Una moglie puttana. Al cinema - parte 1

Scritto da , il 2020-08-10, genere trio

Stasera la mia dolce e cara mogliettina ha voglia di maschi.
A vederla e conoscerla superficialmente si direbbe una santarellina con la puzza sotto il naso. 24 anni, di origini aristocratiche (in famiglia sono principi di antica nobiltà napoletana), dottoranda a Scienze politiche, sempre elegantissima, incipriata e ingioiellata...eppoi bella, ma proprio bella: magra come un fuscello, due gambe affusolate lunghe un chilometro, un culetto piccolo e sodo che sembra parlare per quanto è grazioso, un vitino di vespa e due fianchi morbidi e flessuosi, due tettine rotonde e birichine che entrano in una mano, una bocca vermiglia disegnata in punta di pennello su un viso sbarazzino, pelle di un candore abbacinante, due occhi verdi e scintillanti che innamorano, un nasino all'insù che fa proprio tenerezza, eppoi una capigliatura biondo paglia foltissima (le sue lunghe ciocche gli arrivano fino alle sue belle chiappette)...e la voce poi, un cinguettio celestiale...che tatto i suoi modi, che raffinatezza il suo ancheggiare...insomma, un vero angioletto del paradiso capitato per sbaglio sulla terra, col suo incedere leggiadro sembra camminarci a tutti sopra la testa. E se la sente proprio la sua superiorità...com'è selettiva nella vita quotidiana, questa bambolina viziata...neanche ti degna di uno sguardo se non ti ritiene all'altezza del suo prestigio.
Chi la conosce meglio sa benissimo quanto è troia...si, troia e bocchinara...una zoccola di casino rotta a qualsiasi esperienza libertina.
E se nel nostro ambiente sociale passa come un fiore di virtù, come un raro esempio di serietà e cultura, come sposa fedele e figlia devota, è solo perché, quando gli pizzica la fessa, la voglia di cazzo gli piace cavarsela nella melma. Si...nella teppaglia, che tanto schifa in pubblico, se la sono goduta a centinaia: trans, coatti palestrati, maturi di periferia, camionisti, neri, nordafricani, scambisti, battone, ex carcerati, lesbiche militanti...tra questa gente le piace dare via la fica e il culo.
Che vacca ninfomane avevo sposato lo scoprii a un mese circa dal rientro dal viaggio di nozze.
O che avesse capito che razza di porco fossi anch'io sotto sotto oppure che non ce la facesse più, in mezzo alle gambe, a tenere la maschera che stava portando dal giorno del matrimonio, fatto sta che in quella calda serata di settembre le cose furono messe bene in chiaro...in pubblico coppia irreprensibile, lontano dagli occhi di famiglia, amici e colleghi, lei sweet da marciapede e io grandissimo cornuto.
L'accordo non mi dispiaceva affatto in fondo. Obiettivamente, con quasi il doppio dei suoi anni e tutto il giorno via per lavoro (faccio il notaio assieme a suo fratello...bel regalo del cazzo che mi ha fatto a presentarmi la sorellina), alla sera avrei dovuto avere davvero sei cazzi - e naturalmente ne ho uno solo - per sfamare questa assatanata: con il rischio di deteriorare alla lunga il matrimonio e trovarmi l'inferno in casa. In questa nostra complicità libertina, invece, viviamo d'amore e d'accordo.
Eppoi, inutile che lo nascondo. A me piace che mi fottano la moglie...mi eccita vederla montatata dentro il cesso di qualche stazione di servizio oppure, in ginocchio, circondata da cazzi, a segare e succhiare nei parcheggi...mi manda ai pazzi prenderla dopo che se la sono fatta in gruppo, ancora tutta impiastricciata di sperma.
Quella sera, insomma, andammo al cinema. Lei era veramente arrapante: top leopardato con scollo all'americana che le lasciava tutta la schiena nuda; minigonna in pelle strettissima che le fasciava appena culo e fianchi e da cui partivano due cosce abbronzate; sandali rosso scintillare con plateau e tacco da 20 cm; capelli raccolti in una coda che gli arrivava al sedere; rossetto e smalto alle mani e ai piedi molto acceso.
Già durante il viaggio di nozze aveva adottato un abbigliamento estremamente sexy e, non lo nascondo, con una certa eccitazione percepivo gli sguardi pesanti che la spogliavano in spiaggia e, la sera, nei locali. E si era fatta molto calda a letto...era una sensuale gattina con la figa sempre bagnata!
Comunque arrivammo al cinema. L'ambiente non era proprio dei più raffinati. Alla biglietteria c'era, per esempio, una bella sfilata di coatti e borgatare di ogni risma ed età e la mia Camilla non passò esattamente inosservata: tra gli sghignazzi di ragazzotti e i sorrisetti di altra gentaglia varia ci fu anche una trucidona che, tutta incazzata col marito, gli disse a due passi da noi "che guardi 'sta zoccola".
Non capivo come mai, con tanti cinema, Camy avesse prenotato proprio in questo cesso di periferia e gli chiesi se per caso non volesse andare via. A voce abbastanza alta da farsi sentire da quella coatta che l'aveva poc'anzi insultata, mi disse "No, no, rimaniamo...che ci frega di quattro sfigati". La portai quasi di peso in sala prima che quell'altra controbattesse e scoppiasse un casino.
CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 0 9 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.