Una giovane puttana 2

Scritto da , il 2020-05-29, genere saffico

Ecco la Mercedes di Carol. Siamo rimaste che mi sarebbe passata a prendere all'uscita di scuola: prima tappa dall'estetista, poi shopping (ora che sono una escort a tutti gli effetti, ho bisogno di un guardaroba da vera zoccola tiracazzi), un salto all'appartamentino dove riceve i suoi clienti per una doccia e, infine, ci andiamo a fare insieme una marchetta a domicilio.
Durante la mattinata non ho proprio avuto testa per le lezioni. Sono ancora avvolta dalle emozioni e dalle sensazioni vissute il giorno passato e mi piacerebbe farmi anche oggi una bella goduta.
Carol mi ha detto che ieri mi sono mossa bene con i clienti. A detta sua sono una troia nata: ha ragione, che io ricordi il cazzo e i soldi mi sono piaciuti fin dalla più tenera adolescenza. E, anzi, ora che ho fatto il passo, trovo davvero eccitante vendere la passera...l'idea di tanti uomini e donne disposti a pagare profumatamente per fottermi mi fa sentire zoccola e importante.
Carol è stata la miccia che ha acceso l'incendio: da quando, la prima volta, sono andata a letto con lei a ieri che ho dato via il culo per denaro, vivo in uno stato continuo di tensione erotica. Non mi basta più scopare...voglio fare cose molto porche!!
Come sono diventata la puttanella bianca di questa ficona nera?
Mhhh...ogni volta che ci ripenso schizzo.
Mi piace tanto il cazzo ma anche la fica me l'ha fatta sempre tirare.
Di esperienze lesbo con mie coetanee ne ho avute diverse e fin da giovanissima, ma la fantasia che mi faceva bagnare sul serio era quella di finire nelle grinfie di una milf esperta e senza scrupoli.
Si, avevo voglia di una mamy esigente..di più, di una padrona severa...di un'amazzone terribile che mi trasformasse nella sua cagna.
Quando, passeggiando, incrocio lo sguardo di qualche bella signora che si avvicina al mio ideale di donna...quarantenne, olivastra, labbra carnose, capelli neri, occhi gelidi, coscia forte, fianchi generosi, culo sodo ma abbondante, tettona, smalto mani e piedi, tacchi a spillo e tubino...beh, il sangue mi va alla testa. Immagino una femminona del genere vestita in latex, con un frustino in una mano e il guinzaglio nell'altra, e io nuda ai suoi piedi intenta a succhiarle la punta delle scarpe.
Carol venne ad abitare nel mio condominio un annetto fa e la sua presenza non passava di certo inosservata. E come non avrebbe potuto? Parliamo di una panterona nera di 37 anni scolpita nel marmo...le sue labbra carnose, il suo sguardo perverso, il suo ancheggiare malizioso, quei suoi seni e quel suo culone brasiliano così generosamente offerti alla pubblica ammirazione facevano sbavare tutti i maschi del palazzo e, probabilmente, anche qualche donna.
Avevo studiato i suoi orari e gli facevo le poste come una spasimante cercando di incontrarla per le scale o nella corte condominiale.
Cazzo, come mi bagnavo ogni volta che la incontravo...dopo rientravo subito in casa, mi chiudevo in bagno e mi spaccavo la fica pensando ai suoi jeans attillati infilati tra le chiappe oppure ai suoi piedi imperiali fasciati da tacchi vertiginosi oppure, ancora, ai suoi capezzoli grossi e duri sotto magliettine strettissime.
I suoi tatuaggi poi mi facevano impazzire.
Ne aveva uno, un disegno tribale, che partiva dall'ombelico e si perdeva, sotto la vita, probabilmente fino alla fregna.
Aveva una farfalla tatuata sulla tetta destra che sembrava spiccare il volo verso il peccato quando sfilava con i suoi peccaminosi toppini a balconcino.
Ma quando credetti di morire davvero fu quando me la vidi apparire - una sera di giugno - con una minigonna di pelle (talmente corta che le copriva appena la figa) e sandali. Lo smalto acceso dei piedi, la cavigliera d'ora stracolma di ciondoli, due gambe tornite e tese, i capelli lisci e neri raccolti a coda e, soprattutto, il tatuaggio di un serto di rose che le cingeva la coscia sinistra mi fecero letteralmente sborrare: dovetti morsicarmi le labbra per non sospirare di godimento al suo passaggio.
La furbacchiona aveva capito ben presto che ero attratta da lei e, ogni volta, che ci incrociavamo mi fissava e mi sorrideva. Il suo sguardo perverso non lo reggevo...abbassavo gli occhi e diventavo tutta rossa.
Ma, allo stresso tempo, mi facevo più sfacciata...ero sempre più troietta nel vestire e la soddisfazione che percevivo nel suo volto mi inorgogliva: quindi non le ero insensibile, le piacevo!!
La porca a un certo punto aveva preso a provocarmi....quando mi passava davanti si leccava le labbra con fare molto ammiccante oppure si toccava le tette...qualche volta mi schioccava un bacio e poi scoppiava a ridere in maniera sguaiata.
Ero, oramai, in suo potere e quando lo avesse desiderato sarei finita nel suo letto.
CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 3 8 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.