Avventure ed esperienze di un estate – prima parte

Scritto da , il 2019-09-18, genere dominazione

DISCLAIMER: NARRAZIONE DI PURA FANTASIA, NOMI, LUOGHI, PERSONAGGI E’ TUTTO INVENTATO. IL PROTAGONISTA E’ MAGGIORENNE E QUANTO NARRATO AVVIENE DOPO LA SUA MAGGIORE ETA’.
Avventure ed esperienze di un estate – prima parte
La scuola era finita da qualche giorno ed i miei, non potendo lasciare il lavoro, mi spedirono dai nonni in campagna.
Ero felice di questa cosa perché potevo fare i cavoli miei lontano dalla routine famigliare:
In quel paesino, poi, avevo molti amici d’infanzia con cui avrei passato meglio il tempo.
I miei mi accompagnarono alla stazione raccomandandosi di non parlare con gli estranei, di stare attento, e bla bla bla, tutte raccomandazioni inutili, pensavo io, ho ormai quasi 20 anni, sono abbastanza adulto da poter andare da solo, diamine!
Era una giornata di sole, lo scorrere dei binari e del paesaggio resero il tragitto davvero piacevole. Chiuso nel miei pensieri pensavo anche a i soldi che avevo in tasca…sapevo già come spenderli…appena arrivato in paese sarei andato in quell’edicola dove, grazie ad un commesso più rimbambito che altro, avrei comprato senza grosse difficoltà quei giornalini che mi piacevano; in città non avrei potuto comprarli, mi conoscevano tutti e nessuno si faceva i fatti suoi. Erano la mia lettura segreta e preferita. Cercavo sempre dei luoghi appartati per poterli leggere e godere. Era da poco che avevo scoperto il gusto di questa trasgressione. In casa mia erano molto puritani e non si parlava mai di sesso; Guai a farlo, mi avrebbero spedito in punizione in camera. La camera…il mio luogo segreto dove, in silenzio, davo sfogo ai miei primi impulsi sessuali.
Arrivai in stazione all’orario previsto, mio nonno era li che mi aspettava. Veloce abbraccio e via verso la macchina prima che scadesse il parchimetro.
Solite domande, come stai…come è andata a scuola… a casa tutto bene… e via discorrendo. In pochi minuti si arrivo a casa dove mi attendeva la nonna che come al solito aveva cucinato per un reggimento.
Poi riposino, obbligato, come neanche fossi un bambino. Non vedevo l’ora di potermi alzare per raggiungere la metà che mi ero preposto, ma , poi , un imprevista visita di amici dei nonni mi costrinse a rimanere a casa, a far finta che m’interessasse quello che dicevano. Li, seduto in sala con loro sentivo tutte le disquisizioni sul più e sul meno, fino a che la mia attenzione si focalizzò su quanto dissero a mia nonna “a proposito, ma hai sentito di quel ragazzino che ieri sera non è tornato a casa? Dice che ha lasciato i suoi amici al bar salutandoli perché andava a casa…poi non l’hanno più rivisto…mah…speriamo bene, con il mondo d’oggi e queste brute persone, chissà che un capiti qualcosa di strano”… di per se, l’argomento per quanto potesse risultarmi estraneo mi face tornare in mente dei ricordi di qualche anno prima;…
Un pomeriggio di due anni prima, tornando a casa, mi soffermai nell’androne di casa per prendere la posta, quando una mano mi copri la bocca ed una voce bassa mi disse “non urlare e non girarti”.. spaventato obbedii, anche perché esile come ero non avrei potuto opporre alcuna resistenza. Li per li pensai ad uno scherzo e stetti al gioco… Lentamente la sua presa lascio la mia bocca abbassandosi sul collo. “non ti azzardare ad urlare…” Mi tirò leggermente indietro, verso di lui. Quindi disse. “cammina avanti a me, vai verso quella porta” Spingendomi senza forza mi condusse alla porta che dava sulle scale verso la cantine del mio condominio. “aprila” mi disse. Girai la maniglia e spinsi la porta ed entrai. Sulla destra l’interruttore della luce che azionai per poter scendere giù. Passando lui richiuse la porta dietro a se. Sugli scalini mi disse “ fermati qui” “ora rimani cosi e non ti muovere, ok ?” io senza assolutamente girare la testa per vederlo, mormorai “vabbene”; Ero spaventato ma non quanto ci si potrebbe aspettare, non mi sentivo in pericolo, ero a casa mia, nel mio palazzo, cosa mai poteva accadere ? Fra qualche ora, i miei, rientrando non mi avrebbero trovato e sarebbero venuti a cercarmi… La mano della persona dietro a me mollò la presa dal collo lasciandomi libero. Mi prese un braccio e poi l’altro, li cinse insieme. Mi avvicinò i polsi e poi con una corda li lego insieme. “non aver paura, non ti farò del male, voglio solo che tu non possa scappare”. “hai capito “ “si” risposi. ”hai dimenticato qualcosa ?”, mi disse lui, con tono più autoritario rispetto a prima…come a voler prendere una certa padronanza su di me…”forse una parola ?...” …”si, …si signore,scusi” “ecco, bravo mi disse nel darmi una pacca sulle spalle” “io sono il tuo signore, ora, don dimenticarlo” , e riprese a camminare dietro a me. Alla fine della rampa di scale arrivammo un dedalo di corridoi. Quella persona doveva conoscere il luogo…infatti senza esitazione si mosse verso un corridoio ben preciso. Quindi, si soffermò trattenendomi. “ora ti dovrò bendare ma è per il tuo bene, almeno sarò sicuro che tu non mi potrai riconoscere ed eviteremo problemi, non so se mi spiego…”…”Va bene, signore,” dissi. Una benda venne avvolta sui miei occhi, ed improvvisamente fu buio. Iniziai a temere per la mai incolumità, il mio cuore batteva veloce, ma non capivo se era per la paura o per quel senso di eccitazione che avevo dentro… stava avvenendo quello che tante volte avevo fantasticato, io ed una persona misteriosa che avrebbe giocato col mio corpo… il mio cazzo iniziò a svettare nei pantaloni, sentivo che premeva. Mi vergognavo…e se l’uomo avesse notato tutto questo ? …cercai di chiudere le gambe per dissimulare questo gonfiore. Almeno per ora sarei stato salvo. Ripresi a camminare questa volta condotto e spinto da lui senza sapere dove stavamo andando. Mi fece girare più volte su me stesso cosi da farmi perdere il senso dell’orientamento, quindi ancora dritto…e poi ci fermammo. Lui lascio la presa e lo sentì armeggiare con delle chiavi. Venne aperta una porta, lui mi prese per un braccio e mi guido dentro, chiudendosi dietro al porta. Mi disse, con un tono di voce normale senza più bisbigliare…”qui nessuno ci può sentire, questa stanza è insonorizzata e la porta si apre solo con un codice quindi anche se provi a scappare non andrai da nessuna parte”. Lui non lo sapeva ma io non sarei scappato comunque , preso come ero da questa eccitazione. Ero affascinato da questo uomo dalla sua voce, dal suo modo di fare. Mi piaceva essere il suo oggetto.
Mi slego i polsi, ma solo per qualche istante. Mi disse “ immagino che capirai che ora dovrai essere nudo…vuoi che ti spoglio io o ci pensi da te ?” “…mi spoglio io, signore, ma… come faccio con la maschera sugli occhi ?” “la devi tenere!” “per nessun motivo la dovrai togliere” Disse lui “si signore, capisco ed obbedisco”…iniziai a spogliarmi levandomi la maglietta, poi mi sfilai i pantaloni. Rimasi solo con gli slip, stavo per abbassarli quando la sua mano mi fermo “ no, a questi ci penso io” disse, dandomi una leggera botta sulla mano”. “ora allungami i polsi”. Mi prese prima un polso e poi l’altro, ad entrambi mise delle polsiere di cuoio. Quindi li alzò uno per volta e li fisso in alto, a delle catene. Sentivo il suo sguardo che mi fissava, dal viso al sesso, su tutto il corpo. Avrei voluto vederne l’espressione ma la benda era messa molto bene e non passava un filo di luce. Rimasi appeso per qualche istante, poi lo senti armeggiare in un armadio o qualcosa di simile…tornò da me e, senti qualcosa di freddo che si appoggiava alla mia pancia, vicino alla mia coscia, poi…Zac, l’elastico dei miei slip venne reciso. Cosi anche l’altra parte, poi mi sfilò quello che era rimasto. Ora ero completamente nudo, fatto salvo la benda che mi copriva gli occhi. Nudo ed incatenato, con il mio cazzo che puntava dritto verso lui, lo sconosciuto.
La mia fantasia si era tramutata in realtà…cosa voleva farmi questo uomo ? perché ero bloccato e bendato in un posto nascosto ? Fino a che punto, lui, si sarebbe spinto ?
Segue….
Lasciate nei commenti i vostri commenti.

Questo racconto di è stato letto 4 0 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.