Nel cesso di un autogrill

Scritto da , il 2020-04-22, genere bisex

Tutto accade in un bagno pubblico di un autogrill per puro caso.
Sono in piedi davanti all’orinatoio e sto espletando la mia santa pisciata dopo una tirata di 100 km di autostrada. Ho i coglioni belli pieni, estraggo il mio grosso uccellone, lo scappello bene bene e faccio partire il getto.
Come minimo ne ho mezzo litro e la sensazione di liberazione è dannatamente appagante. Tutto liscio, ho quasi finito quando sento addosso quella strana sensazione, quel sesto senso che ti fa capire che qualcuno ti sta guardando.
E in effetti è così, dalla postazione accanto alla mia un ragazzo ha occhi più per il mio cazzo che per il suo.
Non che io abbia grossi problemi a lasciar intravvedere il pisellone, anzi, è così bello grosso che sarebbe un peccato nasconderlo è così, con la scusa di sgrullarlo a dovere lascio che il ragazzino lo studi ancora un po’.
Lo vedo armeggiare con la patta e mi chiedo se sia proprio un frocetto a cui è già venuto duro o solo un bisessuale eccitato dalla visione, così lo spio anche io.
Del resto lui ha visto il mio e mi pare giusto che io veda il suo.
Nulla di che, un cazzo nella norma, forse un pelo sopra. Abbastanza largo di diametro e con la cappella larga. Sembra anche un pelo duro, segno che ha apprezzato la visione del mio.
Ma c’è una cosa che mi stupisce, anzi più che stupirmi eccita le mie fantasie, per tirarselo fuori il ragazzo non si è limitato ad aprire la cerniera ma ha dovuto calarseli un pochino.
Non è un fatto di esibizionismo è proprio una necessità visto che sotto ai pantaloni ha un paio di collant.
Così ha delicatamente abbassato l’elastico del nylon, ha tirato fuori piano piano la proboscide e ora sta facendo del suo meglio per fare acqua, anche se, continua a sbirciare il mio attrezzo che, fra l’altro, pur avendo finito è ancora in bella vista.
Non sono estraneo ai maschi che indossano il nylon, anzi, io stesso ogni tanto mi diverto a fare sesso in autoreggenti o collant perché trovo che la sensazione del nylon sul corpo stimoli i miei sensi e miei orgasmi.
Del resto anche le donne con cui scopo le preferisco in calze, quelle belle calze magari col reggicalze di stoffa agganciato a filo sul loro ventre o magari in collant senza mutande sotto, un effetto che da alla visione dei peli della figa una sensazione davvero impagabile.
Nel bagno siamo soli e siamo ancora a piselli al vento così mi viene da dirlo “belle calze, cosa sono 20 denari?”.
Lui sgrana gli occhi, mi fissa. Sembra spaventato e forse si vergogna della sua perversione ma io lo tranquillizzo “io di solito le portò un filo più spesse, sui 40 denari ma anche quelle a rete non sono male”.
Lui sorride si sente a suo agio è noto anche che il pisello gli si sta alzando. Del resto anche il mio si sta irrigidendo...
“Sei gay?” mi domanda a bruciapelo.
“No, diciamo che non mi faccio troppi problemi sia di sesso che di età. Se una donna mi piace la fotto anche se ha 70 anni così come 18... e allo stesso modo se invece di una patata mi stuzzica uno zucchino lo prendo...”.
“A lo prendi?” ride lui.
Io mi afferro saldamente il cazzo con una mano e mi volto verso di lui “prendo e poi rendo con gli interessi, mi pare ovvio”.
Lui annuisce “meno male, con un toblerone così saperti passivo mi sarebbe dispiaciuto” e intanto, reagendo al mio invito molla il suo attrezzo e mette una mano sul mio.
“E tu?” domando.
“O si anche io, un po’ prendo un po’ do.... Maschietti e femminucce senza distinzione”.
“Ottimo” annuisco mentre ha già iniziato a muovere la mano.
“Certo che da duro deve essere uno spettacolo. Non credo di aver mai provato un calibro così... ho un cugino ben dotato, Claudio, che mi ha fatto provare il suo ma rispetto a questo...wow!”.
“Sentì, io di solito al mattino appena sveglio mi faccio la mia bella chiavata ma dovendo arrivare a Pisa per pranzo sono dovuto partire presto e... insomma non sparo da ieri sera”.
“A sei bello pieno” sorride lui che ora mi sega a tutta forza. Con gli occhi fissa una delle toilette chiuse e mi fa l’occhietto, subito capisco a cosa allude.
Detto fatto, coi nostri piselloni in bella vista entriamo. Lui si siede sulla tazza, cala completamente i pantaloni fino alle caviglie e mi mostra per bene le gambe avvolte in quel collant color daino che lo fanno davvero sembrare una troietta.
Io, a mia volta, mi apro i jeans, li calo ben bene e mi ergo dritto davanti a lui.
“Anche tu senza mutande?” mi chiede.
“Le odio, le vieterei a tutti, maschi e femmine. È così bello avere il pisello che pulsa e balla sotto pronto a schizzare fuori o sapere che sotto a una gonna c’è una bella patata pelosa che prende aria. Poi sai, è anche un fatto di praticità. Diciamo che le mutande mi stringono”.
“È si -ride lui -per questo coso ci vuole minimo uno zaino. Io comunque mi chiamo Andrea”.
“Tanto piacere Andrea, io sono George”.
“Il piacere è tutto mio” sorride Andrea e deciso allunga il viso verso di me e si infila una bella porzione del mio cazzo dritta in bocca.
Sento la sua lingua calda avvolgermi la mazza, la sua saliva sulla cappella, la punta della sua lingua sul prepuzio senza contare con quanta passione la sua mano mi accarezzi le palle pelose raddoppiando il piacere. Non c’è dubbio, ci sa fare, si vede che ha tirato un sacco di pompe.
Con la mano libera afferra a sua volta il suo attrezzo irrigidito per l’eccitazione e inizia a segarselo alla stessa velocità con cui succhia.
La porta è sbarrata e la tengo ferma col mio peso, fuori sentiamo un andirivieni di maschietti che fanno la loro bella pisciata ma noi protetti da questi pochi centimetri di legno continuiamo come nulla fosse.
Certo non possiamo parlare e ci limitiamo a dei sommessi sospiri anche se, ogni tanto, gli accarezzo i lunghi capelli biondi per fargli sentire quanto gradisco.
Inizio a muovermi, avanti e indietro, Andrea mi lascia fare. Cerca di respirare col naso, tiene la bocca larga e mi aiuta a muoverlo. Lo sto fottendo in bocca!
La sua boccuccia carnosa adesso è diventata un orifizio di cui approfitto senza tregua.
Alla fine lo sento, arriva.... fluente e appagante..... sto venendo.
Andrea percepisce la dilatazione del mio uccello e si eccita ancora di più strizzandosi il suo a tutta forza quasi volesse strapparselo.
Con voce strozzata sussurro “vengo” e in un attimo inizio a schizzare...
Continuo a spingere: una, due, tre, quattro volte deciso a farmi uscire da dentro fino all’ultima goccia fin che non sento una spolverata calda sul ventre.
Anche Andrea ha fatto il suo bello sparo.
Una bella zaffata di fuoco che mi è arrivata sul petto proprio sopra al cazzo.
Lesto si tira su il collant e il suo pisello viene imprigionato dentro “adoro i collant sborrati” sussurra e mi invita con la mano ad adagiare anche il mio pene su di lui pulendomi i residui di sperma sul nylon mentre i nostri uccelli si sfiorano ancora una volta.
Dopo che mi sono strusciato ben bene su di lui avvicina il viso sul mio petto e lecca via il suo sperma dal mio corpo ingoiandone fino all’ultima goccia fin che non gli dico “basta, mi sta già tornando duro”.

Usciamo dal bagno dopo esserci riassettato meglio che potevamo anche se Andrea puzza di sperma come una maiala in calore visto che sotto al collant deve averne a etti...
Ci beviamo un caffè in un tavolo un po’ appartato, ovviamente offro io.
“Peccato non aver fatto... insomma fatto tutto... la voglia di provarlo mi è rimasta”.
“Caro anche a me. Noi dobbiamo vederci di nuovo, magari a casa mia, con calma anche io ho voglia di fartelo provare e di provarti”.
“Vivi solo?” mi chiede.
“Diciamo di si. Dopo il divorzio ho preso un attico che fa molto scapolone in tiro anche se ai due piani inferiori vivono mia zia e mia sorella. Sai sono molto attaccato alla famiglia”.
“A capisco.... io invece vivo ancora coi miei e sono due rompicazzo. Purtroppo fin che non trovò un lavoro stabile mi tocca sopportarli quindi, come avrai capito, non posso portare a casa nessuno tanto più un maschione”.
“Non sanno che sei bisex?”.
“No ma figurati, lo sa solo mio cugino visto che lo è anche lui... -poi abbassa gli occhi- e mia zia”.
“A quindi te la sei fatta?” chiedo.
Lui arrossisce “si c’è stata una cosa a tre con lei e mio cugino lo scorso Natale e da allora quando mi sento bello pieno passo a trovarla. Sai le donne mature specie con le poppe grosse mi eccitano tantissimo...”.
“Guarda che l’ho fatto anche io. La zia che vive sotto di me la prendo quasi tutti i giorni e non solo lei... Adoro il sesso incestuoso” gli confesso.
Lui pare riprendere coraggio “senti te la dico tutta... questi collant sono suoi. Dopo che li usa me li mette da parte...”.
Mi viene spontaneo allungare una mano sotto al tavolo e gli faccio una carezza sulla gamba, salgo e sento la sua erezione nuovamente accentuata.
“Sono tutte cose che faccio anche io. Di solito indosso le autoreggenti smesse di mia nonna o della mia prozia”.
Sgrana gli occhi “ti prego dimmi che ti fai anche loro”.
“Ovvio che me le faccio. Da sole o assieme, davanti e didietro. Appena posso passare dal loro paesello arrivò già in tiro e con l’idea di svuotarmi fino al midollo. Ho vissuto con loro per un po’ di tempo e, ti assicuro, meglio che vivere in un film porno”.
“Io.... ecco.... insomma non lo dico in giro perché molti non capirebbero ma mi sono fatto anche mia nonna di 70 anni”.
“Fantastico. La mia ne ha 72 pensa...”.
“Sai lei ci ha beccati con la zia di cui ti dicevo e si è aggiunta ai giochi” mi spiega.
“Così ti sei fatto una bella doppia con madre e figlia...” rido io.
“È no purtroppo la nonna è madre di mio padre mentre la zia è sorella di mia madre però ci sono state lo stesso. Nonna, zia, io e Claudio. Per ora l’abbiamo fatto solo una volta perché i nonni vivono nel Lazio e li vediamo solo per le feste però, ti giuro che non vedo l’ora sia Pasqua per rifarlo. Siamo tutti invitati giù da loro e ti assicuro che mi sono già toccato non so quante volte immaginandomi cosa potrò fare a nonna”.
Sorrido. “Lo immagino. Quindi ti fai la zia, ogni tanto ti fai impalmare dal cugino e quando capita apri la nonna come una cozza. Bravo mi stai facendo eccitare di nuovo lo sai?”.
“E lo dici a me. Mi sembra di avere una banana nei pantaloni” e prendendomi la mano se la poggia secca sulla sua erezione.

Dietro all’autogrill c’è l’area di sosta per i camion e di fianco un piccolo boschetto. Abbiamo spostato la mia station wagon e ne abbiamo approfittato.
Andrea si è chinato sul cofano, ha strappato il nylon al punto giusto e mi ha offerto il suo bel culetto. Io l’ho preso senza complimenti. Ha fatto un piccolo urlo anche se era già parecchio aperto e poi ha iniziato a godere come una troia. Io tendo lo per i fianchi con le mani che si strofinavano sul nylon l’ho inculato senza pietà fino a che non gli ho fatto un clistere di sperma da paura.
Lui ha gradito e col cazzo duro ed eccitato per la sodomizzzione mi ha preso allo stesso modo inculandomi ben bene e vendono dentro con foga mentre io beato gli dicevo “caro mio noi dobbiamo restare amici... siamo troppo affini”.
“O si, o si, contaci pure bel toblerone mio” ha annuito lui mentre mi veniva dentro fino all’ultima goccia.
Ogni tanto ho guardato l’ora. Si certo avrei fatto tardi al mio appuntamento a Pisa ma, in fondo, ne era ben valsa la pena.

Questo racconto di è stato letto 6 7 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.