Triangoli rettangoli - I parte

Scritto da , il 2020-04-13, genere bisex

Finalmente l'estate è giunta. Morgana, da poco separata da un marito noioso e disattento, si gode i suoi quarantacinque anni sdraiata sotto l'ombrellone a gioire della brezza marina che smorza il calore irradiato dalla sabbia bollente.
Una coppia di uomini sta giocando a carte nella postazione davanti alla sua. Il loro atteggiamento complice e il loro chiacchiericcio sommesso fanno supporre che siano gay. Curati nell'aspetto, fisico tonico, abbronzati, ma non bruciati dal sole, giovanili all'apparenza, con qualche pelo grigio che li rende maledettamente interessanti.
Pensieri poco educati fanno capolino nella sua mente, ma subito vengono soffocati dall'impossibilità che si possano avverare. Due uomini così affiatati e così belli sicuramente non cercano compagnia femminile della sua età.
È una vera sorpresa quando uno dei due si allontana dallo sdraio chiedendo all'amico cosa desidera al bar e, fermandosi davanti a lei, domanda se può offrirle qualcosa di fresco.
- Un caffè freddo, grazie - risponde con voce insicura.
Il ghiaccio è rotto e il resto della giornata passa con piacevoli conversazioni a tre. Il modo di fare dei due uomini non è effeminato, eppure sente che tra loro c'è un forte legame interiore. Quando il sole spande la sua luce arancione scuro, spingendo i bagnanti ad abbandonare la spiaggia, l'invito a cena è inevitabile per poter proseguire con le chiacchiere.
La donna sarà ospite presso la loro casetta che sorge poco lontano, isolata e con un sentiero che conduce dalla pineta alla spiaggia.
Rientrata in albergo, Morgana si concede una doccia meticolosa e sceglie con cura abiti, trucco e gioielli. Abbandonata la strada principale, la donna si fa incantare dalla magica atmosfera delle ciotole di cotto colme di cera i cui stoppini accesi illuminano il percorso che dal mare porta alla loro dimora, ulteriore riprova della sensibilità dei due amici verso i dettagli.
Il tavolo è apparecchiato fuori, con ceri di citronella che illuminano caldamente la veranda e tengono lontane le zanzare. La cena è squisita, il vino pure, la compagnia superba. La veranda dà verso il mare ed è invisibile da tutti gli altri lati. Stanotte non c'è luna e, spenta la lampada artificiale, solo il fioco saltellare delle luci delle candele accompagna il gelato e il caffè.
Sergio rompe gli indugi: si avvicina a Morgana, le porge la mano per farla alzare e poi, mentre le indica il mare buio punteggiato dalle luci verdi e rosse dei pescherecci, la bacia delicatamente sulle labbra. Luca, il suo amico, resta immobile solo per il tempo necessario che Sergio termini il bacio e poi appoggia le sue mani sui suoi fianchi. Nel contempo le sue labbra si appoggiano alla base del suo collo.
Il sedere femminile sfiora il turgore dell'uomo dietro di lei, mentre Sergio lentamente le sbottona la camicia.
C'è molta naturalezza in tutto ciò. Nessuna brama animalesca, nessuna malizia, né morbosità accompagnano quei gesti. Nessuna remora a lasciarsi fare e Morgana non oppone nessuna resistenza.
In pochi minuti si ritrova completamente nuda nelle mani dei due uomini che a turno si sono levati la camicia. I pettorali di Luca sono addossati alla sua schiena e le tette della donna sono schiacciate dolcemente dai muscoli torniti di Sergio. I loro sessi premono attraverso il cotone dei pantaloni e lei non perde tempo a farli uscire per sentire sotto la sua pelle il loro furore erotico.
Li afferra entrambi con le mani e li massaggia. Si siede sui talloni e li porta entrambi alla bocca. La sua lingua si muove frenetica attorno alle aste e si sposta a rinfrescare le palle che si muovono gonfie, all'interno degli scroti depilati.
Stringe le labbra mentre ingolla il primo cazzo, scappellando lentamente e facendo gemere Sergio. Lo stesso giochino lo ripete sul membro di Luca che non resiste alla tentazione di definirla "meglio di una professionista".
Il duplice pompino prosegue con immenso sollazzo di tutti e tre, ma Sergio decide di cambiare gioco.
La prende per mano e la trascina verso una brandina che stava in giardino.
Si sdraia sopra e la fa salire sul suo cazzo eretto.
Con un sospiro e un gridolino di soddisfazione lo accontenta. Luca si presenta davanti al suo viso e il messaggio è inequivocabile: apre la bocca e lo accoglie.
Inizia una serie di mugolii e sbattimenti di corpi che si ferma solo per il tempo necessario affinché i due maschi si invertano nei ruoli. Adesso è Sergio a farsi succhiare il cazzo intriso dei suoi umori. Lei non si pone nessun freno e succhia come una invasata.
L'orgasmo la scuote a sorpresa, ma i due uomini non smettono di possederla. Luca le afferra le tette e inizia a massaggiarle energicamente. Le sue dita di tanto in tanto afferrano i capezzoli e li torcono, con un'intensità tale da mandarla in orbita, senza però farle eccessivamente male.
Sergio mugola come un animale e geme. Il momento è arrivato. Il suo glande si gonfia dentro la bocca femminile e schizza fiotti densi e abbondanti di sperma. Morgana ingoia, ma il seme è eccessivo e qualche goccia scivola dalla sua bocca, cadendo sulle labbra di Luca, rimasto sotto a guardare la scena.
- Eh no! devi smetterla di farti ingoiare la sborra quando sono giorni che non scopi! Sai che è sempre tanta e nessuno riesce a tenerla in bocca tutta. Adesso mi sono stancato! - sbotta Luca.
Morgana rimane a bocca aperta quando Luca si sfila da lei, si alza e costringe Sergio a mettersi in ginocchio per fargli un pompino.
L'uomo non risparmia l'amico e lo penetra fino in gola, scopandolo come se dovesse fare sesso con una donna.
Lei rimane seduta sulla brandina, ipnotizzata dallo spettacolo inatteso.
Vede che la faccia di Luca inizia a trasformarsi fino a esprimere tutta la lussuria in un urlo liberatorio, mentre Sergio, a labbra serrate, accoglie lo sperma che schizza in bocca.
Poi, riavutosi un istante, mentre il cazzo si sta lentamente afflosciando in bocca all'amante, Luca si rivolge all’ospite, sorridendo:
- Tesoro: Sergio è restio a ingoiare, ma visto che a te piace tanto, perché non vai a baciarlo?
La donna non perde un istante e avvicina la bocca alla sua. Quando il sesso di Luca si sfila dalle loro labbra, Sergio incolla la sua bocca a quella della donna e le versa il liquido d'amore che galleggiava nel cavo orale.
Mentre Morgana ingoia, pensa che tra qualche minuto sarebbe intrigante ammirarli mentre fanno sesso tra loro: è una cosa che non ha mai visto, ma che adesso la stuzzica un sacco.
La donna ride per il finale inaspettato di quella che pensava essere un'orgia etero a tre e invece l’ha vista attrice e spettatrice di uno spettacolo bisex.
Il caldo si fa sentire e Sergio, con la gola che raschia per qualche goccia di seme che gli è scesa, propone di tagliare un'anguria fresca.
L'idea è fantastica. Si ritrovano tutti attorno al tavolo, nudi e liberi da ogni inibizione e tagliuzzare pezzi di polpa rossa e succosa, a ridere e scherzare.
Luca fa notare che gocce di succo sono colate sulle sue tette e invita Sergio a ripulirle. Lui si alza dalla sedia, la solleva di peso e la fa sdraiare sul tavolo fradicio di succo. Poi prende una fetta intera di anguria e la schiaccia sui seni e sulla pancia. Solo allora inizia a leccare il succo, aspirando sonoramente come se fosse una pompa idraulica aspirante.
I floridi globi di carne finiscono nella sua bocca e i capezzoli, inturgiditi dalla polpa fredda, sono stimolati dalla sua lingua calda e dura che li liscia e li eccita.
A Luca viene in mente un gioco nuovo: apre le gambe della donna e le labbra, stacca una bella dose di polpa e la infila nel sesso. Poi preme sui tuoi fianchi e fa sgorgare il succo dalla vagina.
La sensazione di frescura al sesso è stimolante e ancor di più è sentire la lingua dell'uomo che si intrufola dentro a suggere il miele sessuale mischiato con il succo zuccherino.
Morgana si lascia leccare e succhiare finché l'orgasmo la scuote nuovamente. Appagata, chiede, con gli occhi sognanti:
- Fareste l'amore tra voi, davanti a me?
I due uomini si guardano e sorridono.
Si sdraiano sul pavimento a 69 e iniziano a spompinarsi l'un l'altro. Lei si solleva e si mette a sedere sul tavolo con i piedi appoggiati a due sedie, a gambe larghe e con un dito che inizia a stimolare il clitoride.
Non pensava che vedere due uomini atletici che godono tra loro fosse così stimolante. Nota che il loro sesso orale è più virile che sensuale. I movimenti di labbra e bocca sono decisi, energici, con spinte vigorose dei sessi fin dentro in gola.
Luca smette e invita il compagno ad alzarsi. Si sistema di profilo rispetto a lei, prende una poltrona in midollino e si inginocchia sulla seduta, con gli avambracci appoggiati allo schienale.
Sergio si allontana per pochi secondi, giusto il tempo per afferrare un flacone di gel lubrificante, spalmarlo sul cazzo turgido e luccicante di saliva e appoggiare la cappella violacea allo sfintere pulsante di Luca.
Quest'ultimo si gira verso l’ospite affinché possa vedere l'effetto della penetrazione attraverso le smorfie di dolore e piacere del viso.
Il dito medio della donna ora va a cercare i punti più stimolanti all'interno della vagina e ben presto l'indice va a tenergli compagnia.
Una volta che il cazzo di Sergio è completamente entrato nel corpo di Luca, inizia una lenta, ma inesorabile serie di penetrazioni che con l'andar del tempo aumenta di ritmo.
Lei intuisce che sono sessualmente molto attivi perché mai avrebbe immaginato di udire gemiti di piacere con una serie di colpi così forsennata.
- Fermati adesso...tocca a me – disse l’uomo penetrato con voce ansimante.
Sergio si sfila e si sdraia sul divano, a schiena in giù, con le gambe in aria. Luca copia l'amico nel lubrificarsi il membro e poi entra nel suo retto con più brutalità.
Non passa molto tempo dall'istante in cui il cazzo si adegua al corpo che lo ospita al momento in cui Luca inizia a sfondare il culo dell'amico.
Intuisce che forse Sergio è più masochista e Luca ne approfitta spudoratamente. Ormai Morgana è fuori da ogni controllo: scende dal tavolo e si avvicina per ammirare un primissimo piano di quello che sta accadendo.
Il membro di Sergio è turgido e pulito, nonostante sia stata sfilato dal retto di Luca. Per una mera questione di igiene, prende una salvietta bagnata, lo strofina con cura e se lo mette in bocca.
L'uomo mugola di piacere mentre la sua lingua avvolge il glande e gli lambisce le palle. Con la coda dell'occhio, la donna osserva il gran sbattimento che Luca riserva all'amico, accompagnato dal sonoro schiaffo che i suoi testicoli fanno risuonare quando si schiantano sulle natiche di Sergio.
Un gorgoglio di piacere sincero accompagna le dolci gocce di sperma appena prodotte che si depositano nella sua bocca.
Succhia il liquido saporito finché il membro non inizia ad ammosciarsi.
Luca intanto aumenta i sospiri e il momento del piacere è prossimo a manifestarsi.
- Succhiamelo, ti prego! - è la sua preghiera e lei acconsente.
Il cazzo paonazzo sguscia dall'ano di Sergio e finisce tra le mani femminili, amorevolmente deterso da una salvietta profumata.
Il tempo di infilarselo in bocca, assaporarlo per pochi secondi e la sua bocca diviene ricettacolo per una seconda ondata di seme zuccherino.
Ingoia con immenso piacere, senza lasciar scappare nulla, e fa tremare Luca di piacere, succhiandogli quello che è diventato un ammasso di terminazioni nervose.
Quando la calma si è impadronita di tutti, la stanchezza suggerisce di andare a letto.
Dopo una doccia veloce, si trovano sdraiati sul letto matrimoniale, nudi e profumati.
Luca chiede a Morgana e a Sergio il bacino della buonanotte, afferrando la base del cazzo e invitandoli a succhiarglielo. È la prima volta che la donna condivide in bocca un cazzo con un uomo e la situazione si rivela divertente.
Ora è Sergio che chiede a Luca di ricambiare il favore e tocca sempre a lei incontrare la lingua di un uomo mentre vi impegnate a una fellatio in doppio.
Poi la stanchezza si fa strada nei loro corpi e il sonno li avvolge, ristoratore

Questo racconto di è stato letto 2 5 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.