La puttanella di zio 3

Scritto da , il 2020-04-08, genere incesti

"Zio, parli così bene che se me lo chiedessi tu forse la venderei la passera".
"Quando sarà il momento penserò io a procurarti dei clienti e ti piacerà tanto ricevere cazzo e soldi. Ora, però, perche non me lo prendi un po' in mano? Scommetto che muori dalla voglia di toccarlo".
Presi la sua manina e me la portai sulla fava. "Lo senti quanto è duro?".
"È bollente, zio".
"Perché è eccitato...ma giocaci un po', non ti vergognare, scappellalo con la tua manina...brava, ora fai su e giù...ti piace segare lo zietto porco?".
"Che mi fai fare...sei un diavoletto.".
"Chiara, perché non ti metti comoda anche tu? Togliti i jeans, che lo zio ti massaggia un po' la patatina".
La porcellina si tolse i pantaloni dandomi il culo. Aveva una mutandina da troia, nere...un triangolino trasparente che lasciava intravedere una figa glabra con una striscetta di pelo e un filo sottilissimo, dietro, infilato tra le pacche.
"Birbantella, è questa l'educazione che ti ha dato tua madre? Una ragazza per bene non indossa queste mutande da zoccolona".
"Ma se le ho rubate proprio a lei, zietto".
"Oh bella, senti senti che mi rivela questa ladruncola...a quella bacchettona di mia sorella piace far tirare la fava al suo caro maritino".
Chiaretta scoppiò a ridere. "Non sai quante belle cosette sexy tiene nascoste la mamma.
"Bene, bene...mi racconterai anche questo. Ma ora rimettiti le scarpe, che sei più eccitante in perizoma, maglietta e tacchi...e vieni a sederti sulle mie gambe...metti il tuo culetto qui, bella bimba".
Che sensazione dolcissima sentire le sue chiappe fresche sulla coscia. Non appena la ebbi addosso le infilai la lingua in bocca e limonammo avidamente per almeno cinque minuti. La stavo facendo impazzire. Le leccavo un orecchio, poi le succhiavo il lobo, la mordevo sulle labbra e sul collo, le pizzicavo l'interno coscia, poi le pastrugnavo il fighino da sopra le mutande (che erano completamente zuppe)...respirava forte la golosona, a tratti gemeva. Le sollevai la maglietta senza levargiela...quel tanto che bastò per sfilargli il reggiseno e liberarle le tettone. I capezzoli erano usciti tutti fuori, turgidi come due piccoli cazzi: presi a spompinarli con foga, a morderli, glieli stavo mangiando!!
"Ahhh...cazzo zio, mi fai impazzire...cazzo, cazzo...come godo..dimmi che sono la tua puttanella, dimmelo bastardo..ahhh!".
Si stava sciogliendo la piccola puttana, evidentemente aveva le zinne sensibilissime.
"È questo il modo di parlare a tuo zio? Che direbbe tua madre se ti sentisse?"
"Che si fotta quella puttana...ti prego non ti fermare...cazzo mi piace come mi divori...non ti fermare...dai, stronzo...dai, continua".
"Dai dello stronzo a me e della puttana a tua madre, briccona? Dovrei sculacciarti piccola insolente!".
"E allora fallo, picchiami, fammi male...eppoi mia madre è davvero una puttana...lei pensa di essere furba, ma io l'ho scoperta, la spio e ho visto cose...ahhh, che bello".
Le avevo spostato le mutandine e ora la stavo massaggiando a pelle mentre le succhiavo i capezzoli...la troietta sotto l'ebbrezza della lussuria stava dicendo cose interessanti...volevo andare a fondo.
"Cosa hai visto, dillo a tuo zio...dimmelo, che sennò lo zio smette di farti godere".
"No, no, non ti fermare...quando papà è via, la mamma si porta a casa certe ragazzette...ahh, zio...gliele procura la sua amica, l'ispettrice di polizia che ti arrestò...bravo zio, continua...mamma e l'ispettrice sono amanti e gli piace la figa giovane...oddio, zio, ho il fuoco...sono delle prostitute dell'est Europa...ahhhh...le scopano in ogni modo...dovresti vedere come le trattano, sono due donne perverse e senza scrupoli a letto".
Hai capito, mia sorella e quella stronza dell'ispettrice sono lesbiche e mignottare...buono a sapersi. Questa piccola mascalzona mi sarà molto utile, saprò bene come sfruttare queste informazioni ma ora è meglio cambiare discorso...ci sarà tempo per andare a fondo.
"Ma ora continua a dirmi di quel brutto porco del guardiano...sei qui per questo. Cosa è successo dopo che ti ha fatto togliere l'accappatoio, ti ha fottuto?".
"No zio, quel lurido maiale mi ha fatto masturbare davanti a lui, mi ha fatto aprire le chiappe per mostrargli il buchetto...ha voluto che gli sputassi sulla cappella mentre si masturbava...io ero un automa, facevo tutto quello che mi ordinava e più mi insultava più mi piaceva...e alla fine mi ha costretto a fare una cosa schifosissima".
"Cosa".
"Si è messo per terra...steso sul pavimento e ha voluto che gli pisciassi in bocca e sul pisello...mentre gli facevo la pipì sul cazzo è venuto come una fontana...bestemmiava e schizzava...un po' della sua cremina calda mi è arrivata pure sulle chiappe".
"Davvero un porco il tuo maturo ammiratore...un perverso raffinato".
"Rialzatosi mi ha trascinato in bagno...lo aveva ancora duro il bestione...pensavo che mi volesse possedere, invece è stato gentilissimo...mi ha sedere nel bidet e mi ha lavato...era così abile nel manovrarmi, quelle mani così grandi e tozze erano cosi delicate adesso...sembravano le mani di mia madre quando, da bambina, mi faceva il bagnetto...ero così emozionata che l'ho baciato in bocca e...".
"E..."
"E ho detto una stupidaggine ecco".
"Quale, Chiaretta..".
"Gli ho detto che lo amavo, che volevo essere la sua donna, sua moglie, la sua amante".
Risi di gusto...di puttane ne avevo conosciute tante ma mia nipote, cazzo, le batteva tutte...zoccola e scema, ecco cos'era.
"Zio, non mi piace che mi ridi in faccia...io mi confido e tu mi ridi in faccia?".
"Hai ragione, Chiara, mi devi scusare...Devi ammettere, però, che è abbastanza comico immaginare un angioletto come te fidanzata ad un satiro così perverso e attempato...e lui che ha detto dopo che gli hai fatto la tua dichiarazione?".
"Mi ha detto che sarò la sua puttana...mi ha lasciato il suo numero ed è andato via".
"E ti ha detto bene...ieri gli hai protestato il tuo amore e già oggi lo hai fatto cornuto...il porcellone è uomo di mondo e ha capito subito che sei una ninfetta di coscia facile".
"Zio, sei ingiusto...io ero venuta per esporti un problema (che ancora non ti ho detto peraltro) e tu mi hai sedotta...che ci posso fare se ora amo anche te?! Vi voglio a tutti e due adesso, vi desidero e voglio essere la donna di tutti e due".
Disse le ultime frasi accalorandosi...con sincerità...questa è proprio scema. Altro che i suoi fidanzati...i suoi corruttori piuttosto!!
"Va bene, Chiara, calmati...rispetto i tuoi sentimenti e sono lusingato dal tuo amore. Personalmente, poi, non ho alcun problema a dividerti con un altro uomo."
CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 2 0 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.