche. Ne ho anche un paio macchiate di piscio”.
“Ottimo” mugugna Elsa e li afferra odorandoli.
“Ti piacciono anche col piscio?” chiedo.
“Ne ho anche macchiati di merda se vuoi” risponde lei.
“No grazie. Quindi tutto qui. Ti chiudi qui dentro e ti spari grilletti sulle calze?”.
“Me ne infilò un paio, ne metto un altro in fronte per annusarlo e poi godo” mi spiega.
“E tu zia ovviamente...”.
“Le faccio compagnia” sorride la vecchia porcona.
“Quindi niente lingua lingua o una bella pecora solo masturbazione con le calze ?”
“Si. Sono ancora vergine mai avuto rapporti con maschi”.
“Quasi quasi mi infilo una calza sul cazzo e mi sego anche io. Ti va?”.
“Potremmo anche segarci tutti” aggiunge subito zia.
È così facciamo in un attimo siamo comodi sul divano. Io in mezzo con le due vacche a fianco.
Le due troie ci davano di lingua, io ci davo di mano ed era talmente tanta l’intensità che a un certo punto vidi apparire il pelo di Elsa in primo piano. La troia si era masturbata così tanto che ora aveva fatto un bel buco nel collant.
Ogni tanto Elsa mi getta qualche occhiata. Un maschio in calze di nylon la eccitava parecchio e lo dimostrava. Continuava a dire che non le piacevano i maschi ma io avevo una voglia di ficcarglielo dentro incredibile. Comincio ad accarezzarle le tette, avvicino la bocca “perché non pensi a me come a una femmina col cazzone. Non ti piaccio, non sarei una bella ragazza. Non ti andrebbe di farmi...”. La accarezzo, la tocco, lei mi passa la mano sulla gamba strofinando il nylon sulla mia pelle. Non resisto più, mi volto, la spingo lunga all’indietro e prima che capisca cosa sta succedendo le sto leccando la figa a tutto spiano.
“Ummmm o si.... ummm ma sei bravissimo” dice mentre il mio naso le pulsa sulla vagina stretta. La fotto con la lingua. Lei gode di brutto, è bagnatissima e le sue labbra vaginali pulsano domandando solo di essere riempite.
Mi alzo in piedi, le sollevo le gambe mettendomele sulle spalle e da questa posizione le lecco i polpacci coperti dal nylon. Il piacere è indescrivibile sia per me che per lei. A quel punto si unisce anche zia che sento arrivare da dietro col peso delle sue grandi tette sulla mia schiena.
Prendo coraggio. La troia è pronta e non devo esitare. Mi avvicino e con un colpo di reni glielo spingo dentro.
Elsa caccia un urlo misto fra dolore e piacere. Non è proprio vergine ma poco ci manca.
Comincio a muoverlo fra le sue urla appagate e sentendo ogni tanto la lingua di zia li vicino che mi lecca il buco del culo da dietro. Questo aumenta la mia potenza sessuale e la mia eccitazione e sembro un trapano elettrico.
“Scopare con le calze è stupendo” mormora la donna.
“O si troia. Siamo tre troie con le calze che godono fino al midollo. Siiiiii”.

Quando ci salutiamo circa due ore più tardi Elsa è piena della mia sborra in fica ma anche in culo. Ha sicuramente rivisto la sua avversione per i maschi anche se cagherà a spruzzo per qualche giorno.
Zia ha sotto al braccio i collant che ci servivano e le calze verdi che la fanno così porca addosso. Non vediamo l’ora di essere a casa per mostrare alla Nonna quanto le stanno bene.

Questo racconto di è stato letto 3 6 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.