Sesso saffico in albergo

Scritto da , il 2019-09-20, genere gay

Racconto breve – unica parte
Sesso fra due donne in albergo.
Lavoravo in un albergo da molti anni. La mia mansione, da sempre, era stata quella di addetta alla pulizia delle camere .In tanti anni ne avevo viste tante di situazioni e di tutte i generi. Avevo 32 anni, un fisico discretamente snello e non passavo proprio inosservata. I miei capelli medio lunghi ed il mio corpo tonico mi rendevano l’onore che meritavo. Proprio a causa del mio aspetto non erano mai mancati approcci più o meno velati, a volte da clienti in cerca di avventura come da colleghi piuttosto invadenti. Non avevo mai ceduto perché ero felice del mio stato di singol, e non m’interessavano le avventure. Stavo bene così. A volte , dopo che la stanza era stata lasciata nel pulire trovato inequivocabili prove di quello che vi era avvenuto dentro, non sono mai mancati oggettini che vibravano, alcuni dalla forma bizzarra, manette, frustini, ed altri aggeggi più o meno da inserire nei più disparati orifizi. Sembrava, a volte, che ci fosse stata un orgia. Per curiosità qualcosa l’avevo provato indossandolo o semplicemente avvicinandolo al mio corpo. A volte anche inserendolo, non mi spaventavano ma nemmeno mi attiravano. Era la curiosità. Avevo le mie storie , non avevo bisogno di utilizzare strani marchingegni per godere. Una sera, mentre ero in turno, chiamarono la reception perché una cliente, una signora che sovente era ospite della nostra struttura, richiedeva un intervento straordinario alla doccia: nel lavarsi la porta scorrevole si era chiusa male e l’acqua aveva invaso il bagno e sarebbe arrivata in camera. Quindi passarono la chiamata a me. Passai dallo sgabuzzino dove tenevo il carrello per le pulizie e presi l’ascensore che mi portata al quarto piano. Arrivai alla stanza 432, quella dove vi era ospitata questa signora. Avevo il passeportout per aprire la porta, ma sapendo che lei era dentro preferii bussare. TOC TOC TOC…nessuna risposta, tentai ancora ma senza esito. Decisi di aprire con la mia chiave avanzando e dicendo “posso entrare ? “ . dal bagno una risposta…”si si venga…sto cercando di fermare l’acqua”. Entrai con lo spazzolone e, chiudendomi la porta dietro alle spalle, mi recai al bagno. La vidi intenta a cercare di asciugare l’acqua che minacciosa andava verso la camera. Rimasi perplessa nel vederla nuda, piegata. Mi dava le spalle ed io non potetti non vedere le forme che involontariamente mi offriva. Dalla mia posizione vedevo un perfetto culo rotondo, la pesca della sua vulva che si ergeva verso di me. Facendo finta di nulla, ma molto imbarazzata, le chiesi di farmi spazio per poter fare il mio dovere.. allora lei si girò verso di me. Aveva un volto bellissimo, curato. Si scosto per farmi entrare. Presi lo spazzolone ed iniziai a passarlo sul pavimento, strizzandolo spesso. In breve il problema fu sotto controllo, il più dell’acqua era stata raccolta. Durante il mio lavoro la signora si fece da parte, ma, invece di andare in camera e rivestirsi rimase sulla soglia della porta scusandosi per il disagio che aveva creato. Avevo ormai quasi finito di asciugare quando lei, alle mie spalle, mi si avvicino. Una mano mi sfiorò i capelli ritirandosi subito. Mi fermai e la guardai con un misto di perplesso e scocciatura…lei, indietreggio scusandosi, poi disse “scusami, non avevo resistito, sei cosi bella…perdonami, ti prego”; Li per li rimasi imbarazzata, non sapevo come risponderle. Quel suo tocco mi aveva scosso…se fosse stato un uomo sicuramente si sarebbe beccato una sberla, ma in questo caso qualcosa era diverso. Lei era una donna sulla quarantacinquina ma ancora molto piacente, con un bel corpo tonico. I seni ancora fieri. Stava ancora nuda davanti a me senza vergognarsi assolutamente di me. Sentiva che i miei occhi la perlustravano ma nonostante tutto non si scosse. Fu una follia, me ne resi conto dopo, ma risposi, con un “tu” piuttosto che con un “lei” che non mi sarei mai dovuta permettere con una cliente, gli dissi :“non ti preoccupare, non è successo niente”, poi, avvicinandomi a lei, continuai “se vuoi fallo ancora”. Il viso gli s’illumino. Alzo la mano verso di me e, come prima, mi accarezzo la testa, poi, il viso, passando l’indice sulle mie labbra. Iniziai a fremere, sentivo che avrei perso il controllo. Avevo sempre pensato male degli incontri saffici, pensavo che fosse cosa contro natura. Mi sentivo esente da questa pratica.Ed ora ero li, a farmi accarezzare da una donna, bella, sensuale. Avevo i brividi di piacere mentre le sua mano, dalle labbra, scese sul collo. Chiusi gli occhi, volevo sentire completamente il suo tocco su di me. Mi accostai allo stipite, lasciai cadere lo spazzolone e rilassai completamente le braccia, mi abbandonai completamente a lei . Le mani divennero due. Partirono seguendo le spalle, scesero lungo i miei fianchi per poi risalire seguendo il mio ventre. Arrivate al collo si spostarono al centro ed iniziarono a sbottonare la mia vestaglia di servizio. Un bottone dopo l’altro la mia veste si apriva a lei rivelando la mia biancheria intima. Arrivata in fondo, per sganciare gli ultimi due bottoni, si chinò fino ad avere la sua bocca davanti al mio monte di venere. Sentivo il suo alito caldo su di me. Stavo impazzendo di desiderio. Aprì del tutto la veste scoprendo il mio corpo. Sentivo il mio odore, la mia eccitazione, i miei umori…ero un vulcano che stava preparandosi ad eruttare. Accosto la sua bocca alla mia coscia e, baciandomi, un bacio dopo l’altro, risalii fino ad essere ancora una volta in piedi di fronte a me. Mi fece spostare dallo stipite a cui ero appoggiata e mi sfilo completamente la veste. Mi prese per mano e mi guidò sul letto, facendomi coricare. Con estrema dolcezza riprese a baciarmi, questa volta sulla bocca. Aveva delle labbra morbide, avvolgenti. La sua lingua con perizia si insinuo all’interno della mia bocca. Iniziai a ricambiare le sue effusioni, le nostre bocche si avviluppavano con morsetti e leccate. Le mie mani cercarono il suo corpo, i suoi seni. Mi spostai con la bocca e feci miei i suoi capezzoli. Lei ansimava e godeva, poi mi fermò per poter liberarmi dei miei capi intimi. Mi fece inginocchiare sul letto, e, guardandomi negli occhi per poter vedere ogni mia reazione, mi sgancio il reggiseno. Avevo una terza abbondante e i miei seni esplosero fuori dal tessuto. Fu poi la volta delle mutandine; Infilo i pollici nell’elastico da entrambi i lati e inizio a farle scorrere ungo le mie cosce. Il mio pube era ora esposto a lei. Era affamato di lei. Ero nuda, come lei, ed eravamo una cosa sola. Ci lasciammo cadere sul letto ed iniziammo a fare all’amore, toccandoci come nessuno mai ci aveva toccate, ascoltando tutte le nostre curve, i nostri gemiti. Le mie dita s’insinuarono dentro il sul sesso, cercando di stimolarla. Sentivo le sua labbra gonfie di piacere. Con il dito cercai il clitoride e inizia a tittillarlo con veemenza. Poi presa dall’impeto e dal piacere scesi in basso con la bocca, leccandola via via che scorrevo in giù. Arrivata alla sua fica scoprii il suo sapore. Era dolce come il miele, vibrava sotto di me. Con le mani mi aiutai ad aprirla per poter darle il massimo con la mia lingua, il suo frutto era completamente aperto. Infilai dentro la sua fica prima un dito, poi due, e, mimando un amplesso, iniziai a farle scorrere in su ed in giù. Lei era un laghetto li umori. In brevissimo tempo raggiunse l’orgasmo scossa da spasmi irrefrenabili. Gli lasciai il tempo di riprendersi e mi stesi supina. Dopo qualche istante, le sue mani si avvinghiarono al mio sedere tirandomi a lei. Poi con una mano scese sotto e mi prese tutto il sesso. Con dei leggeri schiaffetti mi stimolo tutta la fica, un dito, leggermente piegato, colpiva con precisione il mio punto più sensibile facendomi sobbalzare. La sua lingua mi leccava la schiena, i glutei, la fica…era una sensazione sconvolgente. Mi face girare di nuovo. Sali su di me, e, coperta la mia bocca con una mano, con l’altra iniziò a stuzzicare il sesso in ogni sua parte. Si fermo un attimo: da sotto il cuscino tirò fuori un piccolo vibratore, e, dopo averlo acceso, con delicatezza me lo inserii dentro la fica facendolo scorrere in su ed in giù. Con l’altra mano mi allargo le grandi labbra, e, scoperchiato il clitoride, con pochi colpi di lingua mi fece esplodere in un orgasmo vorticoso. Rimanemmo li, intontite e beate per molti minuti. Nude sul letto, con i nostri sessi che guardavano al soffitto, con il cuore più leggero e la sensazione che un qualcosa di bello si era impadronito di noi. Dopo molti baci e carezze mi aiutò a rivestirmi. Poche parole, tanti sguardi. Presi il mio spazzolone, e dopo averle detto professionalmente “arrivederci” usci da quella porta. Lei poi ripartii il giorno dopo. Da quel giorno controllai spesso la lista clienti nella speranza di rivedere il suo nome.

Commenti ? suggerimenti ? commentate o scrivete a reply.to.segati@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 3 1 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.