Sex 3 l'impotenza in un pugno

Scritto da , il 2020-03-27, genere fisting

Iolanda era seduta al tavolo in cucina, il pc aperto su un sito di viaggi ed il caffelatte nella tazza. Impegnare il cervello in fantasie di ipotetici viaggi la aiutava ad archiviare il nervoso che ancora le saliva quando ripensava a Simone.
Iolanda non era una a cui piaceva troppo rimuginare sulle cose negative. Lo aveva letto in un libro, uno dei pochi che aveva letto, “The Secret”…in quel libro parlavano del fatto che pensare alle cose negative ti porta solo altre cose negative, vero o no.. lei aveva deciso di abbracciare questa filosofia!
Quindi cercava di tenersi solo pensieri positivi vicino…non voleva proprio sembrare un’isterica che fa drammi per qualsiasi cosa …
Simone se n’era andato.. “affari suoi non sa cosa si è perso!”… Se c’era un momento della giornata in cui a Iolanda piaceva fare sesso era proprio appena sveglia! Peccato.
Però quello stronzo le piaceva proprio tanto… ma se c’era qualcosa di cui era certa è che sarebbe tornato a cercarla… ed allora lei avrebbe potuto vendicarsi… oh, eccome se si sarebbe vendicata!

Il rumore delle chiavi nella toppa. Bea che entrava con la tipica espressione soddisfatta di una donna che ha decisamente iniziato bene la giornata.
“E’ questa l’ora di tornare a casa? Ero preoccupata!”, disse Iolanda fingendo un tono serio
“Oh scusami…io.. non…”, le rispose Bea confusa
“Dai! Ti prendo per il culo!”, rise Dada chiudendo il pc. “Dettagli please!”
“Ma non devi andare a lavorare?”, chiese Bea aprendo il frigo per bere un goccio d’acqua.
“Alle 14…ho ancora 2 ore abbondanti coooompletamente libere per assillarti se non mi racconti la tua nottata di sesso!!”
“Ma che ne sai che ho scopato?”.
“No, ma è chiaro che siete andati in giro mano nella mano tutta la notte... Tu odori di appagante e terapeutico sesso!”, scherzò Dada avvicinandosi a lei e fingendo di annusarla.
Bea rise allontanandola. “Eddaaai… non possiamo tornare ai primi mesi in cui eravamo solo coinquiline che non si raccontavano i cazzi loro?”, scherzò Bea.
“Troppo tardi… eddai il fortunato era l’amico di Simone?”, chiese Iolanda.
“Marco...”, rispose Bea.
“Sì... chissenefrega di come si chiama”.
“Si, alla fine Marco se l’è giocata piuttosto bene..”. Bea le raccontò per sommi capi la sua nottata ed il suo risveglio, tralasciando lo “scopami subito” con il quale aveva scelto Marco e il “biglietto” di saluto che aveva lasciato sul suo iPad.
“Tu invece?”, le chiese poi, “con Simone?”
Iolanda non era sicura di volerle raccontare le cose esattamente com’erano andate , doveva ancora metabolizzarle.
“Come scopate quel ragazzo è una garanzia! Tre orgasmi assolutamente incredibili… dai ho tempo ti faccio la ceretta se vuoi. Una ragazza deve essere sempre pronta…”.
“Sì ma... ma tutto qui? Non vale io ti ho raccontato tutto!”.
“Ah beh, vediamo… siamo venuti qui…”, disse aprendo il lettino portatile che aveva per qualche lavoretto in nero e scaldando il roll-on con la cera.
“Qui qui? Ti prego non dirmi che te lo sei fatto sul divano…”, disse Bea alzandosi il vestito e togliendosi le slip per poi sdraiarsi sul lettino.
“No... abbiamo scopato all’ingresso e poi ci siamo spostati in camera mia….. Ehi! Comunque se quel Marco te l’ha leccata con tutto questo pelo potrebbe diventare il mio eroe…”, scherzò Dada.
“Guarda che non la voglio completamente depilata, eh!”.
“Senti, io la cresta da patata punk non te la lascio…”.
“Vabè allora fa come ti pare!… Comunque no, non me l’ha leccata… diciamo che il ragazzo non brilla per la fantasia, ma il cazzo lo ha usato bene…un sette e mezzo glielo do!”.
“Allora che vuoi di più? Eeee... come sta ad attrezzatura il toy boy?”, chiese Iolanda.
“Non me l’ha leccata e non me l’ha nemmeno messo in bocca...”, continuò a parlare Bea quasi sovrappensiero, “ora che ci penso è una vita che non faccio un pompino come si deve”.
“Ahahahah molto male... invece una delle cose migliori della mia serata è stata proprio il pompino che gli ho fatto alla festa, quasi quasi mi annega ahahahah” disse Iolanda.
“Gli hai fatto un pompino alla festa?”, chiese Bea, basita.
Iolanda si fermò un momento a guardarla.
“Bea... se me l’avessero detto solo l’altro giorno che io e te avremmo fatto questi discorsi mi sarei messa a ridere... allora? Questa attrezzatura?”.
“Normale, nulla di straordinario ma nemmeno deludente”, le rispose Bea rilassandosi.
Iolanda iniziò a depilarla.
“Dai raccontami di Simone, così mi distraggo”, disse Bea stringendo i denti al primo strappo.
“Lui a fantasia è messo bene, di solito, ieri diciamo che non ha dato il meglio ma comunque è sicuramente sopra la media…”.
“Ah, ma te lo eri già portato a letto?”.
“Si”.
Quantomeno ora Bea capiva perché Simone avesse parlato a Marco di lei come una scopata garantita, certo a Iolanda non aveva nessuna intenzione di dirlo… magari ci sarebbe rimasta male.
“Ed è rimasto a dormire qui?”.
Domanda pessima da fare ad una che deve ancora metabolizzare la fuga dal letto dell’uomo che si è appena scopata. Strappo decisamente poco delicato.
“Ahiuuuu!”, strillò Bea.
“Scusa...”, disse Iolanda sperando che lei scordasse la domanda appena fatta.
“Quindi?”, la incalzò Bea.
“Quindi no, sei matta!?? Io non faccio dormire una ‘scopata’ nel mio letto!“, mentì Iolanda, “poi quello chissà che pensa…“. La verità era ovviamente che sì, lei avrebbe voluto che lui rimanesse. Magari avrebbe pure voluto che da quella notte nascesse una storia fra di loro, che riguardava anche coccole, cene e film sul divano. Ma quanto sarebbe sembrata sfigata ad ammetterlo? Comunque era soddisfatta di come le era uscita quella bugia, avrebbe passato anche il test della macchina della verità!
“Ah.. beh sì.. hai ragione ma… no io sono crollata nel suo letto…”, rispose Bea. Che di ‘scopate di una notte’ nel suo letto ne aveva fatta dormire più d’una. A cominciare dai campi estivi, dalle vacanze, fino ai primi due anni di università.
“Ok.. girati mettiti a pecorina…”, le disse Iolanda.
“CHE?”.
“Vuoi tenerti il culo peloso?? Daaai... che c’è, ti vergogni? Lo faccio di lavoro… non sai quante vagine e culi depilo!!”.
“E scusa, tu come te lo fai ?”chiese Bea girandosi ed eseguendo l’ordine di Iolanda.
“Me lo fa una collega… e poi io ho fatto la depilazione definitiva... in pratica mi crescono tre peli in croce… se vieni in negozio quando sono libera e non c’è il capo te la faccio anche a te. Dieci sedute e sei come una bimba...”
“Cioè me la fai gratis?”.
“Eccerto… basta che non lo dici ai quattro venti…”.
Per il resto della ceretta parlarono dei vari trattamenti di cui Bea avrebbe potuto approfittare di nascosto dal capo di Iolanda.
Che a quanto pare era un tipo con soldi da investire che aveva aperto il centro estetico ma che in negozio non c’era quasi mai avendo anche altre attività da gestire.
Una volta finita la ceretta le spalmò un olio post depilazione stando attenta a non far sembrare la scena un film lesbico di terza categoria.
“Una patata da 10 e lode!”, scherzò Iolanda sistemando le cose usate per la depilazione.
“Dada… io non è che l’ho conosciuto bene ma a me quel tipo, Simone, sembra un po’…”, domandò Bea.
“Un coglione? Si lo so… ma mica ci devo fare dei figli...”, le rispose Iolanda cercando di sembrare leggera e spensierata come sempre, anche se dentro le bruciava parecchio. Forse solo per orgoglio, forse perché doveva essere lei ad usare gli uomini e poi scaricarli... Non il contrario, cazzo! O forse perché Simone le piaceva più di quanto non volesse ammettere.
“Ora scusa... vado a prepararmi…”, disse guardando l’ora ed andando in camera sua.
La birra che Simone aveva posato sulla scrivania era ancora lì. Iolanda la guardò: “Solo pensieri positivi!”, disse a se stessa, prendendola ed andando in bagno per svuotarla e farsi una doccia.

Bea attese che Iolanda fosse uscita per andare al lavoro. Si tolse il vestito e si guardò nello specchio lungamente. Si trovava strana. Non si era mai data particolare pena per quel boschetto che fino a qualche minuto prima le adornava il pube. E non lo aveva mai particolarmente curato. Giusto qualche colpetto di rasoio d’estate ma senza esagerare, dato che non aveva mai portato costumi particolarmente striminziti. Ogni tanto qualche amica l’aveva incoraggiata ma lei aveva sempre declinato: “Ma no, a me piace così”. Si ricordò di quella volta che aveva risposto in questo modo a Michela e, immediatamente dopo, aveva pensato “non è che il tuo ragazzo non mi scopa perché ce l’ho pelosa”.

E nemmeno ha rinunciato ad incularmi per colpa di qualche peletto... come gli altri del resto, pensò voltandosi mentre si apriva le chiappe. Ma non notò nessuna differenza. La differenza la sentiva sui polpastrelli, che passavano sulla pelle resa liscia da Dada. In quel momento si ricordò del perché le aveva chiesto di depilarla e, ricordandosene, si eccitò. Prese il telefono dalla borsa e inviò un wa.
“Ciao Ric, che fai?”.
“Ciao Cucciolo! Sono a casa”.
“Mi dai il tuo contatto Skype?”.
“Non ce l’ho Skype, se vuoi lo scarico”, rispose Riccardo.
Troglodita, pensò amorevolmente Bea. Che però era stata colta da una fretta improvvisa. Si fece un selfie davanti allo specchio e glielo mandò accompagnato dalle parole “non pensi che dovresti venire a trovarmi molto presto?”. Dopo nemmeno dieci secondi il telefono squillò.
“Sei una figa incredibile!”, disse lui senza nemmeno un ciao.
“Ti piaccio?”, chiese lei facendo la voce da stupidina.
“Vuoi che ti mando io una foto per farti vedere quanto mi piaci?”.
Bea si mise a ridere, ma pensò immediatamente a quel viaggio in treno e a come dopo pochi minuti di chiacchiere con quel ragazzo aveva avuto voglia di toccarlo e che lui la toccasse, dapprima timidamente poi in modo sempre più esplicito. Finché la mano di lui si era intrufolata sotto la sua gonna. Pensò a come lui l’aveva messa a sedere sul lavandino di quella toilette e aveva tenuto aperte le gambe nell’attesa che lui la inforcasse. Pensò a come il suo cazzo l’aveva riempita con facilità, tanto era pronta e bagnata. Pensò a quel calore duro che l’aveva posseduta e a come si era sentita sua in quel momento. Pensò a tutto questo e la sua risata si trasformò quasi in un gemito di desiderio mentre la sua figa le inviava con un crampo lo stesso desiderio e il calore si diffondeva lì in basso.
“Dovresti proprio venire...”, riuscì a dirgli a malapena.
“Se vuoi ti faccio una videochiamata e ti faccio vedere come vengo...”, rispose lui un po’ sul serio e un po’ per scherzo.
L’idea di vederlo farsi una sega per lei per un istante le fece quasi girare la testa.
“Non ci provare nemmeno... se anche ci vedessimo tra un anno non ci provare nemmeno”, disse però Bea.
“Perché?”, domandò Riccardo, timoroso di avere fatto una gaffe cafona.
“Perché devi conservare tutto per me...”, sibilò Bea.
“Se mi mandi queste foto sarà difficile...”, provò a scherzare il ragazzo.
“Sarebbe più facile se corressi a leccarmela!”, rispose Bea.
“Cucciolo... così mi fai scoppiare però...”.
“Voglio farti un pompinoooo...”, sibilò un’altra volta Bea al telefono, ”se proprio devi esplodere esplodimi in bocca...”.
Lo sapeva, Bea, a se stessa non poteva mentire. Quella troia di Dada. Negli ultimi due giorni le aveva scatenato dentro le voglie peggiori. Simone che le sborra in bocca e quasi quasi la annega, la medicina magica... Mentre Riccardo protestava e le diceva di smetterla, lei al contrario non poteva smettere di pensare a quello.

Si buttò sul letto e in culo lo studio, per quel giorno! Da sola non ce l’avrebbe mai fatta a dormire, ma la stanchezza della notte precedente ben  presto ebbe la meglio. Si svegliò verso le sei, fece una rapida doccia e poco più di un’ora dopo uscì. Non voleva essere lì quando Iolanda sarebbe tornata. Lasciò un biglietto sul frigorifero in cui le diceva che non avrebbe cenato a casa perché aveva una pizza con i suoi compagni di corso, non rendendosi conto che una balla del genere l’amica non l’avrebbe mai bevuta. Quando mai aveva frequentato i suoi compagni di corso?

Cosa cercasse non lo sapeva bene nemmeno lei. Fece un lungo giro a piedi finché la fame non la spinse dentro un pub. Era dalla sera prima che non mangiava. Prese un hamburger e una Ipa, poi una ceasar’s salad. La cameriera la guardò stupita, Bea le sorrise: “Avevo fametta”. Nel locale c’era ancora poca gente, si rilassò chiedendosi per la prima volta cosa fosse uscita a fare. Non aveva mai fatto una cosa del genere. Che lei si ricordasse, era la prima volta che mangiava da sola fuori di casa.

Bea si mise a pensare a Riccardo concludendo che in fondo era l’unica persona da un sacco di tempo a questa parte le interessasse. La scopata della sera precedente con Marco era stata un piacevole diversivo ma in fondo lei non era mai stata una forsennata del sesso. Se le andava, e se un ragazzo le piaceva, poteva farlo senza problemi. Ma anche no. Tuttavia qualcosa era successo in lei, proprio a partire dalla scopata in treno con Riccardo. Aveva voglia di lui, di rivederlo, ma una certa voglia in assoluto le era rimasta da quella volta. Sennò perché avrebbe reagito all’annuncio che Iolanda usciva con un ragazzo andandosi a cercare una chat erotica? C’era qualcosa di strano, ragionò. Prima il cazzo virtuale di quel tipo e poi quello reale di Marco. Tutto in due sere. E stasera era uscita per cercare nemmeno lei sapeva bene cosa.

Mentre pensava a questo si trovò anche a respingere gli approcci di un paio di ragazzi che intanto avevano cominciato ad affollare il pub. Reagì infastidita soprattutto al secondo, che con la scusa del “cosa ci fa una come te tutta sola” si era fatto parecchio insistente. Decise che era ora di cambiare aria e anzi aveva già afferrato la borsa quando una voce la fermò.

“Chiaramente era un tentativo di rimorchio maldestro, ma la domanda non era malposta”.

Bea si voltò a guardarlo. Aspetto giovanile e capelli appena appena brizzolati sulle tempie. Maglione ocra della Napapijri da sotto il quale spuntava il collo di una maglietta bianca, blu jeans molto stinti. Belloccio, non di più, e nemmeno particolarmente alto. Ben messo però. Gli rivolse uno sguardo ostile.

"Non è giusto rompere i coglioni, ma può capitare che una bella ragazza...”, disse il tipo.
“Perché, tu invece cosa tenti di fare?”, disse Bea scontrosa.
“Ahahahahah sì lo ammetto, piacerebbe molto anche a me. Ma poiché penso proprio che questo non succederà, almeno permettimi di offrirti un’altra birra”, disse l’uomo.
“Stavo andando a casa”, gli rispose Bea.
“Dai, fammi compagnia, è ancora presto. Allora? Un’altra birra?”.

Un’ora dopo le birre erano diventate due più un bicchiere di “cos’è quella cosa che avevi preso prima?” che le aveva fatto girare la testa. Birra a parte, Bea non aveva mai particolarmente retto gli alcolici. Con il passare dei minuti si era accorta che Francesco si andava facendo sempre più complimentoso. Cosa che la lusingava ma la faceva anche stare un po’ sul chi vive. Tutto era però perfettamente gestibile.
“Sei davvero carina, hai degli occhi bellissimi e anche questi capelli a caschetto ti stanno molto bene”, fu il massimo del suo complimento.
“Grazie!”, cinguettò lei, “tu invece hai davvero delle belle mani”, rispose lei ricambiando la cortesia.
“Questa è la prima volta che la sento…”, disse Francesco.
“Ma no, è vero! Sono grandi ma affusolate, belle dita lunghe e dritte, da pianista… si dice così, no?”.
“Mai suonato il piano…”.
“Ahahahah. Senti, io però credevo che gli architetti andassero al lavoro un po’ più in tiro”, disse Bea.
“E’ vero, l’Armani però me lo metto quando vado nell’altro cantiere”.
“Ahahahahahah….”.
Con la seconda risata in meno di cinque secondi Bea si rese conto di essere un po’ andata di testa per colpa della birra e soprattutto dell'ultimo drink. Ma ciò che le fece capire che era davvero ora di togliere il disturbo fu il rendersi conto che, mentre rideva alla battuta scema di Francesco, non aveva potuto fare a meno di lanciare un’occhiata al suo pacco perfettamente disegnato dai jeans.
“Grazie per la bella serata, Fra, ma devo proprio andare”, gli disse quasi di colpo, con impeto. Con lo stesso impeto provò a rialzarsi, ma si accorse che le girava un po' la testa.
“Di già? Resta un altro po’”.
Il valzer del “resta/non posso” si trasformò ben presto in “ti accompagno/non ti disturbare”. Bea vinse la prima partita ma perse di buon grado la seconda. Si ritrovò ben presto sul comodo sedile della Bmw di Francesco. E non fu nemmeno tanto stupita, ma anzi piacevolmente lusingata, quando fermi al rosso di un semaforo lui si fece avanti.
“Ma, secondo te, ci possiamo rivedere?”.
“Ahahahahah no!”, rise Bea, “certo che no!”.
“Perché?”, chiese l’uomo.
“Ma perché io sono una studentessa e tu hai quasi il doppio dei miei anni! Sei sposato, hai dei figli… e sei troppo pericoloso”, rispose Bea tradendosi un po’.
Anche in questo caso la battaglia “pericoloso perché?/perché sì” la vide soccombere. Ma stavolta ben oltre le sue aspettative. L’alcol le aveva sciolto la lingua senza che nemmeno se ne accorgesse.
“E’ curioso, sai? Ne parlavo proprio l’altro giorno con la mia compagna di appartamento. Ho sempre subito il fascino di quelli della tua età, ecco perché sei pericoloso!”.
Sempre senza rendersi bene conto di cosa diceva, Bea gli raccontò di quando a sedici anni si era invaghita proprio di uno della sua età, e di come per molto tempo avesse fantasticato di diventare la sua amante. Per sua fortuna si fermò un attimo prima di confessargli che, appena un mese prima del termine della scuola, si era consegnata mani e piedi a un ragazzo del quinto liceo. E che quello, nel corso di un paio di pomeriggi a casa sua, l’aveva fatta entrare in un mondo a lei ancora sconosciuto, togliendole ogni verginità pensasse di avere. E a quell’epoca Bea ce le aveva tutte.
“Se non pensi che sono un montato ti dico un segreto… Non sono uno che l’ha fatto tante volte, ma è la prima volta che una donna mi resiste”, le disse Francesco quasi ridendo, “è una sensazione strana, soprattutto perché è colpa di qualcun altro!”.
“Ahahahah”, rise ancora Bea, cui però la risposta era piaciuta, “una sensazione strana eh? Lo vuoi sapere tu un segreto, invece?”.
“Ok, dimmelo”, le rispose Francesco.
“Oggi per la prima volta in vita mia mi sono depilata la passera… Quella sì che è una sensazione strana! Ahahahahah”.
Bea rideva senza nemmeno rendersi conto che Francesco la stava guardando molto più intensamente di prima. E che nel frattempo il semaforo era diventato verde e poi rosso per ben tre volte, mentre parlavano. Fino a quel momento non era sopraggiunto nessuno, ma adesso fu il suono furioso di un clacson a far tornare in sé tutti e due.
“Sai che non ne ho mai vista una?”, disse Francesco ripartendo.
“Bè, chiedilo a tua moglie no?”, rispose Bea.
“Gliel’ho chiesto! Si rifiuta!”, disse ancora Francesco accodandosi subito dopo alle risate di Bea, "come mai non l'avevi fatto prima? Proprio oggi?".
"Ahahahahah... l'ho fatto perché me l'ha chiesto un ragazzo", rispose Bea.
"Il tuo ragazzo?".
"Un candidato, mettiamola così... per ora abbiamo scopato una volta in treno, ma poi non ci siamo più... oggi però gli ho mandato una foto ahahahah", disse Bea nel completo silenzio di Francesco.
“Perché me l’hai detto?”, le domandò a bruciapelo poche centinaia di metri dopo, accostando l’automobile al marciapiede.
“Così, mi è sfuggito”, provò a difendersi Bea, “sono ubriaca… mi hai fatta ubriacare…”.
“No dai, dimmi perché. La passera depilata, la scopata in treno... Perché me l'hai detto? Un motivo c’è di sicuro”, la incalzò lui.
Bea rise ancora e si avvicinò al volto dell’uomo.
“Me la vorresti leccare, eh?”, gli sussurrò.
“Ah-ah! Magari! Mi accontenterei di vederla. Anche perché leccartela qui in macchina lo troverei un po’ scomodo”.
“Scherzavo, maiale! Ahahahahah… E se toccassi un po’ di pelle? Giusto un po’ di pelle, senza andare più in giù…”.
Senza nemmeno attendere la risposta Bea si allungò un po' sul sedile sbottonandosi i jeans e tirando giù la lampo, mettendo in mostra le sue mutandine nulla di che. Accolse con un brivido la mano dell'uomo sul pancino.
"E' fredda... solo un po' eh?".
"E' fantastica, sembri di velluto", le sussurrò Francesco dopo che le sue dita avevano oltrepassato l'elastico delle mutandine.
Bea cominciò ad ansimare per la sensazione nuova, per il pensiero di quelle dita così maschili che la esploravano pelle su pelle. Per il ricordo di come si fosse bagnata quando aveva inviato la sua foto a Riccardo.
"Ti piace così?", chiese Francesco. Lei annuì. "Ti ecciti?". Bea annuì ancora cercando immediatamente dopo di recuperare un po' di controllo.
"... nnngh! No!", scattò quando un dito dell'uomo la trafisse, "no, aspetta!".
"Ti piace? Ti piace?", continuò a chiederle Francesco muovendole il dito dentro.
"Non devi, non devi!", protestò Bea.
"E come faccio a non farlo? Guarda che cosa sei", disse Francesco.
Bea si contorceva e protestava, ma non riusciva a sfuggire la mano dell'uomo che era come fosse diventata padrona della sua figa. Non riuscì più a rifiutarlo, come non riuscì a rifiutare la mano che le stringeva una tetta né la lingua che le invadeva la bocca. I suoi gemiti stavano diventando sempre più espliciti.
"E se davvero te la leccassi?", le sussurrò Francesco.
"Avevi detto che in auto non potevi...", balbettò Bea.
"Infatti, non qui...", disse Francesco facendo uscire il dito fuori e asciugandolo sulla pelle depilata del pube della ragazza. Sentendolo scivolare lì sopra Bea ebbe uno spasmo violentissimo.
“D’accordo”, sospirò.

Un quarto d’ora dopo Francesco le apriva la porta di un attico freddo e buio. La prima cosa che colpì Bea fu il forte odore di vernice. Una parte della casa era semplicemente demolita, nell’altra i mobili erano stati portati al centro del salone e ricoperti di cellophane. Lui la prese e la baciò, le afferrò una tetta mentre con l’altra mano si faceva strada nei jeans. Bea gli facilitò l’ingresso, appiattendosi.
“Spogliati!”, le disse Francesco.
“Ho freddo, chiudi le finestre”, rispose Bea.
“Le chiudo ma tu spogliati”.
Bea si spogliò, restando solo con i calzini che usava quando metteva gli scarponcini. Francesco la guardava con gli occhi fuori dalle orbite e lei ormai se ne compiaceva. Sapeva che forse lui non si sarebbe accontentato di un rapporto orale, ma a quel punto non le importava più nulla, era troppo eccitata. Da lui, dalla sua età, dalla situazione clandestina.

Francesco mormorò “che figa”, sollevando il cellophane da un divano e facendole segno di sedersi. Si sedette accanto a lei baciandola e poi succhiandole un seno, non smettendo mai di frugare con la mano in mezzo alle sue gambe, che adesso lei teneva bene aperte. Prima un dito poi il secondo. La scopava con una mano, Bea riusciva solo a gemere il suo piacere. Quando le sembrava di essere lì lì sulla strada che portava all’orgasmo Francesco la mollò e si accucciò tra le sue cosce, spalancandogliele più di quanto non avesse fatto lei stessa. Per cinque minuti buoni a Bea sembrò di impazzire. Nessuno mai l’aveva leccata in quel modo, non pensava nemmeno che fosse possibile essere leccata in quel modo. Portandola all’estremo e fermandosi un attimo prima di farla godere. Gliel’aveva fatto già un paio di volte, le veniva da strapparsi i capelli, mangiarsi le mani, graffiarsi le tette. La ragazza alla fine gli afferrò i capelli implorandolo con le sue grida: “Non smettere, sì! NON SMETTEREEEEE!”. Bea non venne, esplose. E quando smise di urlare si rannicchiò sul divano tremante. Ci mise un bel po’ per smettere di tremare. Nel frattempo Francesco l’aveva presa e se l’era sistemata sulle ginocchia, abbracciandola, accarezzandole la figa e il sedere.

“Voglio farti un pompino...”, sussurrò Bea appena riuscì ad articolare qualche parola.
"Ahahahahah, vorresti ricambiare?", chiese Francesco accarezzandole lievemente il clitoride con le dita bagnate dagli umori della ragazza.
"Siiiiiiiiiì", rispose Bea sconvolta dal piacere.
“Tu non fai nessun pompino”, rispose Francesco.
“Dai, ti prego... voglio prenderti il cazzo in bocca”.
"Ti piace? Ti fai sborrare dentro?".
"Siiiì, puoi sborrarmi dove ti pare", rispose Bea con la voce arrapata.
“Comunque te l'ho detto, non farai nessun pompino. Adesso ti scopo....”.
“No, no...”.
“Perché?”.
“Non... non voglio”.
“Hai paura di tradire il tuo futuro fidanzato? Quello che ti ha scopata nel cesso di un treno? Ti sditalini pensando a lui?”.
“No, stanotte ho scopato...”, rispose Bea senza rendersi conto di essersi in questo modo messa a nudo molto più di quanto lo fosse senza vestiti.
“Con chi? Non con lui”, chiese Francesco
“No. Con uno incontrato a una festa...”.
“Ahahahah... ti fa ancora male la fighetta?”, disse infilandole un secondo dito dentro.
Bea si morse le labbra e si contorse gettando le braccia al collo dell'uomo. Gridò con un “no, basta!” tutto il suo piacere mentre spingeva il bacino per farsi riempire meglio. Lui le disse ancora una volta “daiii, fatti scopare puttana”, lei lo baciò interrompendosi giusto il tempo di dirgli “no, non sono una puttana”.
“Ah no?”, disse Francesco ironicamente.
Bea non rispose ma lanciò un urletto. Con l’altra mano l’uomo aveva smesso di accarezzarle l’ano e le aveva spinto un dito dentro.
“Ahiaaa... ahaiii”.
“Che c’è, non ti piace nel culo?”, chiese Francesco.
Ma non ebbe nemmeno bisogno della risposta. Bea gli ondeggiava sopra le mani, cercando l’affondo delle sue dita sia nella figa che nel culo. Il fatto che gemesse “porco, maiale, figlio di troia...” non contava nulla tanto evidente era il piacere che esprimeva. Con le braccia intrecciate intorno al collo dell'uomo e i volti quasi a contatto, si sentiva prigioniera delle sue mani e del suo respiro. Le dita sciacquavano nella sua figa facendo rumore. "Santo cielo come sono bagnata", gemette. Sapeva benissimo che avrebbe finito per acconsentire a ogni sua richiesta.
"Me lo vuoi mettere lì? Vuoi aprirmi con il tuo cazzo?, chiese con un sussurro.
"A te il cazzo nel culo piace proprio, mi pare...".
"Può essere... aaaah...", sibilò Bea prima che Francesco spingesse a fondo le dita nei suoi buchi.
Lui continuò a infilargliele dentro avventandosi sulla sua tetta provocando a Bea nuove stilettate di dolore e di piacere. La ragazza gridò forte quando le morse un capezzolo, poi si lasciò andare ad uno strillo, gridando “sto venendo, non smettere, NON SMETTERE!” mentre le dita di Francesco continuavano a fotterla forte.

Fu il secondo dito infilato nel culo a farla urlare anche di più. Quando anche quello si fece strada fino in fondo le sembrò di avere dentro due cazzi. Bea cedette, non le importava più niente di niente. Portò una mano sul pacco di Francesco implorandolo “scopami, mettimelo dentro! Spaccami!”. Non era mai stata così volgare in vita sua, ma non riusciva più a controllarsi. Voleva quell’uomo, voleva il suo cazzo, voleva essere sua, completamente sottomessa a lui.
“Scopami, dammi il cazzo, inculami come una troia, ti voglio, porco!”.
“Non hai ancora capito nulla, zoccoletta”, la prese in giro lui.
Bea sentì le sue dita ruotarle dentro il sedere e rimase senza fiato quando avvertì la punta di un terzo dito provare ad aprirla.
“No, che fai... no, no, noooo!”.
Ogni piacere sparì in un attimo mentre Francesco la penetrava in quel modo. Bea si sentiva tirare e allargare la carne, si sentiva strappata. "Mi fai maleeeeeeeeeee!", urlò ormai in lacrime. L’uomo la rigirò sul divano continuando a fistarla come un pazzo gridando “troia! troia! troia!”, ma gli strilli di Bea coprivano tutto. Si sentiva debole e incapace di reagire, ogni sua difesa era affidata alle urla e alle implorazioni. Le parve di svenire quando sentì tutte le nocche affondarle dentro. Fece in tempo a gridare “lasciamiii” e poi restò senza più voce né fiato per strillare, chiavata contro il divano, prigioniera di quelle dita. Quando Francesco provò a infilare anche il mignolo Bea si divincolò, anche a costo di farsi male. Si sentì graffiare dalle unghie dell'uomo, cadde con il culo sul pavimento e incominciò a indietreggiare spingendosi sui talloni e sulle mani. Si sentiva sporca e sudata. E soprattutto il buco aperto le faceva un male mostruoso, era certa che lui l'avesse lacerata. Senza riuscire a parlare e con le lacrime che le rigavano le guance, il suo sguardo pieno di paura chiedeva all’uomo “perché? perché?”.
Si fermò contro un angolo, con la schiena al muro, guardando terrorizzata Francesco che si avvicinava.
“Anche io ho scopato stamattina, con mia moglie... sai ogni tanto ho delle disfunzioni. Nulla che non se ne vada con una pillolina eh? Però stasera non ce l’avevo”.
Quando Bea vide avvicinarsi la mano che l’aveva sodomizzata in quel modo si riparò il volto gridando istericamente “non mi toccare con quella cazzo di mano!”. Ma Francesco non aveva nessuna intenzione di toccarla. Serrò il pugno proprio davanti agli occhi impauriti di Bea.
“Mia moglie lo prende così... impara a diventare donna, prima di metterti a fare la puttana in giro”.
Detto questo si mise a riaprire le finestre del salone, prima di andarsene senza nemmeno guardarla.
Solo quando sentì la porta sbattere, Bea strillò con tutto il fiato che aveva "stronzo! psicopatico! impotente di merda!". E solo in quel momento avvertì quella sensazione di freddo umido. Si portò una mano alla schiena e quando la osservò la trovò tutta bianca. La vernice sui muri non si era ancora asciugata.
"Porca puttana che casino...", mormorò a se stessa.

Questo racconto di è stato letto 6 8 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.