Erotici Racconti

Mia sorella Marika

Scritto da , il 2018-10-09, genere incesti

Prima di iniziare questa storia, ci tengo a dirvi che tutto quello che leggerete è frutto di una storia realmente accaduta.

È iniziato tutto nel luglio del 2016, all'ora avevo da poco compiuti 19 anni, ed era già da diverse settimane che mi passavano per la testa alcuni pensieri sessuali su mia sorella e non potevo fare a meno di chiudermi in camera e segarmi su di lei.

Vi descrivo fisicamente mia sorella: Mia sorrella si chiama Marika è alta 1.72, capelli biondi e lisci, ha una 3° abbondante di seno e un bel culo tondo e ben definito.
Io invece mi chiamo Michele alto 1.83, capelli castani e un fisico abbastanza definito da 3 anni di palestra.
Finite le presentazioni passiamo ai fatti.

Era una calda settimana di luglio e io ero nella mia camera disteso sul letto. A un certo punto entra nella mia camera Marika in mutande e reggiseno, chiedendomi se per caso avevo preso le sue cuffie per il telefono, io risposi di si e che le avevo messe nell'ultimo cassetto della scrivania che si trova di fronte al mio letto. Appena lei si chinò per prendere le cuffie dal cassetto vidi in tutto il suo splendore il culo di mia sorella facendo diventare il mio cazzo duro in pochissimi istanti. Appena mia sorella usci dalla mia camera per entrare nella sua io aspettai qualche minuto e andai in bagno a cercare le sue mutande nella biancheria sporca, presi un paio di mutande che aveva appena cambiato e mi chiusi in camera per segarmi.

Il giorno dopo verso le 15 i nostri genitori uscirono per andare a fare compre, cosi rimasi solo con mia sorella. Anche quel giorno presi le sue mutandine e andai in camera a segarmi. Dopo circa 4/5 minuti mia sorella si presentò senza preavviso aprendo la porta della mia camera (che con la fretta avevo dimenticato di chiudere a chiave) rimase a guardarmi per qualche secondo poi mi disse " Michele fai schifo!... ti stavi segando sulle mie mutande!" Io essendo stato colto alla sprovvista ero talmente imbarazzato che rimasi muto. Marika rimase ancora qualche secondo a guardarmi, si avvicinò e si sedette sul letto vicino a me e disse " michè ma cosa ti è preso, siamo fratelli sai che non possiamo" a quel punto visto che mia sorella aveva capito che volevo avere un rapporto con lei le spiegai tutto " Marika è da qualche settimana che ho questi pensieri su di te e non riesco a controllarmi" lei " lo so l'ho intuito dal fatto fatto che continui a fissare le mie tette e il mio culo" io " ti chiedo solo un favore" lei "dimmi" " me la faresti un sega? I nostri non ci sono e visto che ti ho confessato c'ho che provo... beh sai" portai la sua mano sopra i miei box e lei disse " ma che cazzo fai?" "Marika ti prego fammi una sega" "no Michè non possiamo", avevo il cazzo duro come il marmo e il cuore a mille. Dopo aver passato diverso tempo a cercare di convincerla Marika un po sconcertata cominciò a massaggiarmi il cazzo da sopra le mutande " dai segami ti prego, non mi trattengo piu" successivamente mi tolse le mutande e cominciò a segarmi lentamente. " Michele quello che stiamo facendo è sbagliatissimo dobbiamo fare in modo che questa cosa rimanga tra me e te perche se lo vengono a sapere mamma e papa ci ammazzano." Disse lei " certo sarà il nostro segreto". A quel punto Marika prese piu sicurezza e comincio a segarmi piu velocemente, si tolse anche il reggiseno dando libertà alla sua 3° abbondante, li il mio cazzo era veramente in difficoltà e dopo 10 minuti che continuava a segarmi decise di prenderlo in bocca ma siccome ero già al limite dopo i miei 5 minuti in solitario e gli altri 10 segato da mia sorella dopo la prima succhiata le venni in faccia. Una sensazione bellissima, finalmente ero riuscito a farmi fare qualcosa da mia sorella. Dopo la sborrata in faccia mia sorella mi disse " beh almeno potevi avvertirmi che stavi venendo no? Vabbe vado a farmi la doccia zozzone ( detto con una risatina). Io le dissi " potevi risparmiarti anche la scenetta dell'innocente, sicuramente ti è piaciuto moltissimo" lei " beh si dai non posso negarlo, peccato che è finito sul momento piu eccitante almeno per te"

Questa era la primissima parte del rapporto con mia sorella, se volete che continui la storia fatemelo sapere commentando sotto al racconto e magari ditemi su cosa devo migliorare nel raccontare i fatti.

PS: non ho mai scritto racconti del genere quindi qualche consiglio è ben accetto.

Questo racconto di è stato letto 1 5 5 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.