Castrocaro terme

Scritto da , il 2020-04-11, genere etero


- Che faticaccia, oggi! – esclamò Federica affondando il coltello nella polpa succosa del quarto d’anguria che ballonzolava sul tavolo.
- Concordo, ma ne è valsa la pena – assentì Marco, mentre si portava alla bocca un generoso boccone di polpa zuccherina – abbiamo estirpato tutte le erbacce, legato le piante di pomodori, potato gli alberi da frutti, tagliato l’erba del giardino, abbeverato tutte le piante aromatiche…ho dimenticato qualcosa?
- Raccolto le uova e seminato girasoli e calendule. Domani potremmo goderci la vacanza al 100%.
- Io me la sto già godendo così. Stare al sole, all’aria pura, in mezzo a piante e fiori. E poi…è un piacere vederti in giardino o nell’orto vestita con il solo costume. Mi fai venire sempre brutti pensieri.
- Sei stato bravo a frenarli – disse la donna, sorridendo – e sei stato bravo a trovare questo casolare in questa zona e a così pochi soldi, a patto di curare orto e giardino del vecchio proprietario.
La casupola sorgeva su un bozzo che si elevava nel dolce digradare della collina vicino a Castrocaro. Dal fronte casa si poteva ammirare un vasto lembo di pianura che quella sera era offuscato dalla coltre di umidità, mentre alle spalle il pendio proseguiva la sua ascesa per un centinaio di metri e, giunti al culmine, permetteva di esplorare con lo sguardo per parecchi chilometri.
Il sole di inizio estate stava spandendo gli ultimi raggi e già i grilli frinivano a pieno regime accompagnati dalle rane, gracidanti nella vicina pozza alimentata da un ruscello che aveva incontrato un prato pianeggiante nel suo tranquillo corso verso la valle.
Dopo la doccia, la coppia aveva deciso di infilarsi un paio di pantaloncini e una maglietta e di consumare un’insalata caprese e l’anguria sul tavolo della veranda. Il crepuscolo stava scendendo e dipingeva il cielo con la varietà di colori caldi e cangianti che solo la natura sa rendere unici. Prima che le stelle comparissero, le lucciole avevano già cominciato a punteggiare i dintorni con la loro poetica luce intermittente.
- Adesso comincio a sentirmi bene – affermò la donna – il sole, oggi, aveva prosciugato tutte le mie riserve d’acqua. Hai visto che disastro abbiamo combinato? Guarda quanto succo e quanti semi stanno nuotando sul tavolo.
- Ci penso io, ma dopo. C’è una canna con l’acqua qui a fianco e né io né te abbiamo intenzione di dare la cera qui fuori, giusto? – domandò retoricamente Marco – ma adesso alzati per favore: è tutto il giorno che le tue tette riempiono i miei occhi e non ho fatto nulla per soddisfarli.
L’uomo si alzò dal suo posto, prese per mano Federica e la fece appoggiare al tavolo, di fronte al prato. La baciò sulle labbra e con le mani iniziò a sbottonarle i pantaloncini in jeans, facendoglieli cadere attorno alle caviglie. Poi si accucciò e abbassò gli slip fino ai piedi. Tolse gli indumenti, si alzò e la guardò negli occhi mentre le sue mani percorrevano la schiena fino a incontrare l’attaccatura dei glutei. Si spostarono poi sui fianchi, mentre le loro lingue guizzarono fameliche nelle bocche unite dal desiderio irrefrenabile. Le dita dell’uomo danzarono sui fianchi e sul ventre, volarono lievi fino al ginocchio e di lì risalirono delicatamente lungo l’interno cosce. Le sensazioni che quella carezza procurarono al corpo di Federica furono la chiave per aprire le gambe e mettere la propria femminilità alla portata di quella eterea carezza.
Quando le dita sfiorarono le sue labbra già roride di miele, Federica si tolse dalla bocca dell’uomo per sospirare di piacere.
Marco allora rimase a guardarla, mentre le sue labbra si dischiudevano, rivelando il biancore dei denti. I genitali della donna erano tasti che le dita dell’uomo suonavano in un’appassionata, struggente sonata al chiar di luna.
Federica, accaldata dalla passione, si denudò del tutto, lanciando la maglietta verso la sedia e appoggiano i palmi della mano sul tavolo fradicio di succo d’anguria. Marco, vedendo i seni sodi e grossi della donna, non perse altro tempo.
Prese due sedie e le avvicinò alle gambe della donna, invitandola ad appoggiare sopra i piedi. Con il sesso completamente a disposizione, si abbassò e infilò d’imperio la lingua tra le labbra rosee, facendo gorgogliare di piacere la donna che rovesciò la testa indietro. Mentre la lingua frugava ogni meandro della vagina, le mani dell’uomo si impossessarono dei seni e li massaggiavano dapprima delicatamente e poi con sempre più ardore.
Quando le sue dita afferrarono i capezzoli e li stropicciò, Federica non ebbe alcun freno nel chiedere con veemenza:
- Scopami!
Marco, sorridendo, la accontentò subito, ma volle portare allo spasmo la propria donna strofinando a lungo il suo glande duro e liscio contro le labbra gocciolanti di umori.
- Sei crudele – commentò la donna, scossa dalle contrazioni che il contatto del cazzo e delle mani, mai ferme, le scatenavano.
- Sì. Lo so. Ma pensa al piacere devastante che partirà tra poco da qui e ti esploderà nel cervello.
Così dicendo, spinse il proprio membro fino in fondo e rimase quasi immobile, limitandosi a roteare il bacino di pochi gradi e a sfiorare con un dito il clitoride gonfio della donna che stava muovendo la testa per le ondate di piacere che partivano in momenti successivi dal suo ventre.
Quando il mascalzone iniziò a entrare e uscire con più enfasi, Federica si sdraiò sul tavolo e, per farsi penetrare meglio, sollevò le poderose cosce sulle spalle di Marco che non ebbe remore a usarla come una femmina.
Quella sera, a grilli e rane, si unì anche il cadenzato sciacquettìo del membro che stantuffava nel sesso femminile, in sincronia con la schiena che invece scivolava avanti e indietro sul succo d’anguria.
Bastarono pochi minuti e l’urlo liberatore di Federica echeggiò nella notte, facendo zittire gli animaletti che stazionavano nei pressi della casa.
Marco rallentò e attese di vedere la donna aprire gli occhi.
- Sei una bestia – furono le prime parole che pronunciò – e tu non sei ancora venuto. Dovrò soffrire di nuovo in questo modo?
- Non mi pare di vedere sul tuo viso le contrazioni della sofferenza – sorrise l’uomo – ma su una cosa hai ragione: non andrò a letto senza aver toccato il cielo anch’io.
- Mi spiace chiedertelo adesso, ma ho urgenza di fare pipì e vorrei che mi lasciassi andare in bagno.
- Siamo in campagna e tu vuoi rientrare in casa gocciolando succo appiccicoso? Non se ne parla nemmeno. La fai qui, dal tavolo!
- Maddai! Mi vergogno a farmi vedere da te. Fammi andare almeno in giardino.
- No. Io mi sono tolto e spostato. Finché la fai, mi metterò al tuo fianco e guarderò i tuoi occhi, ok?
- Ok. Vieni qui, mostro di perversione!
Marco la baciò e la guardò negli occhi mentre uno scroscio argentino irrorava il pavimento. Quando finì, Federica chiede un kleenex che stava nei pantaloncini in jeans.
- Neanche per sogno. Ti asciugo io.
- Marco no, per favore. In questa posizione sono fradicia di pipì e non mi piace che tu mi lecchi così.
- Tesoro bello, con tutta l’anguria che hai mangiato, hai espulso acqua zuccherata. Fidati.
Senza lasciarle tempo di riflettere, l’uomo si intromise tra le gambe e la leccò a fondo, più volte. La rassicurò dopo le prime 2 leccate.
- Avevo ragione io. Non sa di niente. Acqua e miele: sei ancora fradicia per l’orgasmo.
Uno starnuto improvviso fece spruzzare un po’ di pipì sulla lingua dell’uomo e rendendosi conto di questo, Federica si alzò seduta mortificata e imbarazzata.
- Oddio! Scusami, amore, non volevo farti questo, ma sono sudata e la brezza di sera mi ha raffreddato un po’.
- Ti ripeto che stai espellendo acqua. E se ti rincuora saperlo, non ho bevuto nulla ma ho lasciato che colasse fuori assieme alla saliva. Visto che ti stai raffreddando, entra subito in bagno a farti una doccia calda. Io lavo qui e ti raggiungo poi.
Federica si tolse alla buona il succo che le impiastricciava la schiena e il culo e poi ubbidì.
Marco lanciò le bucce d’anguria verso il composter posto a lato del garage e con la canna dell’acqua lavò tavolo e pavimento, spazzando sul prato succo e semi.
Raggiunse la doccia quando Federica ne stava uscendo, avvolta da un candido accappatoio.
Si deterse con cura sotto l’acqua tiepida e poi la raggiunse sul letto, dove si era adagiata supina.
Marco lanciò l’asciugamano sulla sedia, appoggiò i piedi sul fondo del letto e si sedette sopra. Prese in mano un piede della donna e constatò che erano freddi. Lo alzò verso la propria bocca e prima che Federica protestasse, le baciò il collo del piede. Poi con la lingua calda e umida scese verso l’alluce e lo succhiò, come se fosse un piccolo fallo. Ripeté l’operazione con tutte le altre dita e poi curò allo stesso modo l’altro piede.
- Sei un monello. Nessuno mi aveva fatto questo e mi hai fatto tornare la voglia.
- È quello che volevo. Apri le gambe e accoglimi, tesoro bello.
- Sono tua!
Marco stavolta entrò senza tante cerimonie e spinse fino in fondo. La libidine che aveva trattenuto fino a poco prima sgorgò impetuosa e gli assalti con cui prese la compagna erano straordinariamente energici e frequenti.
Il letto cigolava sotto le spinte e in sincronia con i colpi, la donna gemeva per il piacere. L’aumento delle penetrazioni fece intuire a Federica che ormai il suo uomo era prossimo all’orgasmo e lo incoraggiò spudoratamente.
- Dai dai dai. Vieni dentro di me. Fammi sentire gli schizzi bollenti del tuo sperma. Non preoccuparti per me. Prendo la pillola.
Così incoraggiato, Marco si lasciò andare a una serie di urla liberatorie e riempì la vagina del proprio seme.
Spossato dal piacere e dalla fatica, si adagiò sul corpo morbido della donna e tentò di recuperare la normalità, ma non fu facile.
- Dovresti toglierti di lì – suggerì a bassa voce la donna – altrimenti gocciolo tutto sul lenzuolo. Io non sono venuta per la seconda volta come promesso. Come pensi di fare? È tardi per pensare che tu possa tornare in forma in tempi ragionevoli.
- Hai ragione, amore bello – rispose Marco – e quindi faremo il giro della morte.
Federica sorrise: capì immediatamente cosa aveva in mente il suo perverso amante.
Marco si sfilò da lei e la invitò a tenere chiuse le labbra del sesso. Si distese sul letto, portando la testa verso i piedi della donna e questa invece si posizionò a 69 sopra di lui.
Si erse sul busto mentre posizionava la figa sulla bocca di Marco, liberò le labbra, si abbassò verso il ventre dell’uomo e si dedicò a pulire con la lingua il sesso fradicio di sperma e umori.
Marco intanto infilò la lingua tra le labbra grondanti crema bianca e iniziò a muoverle velocemente, mentre con le mani accarezzava le natiche generose di Federica e spingendosi ogni tanto a solleticarle l’ano o il clitoride.
Lo sperma colava copioso in bocca e ogni tanto l’uomo dovette deglutire rumorosamente.
- Domani lo voglio io – commentò la donna – non è giusto che te lo tenga tutto tu.
- Lo stai già assaggiando – replicò – non credo che il mio cazzo sia bagnato solo dei tuoi umori.
- È vero, ma tu ne stai bevendo di più e questa cosa mi eccita da impazzire!
Il bacino iniziò a muoversi in modo articolato finché gli scossoni dell’orgasmo non terminarono.
Federica, una volta acquietata, si girò e avvicinò al volto di Marco, lucido dei loro umori. Lo baciò su entrambe le guance e poi sulla bocca. Labbra, lingue e umori organici si mischiarono e si fusero come i loro corpi e i loro spiriti.
Spossati, si limitarono a pulirsi il viso con una salvietta umida e poi si sdraiarono, uno di fianco all’altra, con la mano di lui che si impossessò di un seno.

Questo racconto di è stato letto 1 5 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.