Sex 12 E-spiare

Scritto da , il 2020-04-25, genere voyeur

"Ahahahah non ci posso credere che hai sognato di scoparti tuo zio!", rise Bea affondando la forchetta nel primo involtino, bottino di guerra del suo ritorno a casa per pasqua.
"Uh, ma sono buonissimi!", commento Dada masticando, "li fa tua mamma?... Che ti devo dire? Ho sempre pensato che fosse un bell'uomo ma... così non mi era presa mai. E poi con tutti quei dettagli! Pensa che io i sogni non li ricordo mai...".
"Che tipo di dettagli?", domandò Bea con un sorriso malizioso.
"... mmm, sorvoliamo, dettagli di una certa profondità, diciamo. E te? Come è andata con Ric?".
Bea sorrise e la guardò. Per un attimo si chiese fino a che punto potesse spingersi, poi valutò che il fatto di averle leccato la figa e averla fatta godere come una maiala le consentiva una confidenza con Dada che non aveva avuto con nessun altra amica.
"Sai, mi fa ridere che tu pensassi che ero una suora, non lo sono...". "Eh, me ne sono accorta...". "Però non sono mai stata con nessuno ciò che riesco a essere con Riccardo, è come se mi avesse acceso un interruttore dentro... scusa se sono sfacciata".
"Non ti fare problemi... in che senso dicevi?", chiese Dada.
"Eh, per esempio, c'è stato un momento in cui ha preso queste manette e mi ha legata ai tubi del riscaldamento sul soffitto. Stavo scomodissima... le braccia sempre in alto, non dico sulla punta dei piedi ma quasi... e se provavo a mollare mi facevano male i polsi. Mica cinque minuti, eh! Un paio d'ore se non di più! Bendata, poi. E lui? Sai che faceva? Quello che gli pareva. Mi guardava, mi ignorava, non lo so... gli parlavo e non rispondeva, a un certo punto è addirittura uscito... non sapevo cosa facesse, sentivo solo qualche rumore ogni tanto, il telefono... dopo un po' mi sono sentita un oggetto, un soprammobile, l'esatto contrario di quando vuoi che un ragazzo ti desideri, ed è stato in quel momento che, sdeng!, mi sono eccitata da matti, colavo...".
"Non capisco, non ti ha scopata?", domandò Dada.
"Oh sì, ma anche... altro. Come quando l'ho sentito vicino a me che mi diceva che si stava facendo una sega guardandomi e un attimo dopo il caldo della sborra sulla pancia, a momenti vengo per quello, ma a momenti vengo anche quando mi ha preso le tette in mano o quando mi ha passato quel cavolo di vibratore sulla schiena... no, dico, la schiena... poi sì, mi ha pure scopata e ti assicuro che non si è fatto mancare nulla, mi faceva anche male, ero un incendio là sotto, ma lui diceva che ero sua e che faceva quel che voleva".
"Scusa Bea, non capisco dove è il piacere, ti faceva pure male...", domandò Dada parecchio perplessa.
"Il piacere è che lo faceva lui, Dada. Capisci? Te l’ho detto, non sono mai stata una suora come pensavi te ma non mi sono mai sentita così puttana, e con lui lo sono perché mi sento solo sua e lui è solo mio, non è il tipo che scopa in giro, me l'ha detto. E’ mio, è solo mio! E vuole me, solo me! E sono pronta a lasciarmi andare completamente. No, anzi, non pronta, felice! E’ la prima volta che mi succede... e anzi, guarda, mi dispiace anche di avere fatto certe cose che... sì, insomma, non dico che vorrei essere stata vergine per lui, ma quasi".
Dada la guardò, arrossì. Per un momento le sembrò di commuoversi, immediatamente dopo di sprofondare in un abisso di sensi di colpa. Parlò perché sentì una forza terribile che la costringeva a parlare. Una forza cui non era possibile opporsi.

“Bea... io non ho mai avuto molte amiche donne... amiche vere intendo, a dire la verità forse sei la prima... e ti voglio bene. Dico davvero... ci tengo alla nostra amicizia e per questo... Io, cazzo, non so come dirtelo. Non devi sentirti in colpa per niente. Speravo così tanto che fra te e Ric non diventasse qualcosa di serio. Ok, tanto non c’è un modo facile per dirlo, quindi... Ti ricordi che mi hai chiesto di cosa parlavamo io e Ric sotto casa quando ci hai visti? Ecco, gli ho detto di non fare lo stronzo con te. E gliel’ho detto perché... Sì, insomma, quando è tornato a prendere il suo pc io e lui abbiamo scopato. Non lo so perché sia successo. Giuro, mi sento una stronza, nemmeno volevo farlo... E’ che... lui ci ha provato, io ero invidiosa e... mi sono fatta schifo. Mi faccio schifo, ma credo che prima di investirci dei sentimenti tu debba saperlo...“.
Bea la interruppe alzando la mano, teneva ancora un pezzetto di pane tra le dita.
Silenzio.
“Che vuol dire che tu e Riccardo avete scopato?”, chiese lentamente come se il suo cervello dovesse ancora elaborare davvero la cosa.
“Si... una volta sola”, aggiunse pensando che era una cosa stupida da specificare.
Bea non disse nulla. Si alzò ed andò in camera sua. Rapidamente. Sentiva le ginocchia che le tremavano e aveva paura di cadere nel corridoio.
“Perfetto Dada, perfetto... bel casino che hai combinato!”, disse a se stessa Iolanda lanciando le posate nel piatto. Non aveva più fame, anzi quasi le veniva da vomitare.

La mattina dopo quando Dada si svegliò erano le dieci e mezza.
Bea stava studiando seduta al tavolo da pranzo. Non la guardò nemmeno, non le parlò non le disse nulla. Non rispose neanche al saluto.
Iolanda stava per prepararsi il caffè, poi ricordò che a Bea quell’odore dava fastidio e pensò che era meglio non darle un motivo in più per odiarla. Era stupido, ma avrebbe fatto qualsiasi cosa per non perderla, non solo come coinquilina ma anche come amica. Si era davvero legata molto a lei, era bello avere un’amica. così rinunciò al suo caffè e si versò un bicchiere di succo di frutta.
Stava pensando a cosa dirle, poi il suo cellulare squillò. “Lavoro” era scritto sul display. Che volevano? Non era di turno fino alle quattordici.
“Pronto?”, disse “... no ciao, non disturbi dimmi”.
Bea era con la faccia fissa sul suo libro, con la schiena girata a Dada. Non capiva nulla di ciò che stava leggendo, si sentiva stordita e l’unica cosa cui riusciva a pensare era che doveva cambiare casa il prima possibile. Ma quella telefonata richiamò la sua attenzione.
“... ma non lo fa Stefano di solito? Cioè, fammi capire, dovrei stare chissà quanto chiusa in magazzino a fare l’inventario dei prodotti da ordinare perché lui ha i colloqui per la nuova receptionist?... dai, è una pizza, perché io? Ok dai, grazie della soffiata. Almeno quando arrivo e me lo dicono non faccio la faccia scocciata ahahaha... si ok, a dopo”.
A sentir nominare Stefano a Bea tornarono in mente tutte le chiacchierate fatte su di lui. A Dada piaceva molto più di parecchio, anche se sembrava il solo uomo che le gravitasse intorno immune al suo fascino. Dentro di lei montò una rabbia sorda. E con la rabbia il desiderio di vendetta. Magari avrebbe potuto ricambiarla con la stessa moneta? Magari avrebbe potuto farle capire come si sta quando qualcuna di cui ti fidi fa la troia con un ragazzo che ti piace così tanto. Così tanto, si ripeté Bea con le lacrime agli occhi. Magari Iolanda era solo abituata a non avere una vera concorrenza. O magari era il momento di vedere se anche lei era capace di soffrire.


Alle 17 in punto Bea entrò nel centro estetico. Giubbino di pelle, maglietta con una V un po’ scollata, gonna di jeans non oscena ma abbastanza corta. Una ragazza sorridente in reception l’accolse.
“Ciao! Hai un appuntamento?”.
“No, sono un’amica di Iolanda..”.
“Oh lei ora è in magazzino... te la chiamo se vuoi”.
“No, non importa.. so che state cercando una receptionist”.
“Si... se vuoi darmi il curriculum lo io passo al capo”.
“In realtà non ce l’ho, speravo di potermi candidare personalmente”.
“Oh... aspetta un secondo, ok?”, disse la ragazza indicandole le poltroncine ed andando verso la zona con la scritta “solo personale”.
Pochi minuti dopo ne uscì con Stefano, che dal vero era ancora più bello che in foto. Quella stronza di Iolanda non scherzava dicendo che aveva davvero un bel sorriso.
“Piacere, Stefano”, disse lui porgendole la mano.
“Beatrice …”, rispose lei alzandosi, “mi scusi se sono piombata qui senza preavviso, ma passavo da queste parti e così...”.
“Nessun problema, sono libero e poi se sei amica di Iolanda uno strappo alle regole si può fare”, sorrise lui. Poi si girò verso la ragazza in reception: “Ah, a proposito di Iolanda, quando ha la lista le dici di portarmela in ufficio? Devo fare gli ordini prima possibile”.
“Si boss”, disse la ragazza sorridendogli. Era evidentemente anche lei attratta dal fascino dell’uomo. Anche se, avrebbe detto Bea, con ben poche chances.
“Ottimo! Vieni Beatrice, andiamo nel mio ufficio”, disse Stefano, “cosa te ne sembra?”.
“Non è la prima volta che vengo, io... bè sono anche una cliente”, rispose Bea, “complimenti, è molto bello qui! Sa, io vengo dalla provincia... cose così se ne vedono poche...”.
“Grazie! Ma almeno Iolanda te l’ha fatto lo sconto?”, sorrise Stefano.
“Ahahahah... no, non gliel’ho neanche chiesto”, rise Bea avvicinandosi un po’ a lui, “ma le assicuro che sono soldi ben spesi.
“Addirittura? Un po’ di sconto te lo poteva fare...”.
Bea fece un altro passo verso Stefano. Quarantene, occhi azzurri, capelli brizzolati e corti, alto... non muscoloso da palestra ma ben piazzato. Cosa si poteva volere di più? E inoltre si era accorta che la guardava, le prendeva le misure. Ora che gli si era avvicinata le aveva anche lanciato nella scollatura un’occhiata nemmeno tanto sfuggente.
“Io credo che se un lavoro è fatto bene bisogna pagarlo”, disse Bea abbassando un po’ la voce, “ed è stato davvero ben fatto”.
“Sono proprio contento...”, rispose Stefano colpito dagli occhi di Bea e da quel tono di voce così improvvisamente sensuale.
"Lei non verifica mai il lavoro che fanno le sue ragazze?", domandò Bea.
“Cioè?”, domandò lui.
“Io ho fatto una ceretta intima...”, rispose Bea avvicinandosi sin quasi a sfiorarlo e abbassando ancora il tono di voce.
“Cosa vuoi?”, le chiese Stefano, un po’ diffidente, “perchè non sembra tu sia qui per il lavoro.…”.
“Voglio vedere se uno della sua età sa darmi quello che un mio coetaneo non mi sa dare”, disse Bea prendendo la mano di Stefano e portandosela sulla coscia, “lei può darmelo?”. Stefano la guardava, sul suo volto non vi era nessuna espressione, come se la stesse studiando, come se volesse capire chi fosse quella bellissima ragazza che si stava dando a lui così facilmente.
“Sei sempre così?”, le chiese infine, non c’era bisogno che lo specificasse, il suo sguardo lasciava chiaramente intendere che la frase era “sei sempre così troia?”.
“Solo quando incontro qualcuno che mi piace molto...”, disse Bea portando la mano dell’uomo sotto la gonna e sobbalzando al contatto con le sue mutandine.
“Sei già bagnata...”, sussurrò Stefano strusciando piano le sue dita sul tessuto inumidito dagli umori. Bea avrebbe voluto rispondere “può essere” ma non ne ebbe il tempo perché lui la baciò afferrandole la nuca e tirandola verso di sé. La mano finì dentro le mutandine e la ragazza si abbandonò a quel possesso.
“Chiudi la porta”, mormorò Stefano.
Bea si diresse alla porta ma fece solo il gesto di chiuderla, in realtà attese che la serratura facesse rumore lasciando però un piccolo spiraglio. Si voltò guardandolo, piegò leggermente le ginocchia e si tolse le mutandine, guardandolo ostentatamente. Gliele lanciò.
“Allora...”, sospirò, “me lo fa vedere cosa sa fare un uomo?”.
“Dammi del tu...”, le disse Stefano stringendo in mano le mutandine.
“Ma così è molto più da maiala, no?”, rispose Bea ancheggiando verso di lui, “da parte mia l’obbligo di mantenere la forma, da parte sua la libertà di scoparmi come meglio crede... Come meglio crede”, disse Bea scandendo le ultime parole.
Vide nel portapenne sulla scrivania la penna di gomma con cui Iolanda le aveva raccontato di essersi masturbata, seduta sulla poltrona di Stefano. La prese e se la portò in bocca, accennando a un pompino.
“Da dove vuole cominciare, Stefano?”.

“Quel magazzino è inquietante…”, disse Iolanda tornando in negozio.
“Si un po’... è la lista ?”, chiese Anna guardando il foglio che Iolanda aveva appoggiato al bancone della reception.
“Si..”.
“Ha detto Stefano di portarla a lui... così saluti anche la tua amica che sta facendo il colloquio”.
“Mia amica?”, chiese Dada
“Si, l’ha detto lei...”, il telefono del centro squillò ed Anna rispose, Iolanda andò verso l’ufficio di Stefano.
“Da dove vuole cominciare, Stefano?”, possibile fosse la voce di Bea? Da quando era interessata ad un lavoro? Forse le serviva per trovare un altro appartamento? Ma quelle domande svanirono quando origliò la risposta di Stefano.
“Sembri brava a usare la bocca...”. A quella frase seguirono dei mugugni soffocati di piacere, ed era sicuramente Bea ad emetterli.
Che diavolo stava succedendo in quell’ufficio? La tentazione di aprire quella porta ed entrare era forte, ma si trattenne limitandosi a spionare da quello spiraglio.
Senza fare rumore lo aprì un po’ di più per poter vedere l’intero ufficio.
Beatrice appoggiata alla scrivania a gambe aperte con in bocca la penna che Iolanda aveva usato per masturbarsi e Stefano in piedi davanti a lei, ed anche se non lo poteva vedere bene era chiaro che la stava scopando con le dita.
Ora Dada sapeva cosa stesse cercando Bea. Non un lavoro ma una vendetta. Aveva senso... aveva appena scoperto che lei si era scopata il solo ragazzo di cui le fosse mai importato. Quello era un occhio per occhio. Razionalmente la capiva, ma emotivamente la rabbia infuocava ogni parte del corpo di Iolanda.
“Troia del cazzo...”, pensò. Come c’era riuscita?
Stefano le alzò la maglia con la mano libera scoprendo un seno di Bea ed iniziando a succhiarle il capezzolo mentre continuava a penetrarla con le dita.
Iolanda vide Bea trasalire ed aprire ancora di più le sue gambe. Stava proprio godendo alle sue spalle, quella puttana. E Stefano sembrava bravo a fare ciò che le stava facendo perché Bea godeva davvero parecchio, non fingeva.
Stefano si alzò dal suo seno e con la mano libera si aprì i pantaloni abbassandoseli.
Iolanda poteva vedere solo il suo sedere…una vampata di calore salì nel suo corpo..rabbia ed eccitazione…odio, invidia….desiderio…
Bea abbandonò la penna e portò le mani sul cazzo di lui.
“Mi prenda... ora! La prego...”, disse guardandolo con quell’espressione da cerbiatta in calore che Dada le aveva visto altre volte.
Stefano aprì un piccolo cofanetto di legno posato sulla scrivania, tirando fuori un preservativo.
Iolanda non avrebbe mai creduto che fosse quel genere di uomo da averne sempre uno sottomano, forse perché non ci aveva mai provato con lei. Non lo avrebbe mai creduto un maiale che non rinunciava ad una scopata. Ma quello che stava accadendo dimostrava che forse il problema era lei: “Sono io a non piacergli..” pensò Iolanda.
“Non offenderti... ma non so quanti cazzi ha preso la tua bella fighetta…”, disse Stefano a Bea.
“Non mi offendo, basta che me lo dà...”, ansimò Bea guardandolo infilarsi il preservativo sul cazzo e iniziando a toccarsi da sola.
Stefano la girò di peso.
“Fammi vedere il culo... ”, le disse.
Mentre la girava, lo sguardo di Bea incrociò quello di Iolanda dietro la porta. Fu una frazione di secondo, ma Iolanda fu certa che l’amica la stesse aspettando e le avesse sorriso beffarda.
Avrebbe voluto scappare via, piangere per sfogare quella rabbia, ma... rimase li immobile, a guardare.
Bea piegata a 90 su quella scrivania e Stefano che la scopava da dietro.
Quando il cazzo la penetrò Bea non riuscì a trattenere un gemito, lui le portò una mano alla bocca per non farle fare rumore.
“Fai silenzio...”, grugnì piano iniziando a montarla con una furia quasi animale.
I gemiti soffocati di Bea mentre si contorceva, le stoccate potenti di Stefano dentro la sua figa, i muscoli delle sue natiche che si contraevano spingendoglielo ancora più in profondità.
Iolanda, anche se odiava ciò che stava guardando, era eccitata. Ma s’impose di non toccarsi, non voleva godere mentre Bea si gustava il cazzo del solo uomo che davvero le piacesse. Il solo con cui avrebbe voluto di più di una scopata.
“Ti piace prendere cazzi in giro eh...”, sibilò lui, “sei fradicia, puttana…”, disse scopandola fortissimo. Bea godeva, eccome se godeva. Magari anche di più pensando che Iolanda era lì, spettatrice passiva di quella sveltina.
“Oooh cristoooooo... senti quanto stringi…”, sussurrò lui.
Bea stava venendo, ansimando sempre più forte nonostante la mano sulla bocca. “Godi troia... daiii... .così mi fai sborrare... oooh siiì”, ansimò lui dandole una profondissima stoccata. Dai gemiti si capiva che stava schizzando.
“In genere non amo le sveltine ma... mi serviva proprio”, disse Stefano senza troppa dolcezza sfilandosi da lei e buttando il preservativo nel cestino.
Bea si girò, inginocchiandosi e iniziando a pulirgli il cazzo con la lingua. Era evidente che lui la considerasse poco più di una puttana di strada e questo la eccitava.
“Giornata stressante?”, gli chiese guardandolo.
“Abbastanza... ma adesso smettila o mi torna duro”, disse lui sollevandola con delicatezza.
“E che male ci sarebbe?”, disse maliziosa Bea, vedendo con la coda dell’occhio Iolanda ancora dietro a quella porta, “mi è piaciuto essere la sua puttana... e lo sarei ancora, ha un così gran bel cazzo...”.
Bea sapeva che Dada non lo poteva vedere. E sapeva anche quanto Dada desiderasse vederlo. Adesso entrambe sapevano cosa era in grado di fare Stefano con quella bestia che si ritrovava in mezzo alle gambe, ma solo lei aveva potuto vederla, sentirla dentro di sé, assaporarla con la bocca.
“Stronza...”, pensò Iolanda.
“C’è di male che se riprendo a scoparti non mi bastano dieci minuti, e devo lavorare”, disse secco Stefano richiudendosi i pantaloni e facendo il giro della scrivania.
“Mi usa e mi caccia via... solo per questo potrei innamorarmi...”, gli sorrise Bea facendo la gatta.
Iolanda si spostò o l’avrebbe vista anche lui, ma rimase ad ascoltarli, ansiosa di sapere se lui le avrebbe chiesto di vedersi ancora. Ansiosa di ascoltare la risposta di Bea. Poteva “perdonarle” quella sveltina, ma non le avrebbe perdonato che lui diventasse un suo tromba-amico. In fondo lei e Ric avevano scopato una sola volta.
“Va da sé che non posso assumerti”, disse Stefano.
“No? Come mai?”, chiese lei.
“Non scopo mai con delle dipendenti... ho scoperto non è mai saggio unire lavoro con piacere. E poi l’ultima cosa che mi serve è avere un’altra drizzacazzi che mi gira intorno”.
Il cuore di Iolanda fece un timido balzo. “Non scopa con le dipendenti! Non unisce dovere e piacere! E’ solo per questo che non ci prova!” pensò trovando un pur piccolo conforto.
“Un’altra? C’è qualcuna che glielo fa già drizzare?”.
“Sono un uomo...”, rispose lui senza rispondere realmente.
"Le mutandine però se le può tenere... le avevo appena messe e credo che sappiano di buono. Magari possono servire a farle venire qualche idea, per un'altra volta... basta un fischio", gli disse Bea dopo avergli leccato il collo, e a voce abbastanza alta perché Iolanda potesse sentirla.
Ok, basta. Era troppo. Iolanda non voleva proprio più rimanere li a rischiare che Stefano chiedesse a Bea di uscire.
Bussò, poi senza dare il tempo di rispondere aprì la porta.
“Ti ho portato la... oh Bea ciao”, disse fingendo di non aver visto nulla di strano.
“Si, grazie, dammela pure”, disse Stefano.
“Non sapevo volessi lavorare in reception, potevi dirmelo”, disse Dada guardando Bea mentre consegnava il foglio a Stefano.
“Era solo un'idea... ma sai, con gli orari farei fatica a frequentare le lezioni. Scusi se le ho fatto perdere tempo”, disse guardando maliziosa Stefano.
“Nessun problema, è stato un piacere conoscerti”, rispose lui.
“Ti accompagno fuori”, disse Dada. Ma Stefano la fermò.
“Iolanda, puoi rimanere? Devo parlarti di una cosa”.
“Allora io vi lascio lavorare... a presto”, disse Bea uscendo dall’ufficio. Col fare vittorioso di Giulio Cesare dopo avere conquistato le Gallie.

Questo racconto di è stato letto 2 0 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.