George in nylon 5/5

Scritto da , il 2020-04-22, genere incesti


È tarda mattina e dopo aver fatto una sana corsetta nei boschi sto tornando verso casa senza un percorso prestabilito quando mi rendo conto di essere proprio sotto casa di mia zia Mariuccia.
Lei è la sorella minore di mia nonna e come lei è altrettanto vacca tanto che mi si è concessa addirittura in un cimitero proprio sotto alla tomba del marito.
Solo a ripensare alle sue belle gambe sempre inguantate nel nylon già mi viene voglia è così suono il campanello col pisello già duro certo che gradirà la sorpresa. In particolare, chissà perché avevo una gran voglia di sesso anale. Portarla a letto e incularla a pecora con tutte le mie forze.
Purtroppo appena si apre la porta di casa sua le cose si mettono male perché mi apre Simona, mia cugina in seconda e figlia di Mariuccia.
Una bruttona zitella di 40 anni, grassa ma con le tette piccole, i capelli biondi corti che la facevano sembrare un maschio e anche il suo vestire sempre in pantaloni e maglioni non la rendeva certo attraente o interessante.
Neanche nei miei momenti più squallidi me la ero immaginata per fare sesso non eravamo mai stati nemmeno grandi amici. Sapevo che abitava in Liguria e ora era solo qui di passaggio ospite della madre per qualche giorno anche se, arrapato, mi ero scordato della cosa. Ora però col pisello che pulsa la delusione è doppia.
“Come mai da queste parti?” chiede secca.
“Niente passavo di qui e volevo farvi un saluto” dico io.
Intanto dalla cucina spunta Mariuccia con un bell’abito intero nero molto corto e mi sorride “O ciao caro. Lo prendi un caffè?”.
“Non si dice mai no a un caffè” annuisco io e così mi ritrovo seduto sul loro divano a fissare le gambe sexy di zia mentre Simona fissa me.
Facciamo giusto qualche parola di circostanza ma si sente che l’aria è pesante e che Simona non mi vuole fra i piedi così dopo una decina di minuti dico che devo andare, saluto e zia mi accompagna di sotto con la scusa che vuole chiudere il cancello a chiave.
Scendiamo le scale e appena siamo sul cancello sicura che la figlia non possa sentirci o vederci mi sussurra “Domani mattina non c'è, torna domani”.
“Non so se posso domani” dico.
Lei spalanca veloce le gambe e solleva un po' la gonna. Sotto non ha un bel nulla. La sua patatona calda mi fa un salutino di straforo e il mio cazzo risponde con adeguato sussulto.
Un validissimo argomento.
“Ci vediamo domani zia” strizzo un occhio.
Intanto Simona la sta già chiamando e lei mi dice un veloce ciao e corre via.
Mamma mia quanto è rompi palle questa cugina penso fra me e me allontanandomi. Faccio qualche passo e intanto, visto che ormai sono in tiro, mi ricordo che Alma non abita molto lontano. Pochi passi e posso tranquillamente andare a trovare lei certo che questa vecchia porcona che scopo da mesi non si farà troppi problemi ad aprire le gambe per una sveltina.
Camminando di buon passo sento forte la voglia di una sigaretta probabilmente per colpa del caffè che ho appena preso così allungo la mano verso il piccolo marsupio che tengo legato in vita quando vado a correre con dentro le poche cose che mi possono servire: le chiavi, l’accendino, le sigarette, dei chewing-gum...
Solo a quel punto capisco che non ho il marsupio.
Eppure sono certo che prima lo avevo perché ricordo bene che seduto sul divano mi dava noia. Chiaro che l’ho lasciato da zia Mariuccia.
Così torno indietro.
Sto già per suonare il campanello quando mi rendo conto che il cancello è aperto. La zia era così impegnata a farmi vedere la passera che ha probabilmente girato la chiave senza avvicinare bene la porta così ora è tutto bello spalancato.
Non voglio fare storie e suonare di nuovo così entro e attraverso il cortile sperando magari di poter entrare senza nemmeno incrociare mia cugina ma invece...
WOW!
Non posso credere ai miei occhi. Dio che troie!
Appena aperta la porta che da dritto al salotto le vedo. Mariuccia nuda con solo le calze autoreggenti e i tacchi e la figlia nudissima le sue tette piccole, la sua pancia burrosa, le sue gambe grasse al vento.
Simona mi da la schiena in piedi di fronte alla madre che seduta sul divano sta chiaramente leccando fra le sue gambe. Io vedo bene le sue chiappone bianche ed enormi e per un attimo penso anche che in fondo me la inculerei volentieri.
Mi avvicino senza far rumore e la sento sussurrare “Succhia puttana succhia”
Quindi la troia è lesbica penso e questo spiega anche perché aveva tanta fretta che andassi via.
Poi però faccio ancora un passo e la vedo meglio. La zia non sta leccando, sta succhiando. Penso a un cazzo di lattice o a uno straphon ma poi lei mi sente. Di scatto molla la madre, si volta e sorpresa....
Quello è un cazzo vero!
Piccolo (neanche la metà del mio) ma bello duro e scappellato.
Ecco perchè Simona era tanto brutta e poco femminile, semplicemente perchè non lo era affatto...
Simona era Simone.
Mariuccia sgrana gli occhi imbarazzata. Simona spavalda mi fissa con aria arrabbiata, le mani sui fianchi, tronfia è quasi orgogliosa del suo pisello duro.
“Ma si può sapere che cazzo vuoi?”
“Niente ho dimenticato il marsupio”.
“Sei venuto nel momento meno adatto”
“Si, certo, l’ho notato... E così abbiamo una sorpresina fra le gambe” la stuzzico io.
“E a te cosa te ne frega. Non vedi che ci stai rompendo i coglioni. Vattene e fatti i cazzi tuoi”
Io non ho nulla da perdere a tenerle testa e così scatto con le mie armi “Bhe a proposito di cazzi. Questo è un cazzo -dico calandomi secco la tuta fino alla ginocchia e facendo uscire la mia asta già parecchio dura - il tuo è appena appena un pisello”.
“Porca vacca che trave!” sbotta Simona cambiando espressione.
“E vedessi come entra bene nella gnocca di tua madre” aggiungo io.
Simona la fissa “Ti ha chiavata mamma?”.
Mariuccia sempre ad occhi bassi per la vergogna annuisce in silenzio.
“Perchè credi fossi venuto a trovarla. Volevo scaricare un po’ di sborra”.
A sorpresa Simona si volta e fa partire uno schiaffo in faccia alla madre “Brutta porca vai a chiavare in giro e non me lo dici”.
“Certamente non può togliersi la voglia con quel bonsai che hai tu tra le gambe” le faccio notare mentre il mio mega cazzo si rizza imponete davanti a lei. Vedo la rabbia e l’invidia nei suoi occhi, poi scuote e si avvicina. È a quel punto che, sorpresa delle sorprese noto che sotto al cazzo non ci sono i testicoli ma una fica...
Non posso fare a meno di allungare la mano sollevare il cazzo e guardare “Wow ma allora sei davvero una donna. Pensavo fossi solo un mezzo frocetto”.
“Non sono ne donna ne uomo. -spiega- Ho queste belle tettine, la fica stretta ma anche questo ingombrante attrezzo” dice lei mettendo la mano sulla mia per evitare che mollassi la presa dal suo cazzetto duro.
“E' una malattia si chiama ermafroditismo” si affretta a spiegare Mariuccia mentre ancora si massaggia la guancia indolenzita.
“Un piccolo segreto che è rimasto in famiglia” aggiunge Simona.
“Avete lasciato che tutti credessero che fosse solo una povera zitella per nascondere l'uccello”.
“Si -dice Mariuccia- per un po' è bastato questo per evitare che la gente la trattasse come un mostro ma poi...”.
“Poi?” chiedo curioso.
“Poi questo coso ha iniziato a tirare -spiega Simona massaggiandoselo vigorosamente- non bastava più farsi qualche bella sega. Mi tirava, la cappella era gonfia, volevo fottere, fottere, fottere.... E così una sera...”.
“E' venuta a svegliarmi e al buio...” arrossisce Mariuccia.
“Ti sei fatta i tuoi comodi... Certo capisco, mi pare naturale visto che faccio lo stesso con nonna e zia Olga”.
Ora sento che la cosa l’ha stuzzicata perché il cazzo è davvero durissimo e per gioco inizio a muovere la mano e la sego un po’.
“Mi sono sacrificata visto che era colpa mia. In fondo sono io che l’ho partorita così. Era mio dovere soddisfare le sue voglie”.
“E poi a giudicare dalla chiavata che ci siamo fatti l'altro giorno non devi poi aver faticato tanto a sacrificarti zia” la punzecchio io.
“In effetti è una gran troia” concorda Simona.
“Comunque il vostro segreto per me resterà tale state tranquille”.
“Grazie -dice Simona- sei davvero un amico. Non so come ringraziarti” e nell’indecisione mi mette una mano sul cazzo.
Guarda la madre “Su cosa aspetti vacca, fai il tuo dovere”.
“Ci penso io” scatta Mariuccia e prima che aggiungessi altro si era già accucciata terra tra le mie gambe scappellandomi ben bene il cazzo con la lingua.
“E' proprio una troia” sussurra Simona a cui sto ancora segando piano piano il pisello.
“Una di quelle che se ne prendono due insieme senza problemi” le suggerisco io.
“Si credo lo farebbe senza problemi” annuisce lei e sfilata la presa si avvicina alla bocca della madre cercando di infilarle in bocca anche il suo.
La vecchia fa un po’ fatica ma cerca di inghiottire più carne che può, sento il calore del pisello di Simona che si struscia al mio e della lingua di zia sulla cappella e godo alla grande. Ma ho troppa curiosità e non posso fare a meno di infilare una mano fra le gambe a Simona da dietro cercando il buchino della sua fica in cui lesto metto due dita.
“Cazzo ma sei vergine?”.
“Si”.
“Porca vacca che voglia di aprirti che mi viene”.
“Calma, calma adesso apriamo la vecchia stronza chiaro”.
“Ma certo, come vuoi tu” la assecondo io
“Dai forza troia smettila di succhiare e prendi posizione sul lettone grande” ordina Simona che non vedeva l'ora di fottere.

Così la vecchia troia in calze autoreggenti si mette in mezzo al letto sdraiata su un fianco, posizione perfetta per la nostra perversione.
Io nudo di fronte a lei posso agevolmente afferrarle le grosse tettone e strizzargliele per bene mentre il mio cazzo le scivolava dentro piano piano e, neanche il tempo di infilarglielo dentro per bene che già la figlia si stava facendo strada tra le sue chiappone molli.
Iniziamo a fotterla a tutta forza.
“dai troia tieni il rimo” la incita la figlia.
“Si chiavatemi, chiavatemi, sborratemi dentro tutti e due” ululava di piacere la zia
Chiaviamo come ricci, ad ogni colpo che Simona le da nel culo la madre sprofondava sul mio uccello impalandosi con ancor più forza.
Viene di brutto mentre bela il suo piacere con lunghi sospiri.
Eccitati sborriamo... quasi in sincrono riempiendo Mariuccia come una zampogna. Qualche pompata per svuotarci bene e siamo già e a porgere i nostri uccelli grondanti di sperma alla vecchia per una bella ripulita con la lingua. “E' piccolino ma ne spara parecchia” noto vedendo quanto sperma usciva dal culo della vecchia.
“Si in effetti è piccolo ma mi da una certa soddisfazione” si vanta Simona.
“L'unica a cui non dai soddisfazione è quella bella passerina che hai li sotto -insisto io- Davvero non hai mai avuto voglia di prenderne uno?”
“Mi sono sempre vergognata troppo per andare con un uomo vero... Qualche dildo però me lo sono messo”.
“E un cazzo vero non lo proveresti? Voglio dire, con me non avresti nulla da vergognarti ti pare?”.
“Davvero vorresti fottermi? Non scherzi? Non hai paura?”.
“Paura? Ma io sono arrapato come un toro altro che paura” e per dimostrarglielo le mostro che nonostante lo schizzo sono ancora bello duro.
Simona ordina alla madre di andarsi a dare una lavata. “Ora tocca a noi”.

Si mette a pecorina mostrandomi le grosse chiappe sode, quella pareva la posizione migliore per fotterla. Così, senza esitare ancora mi metto alle sue spalle e glielo ficco dentro piano piano.
“Ooooooo” tentenna lei sentendo per la prima volta il piacere del mio gigantesco cazzo che la apriva come una cozza.
“Fottimi, fottimi” sussurra.
“Ti fotto tutta troia, ti spacco la fica”.
Era piacevolissimo, pareva quasi vergine tanto era stretta. Me la stavo spassando come un porco mentre il mio cazzo entrava e usciva su e giù per il suo utero infuocato.
Simona non era certo da meno, anzi il suo piacere era doppio visto che la sentivo segarsi con una mano mentre la fottevo.
“e brava ti seghi e io ti fotto, sei proprio una porca”.
“Mi voglio fare una venuta doppia, sborrare col cazzo e venire con la fica assieme”.
“Sei proprio una perversa vacca da monta”.
“E allora tu fai il toro. Forza spaccamela, spaccamela tutta!”.
Non chiedevo di meglio....

Scopiamo per un tempo infinito e sborriamo assieme ancora una volta. Lei è ancora a pecora che riprende fiato quando torna Mariuccia, pulita e profumata e perfetta per quello che avevamo in mentre.
L'ultimo desiderio di Simona prima che tornassi a casa.
Facciamo mettere la vecchia a pecorina e Simona le si piazza dietro guidandoglielo piano piano nella fica. La figlia aggrappata ai suoi fianchi inizia a pompare come un montone schiaffeggiandole il culo e dando gran colpi di reni. Ciò che non aveva in dimensioni pareva volerlo compensare in porcaggine.
È il mio turno.
Mi metto dietro a Simona, le apro piano piano le gambe e glielo ficco dentro un altra volta.
“O si, eccolo, eccolo il trenino!” ulula Simona presa dalla doppia goduria di fottere ed essere fottuta.
“Il treno delle troie e tu sei la locomotiva vecchia puttana” urla alla madre che soffre e gode allo stesso tempo.
“Si, si spingi figliola spingi la locomotiva della mamma” sussurra senza fiato.
“Ti sfondooo” ulula Simona.
“Si, aprimi, sfondami, spaccami”.
“Arghhhh. Troiiiiiiiiiia!” strinse le reni Simona e erutta sperma un altra volta...
Io sono ancora intento a fotterla divertendomi come un matto e Mariuccia, grata, si scosta dal cazzo ormai molle della figlia e mi scivola alle spalle.
Un attimo dopo avevo la fica della figlia da fottere e la lingua della madre che mi lappava il culo.
Un piacere immenso.
“Ecco troie, sborro, sborro ancora...” sussulto
Eccitato prendo a pompare più forte mentre la lingua di Mariuccia mi entra nel culo sempre più in fondo.
Preso da una incontenibile perversione afferro con una mano il cazzetto di Simona strizzandolo con forza.
La lingua nel culo, il cazzo nella fica, il suo uccello in mano. Ero nel paradiso della perversione...
E sborro!
Una sborrata che avrebbe potuto riempire un secchiello e con cui faccio una bella lavanda vaginale a Simona.
“O che bello, direi che ora il minimo che possiamo fare è invitarti a pranzo vero mamma?” propone Simona.
“O si cara, pranzo e dopo pranzo” ammicca la vecchia che infatti dopo avermi riempito la pancia di spaghetti si farà dare ancora una bella ripassata da entrambi fin che Simona non si sarà ridotta il cazzo a uno straccio molle e logoro per il troppo fottere mentre io chiuderò in bellezza con una pecorina anale a cui Mariuccia non potrà sottrarsi.

Torno a casa stanco ma soddisfatto. Credevo di aver bisogno di un pisolino e così dopo essermi fatto la doccia mi sdraio comodo sul divano a guardare la tv.
Mia zia vedendomi tanto fiacco mi siede accanto curiosa di cosa mi fosse successo.
Le racconto tutto con calma e il risultato fu sempre il solito.
“A ecco perchè non cedeva” mormora la zia.
“Chi Simona....?”.
“Si ci ho provato tante volte ma non ha mai abboccato... Dubitavo che fosse frigida... Invece era solo vergogna”.
“Bhe non è una cosa che si va in giro a raccontare ti pare?”.
“Ma figurati. L'avesse detto che aveva un bel pisello avrei ben saputo io cosa farci”.
“Si zia, su questo non ho alcun dubbio” rido mentre Olga eccitata dalla storia non trova nulla di meglio che segarmi il cazzò massaggiarmi le palle finchè non torna abbastanza duro per farsi impalare per l'ennesima volta...
Mentre le sto venendo nel culo mi dice “Bisognerà che organizziamo qualcosa prima che Simona torni a casa. Una cosa di famiglia”.
“Si, ottima idea, chiudiamo la faccenda con Teresa e poi le invitiamo”.
“O si caro. È tutto pronto come volevi tu. Non vedo l’ora di passare all’azione con quella brutta stronza...

Non perdetevi la prossima avventura di George...
“George e Teresa”

Questo racconto di è stato letto 3 8 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.