Il funerale (George e Teresa 7/7)

Scritto da , il 2020-05-15, genere orge

Una giornata triste. È morta la signora Malvina, amica delle nonne oltre che una delle tante tardone che mi sono sbattuto.
Neanche una settimana fa la montavo a pecora nel culo che era un piacere e adesso, poverina è morta. Ci mancherà tanto, soprattutto alla sua amica Ceresita con cui aveva un rapporto saffico piuttosto perverso.
Comunque sia bisogna andare al funerale. Ci vuole andare nonna, ci vuole andare ovviamente zia Olga e si aggrega anche mia zia Maria che pare le fosse molto amica. Lasciamo perdere quanto le fosse amica per non dover cercare peli di fica di Malvina sulla lingua di Maria... la cosa non mi stupirebbe.
Infine arriva anche Teresa che ci dice che vuole unirsi al funerale.
Ora la cosa crea un piccolo problema perché i nipoti di Malvina la faranno seppellire in un paesino a duecento chilometri da qui quindi bisogna programmare un lungo viaggio in auto.
In quattro già saremmo stati stretti nella 500 di zia Olga, figuriamoci in cinque con culone di Teresa a fare da contrappeso.
Per fortuna ci viene in soccorso Marisa, la figlia di Adelma che ci presenterà la sua Audi SW. non nuovissima ma comunque accettabile e spaziosa.
Così la mattina del funerale vado a casa delle due a ritirare il veicolo e, come immaginavo, le trovo già belle e pimpanti decise a rendere proficua la mia visita. Adelma infatti mi accoglie sulla soglia di casa completamente nuda mentre Marisa con indosso un collant bianco e basta è ai fornelli e prepara il caffè.
La doppia scopata è inevitabile quanto gradita e mi ripasso prima la madre davanti e dietro e poi la figlia sforacchiando adeguatamente il collant quindi concludo facendole sedere sul divano e in piedi davanti a loro le inondo di sperma dai capelli al collo.
Le due vecchie bagasce ringraziano, io ringrazio loro anche perché stamattina non mi ero ancora svuotato le palle, prendo le chiavi e con la macchina torno a casa.

Appena arrivo nonna e zia sentono il motore ed escono di casa. Avendo perso quasi un ora a inculare Adelma adesso è già ora di partire.
Zia Olga si avvicina alla macchina. Gonna nera sopra al ginocchio, camicetta verde scuro con scollatura vertiginosa, calze nere e scarpe tacco 12 sempre nere. Solo a guardarla su quei tacchi mi viene già duro.
Poi esce nonna. Vestito nero intero lungo appena sopra al ginocchio, calze nere e anche lei con un bel tacco.
Entrambe ben truccate con le bocche piene di rossetto emanano un odore di profumo assurdo come se avessero fatto il bagno nella colonia.
Nel frattempo, da casa, sbuca Maria, l’altra mia zia che ci ha già raggiunti. Gonna grigia molto corta, camicetta nera di seta, calze nere e tacchi.
Manca solo quel troione di Teresa che sentiti i rumori si precipita fuori casa e si avvicina avvolta in un pelliccione di gatto ridicolo sotto cui spuntano solo le gambe fasciate in un paio di calze a rete e scarpe nere con un piccolo tacco.
“Sembra una battona” mormora mia nonna.
“Lo è” sorride zia.

Prendiamo posto in auto. Zia Olga davanti a fianco a me, dietro nonna a destra, Maria a sinistra e Teresa in mezzo a cavallo del tunnel centrale della macchina che la obbliga a tenere le gambe aperte.
Neanche a dirlo così facendo la sua gatta pelosa è in bella vista.
Come se non bastasse zia Olga seduta accanto a me col suo giunonico corpo ha già le giarrettiere in bella vista sotto alla gonna che si è subito alzata e le pere che quasi sbordano sotto alla camicetta sobbalzando a ogni dosso.

Stiamo viaggiando da un po’, io concentrato sulla guida mentre le quattro parlano del più e del meno quando mi accorgo che nonna in silenzio sta ravanando sotto alla gonna con la mano.
“Che fai nonna ti annoi?” chiedo.
Lei colta in fallo tira fuori la mano da sotto la gonna completamente coperta dei suoi liquami.
“Mi rilassavo un po’” dice.
“A te la sgrillettavi” ridacchia Teresa.
“Ei ma che brutte parole. Si dice farsi le carezze. Modera il linguaggio” la ammonisce Maria.
“Comunque non è una brutta idea. Anche a me andrebbe” dice Olga sorridendo.
“Allora tiriamocene uno tutte ragazze” propone Teresa.
“Ho giusto questo due” dice Olga facendo uscire due vibratori dalla borsa.
“Piccoli ma efficaci” giudica Teresa.
“To allora prendine uno” dice zia dandole un vibratore e tendo per se l’altro che con un paio di contorsioni sul sedile si fa scivolare sotto alla gonna. Con un paio di gemiti intuisco che se lo sta ficcando dentro mentre mi guarda e chiede “per te va bene George?”.
“Si si fate pure non c’è problema”.
“Purtroppo ho solo questi due” dice zia.
“Io ho io mio cara” sorride Maria e fa uscire dalla borsa un cazzo di plastica rosa da 20 cm.
“Che bella nerchia” ride Teresa guardandolo mentre si è già ficcata il vibratore di zia nella fica.
“Mi spiace Norma ho solo questo” dice Maria rivolta a mia nonna.
“Tranquilla, preferisco con le dita” risponde lei e torna al suo lavoretto..

È così mentre viaggiamo a 130 all’ora in autostrada ho in sottofondo la colonna sonora di queste quattro fiche umide che sciacquettano a colpi di dildo e di dita, senza contare i gemiti sommessi che le quattro troie si lasciano scappare mentre godono.
Come se non bastasse, piano piano le gonne si alzano, la pelliccia di Teresa si spalanca rivelando un vestito leopardato che fa tanto battona e che non riesce a tenere le sue bocce che presto schizzano fuori seguendo il ritmo della masturbazione.
Stessa cosa per Olga a cui ben presto saltano fuori le pere in tutta la loro bellezza.
Sono duro al massimo.
“Signore non per dire ma se passa una macchina lo vede che avete le pere al vento. Che ne dite se ci fermiamo un attimo? C’è giusto un’area di sosta più avanti.
“Ottimo” ammicca Olga che dimostrandomi di avere già capito le mie intenzioni mi fa una carezza sull’inguine.

È così siamo fermi. Le quattro scendono e le faccio poggiare sulla macchina una fianco all’altra con le gambe belle larghe e il sedere bello teso. Le gonne cadono, i vestiti si sollevano fino alla vita ed ora ho davanti questo paradiso di culi e gambe inguantate nel nylon.
È bellissimo, posso subito saltare addosso a zia, incularla e al contempo strizzare le natiche a nonna e Teresa, poi estrarlo quando sono sazio, inculare subito Maria è sempre tenere una mano per culo alle altre è così via fin che non ho finito la fila sia in andata che in ritorno.
Poi passo alle fiche deciso a tapparle tutte e quattro per un altro po.
Le quattro godono a squarciagola dietro a quelle siepi, solo Olga pare preoccupata e guarda l’orologio. “si sta facendo tardi...”.
“Sto finendo zia” dico mentre sto prendendo a pecorina la nonna.
“Sbrigati sborrone” insiste lei.
“Allora datemi una mano” dico io.
Detto fatto Teresa mi ficca la lingua nel culo senza troppi convenevoli e lecca fino a stimolare il mio schizzo che invade la vulva di nonna con prepotenza.
Lo sfilo soddisfatto e piscio mentre la nonna chiede alle altre “chi ha un asciugamano o meglio ancora un lenzuolo?”.
“Madonna che sborrata” ride Teresa.
“Un fiume” commenta Olga mentre aiuta la sorella a pulirsi meglio che può.

Finalmente siamo al funerale. Un momento triste anche se non posso fare a meno di guardare un po’ le altre donne presenti in chiesa e devo dire che durante la processione al cimitero quellla fila di mature in calze nere e tacchi coi loro scorci di cosce ben tornite e quelle mammelle ancora così grosse mi da strane sensazioni davvero poco funeree.
Zia se ne accorge perché appena tumulata la salma mi sussurra “qui ne hanno ancora per mezz’ora se vuoi andiamo in macchina”.
“Vuoi farti una sveltina?” sussurro anche io.
“Perché tu no? Sembra che hai una banana in tasca”.
“Allora andiamo?”.
“Vai e aspetta, arrivo subito” ammicca Olga.

Il parcheggio del cimitero è pieno di auto ma non c’è nessuno.
Mi siedo sul sedile posteriore ben messo a cazzo teso e zia mi monta sopra così siamo faccia faccia o meglio faccia a tette. In questo modo può scivolare sul mio attrezzo, farselo entrare tutto dentro e al contempo vede alle mie spalle se caso mai si stesse avvicinando qualcuno.
Ci facciamo il nostro quarto d’ora fatto bene, sei orgasmi lei, uno io e poi scendiamo.
Suonano le campane. Abbiamo finito appena in tempo e ci possiamo rivestire mentre le altre donne da funerale. Saranno una quarantina di età compresa fra i 50 e i 90, quasi tutte in calze nere e gonna.
Zia nota come le guardo e mi sussurra “scommetto che te le faresti tutte vero?”.
“O si zia. Non mi ci far nemmeno pensare che mi torna già duro”.
“Non preoccuparti tanto abbiamo tutto il viaggio di ritorno per svuotarlo... “.
“Dici...”.
“Vedrai”.

È così ecco l’idea di Olga.
Lei che è l’unica ad avere la patente si mette alla guida mentre io mi siedo al centro del sedile posteriore senza pantaloni.
Le altre tre salgono in auto e una mi salta in braccio. La prima è Teresa che ha subito colto l’occasione.
La macchina si avvia, Teresa mi cavalca impalandosi a forza sul mio cazzo mentre io limono un po’ con nonna e Maria sedute ai mie fianchi.
Soddisfatta Teresa, le tre con notevoli contorsioni si scambiano di posto e, pur senza spogliarsi scivolano sul mio cazzo sempre duro e voglioso e mi cavalcano fino all’orgasmo.
Poi si scambiano ancora e ancora.... per tutto il viaggio.
Quando arriviamo a casa ho schizzato quattro volte e le tre faticano a reggersi in piedi con dolori alle anche, alle caviglie e alle fiche.
Teresa ci saluta e va verso casa zoppicando, zia Maria e nonna si buttano in due diverse vasche da bagno di casa nostra...distrutte.
Io e zia Olga andiamo a letto. Lei si è sacrificata a guidare per tutto il viaggio ed è giusto che adesso abbia la giusta ricompensa penso mentre la monto a pecorina con tutte le mie forze....

Questo racconto di è stato letto 3 2 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.