Avventure ed esperienze di un estate – QUINTA PARTE – Lo slave deve soffrire e godere

Scritto da , il 2019-10-04, genere dominazione

DISCLAIMER: NARRAZIONE DI PURA FANTASIA, NOMI, LUOGHI, PERSONAGGI E’ TUTTO INVENTATO. IL PROTAGONISTA E’ MAGGIORENNE E QUANTO NARRATO AVVIENE DOPO LA SUA MAGGIORE ETA’.
Avventure ed esperienze di un estate – QUINTA PARTE – Lo slave deve soffrire e godere
Appeso al soffitto sono ormai in balia di questo uomo. Come mi aveva annunciato prima di bloccarmi, so che sta per mettere in pratica le sue promesse . Infatti dopo essersi allontanato da me l’ho sentito andare a prendere qualcosa; Il rumore di un anta che si apre e richiude più volte, intervallato dal rumore di qualcosa di ferro che viene appoggiato su un piano metallico. E poi…ecco, delle ruote come di un carrellino di quelli per portare strumenti di acciaio come se ne vedono dal dentista. Un rivolo di sudore freddo mi scende lungo la schiena…inizio a immaginare scene trucolente come di bisturi che mi passeranno sopra la pelle aprendomi piccoli tagli. Il carrellino arriva vicino a me . Cerco di mormorare qualcosa ma non ci riesco, dalla mia bocca solo dei rantoli penosi. Lui mi zittisce con tono burbero “che hai da lamentarti ? non ho ancora iniziato è fai tutto sto casino…rilassati, ti conviene”. Click…un interruttore che scatta…un tepore su di me…una flebilissima luce che filtra dal cappuccio che indosso…ritengo che lui abbia acceso un potente faro che m’illumina il mio corpo. Mi sento come il paziente da operare...
Ecco che si avvicina e mi studia in silenzio… poi: “io sono pronto, e te ?” “non avrai mica paura ? l’altra volta ti ho fatto male ? no, lo sai. Hai goduto e basta...Questa volta come hai già capito la storia è un pò diversa… questa volta non intenzione di farti solo godere, ma voglio portarti più in alto, verso nuovi confini”, qualche istante di glaciale silenzio e poi prosegue "se me lo permetti questa volta su di te, oltre le mie mani, utilizzerò qualche strumento...ed ora mettiamo un po’ di musica , ok ?” si allontana ancora una volta, e poi sento partire un brano di classica, le 4 stagioni…”ecco, vedi ho messo questo brano per 2 motivi, il primo è l’andamento della musica, ognuna delle sue 4 parti sarà una tua parte del corpo di cui io mi occuperò infierendoci sopra, una per volta, il suo gran finale sarà anche il tuo gran finale oggi, il secondo motivo è che ogni volta che ora sentirai questa musica non potrai non pensare a te, qui, nudo ed imprigionato in mia balia”Quindi, con tono serio disse “musica, maestro”.
Primavera…Le sua mani indossano dei guanti in lattice, ho sentito mentre li metteva. Inizia a passarle su di me studiando ogni parte del mio corpo…parte dal collo che stringe e rilascia più volte togliendomi il fiato, aspettando il mio affanno, poi scende ai capezzoli che con fare sempre più doloroso mi strizza e ritorce su se stessi, saggiandone la durezza acerba, girandomi poi dietro la schiena… sento le sue mani che si avvicinano al culo e mi allargano con forza i glutei esponendo il mio buco nascosto… lo trovano ed iniziano a massaggiarlo girandoci intorno, poi un dito ne forza il varco…mi sento morire… ti prego no, mi dico , non lo farà davvero…quel dito che indugia e spinge più volte come a voler varcare la soglia del mio sfintere…poi decide diversamente e la sua mano si ritrae e si sposta davanti. Nota ora la mia erezione e mormora “come prevedevo, ti piace….dopo quello che ti farò vedremo se ti piacerà ancora…” con le mani mi prende il cazzo in mano, e inizia a masturbarmi, lentamente, con mosse studiate, eccitanti. Poi con un colpo secco mi tira giù la pelle fino al limite e mi scoperchia la cappella esponendo il glande rosso porpora … tenendomi la pelle in tiro al massimo mi sta facendo impazzire di dolore….ecco...lui ha iniziato la sua opera...senza mollare la presa, tenendo il mio cazzo ben in tiro, prende qualcosa dal carrello…clack! Mi mette una grossa molletta metallica sul prepuzio che mi strizza il cazzo…vorrei cacciare un urlo ma è tutto inutile. Il dolore è lancinante, mi sfugge qualche lacrima, l'urlo muore dietro la pallina... Lui lascia andare il cazzo che rimane in tiro; Mi prende le palle in mano, e dopo averle massaggiate e torturate fra le sue dita le avvolge in una corda. Uno, due, tre giri, le lega strette facendo delle scroto un pezzo unico e stretto , un sacco rosa e dolorante. Dal carrello prende un peso, probabilmente tipo quelli da palestra e lo lega al filo che mi penzola dallo scroto. Poi lascia andare il peso che mi tirano i genitali verso il basso .. sicuramente e soddisfatto di quello che ha fatto, sento che bofonchia qualcosa, e , forse, sta scattando delle foto. Il cazzo mi fa male , lo sento tutto in tiro e sotto pressione… Lui ora si è spostato dietro… inizio a temere per cosa voglia fare… siamo alla seconda stagione, Estate… il mio culo… le sue mani tornano di nuovo sulle mi chiappe. Sento che le tocca, le apre, le massaggia, le tasta come si farebbe con un frutto. Sento un sibilo...la prima frustata che mi centra, poi un altra ed un altra ancora. "te ne ho date poche" mi dice " non voglio esagerare con te, ma la prossima volta vedrai".... Ora le sue mani prendono un un tubetto di plastica… lo spreme e si cosparge i guanti di gel. Inizia quindi a frizionare le mie natiche. Dapprima Un freddo intenso mi pervade, per poi diventare caldo, caldissimo, fino a bruciare. Non so cosa ha usato, ma ora mi sento bagnato e mi brucia la pelle... Le sue mani ora s’insinuano all’interno delle mie chiappe, con un dito, lo stesso che prima aveva stuzzicato il buchino, questa volta invece punta dritto senza tanti complimenti. Si appoggia nel centro del mio buco, e roteando mi sfonda, lentamente, penetrandomi. Una volta che il suo dito è passato il gel che aveva sulle mani mi ha mandato in fiamme il buco del culo…inizia ad andare avanti e indietro, come fosse un piccolo cazzo, uscendo e rientrando, sempre più veloce, fino rendere il mio muscolo anale docile e lascivo. Si ferma, avvicina il carrellino con gli strumenti verso di se. Prende qualcosa….sento che lo unge….poi, con le dita apre nuovamente un varco fra le mie chiappe, mi appoggia sul pertugio qualcosa di freddo e duro e…spinge…spinge sempre più forte.. . “non opporre resistenza, non ti conviene”…io non vorrei farlo ma il dolore che mi crea è fortissimo e non riesco a controllare la contrazione del mio muscolo che cerca di resistere alla sua violenza. Lui però insiste ed ad un certo punto ha la meglio e sfonda, nel vero senso della parola il mio culo. Non so cosa mi ha infilato ma è grosso e mi riempie tutto. Con pochi movimenti lo infila fino in fondo e lo sistema nella posizione che ha deciso Sento che per non farlo uscire lo blocca con del nastro adesivo. La situazione si fa dolorosa…davanti ormai l’erezione iniziale è passata ed il dolore è diventato talmente sordo che ora non lo sento più; Dietro mi ha sfondato e riempito…un altra stagione, l’autunno….i miei seni, ecco a cosa punta ora. Inizialmente si mette in piedi di fronte a me….mi studia e prepara la sua tortura….si allontana e si cambia guanti… Prende qualcosa, da un cassetto, e torna da me… mi massaggia i capezzoli con qualcosa di umido poi mi dice “Ragazzo mio, forse ora sentirai più dolore di quello fin ora sentito…sai bene che i capezzoli sono la parte più delicata e so che i tuoi sono anche molto sensibili….quindi, ora conterò fino a tre, al tre sappi resistere all’ondata di dolore che almeno all’inizio di pervaderà; credimi devi provarla questa sensazione per capirla…pronto ? uno…due…e tre” Mi serrò una pinza con dei dentini acuminati sul capezzolo, poi una scossa violentissima che dal buco del culo arrivo fino al capezzolo lasciandomi senza fiato…quell’uomo aveva probabilmente collegato il polo elettrico alla sonda che mi aveva infilato nel culo per poi mettere l’altro polo sulla pinzetta di ferro. Mi tornò alla mente quelle torture che avevo visto fare al telegiornale...soldati che torturavano così le loro vittime. Lui interruppe il passaggio di corrente per qualche secondo per poi ridarlo e levarlo più volte…godeva a vedermi inarcare violentemente. Poi prese un altra pinzetta che serrò sull'altro capezzolo facendomi un male pazzesco. Con il polo elettrico si spostava ora da una pinza all'altra facendomi inarcare e piegare dal dolore .Per qualche strano motivo Il cazzo a tutte queste manovre e scosse elettriche si era di nuovo animato prendendo una forma turgida e tesa, un erezione incredibile, cosa che però non sfuggi al mio aguzzino…stacco allora il polo dalla sonda nel culo e l’attaccò sulla molletta di ferro in cima al cazzo. Nuovamente ridiede corrente…. una fiammata fra i genitali e i miei seni….vibravo tutto… la corrente mi attraversava stimolandomi, non era un dolore ma una vibrazione interna che mi faceva risuonare di piacere. In pochi attimi ero incredibilmente ad un pelo dall’orgasmo. Se avesse continuato cosi per qualche altro istante sarei esploso di piacere. Certamente lui lo sapeva che sarebbe successo, infatti smise il giochetto quasi subito. Stacco i vari cavi ma non levò le pinze che martoriavano i miei capezzoli in fiamme. Non subito, almeno. Sapevo che non aveva finito e si preparava per il gran finale. Prima di procedere oltre volle testare la mia resistenza: si attrezzo con uno spillo, e, con cura inizio a pungermi nei punti più disparati. Insinuo lo spillo all'interno dell'ascella per poi spostarsi all'ombelico, puntando poi sulla coscia interna...mi punzecchiava gustandosi i miei scatti ed i miei movimenti spasmodici. Andò avanti per diversi minuti lunghissimi. Con studiata perizia mi levo di scatto le pinze dai capezzoli, non prima di averle strattonate con forza. Quindi, massaggiando i miei capezzoli vi mise del gel intorno. Prese delle pompette per il vuoto e le applico su i miei seni. Lentamente mise in tiro i due pistoncini fino a risucchiare i miei capezzoli al loro interno. Sembrava volessero strapparli dalla pelle. Eravamo quasi all'ultima stagione, l'inverno…
L'opera musicale volgeva al termine. Lui, il mio master, il mio carnefice, che la prima volta mi aveva fatto godere senza farmi soffrire, questa volta mi aveva dilaniato il culo, il cazzo, i seni. Aveva abusato di me, del mio corpo. Mi aveva fatto male, ma non vi era cattiveria...e mi era piaciuto. Questa volta non c’era stata dolcezza ma voglia di farmi soffrire e mettermi alla prova, voleva farmi sapere dove potevo arrivare e cosa mi poteva fare, mi aveva seviziato ma creandomi piacere. Ora sapevo (e speravo) che mi avrebbe fatto godere e per questo mi teneva sulla corda… finalmente le sue parole...“sei pronto ad esplodere ? ma prima dobbiamo liberare il tuo gioiello…ti avverto: farà male…. ti ho avvisato”…. con un gesto fulmineo mi tolse la molletta dal cazzo…mi aspettavo del dolore….ma fu davvero insopportabile e per qualche istante rimasi senza fiato… Lui, subito, inizio a massaggiarmelo. Inaspettatamente si abbasso, si mise di fronte a me e poi me lo prese in bocca. Inizio a spompinarmi ingoiando il mio cazzo fino in fondo, fino quasi in gola…la sua testa andava avanti ed indietro sul mio cazzo… in un lampo esplosi riempendogli la bocca di sperma… sputò in terra e mi disse "ora tocca a me godere… nulla in contrario, vero ?” chiaramente non si aspettava risposta da me...mi venne dietro, senza tanti riguardi mi tolse la sonda che avevo nel culo, e, senza indugio mi piantò il cazzo dentro. Il buco che fino a quel momento era dilaniato dalla sonda non oppose alcuna resistenza e con pochi colpi si prese la sua soddisfazione venendo dentro di me. Ormai entrambi con il nostro orgasmo avevamo raggiunto il culmine, pensavo che a breve la mia sessione sarebbe finita: come l’altra volta mi avrebbe liberato e mandato via con la promessa di un futuro ulteriore incontro. Aspettavo ora che mi levasse le pompette dai capezzoli e quel peso dai testicoli che ancora mi dondolava fra le gambe, io ormai non vedevo l’ora di tornare all’aria aperta e poter fantasticare ancora una volta dei miei incontri segreti con lui….ma le cose andarono diversamente. Invece di liberarmi lo senti allontanarsi da ma ed andare verso la porta….”ci si vede fra un pò… forse” e se ne andò chiudendo la porta a chiave lasciandomi legato ed incappucciato.
segue

Questo racconto di è stato letto 3 0 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.