Nosce te ipsum

Scritto da , il 2020-04-08, genere masturbazione

Il silenzio che gravava in casa era premonitore di quello che avrebbe trovato in cucina: nulla. Rossana immaginò che quel giorno avrebbe dovuto ancora una volta rovistare nel frigo per pranzare, ma si sbagliò. Sul tavolo in cucina c’era miracolosamente una tovaglietta con un piatto sovrapposto a quello che sembrava contenere il suo pasto e un biglietto. “Alla parrucchiera è saltato un appuntamento e mi ha chiamato per la permanente: ci vediamo fra 3 ore. Ciao”.
Confortata di avere ricevuto le attenzioni di sua madre, la quindicenne scoprì che il menu prevedeva pasta con panna e prosciutto a dadini e infilò il piatto nel microonde. Attese un minuto, lo estrasse, si sedette pesantemente al suo posto e mangiò con avidità.
Oggi avrebbe condotto l’esperimento preparato due giorni prima.
La liceale stava attraversando il periodo di scoperta del proprio corpo e della propria sessualità. Le chiacchiere con le compagne di classe la incuriosivano parecchio e la diffusa avversione per i temi sessuali che regnava sulla sua famiglia la faceva sentire inadeguata e ignorante. Piuttosto che chiedere a sua madre cosa significavano certi termini o come si potevano fare determinate cose, Rossana aveva deciso di scoprirlo da sola. Internet era sicuramente una fonte inesauribile di notizie. Il solo problema per l’adolescente era discriminare gli articoli validi dalle chiacchiere o riconoscere i messaggi fuorvianti sulla vera natura di certe pratiche poco ortodosse.
Tre giorni prima aveva raggiunto l’orgasmo masturbandosi mentre faceva gocciolare la cera bollente di una candela sulla sua pelle. Aveva prudentemente bagnato i capezzoli con la saliva e l’ondata di luce che le era esplosa nel cervello quando la prima goccia raggiunse il bocciolo rugoso era stata sorprendentemente piacevole.
Sentì il confortevole battito del suo cuore che piano piano aumentava di intensità mentre si affrettava a riassettare il tavolo. Riepilogò velocemente quanto avrebbe attuato a breve. La cucina era in ordine, la porta doveva essere chiusa con le chiavi infilate nella toppa, il cellulare in modalità off line, l’accappatoio appoggiato sul letto qualora ci fosse stato un rientro improvviso e avesse dovuto correre ad aprire. Tutto era a posto. Andò nella sua camera e si svestì. Rossana amava girare nuda per casa e quando i suoi genitori erano fuori, lei, figlia unica, ne approfittava per provare quella indicibile sensazione di libertà. Era un piacere farlo anche in inverno, quando la temperatura interna superava a malapena i venti gradi e i capezzoli si indurivano non appena il reggiseno volava sul suo letto.
Si avvicinò al freezer e tolse l’oggetto che aveva preparato quando l’insegnante di latino le aveva assegnato una traduzione che le ispirò questo ulteriore gioco, finalizzato a verificare come reagiva il suo corpo con il freddo. “Nosce te ipsum”, conosci te stesso, era il titolo del brano. Rossana aveva tutte le intenzioni di sapere come avrebbe reagito agli stimoli generati dal ghiaccio.
Tolse dal congelatore il guanto monouso di lattice riempito d’acqua. Lo prese dal lato accuratamente chiuso con un nastrino serrato con un triplo nodo e si diresse con passo frettoloso in bagno, per prendere un asciugamano, e subito dopo raggiunse la camera.
Si sdraiò sul letto, appoggiò il telo di spugna sotto il sedere e come primo approccio appoggiò il dito indice del guanto sul capezzolo destro. Questo si indurì ancor di più e la stretta dei sensibili tessuti epidermici produsse immediatamente lo scioglimento dei suoi umori vaginali. Un sospiro fu il segnale d’inizio di piccoli gemiti di soddisfazione che uscivano istintivamente dalla sua bocca. Quando il capezzolo divenne freddissimo e quindi insensibile a nuovi stimoli, spostò il medio del guanto sull’altro capezzolo e lo appoggiò schiacciando il proprio seno. Stavolta la sensazione fu molto più intensa e rasentò il dolore. Lo strillo di sorpresa si tramutò in un mugolio più lungo e modulato. Attese che anche il secondo capezzolo divenisse insensibile per il freddo e poi Rossana, allargando le cosce, respirò a fondo.
Appoggiò il pollice del guanto sulle labbra esterne, allargate a sufficienza per ospitare l’inusuale dito. Sentiva gli umori che sgorgavano copiosi mentre il cuore fece sentire il suo battito sino in gola. Spinse il pollice dentro e provò una sensazione sorprendente.
Al primo impatto, il suo corpo reagì come se fosse stato anestetizzato. Le cellule dormivano e non inviarono alcun segnale per una decina di secondi. Poi, piano piano, il pollice sembrò diventare un cilindro irto di piccoli aghi che pungevano le tenere mucose del suo sesso. Spinse con cautela il solido falliforme, prestando attenzione a conservare l’integrità dell’imene, e nuove scintille sprizzarono nella sua mente. Quello che provava era forse simile agli stimoli che immaginava si scatenassero nelle vagine delle porno attrici che aveva intravisto usare gli scovolini per la pulizia delle bottiglie. Lei però non correva alcun rischio di abrasioni o di ferite interne. Il lattice la isolava meccanicamente dal ghiaccio mentre le mucose venivano sensibilizzate termicamente dalle bassissime temperature del membro artificiale. Mentre con la mano destra muoveva lentamente il pollice del guanto avanti e indietro, con la sinistra vellicava il clitoride.
Rossana non sapeva se era piacevole o fastidioso. Una cosa però era certa: quello che stava provando era unico e irriproducibile con altri strumenti. Le altre quattro dita ghiacciate del guanto si appoggiavano sulla sua pelle e il freddo intenso incrementò la sua sensibilità ai tocchi che il lattice le elargiva.
Avere tanti piccoli falli a disposizione e usarne uno solo sembrò uno spreco. Rossana decise di compiere subito un passo ulteriore. Sfilò il pollice dalla vagina e lo sostituì con il medio. Il ghiaccio era ancora integro, a differenza del pollice che mostrava qualche cedimento, ma l’intraprendente ragazzina non volle farlo entrare tutto. Appoggiato il medio all’ingresso del suo sesso, insalivò il suo dito indice e massaggiò l’ano. Appoggiò poi l’anulare ghiacciato del guanto sullo sfintere e si penetrò doppiamente.
Poi spinse le dita ghiacciate nei due pertugi, con molta oculatezza, e quello che le arrivò al cervello era un caleidoscopio di ronzii, luci, colori, geometrie multiformi, frattali policromi. Ora il suo dito medio sinistro massaggiava con energia il suo sensibilissimo bocciolo rosa e dalla sua gola i mugolii crebbero in intensità.
Rossana riuscì a infilare completamente le due dita ghiacciate nel proprio corpo, a lasciarle ferme e a usare la mano destra per stuzzicare i capezzoli. Il suo cuore le pulsava nelle tempie e i suoi occhi chiusi erano in realtà in contatto virtuale con un mondo fantasmagorico di tonalità cromatiche e sonore totalmente nuove. Sentì che dalla sua testa stava uscendo un’energia fluida e leggera. La similitudine più azzeccata, pensò Rossana, era quello di un ruscello di montagna che sgorga a sorpresa da un anfratto roccioso. Nel giro di pochi secondi, la debole corrente si tramutò in un impetuoso fiume che, alimentato dalla mente, si propagò in tutte le fibre del suo corpo, irrorandole di endorfine.
La ragazza modulò tra i denti le sue urla di piacere per non farsi sentire dai vicini e godette intensamente.
Attese che le ondate di piacere scemassero e con estrema calma sfilò le dita del guanto dal proprio corpo. Si sentì sfiancata e appagata per aver superato un altro esame con sé stessa. Si infilò sotto il lenzuolo e si lasciò sedurre da Morfeo.

Questo racconto di è stato letto 8 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.