Una giovane puttana 3

Scritto da , il 2020-06-02, genere dominazione

Era una domenica di metà luglio quando Carol decise che dovevo fottere con lei.
Prima di rientrare a casa ero stata, con le mie amiche, in piscina. Avevamo smignotteggiato parecchio. Ci ronzarono intorno decine di cazzi giovani e meno giovani e io, personalmente, avevo succhiato uno dei bagnini - un fustacchione trentenne con una verga spropositata - e, assieme a Federica, ci eravamo fatte abbordare da un maturo molto generoso: ci aspettava al suo Studio per il giorno dopo e per i nostri bei culetti da chiavare ci aveva promesso la cinta di Prada che ci piaceva tanto.
Ero vestita da vera battona questa volta: pantalonci jeans strettissimi tagliati all'inguine (praticamente avevo in bella mostra tutta la parte bassa delle chiappe e le gambe sottili e affusolate); una camicetta bianca annodata all'ombelico che lasciava generosamente libere le spalle, dove si stendevano i mie lunghi capelli biondi; sandali alla schiava alti con le zeppe; rossetto e smalto sulle mani e sui piedi molto accessi; un bel paio di orecchini a cerchio.
Fortunatamente i miei genitori erano via per qualche giorno e anche il condominio era quasi deserto a causa del periodo estivo.
Diversamente dal suo solito questa volta Carol - bella e maestosa come una Venere nera nel suo incedere - mi passò davanti senza degnarmi del benché minimo cenno...cazzo, forse troppo vamp non gli piacevo!!
Ma non appena arrivò l'ascensore si girò verso di me e mi disse "Tesoro, lo prendi anche tu?".
Mi sentii salire il sangue alla testa alle sue parole e mi fiondai di corsa in ascensore.
"Che piano, bimba?". Mi stava spogliando con gli occhi e il suo sguardo deciso e voluttuoso mi faceva, ad un tempo, eccitare e confondere.
"Quinto, grazie".
Per uscire dall'imbarazzo delle sue occhiate implacabili, mi presentai "Piacere, sono Patrizia".
"Carol, piccola succhiacazzi".
Rimasi spiazzata da queste parole ma non mi diede il tempo di replicare.
In un istante bloccò l'ascensore, mi si gettò addosso cacciandomi la lingua in bocca, mi abbassò pantaloncini e mutandine e mi mise tre dita in fica.
"Che puttana, sei bagnata da far schifo...ora ti spacco, zoccola!".
Me la stava devastando, spingeva a fondo senza pietà comprendomi di insulti.
"Troietta depravata, dimmelo che ti piace...dillo zoccola...dillo, dilllo, dillo, stronza!!".
Stavo godendo e ansimavo, godevo e non capivo niente e, per questo, fui lenta a risponderle.
Mi diede un ceffone, eppoi un altro e un altro ancora. "Vacca, ti spacco questo bel faccino se non confessi che te la stai godendo da grandissima maiala".
Emozionatissima per il modo brutale con cui mi stava umiliando, con i lagrimoni agli occhi le strillai "Cazzo, sto godendo...ahhhh...godo, godo...ti supplico, sfondami il culo!!".
Non se lo fece ripetere due volte.
Dopo avermi girata come un pupazzo mi inizio a sculacciare con un una mano mentre con l'altra mi teneva la testa schiacciata alla parete dell'ascensore.
"Apriti le chiappe, battona, che ora ti spacco".
Ubbidiente eseguii quanto ordinatomi. Mi sputo' sulla bocca del culo e mi penetro' con tre dita. Mi sentivo usata e puttana nelle sue mani e questo mi faceva impazzire...sentivo la patatina allagata e il miele colarmi lungo le gambe.
"Lesbichetta rotta in culo, hai voglia di negra, eh? Ti faccio diventare la mia puttanella bianca". Detto ciò mollo' la presa e fece ripartire l'ascensore.
Mi ricomposi, ancora tutta ansimante di piacere, sotto il suo sguardo beffardo.
Arrivate al mio piano mi disse "Ti aspetto per le 22:00 al mio appartamento...vestiti da adolescente troietta, che stanotte ti voglio fare male. Ora vai.".
Passai le ore che mi dividevano dall'appuntamento in trance. La violenza con cui mi aveva trattata mi mi piaceva, cazzo se mi piaceva...mi sentivo la sua schiava e l'avrei assecondata in tutto.
Volevo essere perfetta per la mia padrona: mi feci la doccia due volte, mi vestivo e mi cambiavo in continuazione. Alla fine optai per un vestitino in lino, color crema, legato in vita con una cintura in pelle: semplice ma, al contempo, seducente (avevo il petto e le gambe tutte scoperte) e, soprattutto, facile da sfilare. Ballerine ai piedi, niente trucco e una bella treccia che mi donava l'aria di una scolaretta dispettosa...sembravo mollo più giovane dei miei 18 anni. Sotto avevo una mutandina rosa coi fiocchetti...proprio da brava bambina.
Ero proprio un tenero bocconcino, un pulcino fragile e minuto che - ne ero sicura - avrebbe scatenato la voglia di dominazione di Carol.
All'ora stabilita ero davanti alla sua porta.
CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 5 1 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.