Educazione sentimentale 3

Scritto da , il 2020-03-29, genere incesti

Seguendo mia figlia scoprì ben presto dove venivano tenute le "lezioni".
Ogni martedì e giovedì pomeriggio Patrizia, dopo una doccia accuratissima (ora comprendo il perché), metteva il culo in sella sul motorino e partiva alla volta della villa di campagna di Laura, a circa una decina di km da casa nostra, da cui rincasava solo per ora di cena. Bugiarda, a noi giustificava queste assenze prolungate con la biblioteca e l'aperitivo a seguire, in centro, con gli amici.
Il posto, in effetti, si prestava perfettamente al commercio vizioso che ivi si teneva. Solitario, deserto, lontano da occhi e orecchie indiscrete.
Appostandomi, col binocolo, su un poggetto del bosco prospiciente il parco della villa potei fare altre interessanti scoperte.
Innanzitutto Patrizia non era l'unica studentessa nelle grinfie della Marchesa.
Praticamente tutti i giorni vi era "movimento". Il martedì e il giovedì pomeriggio erano di mia figlia, il lunedì di Michela e il venerdì di Vanessa: queste, anch'esse diciottenni in fiore e studentesse di Laura, anche se in sezioni diverse da quelle di mia figlia.
All'educazione delle bimbe si alternavano, nell'ordine, la vicepreside dell'Istituto prof.ssa De Santis (che puttanaio questa scuola), la moglie del Sindaco - nonché presidentessa del centro parrocchiale (altro puttanaio) -sig.ra Rizzo, la dr.ssa Spinelli ossia il giudice del locale Tribunale e la dr.ssa Capua ossia la vicequestore del Commissariato.
La cosa si faceva interessante davvero. Le donne più eleganti, potenti, note e irreprensibili della comunità locale si dedicavano a corrompere fanciulle in fiore in baccanali da basso impero. Donne, peraltro, tra le più piacenti della provincia. Della prof.ssa Laura già dissi ma le altre nominate erano anch'esse milf succulente e desiderate.
Capitava di sovente nelle giornate dedicate alle bimbe una mulatta di circa quarantanni, probabilmente brasiliana. Era l'immagine personificata del vizio: prosperosa, vestita in maniera molto appariscente e sexy (completi in pelle strettissimi o leopardata), piena di gioielli, aveva uno sguardo poco rassicurante - cattivo anzi - che tradiva sfacciatamente un carattere privo di scrupoli e immorale. Entrava con una Porsche Cayenne fiammante, accompagnata talvolta da un paio di mulatte volgarissime in abiti succinti, talatra da quei neri che già avevo visto in video.
La domenica, a partire dal pomeriggio, vi era maggiore movimento. Riconobbi, oltre alle "gentildonne" di cui ho già detto, imprenditori, funzionari pubblici, vari notabili della provincia con mogli e compagne al seguito, mescolati con "brave ragazze", zoccole di professione (riconobbi diverse prostitute che battevano in settimana nell'hinterland), extracomunitari caldi e brutte ceffi vari.
Seguendo il profumo della fighetta di mia figlia avevo scoperto un mondo di mezzo dove la buona borghesia si ammucchiava con la plebe. Una sorta di setta pagana in cui, sotto il riparo ipocrita della rispettabilità, della posizione sociale, del potere e del denaro, si praticava la corruzione, l'edonismo, l'immortalità, il libertinaggio sfrenato.
Dal mio appostamento scattai numerose fotografie.
La società a delinquere che avevo scoperto mi piaceva, ne volevo fare parte e la chiave di accesso sarebbe stata il ricatto.
Si, avrei avvicinato Laura, le avrei mostrato le prove che avevo raccolto e avrei minacciato di rovinarli, di trascinarli tutto nel fango se non avessero esaudito puntualmente i miei ordini.
Ero divenuto il custode dei loro segreti più nefandi e il mio silenzio avrebbe avuto un prezzo.
CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 5 6 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.