Avventura in hotel - quinta ed ultima parte

Scritto da , il 2019-09-17, genere sadomaso

Segue da : avventura in hotel – QUARTA parte
Prologo: lex ed Eva, dopo un endurance di violenza e tortura, vengono lasciati liberi ma imprigionati, riusciranno a scappare ? e come….

Erano passate molte ore da quando Lex ed Eva erano stati imprigionati ed in balia del loro destino. Lex era ancora bloccato e seviziato in quella croce a “X” al secondo piano, accanto alla loro camera, Eva, invece, imprigionata su quel lettino ginecologico.
Era ormai tarda sera, il lunedì mattina sarebbe ben presto arrivato. E con lui i soccorsi, almeno cosi speravano.
Dopo che i loro aguzzini se ne erano andati via lasciandoli imprigionati ed impossibilitati ad ogni fuga nessuno dei due aveva rifiatato per la paura che questi fossero ancora dentro l’albergo e tornassero indietro. Quando la certezza di essere soli fu sicura, tentarono di comunicare nel silenzio del piccolo albergo. La camera al secondo piano era al di sotto del piccolo ambulatorio dove Eva era imprigionata. Lex la chiamo…”Eva?”….nessuna risposta …”Eva?!”….”Lex…dimmi…dove sei ?”…”sono nella camera accanto alla nostra”…”ti hanno fatto male Eva ?’”…”si amore, ma sono ancora qui…” amore…era bello sentirselo dire dopo tutto quello che era successo…” Eva puoi liberarti ?” “no Lex, mi hanno legata ad un lettino medico, non riesco a liberarmi…mi hanno messo anche qualcosa dentro la topina…non so se posso camminare”…. Nel sentire queste parole Lex su travolto da una sensazione di odio e di cattiveria verso chi gli aveva fatto tutto questo…nella rabbia e nell’impeto del momento inizio a strattonare con tutte le sue forze i legacci che lo tenevano imprigionato. Le corde gli segavano la carne ma lui non sentiva il dolore, che comunque era niente rispetto a quanto gli avevano fatto…
La corda ad uno dei bracci alla fine cedette…. si tolse subito il cappuccio, il buio della stanza lo avvolse….aveva perso la cognizione del tempo…ma non si scoraggio tanto era preso dalal foga di liberarsi e aiutare Eva. Tasto il nodo sull’altra corda, e lentamente riuscì a liberarsi. Adesso aveva le braccia libere…”EVA! Mi sono liberato…ora ti vengo a prendere…resisti ti prego”…”Ti amo amore” rispose lei.. Lex cerco di piegarsi per liberare le caviglie dai legacci ma appena si piego senti un dolore lancinante al cazzo…non aveva più ricordo di quello che gli era stato fatto… con le mani cercò di capire…s’inizio a tastare su tutto il corpo, lentamente, volveva capire cosa era rimasto di quell’incontro ed evitare ulteriore dolore. Trovo le mollette su i capezzoli….non aveva coraggio di toglierle sapendo che avrebbe sentito un dolore allucinante. Serro forte i denti e schiaccio la molletta…un dolore violentissimo l’attraverso finendo nel cervello…esitò qualche istante e fece altrettanto con l’altra molletta... Non pensava che avrebbe sentito questo dolore... pensava a tutte le volte che le aveva messe a Eva… “mai più amore” si disse. Le mani continuarono il percorso arrivando al sesso. Trovo il pene serrato con degli elastici, e tanti spilli conficcati…e, alla fine, qualcosa che spuntava dal suo prepuzio. Inizio da quello…. Lentamente lo estrasse, fu un attimo ed il bruciore ebbe il sopravvento…sembrava che l’avessero trafitto con una spada infuocata…getto a terra questo corpo estraneo ed immediatamente inizio a sfilare gli spilli che gli erano stati conficcati sul prepuzio, uno dopo l’altro. Velocemente anche quelli furono tolti, fortunatamente in maniera meno dolorosa. “…era rimasto un ultima prova di forza…le mollette ai testicoli…sperava che toglierle non procurasse lo stesso dolore provato con quelle ai capezzoli…ma si sbagliava. Dolorosamente. Dopo qualche minuto e qualche tentativo andato a vuoto riuscì a toglierle maledicendo che le aveva inventate e lui che le aveva utilizzate. Finalmente ora, anche se con tanto dolore per le percosse subite poteva piegarsi e liberare le gambe ancora imprigionate…dopo tutte le ora passate legato fu davvero molto dura riuscire a farcela senza cadere. Al buio, ed a tentoni, anche l’ultimo ostacolo verso la fuga cadde.
Le corde che fino a quel momento l’avevano tenuto bloccato furono tolte. Eva, di sopra, era in preda ai crampi, le gambe sollevate in quella maniera, bloccata sul lettino, non le permettevano di trovare tregua. Oltretutto, col divenire della sera era diventato freddo, ed Eva nuda ed esposta all’aria, si sentiva a disagio…la scaldava solo il tepore del cuore che batteva per Lex… immaginava che se ci fosse stato il suo compagno e non quell’aguzzino, magari, gli sarebbe anche piaciuta questo giochino legata al lettino…alla fine, tutto sommato, se non fosse stato per quell’ago conficcato nel suo clitoride, non sarebbe stato estremamente doloroso e piuttosto eccitante, purtroppo per non era stato Lex ma uno sadico senza scrupoli. Si vergognava all’idea di essere stata cosi oscenamente esposta e manipolata da un estraneo che l’aveva violata e torturata nel corpo e nella mente. Si sentiva fortunata, per modo di dire, che, alla fine l’aguzzino si fosse limitato a quanto fatto…avesse voluto avrebbe potuto infierire in altre maniere, sul sesso come sul culo... sapeva che vi erano innumerevoli modi con cui avrebbe potuto agire, fin dove il suo sadismo l’avrebbe portato. Avrebbe potuto infilare degli aghi nei suoi seni come infierire con nuove scossa nelle sue parti intime… pensando a queste cose, Eva, stranamente, invece di spaventarsi, inizio a ad eccitarsi e bagnarsi vistosamente…un caldo tepore le invase il ventre. La sua mente tornò ai suoi primi appuntamenti con Lex…inizialmente erano solo sesso, quello normale, una scopata nel letto, ma poi col tempo il gusto e le esigenze di entrambi erano mutate, più da parte di Lex cha da parte sua, ma andava bene così…era il suo modo di amarla. Avevano raggiunto un buon equilibrio che li soddisfava entrambi. Eva torno al presente; Sperava che lui arrivasse presto a liberarla. Desiderava, voleva, che lui la vedesse cosi, nuda e affabile, e che magari la prendesse così, con la furia animalesca con cui di solito finivano i loro appuntamenti d’amore…era li, nuda ed esposta…”Lex..lex…ti prego arriva presto…”
Lex camminando carponi nella stanza buia arrivo vicino alla porta. Trovo la porta che l’avrebbe fatto uscire da li, sperava che non fosse stata chiusa a chiave, ed ebbe fortuna. Girò la maniglie e, lentamente, sbircio al di fuori.. La luce delle luna rischiarava appena appena il corridoio. Si fece coraggio e si alzo in piedi, attraverso la porta e quindi una volta nel corridoio raggiunse prima il fondo e poi la scala. Scalino dopo scalino arrivò al piano di sopra. Stando attento a dove metteva i piedi arrivò nella stanza dove era imprigionata Eva. La stanza era illuminata da una piccola lampadina che rischiarava debolmente la piccola stanza. Vide Eva, legata sul lettino. La vide così, nuda legata, indifesa …ebbe un tonfo al cuore…”Eva, amore…eccomi.. Corse da lei per abbracciarla e scoppio a piangere su di lei. Lei cercava di tranquillizzarlo “amore tutto bene…tranquillo….” …le sue parole delineavano ancora una volta che era lei la più forte. E come se non bastasse, era la riprova del loro grande amore. Appena Lex si calmò Eva gli disse facendogli l’occhiolino “forza…pensi di slegarmi o vuoi approfittare di me ?”…e subito dopo inizio a ridere scaricando la tensione che gli ultimi eventi le avevano procurato. Lex non si fece pregare 2 volte… le sue mani percorsero il corpo di lei…tremava dal freddo ,dalla tensione, e dal piacere…e si…lei si era sentiva eccitata nel rivedere il suo master, il suo uomo. Inizialmente indugiando lui accosto le labbra a quelle di lei. Iniziarono a baciarsi con passione, sempre più profondamente. Ormai le bocche erano un tutt’uno. La sua mano andò a cercare il sesso di lei. Lo trovo bello più che mai, caldo, aperto, morbido. Insinuo le mani fra le morbide grandi labbra e trovò il catetere che usciva da lei. “amore, posso toglierlo? “ le disse …”beh, che aspetti ?”.. lui gli si parò davanti come fino a prima era stato il diabolico soggetto e, con la massima cautela cerco di sfilare il tubo. Il tubo però non cedeva rimanendo dentro la sua intimità. Tentò ancora una volta ma senza successo… non voleva rischiare di fargli qualche danno quindi cercò di capire. Vide che all’estremità del tubo vi erano 2 uscite, una era attaccata ad un sacchetto, l’altra, libera, aveva una specie di valvola, l’azionò e senti uscire dell’aria…allora provò ancora una volta a tirare il tubo che improvvisamente venne via. La”patatina” di Eva era libera!
Dopo averla massaggiata lui vi appoggio le labbra, direttamente sul clitoride, con la lingua iniziò a stimolarlo per poi fare la stessa cosa per tutta la lunghezza della sua fica. Il sesso di lei era tutto un fremito. Lex era intenzionato a fare come sempre: finire il loro appuntamento con un orgasmo facendo l’amore. Era il desiderio d’entrambi. Nel leccare il sesso della compagna si era eccitato a sua volta, e il cazzo, nonostante quello che aveva subito, non era particolarmente dolorante e si mostrava pronto al suo dovere. Decise quindi di possederla ed entrò in lei.
Fu una scopata incredibile, i colpi che gli assestava erano focosi, come non mai da moltissimo tempo. Lei venne insieme a lui, godendo come dei pazzi. Fu un orgasmo che non provavano da molto tempo.
Alla fine, lui la sciolse e la libero da quel lettino che per tante ore l’aveva tenuta bloccata. Gli massaggio le gambe finche riprese la circolazione, la fece scendere ed insieme, mano nella mano, nudi, e belli, percorsero ancora una volta quel corridoio che li portava verso la loro camera, per poi uscirne in piena notte e non tornarci mai più…. Non in quell’albergo, ma sicuramente un altro.



Questo racconto di è stato letto 4 8 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.