Una moglie puttana. Camilla tra i guardoni - parte 1

Scritto da , il 2020-08-17, genere orge

Dopo i fatti del cinema non ci furono grosse spiegazioni tra me e Camilla.
Lei non aveva fatto altro che rivelare la sua natura libertina e ninfomane e a me, scoprire di avere una troia per moglie, al di là dell'inziale smarrimento piacque assai: appena rientrati a casa la scopai immediatamente, all'ingresso. Glielo ficcai in culo senza tanti complimenti, eccitatissimo dal fatto di trovarlo già aperto e arato dalla monta altrui, e dopo aver goduto andammo a dormire.
Avevamo stabilito un patto tacito: a lei la massima libertà di esprimere la sua esuberante sessualità, a me il ruolo di complice e ruffiano della sua depravazione.
Fin dal giorno dopo iniziai a documentarmi su questo variopinto mondo fatto di scambismo, club prive' e tradimenti condivisi. Nei resoconti vibranti di tanti mariti ritrovai quell'emozione intensa che io stesso avevo provato poc'anzi: quella sensazione di estasi paradisiaca mescolata a fiele amaro, quella foia invincibile intessuta di vergogna e rimorso, che solo chi ha condiviso consapevolmente il corpo della propria compagna può concepire.
Un certo timore provavo nel leggere di quei mariti che succhiano la stecca del bull. Più che timore, in realtà, il presentimento che, presto o tardi, mi sarei trovato anche io a preparare con la bocca le minchie per mia moglie oppure a ripurirle dopo la cavalcata. L'inclinazione per il cazzo in fondo ce l'avevo...al cinema, l'altra sera, mi era piaciuto molto prendere in mano e segare un po' quel bel cannolo caldo e duro che aveva sodomizzato la mia Camilla.
Leggendo su Internet avevo scoperto di un posticino in periferia, un parcheggio a ridosso della pineta, in cui coppiette calde si esibivano a beneficio di guardoni: le recensioni erano recentissime ed entusiaste. Pare che i guardoni fossero numerosi (nello stesso parcheggio o nella pineta si appartavano, con i loro clienti, le prostitute che battevano nella vicina consolare), intraprendenti e qualcuno anche ben dotato e non era raro che le portiere si aprissero per accogliere qualche porco o, addirittura, fossero le belle mogliettine a scendere per avventurarsi nel bosco in compagnia dei lupi.
Rientrato dal lavoro con questa idea in testa trovai mia moglie in soggiorno, stesa sul divano a leggere un libro.
Era benissima e dolcissima: una fascia adolescenziale nei capelli biondi e le gambe sode e lisce che partivano da un leggero short in cotone.
Mi sedetti ai suoi piedi e incominciai ad accarezzarle le gambe.
"Camy, debbo confessarti una cosa".
"Ciccino, dimmi pure".
"Ho voglia di parcheggio, zuccherino".
Sorrise la sporcaccione e si abbassò il pantaloncino e lo slip "Leccala cornuto. Ho appena pisciato".
Mi fiondai tra le gambe della mia signora e mentre lappavo quel fichino biondo che sapeva di piscio e miele di femmina la stronzetta mi provocava "Che porco che sei, le corna ti sono entrate nel sangue ormai....ahh, lecchi meglio di una zoccola, continua...vedrai come ti faccio felice stasera...uhh, che lingua che hai cazzo...fai schifo, sei il pappone di tua moglie...vedrai a quanti porci svuotero' i coglioni".
Le diedi uno schiaffo, poi un altro e un altro ancora. Mi abbassai i pantaloni e gli feci ingoiare la fava fino in gola. Spingevo come un fottuto bastardo ma alla troia piaceva. Non potendo parlare affogata com'era da palle, peli e minchia espresse la sua soddisfazione per questa mia brutalità ficcandomi un dito in culo: e più lei spingeva più io affondavo fino a farla soffocare. Quando stappai era tutta sudata per lo sforzo e sbavava come un cavallo.
"Mentre mi faccio la doccia e mi vesto prepara uno spuntino ciccino: cosi inizi ad allenarti per quando, da bravo cornutello servizievole, dovrai servire la cena agli amanti che porterò a casa".
Le diedi un'altra sberla ma la puttanella mi sorrise maliziosa e mi mandò un bacio prima di sparire in camera.
Ritornò dopo una mezz'oretta. Profumava da puttana, il trucco era molto pesante e volgare, adattissimo per far eccitare gentaglia di bassa estrazione.
Indossava uno spolverino nero lungo fino alle caviglie e un paio di tacchi 12 cm lucidi. L'abito era aperto: sotto indossava soltanto una raffinata giarrettiera in pizzo nero che reggeva un bel paio di calze a rete, e nient'altro.
"Caro, mi abbottoni?"
La baciai, le leccai l'orecchio e, dandole della battona, le strinsi la cinta in vita. Praticamente era nuda: dato lo scollo abbondante dello spolverino delle tette erano nascosti solo i capezzoli e ad ogni passo le falde del soprabito scoprivano la sua lingerie da zoccola e la figa bionda, carnosa e umida.
Di lì a breve eravamo in macchina, direzione mare. Seguendo le indicazioni che avevo appuntamento da Internet in quaranta minuti fummo al parcheggio.
Entrando incrociammo un'automobile che stava andando via. Dentro c'era una coppia sui quarant'anni: lui con la faccia tutta felice, lei scarmigliata e soddisfatta. Ci salutammo con un cenno, tra porci ci eravamo riconosciuti a pelle.
Verso il centro del parcheggio c'erano un paio di macchine che oscillavano inequivocabilmente: dentro si chiavava, sicuramente puttane con clienti.
Sistemai il nostro Suv al bordo della pineta (la zona degli esibizionisti a seguire le recensioni che lessi) e accesi la luce interna.
Internet non mentiva. Pochi minuti dopo il nostro arrivo notammo dei movimenti tra i cespugli che separavano il parcheggio dal bosco e riconoscemmo senz'altro delle sagome umane.
Fu Camilla ad aprire le danze. Mi abbassò pantaloni e mutande scoprendomi un cazzo già in tiro che iniziò a menarmi.
Senza farmi pregare le slacciai la cinta e le apersi lo spolverino lasciandola nuda dal collo ai piedi.
Dopo averle fatto leccare il palmo della mia mano con la stessa incominciai a massaggiarle la figona che trovai già calda come un forno. Ci masturbavamo reciprocamente e limonavamo forte.
Le nostre focose effusioni non tardarono a produrre gli effetti desiderati.
Avevamo fatto bingo, intorno dell'automobile si materializzarono ben sei guardoni.
Alcuni avevano già il cazzo di fuori, gli altri si stavano toccando platealmente la patta e, probabilmente, a breve lo avrebbero cacciato.
Gli occhi di Camilla scintillavano dalla soddisfazione: era circondata da cazzi e voleva farli divertire.
Mi prese la testa e me la portò tra le sue gambe "Mangiamela, stronzo".
Mentre lappavo come un cane affamato la zoccola si martoriava i capezzoli e distribuiva baci e leccate di labbra a quei balordi ormai incollati ai finestrini con le verghe dure.
Abbassammo i sedili...la mia bella porcellona mi sfilò i pantaloni e arrotolatasi lo spolverino in vita, accovacciata a pecorina in modo da far aderire le chiappe al finestrino, iniziò a leccarmi il culo. Scavava a fondo la zoccolona e, seguendo le indicazioni di quei maiali, alternava la lingua alle dita...una, due, tre...mi stava aprendo l'intestino questa troia.
Quindi mi sedette in faccia: ero sommerso, fino a soffocare, dalla fica e dal culo che mi strofinava in viso come se fossi un dildo. Nel frattempo le sculacciavo con energia le chiappe, tiravo sberloni senza pietà su quelle pacche sode e tese.
"Picchiami più forte fottuto di un d..o. Cornuto di merda, non vedi l'ora che questi sfigati pipparoli mi sbattano sul cofano della tua auto, eh?".
"Si cagna, uno in fregna, uno in bocca e uno in culo contemporaneamente voglio per te".
"Apri i finestrini, stronzo...apri cornuto che voglio cazzi veri!".
CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 9 1 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.