George e Teresa 1/7

Scritto da , il 2020-05-05, genere incesti

Si consiglia la lettura delle storie precedenti


Zia Olga indossa un vestito intero verde scuro con i bottoni, al momento è tutto aperto e posso vedere sia le sue belle tettone sia la patata che ha già ripreso a mettere un bel po di pelo. Sulle gambe calze nere velate, ai piedi scarpe tacco 9. Nonna, più o meno uguale, vestito azzurro a fiori sbottonato e calze color carne autoreggenti.
Io nudo, in calze a rete!
Zia è a pecora mentre il mio enorme cazzo piantato nella sua fica pelosa pompa a tutto spiano facendo ballonzolare i suoi grossi cocomeri. Al mio fianco nonna con cui limono a tutto spiano mentre con una mano le faccio un ditalino.
Lei a sua volta con la mano mi stuzzica i coglioni e questo me lo fa indurire ancor di più.
Siamo già a buon punto quando.
DRIIN!
Il campanello.
Nonna si stacca da me e lesta si abbottona il vestito “Eccola è lei”.
Io esco dalla gnocca di zia che senza curarsi di ciò che le cola fuori si sistema a sua volta il vestito.
Nonna appurato di aver abbottonato tutto va ad aprire il cancello mentre io mi infilo i pantaloni della tuta.
“Teresa vieni, accomodati che ci beviamo qualcosa di fresco in giardino”.
“A ecco. Era ora che mi invitassi. Inviti tutto il paese e a me non mi caghi mai” dice quella.
“Forse perché puzzi e fai schifo” sussurra Olga sottovoce.
“Calma zia, segui il piano” sussurro io.
Andiamo sotto al nostro portico e ci sediamo sulle sedie da giardino. Per quanto Nonna stia attenta si vede subito che non ha le mutande e sono quasi certo che Teresa lo ha notato.
“Allora cosa bevi cara?”.
“C’è l’hai una bella birra?” chiede.
“Abbiamo tutto -dice secca Olga- anche tu una birra George vero?”.
Annuisco.
“E tu Norma?”.
“Birra anche per me”.
“E birra per tutti sia -conclude la zia- vieni a darmi una mano George”.

Andiamo in cucina zia scuote la testa “Ma tu pensa questa vaccona che viene qui a pretendere la birra. Gliela metterei in culo la birra”.
“Diamole una birra speciale” dico io.
Lei ha già capito ma scuote la testa “Ma dai non pensi che lo senta dall’odore”.
“Se la mischi no”.
A zia Olga spunta un sorrisetto di pura cattiveria. Riempie mezzo bicchiere scarso di birra e me lo porge. “Forza veloce”.
“A devo farla io?”.
“Credevo...”.
“C’è l’ho in tiro non so se mi viene adesso”.
“A dannato moccioso. Lanci la pietra e poi nascondi la mano. Faccio io buono a nulla” detto fatto solleva il vestito, si china ben bene col bicchiere fra le gambe e inizia ad orinare piano piano.
“Prendimi un qualcosa perché non riesco a fermarmi. Appena è pieno tolgo il bicchiere”.
Mi guardò attorno ma non vedo nulla e la piscia di zia sale troppo velocemente. “Zia non...”.
“Lascia stare vuol,dire che dopo puliremo” e tolto dalle gambe il bicchiere di urina al 50% si lascia andare pisciando in piedi sul pavimento.
Io la guardo e solo a vederglielo fare ho un missile nei pantaloni tanto che mascherare la mia erezione è quasi impossibile. Ma forse è meglio così.
Andiamo coi bicchieri badando di dare a Teresa quello giusto. Lei beve di gusto una lunga volata. Io e zia la guardiamo.
“Buona?”.
“Un po’ aspra che marca è?”.
“È una ditta nuova. Roba locale” dice zia cercando di non ridere.
Teresa ne beve ancora una boccata e poi apre e chiude la bocca come se la degustasse “Mi sa che ci mettono troppo sale” dice.
“Può essere” ridacchio io.
Nonna deve avere intuito cosa abbiamo fatto perché quasi quasi ride anche lei e poi si affretta a cambiare discorso. “Dicevo a Teresa della roba che vogliamo darle” inizia nonna.
“A si certo” annuisce zia e da una cesta di vimini già pronta li accanto tira fuori una voluminosa colonna di capi. Ci sono dei reggiseni, delle mutandine, buste sigillate di calze.
“Sono roba che a noi non va più bene ma a te si, se la vuoi” dice carina la nonna.
“Se la vuoi” aggiunge secca zia.
L’egoismo della donna è noto è sovrano quindi subito sorride e dice si “Se non va a me lo do alle mie figlie” dice ansiosa di mettere le mani su quella roba.
“E va bene ma almeno provala così vediamo come ti va” dice nonna.
La donna indossa un paio di pantaloni di spugna verdi e una canotta arancio che, fra l’altro non riesce nemmeno a tenere coperte le mammelle che continuano a sbordare, ai piedi dei vecchi zoccoli di legno logori.
Senza esitare mette le mani sulla roba. “E tu non ti scandalizzi carino?” dice rivolta a me.
Sorrido ma ci pensa mia nonna a chiarire la situazione “Tranquilla non si scandalizza di niente... non più”. In effetti è vero e il pacco gonfio evidenzia la cosa.
Così si sfila la gonna piano piano e WOW!
Sotto ai pantaloni ha solo la ficona pelosa, molto pelosa. Di lei avevo ancora un vivo il ricordo di una volta, da bambino, quando si era seduta malamente su un gradino, e le avevo visto tre quarti di patata sotto la gonna. Una delle prime che avessi visto.
Ricordo anche che lei se ne era accorta e come nulla fosse aveva detto “a ti piace la fregna...” e poi si era messa a ridere.
Purtroppo ero troppo piccolo per capire e per reagire dandole ciò che si meritava ma adesso era passato tanto tempo ed ero perfettamente in grado di chiarire la situazione. Ora non si sarebbe risolto tutto facendomi una sega sul ricordo di una visione.
Si mette e si toglie le tre gonne una dopo l'altra molto lentamente e arrivata all'ultima chiede “Quale dite che mi sta meglio?”.
“Stai meglio anche senza” sorrido io.
Teresa ride col suo vocione. Guarda mia zia Olga ed esclama “il nipotino cresce”.
“O si vedessi quanto è cresciuto sotto” mormora malamente zia.
Intanto nonna le porge una camicetta “Anche questa ti potresti provare” le dice.
Così Teresa si denuda e sotto non ha niente, solo le sue bocce ancora piuttosto grosse.
Non resisto oltre, allungo la mano e le faccio una carezza dritto fra le cosce.
Teresa arrossisce poi fa “Oi ma che fai?”.
Ma zia, che si è già alzata in piedi, la blocca mettendole una mano sulla bocca “Zitta vaccona”.
Nonna e zia si scambiano uno sguardo di intesa. Nonna lesta inizia a denudarsi e resta solo in collant che enfatizzano la sua bella ficona.
Io ficco senza ritegno la mano fra quel bosco peloso. Si sente che è già un po’ umida.
“Ma che cazzo fate?”
“Ti scopiamo come una puttana” le dico io.
Zia molla la presa, si denuda, resta in collant mentre io già sto masturbando Teresa a tutta forza.
Cerca di fare la preziosa ma sta godendo e si vede.
Le do una spinta e la obbligo ad accasciarsi contro il muro. Il suo enorme culo è in bella vista. La afferro saldo, la chino appena e tiro fuori il cazzo.
“Oi ma... ma....” balbetta Teresa.
“Ma zitta...” dico colpendola con uno schiaffo sulle chiappe e con un colpo di reni glielo ficco dentro in un sol colpo”
“Porcod....” ulula bestemmiando la donna.
“Guarda come le piace” ride mia nonna.
“Vacca mado... ma mi spacchi in due...”.
“Senti come è grosso porcona” rido io mentre la monto a forza.
La vacca viene copiosa e fluente, scopare le piace e non ne fa mistero.
Io continuo a darci a tutta forza e smetto solo quando sento che le palle mi si stanno svuotando dentro di lei.
“Cazzo mi hai riempita”.
“Meglio così” rido io e mollando la presa. A quel punto si volta e vede che tutto è cambiato. Per intanto vede il mio uccello saggiandone la dimensione, poi vede i corpi nudi di nonna e zia fameliche e arrapate. Indossano solo i collant, neri, ma sopra al collant tutte e due tengono legato un grosso fallo di gomma nero.
“Ma siete pazze coi due?” dice stupita.
Ma non basta perché ora zia e nonna prendono un altro collant nero e lo indossano sulla testa mentre io le imito.
La sensazione del collant sul viso è paradisiaca.
Teresa pare confusa non capisce cosa succede e quando sente i cazzi di lattice delle vecchie far le mani non sa cosa fare.
La prendiamo. Olga glielo ficca in bocca, nonna le strizza le tette.
Io cerco un collant e me lo infilo in fretta strappandolo accuratamente ad altezza vita per far uscire il pisello.
Ora tutti in perfetta tuta da orgia la prendiamo a forza sull’erba.
Prima le due donne la prendono a turno a pecora. Mentre una la monta da dietro l’altra glielo ficca in gola a tutta forza come se volesse soffocarla.
Ho ordinato a nonna e zia di non fare commenti e quindi tutto avviene nel più totale silenzio. Teresa non può vedere i nostri volti ne sentire le nostri voci e tutto avviene nel più totale silenzio accompagnato solo dai gemiti e dalle bestemmie della donna che comunque continua a godere.
Ora dopo che nonna e zia si sono divertite a montarla per un po’ tocca a me. Zia lo sfila veloce e mi libera il posto. Io monto di peso sul culo di Teresa e SPROK!
“Noooooooooo” urla. Ma è troppo tardi. La sto inculando, la sto sfondando....
Afferro zia che sta al mio fianco. Le strizzo una tetta arrapato, lei si china su di me e godiamo sottomettendo Teresa a tutta forza.
“Dai che ti sborro il culo...” gemo e apro di nuovo i tubi.
Teresa caccia un secondo urlo quando lo sfilo dal suo culo ma ormai pare rassegnata.
Appena esce sembra che si sia tolto un tappo e cola fuori un misto di sperma, umori e sangue. Zia non ci bada molto e con tutta la sua baldanza la monta. Facilitata da tanto liquido ficca il cazzo in culo a teresa e se la tromba di gusto.
Io, per conto mio, glielo portò alla bocca perché pulisca ciò che ha sporcato.
Zia cede il posto a nonna. Le due si alternano a fottere Teresa in ogni buco mentre il me lo faccio leccare a tutto spiano e le vengo in gola.
Quindi arriva il pezzo forte. Zia si sdraia a terra mentre nonna obbliga Teresa a salire su di lei e a impalarsi. La Troia non fa obiezioni, ormai pare una schiava ai nostri piedi. Quando capisce che le sue vecchie se la vogliono fare in sincrono le lascia fare.
Zia pompa in fica, nonna nel culo e non le danno tregua. Sfogano sessualmente su questa stronza tutta la rabbia che hanno avuto nei suoi confronti per anni.
E ora tocca a me. Faccio in modo che nonna si chini più avanti che può, mi avvicino a lei più che posso e lascio che il mio cazzo le passi appena sotto alle gambe fin che non sento di essere nel punto giusto.
“No ma cosa? Cosaaaaaaaaa” geme Teresa.
“Ti sfondiamo. Stai ferma se no ti fai male davvero” dice zia intenta anche a giocare con le sue tette.
“Aiaaaaaaa” ulula ancora una volta “Porcoddd ho tre cazzi dentro! Tre cazzi enormi... Aia! Aia” piange dal dolore ma non c’è ne frega niente.
La scopriamo ancora e ancora fin che non sborro e le mie care nonne si sono colate addosso almeno una decina di orgasmi.
Resta lì accasciata sul prato col suo grosso pancione spremuto dal suo peso. Per un attimo sembra senza vita e io le do il colpo di grazia...le piscio addosso.
L’idea stuzzica anche nonna che subito mi imita accucciandosi appena davanti a Teresa fa la sua bella pioggia dorata così sexy e arrapante che il missile di carne mi torna duro.
Zia lo capisce perché lesta si leva i collant, libera l’utero e mi strizza l’occhio poggiata in avanti contro il tavolo e scodinzolando il culo.

Quando Teresa riprende vigore e si alza in piedi sto ancora pompando nella gnocca di Olga. La ciabatta ci guarda con disprezzo e una velata malignità negli occhi “Voi siete dei depravati” accusa.
“Bhe anche tu mica scherzi” rido io senza perdere il ritmo della scopata.
“Io vi denuncio voi siete dei pazzi e tu sei anche frocio vestito da donna”.
“A ecco... hai capito zia sono frocio” rido io, mentre incrollabile lo sciaf sciaf del mio uccello che scorre nella gnocca di zia fa da colonna sonora.
“Tu è meglio che ti dai una bella calmata troione” dice severa la voce di nonna che, ignorata, in un angolo, si è tolta i collant luridi e si dimena nuda senza vergogna.
Prima che Teresa ribatta si avvicina verso i vasi in fondo al giardino, si china, ravana un po’ e trionfante estrae la telecamera. La ferma ed estrae la grossa cassetta a nastro.
“Lo vedi questo? Qui ci sono tutte le tue peripezie. Tu che ciucci cazzi, tu che lo prendi nel culo, tu che urli il tuo piacere. Hai presente quando urlavi “vengo vengo mentre ti trapanavamo in tre...”.
Teresa, ora in piedi, sbianca. La fissa, prova a sorridere “Ma voi...”.
“Noi abbiamo il volto copertoooooo” dico mentre mi svuoto facendo il pieno di sperma alla fica di Olga.
Zia si stacca inarcando le chiappe è una cascata bianca le cola ancora dal culo mentre si accende una sigaretta e chiarisce: “Quindi hai capito? Se parli, se solo fai un cenno, se solo provi a rompere i coglioni in qualunque modo questa cassetta finisce in Calabria. La mandiamo alla tua famiglia, alle tue sorelle e alle tue figlie. Capito?”.
“Ma io.... voi....” balbetta Teresa arrabbiata.
“Hai capito o no troia?” insiste seria mia zia.
Lei fa due passi, si avvicina, la guarda e sorride “Non c’è bisogno di essere così cattivi”.
“No?” borbotta Olga.
“No, perché... che bisogno c’è Olghetta. Io poi ti ho sempre voluta bene lo sai”.
“Davvero?”.
“O si...” sussurra Teresa e avvicinatasi ancora struscia quasi le sue tette da quarta con l’ottava di zia. Prima che lei dica qualcosa la bruna porcona tira fuori la lingua e le succhia i capezzoli.
Zia la lascia fare. Teresa succhia più forte. Zia le accarezza i capelli mentre la sigaretta le si consuma fra le mani... “Vuoi che te lo faccio sotto Olghetta?”.
“Non chiamarmi Olghetta mi fa cagare”.
“E come devo chiamarti?”.
“Chiamami Padrona” ordina zia mentre Teresa obbediente si è già messa in ginocchio nella posizione giusta.
Zia afferra una sedia, ci mette un piede sopra per porgerle meglio la patata. Teresa senza farsi problemi le ficca la lingua dentro.
Vedo zia che gode ed è un bellissimo spettacolo che eccita anche nonna. Meccanicamente mi ha preso in mano il cazzo e mi sega.
Dopo qualche minuto zia gode. Una cascata di sbroda... Teresa beve tutto.
Noi ridiamo. “Ci siamo fatti la schiava” sussurra mia nonna mentre il mio cazzo le sta diventando di marmo fra le mani.

Rispondo solo a commenti in privato
Badwriter2017@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 6 2 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.