Avventura in hotel - QUARTA PARTE

Scritto da , il 2019-09-16, genere sadomaso

Segue da : avventura in hotel – TERZA parte
Prologo: Dopo che sono stati tramortiti, Eva è stata portata in una zona segreta dell'albergo dove verrà seviziata, ma anche a Lex non andrà proprio bene...
AVVERTENZA: QUESTA PARTE E’ PARTICOLARMENTE CRUENTA QUANTO DETTAGLIATA, SE NON E’ IL VOSTRO GENERE NON PERDETE TEMPO A LEGGERLA.
Erano ormai passate varie ore da che Eva e Lex erano stati imprigionati dai loro aguzzini. Ormai la notte era quasi passata e l’alba della domenica mattina faceva intravedere le sue prime luci; Dopo una notte di infernali torture erano stremati e immaginavano che la loro prigionia si fosse finalmente esaurita. Purtroppo per loro, da li a poco avrebbero scoperto che ancora i due avevano in serbo altre sorprese, dolorose, per loro. Eva era ancora legata con il cappuccio in testa, Lex bloccato sulla panca. Speravano nell’arrivo di qualcuno ma sapevano bene che la struttura era vuota. Non potevano nemmeno sperare nel ritorno del portiere… Purtroppo il portiere sarebbe dovuto arrivare quella mattina aveva avuto un imprevisto ed aveva incaricato un suo conoscente; Malauguratamente il conoscente che doveva arrivare era proprio la figura maschile dei due aguzzini. Quindi nessuno li avrebbe disturbati. Nessuno avrebbe messo, almeno per ora, la parola fine alla loro agonia. Nessuno gli avrebbe evitato quello che stava per avvenire…Eva ancora non immaginava quanto questi 2 potessero essere diabolici.
L’aguzzino, per evitare ogni contrattempo, prima di mettere in atto il suo piano aveva pensato proprio a tutto…aveva spento tutte le luci nei corridoi e nella hall, aveva sigillato ogni porta che dava sull’esterno, ed, in particolare, sulla porta principale dell’albergo aveva messo un cartello : “chiuso per lavori”, nessuno avrebbe interrotto i loro giochi. Da fuori l’albero sembrava disabitato… Avevano tutta la domenica a loro disposizione per torturare i loro due prigionieri. Fino a lunedì mattini sarebbero stati padroni della struttura, e di quella coppia. Di Eva in particolare.
Era ora di completare l’opera, il torturatore decise che era momento di passare alla fase finale, pregustava già l’immagine di lei sotto le sue grinfie. Averla vista nuda in croce mentre veniva torturata l'aveva fatto eccitare, facendolo godere silenziosamente.
L’albergo era una vecchia struttura piuttosto datata. Era stato via via ristrutturata negli anni, ma , il poco lavoro, la poca clientela, non avevano mai permesso gli incassi necessari per poterlo ristrutturare completamente. Il sogno del proprietario era renderlo alla moda, o, comunque moderno. Invece nella realtà era rimasto piuttosto malandato e decadente, i lavori mai fatti o quelli poi nemmeno conclusi l’avevano reso sempre più sconosciuto e pieno di segreti. Infatti tante parti non erano note, ed , anzi, erano sconosciute anche all’ultimo proprietario stesso che, quando comprò tutto l'albergo, non ne sapeva la storia completa. Nel corso degli anni l’albergo aveva subito varie vicissitudini, specialmente nel periodo della guerra. In quegli anni, essendo il paese molto piccolo e quindi sprovvisto di ospedale, una stanza di questa struttura fu concessa ad uso medico. Il dottore che abitualmente la utilizzava improvvisamente era sparito lasciando tutta la sua attrezzatura e l’arredamento che la riempiva. Una di quelle cose rimaste era un vecchio lettino ginecologico con tutti gli annessi e connessi: gambali, cinghie, ed, in particolare, una trousse completa di particolari arnesi dalla forma inquietante. Il lettino era datato, ma aveva un aspetto molto robusto ed incuteva quella sinistra sensazione che chi vi si fosse trovato sopra non avrebbe avuto facile scampo; più che una cosa fatta per far del bene sembrava uno strumento di tortura. L’ambulatorio era situato all’ultimo piano, lo si raggiungeva solo intenzionalmente essendo in un angolo remoto dell’edificio. Era chiusa dietro ad una pesante porta in legno che non destava sospetti od interesse, nonostante ciò, sicuramente, riceveva la visita di qualcuno che ne sapeva l’esistenza: infatti al suo interno non vi era un filo di polvere e tutto l’acciaio riluccicava sinistramente. Era curata maniacalmente, come, appunto, solo una sala operatoria poteva esserlo…Probabilmente chi la puliva e manteneva immaginava che presto o tardi gli sarebbe tornata utile, magari trovata la vittima giusta che avrebbe legato a quel lettino. E’ li che l’aguzzino avrebbe portato Eva, era lei quella che avrebbe seviziato sul lettino.
Lui, dopo aver illuso Eva sistemandola e confortandola come per averne cura, avendone guadagnato la sua fiducia, tanto quasi da farla rilassare fra le sue mani, gli fece un brutto scherzetto... improvvisamente Eva si senti bucare un braccio ; Un ago le aveva trapassato la pelle iniettandole un potente sonnifero ed in breve perse i sensi. Lex, che aveva assistito a tutto questo non ebbe tempo di avvisarla. Prima che lo potesse farlo una botta alla base del collo lo tramortì. L’aguzzino con l’aiuto delle sua compagna slegarono Eva dalle travi di legno che le tenevano bloccata e caricata in spalla la portarono in un posto particolare, mentre a Lex, privo di coscienza, gli venne messo un cappuccio in testa lasciandolo li, solo e legato, almeno per adesso, senza il rischio che potesse liberarsi e scappare.
Eva si svegliò. Era ancora completamente nuda. Il suo corpo segnato dalle frustate e dalle torture di prima portava segni ancora ben evidenti. I 2 aguzzini l’avevano portata dentro l’ambulatorio e li l’avevano preparata. Era stesa sul lettino ginecologico, la sua testa era stata fissata con una grossa e pesante cinta di cuoio che la bloccava; Non poteva muoverla in nessun modo, imprigionata al lettino. Bloccata come era poteva vedere solo il soffitto, non quello che avveniva intorno o davanti a lei; Nonostante si sforzasse non riusciva a piegare la testa quel tanto da poter almeno vedere il suo ventre, il suo sesso. Anche i polsi erano stati imprigionati in delle manette di cuoio che le bloccavano ogni movimento. Infine le gambe: erano bloccate su dei gambali in acciaio che le costringevano le gambe oscenamente aperte ed in un angolazione particolare che le esponeva completamente il sesso. La sua fichetta, liscia ed invitante era esposta ed alla merce di qualsiasi manovra contro ogni sua volontà. Tutto sarebbe stato possibile farle, e lei non avrebbe ne potuto vederlo ne evitarlo. Il tutto era completato da delle robuste cinghie che assicuravano il busto al lettino. Di fatto tutto il suo corpo, e non solo la fica, erano alla merce del suo aguzzino, e non sarebbe potuta scappare.
Eva si rese conto in quale situazione di pericolo era, e, nonostante gli sforzi, non vi era alcun modo di poter liberarsi. Era circondata dal silenzio, e l’ansia inizio a farla tremare; Sentiva il freddo addosso. Gli vennero in mente tutti quei racconti dove a delle donne era stato sezionato il pube per poterci infierire. O altre storie dove, approfittando della vagina cosi spalancata vi erano stati infilati oggetti di ogni genere prima di divaricarla al sul limite…aveva paura e se ne rese sempre più conto. Ormai stava perdendo il controllo di se stessa ed inizio ad urlare …”aiuto!!”…”liberatemi vi prego” “aiuto”…. Ma nessuno gli dava ascolto, nessuno veniva a liberarla. Nessuno che gli desse ascolto, tranne… l’aguzzino, che, senza che lei se ne rendesse conto, gli si era avvicinato e si preparava ad infierire su di lei.
Mentre la l'aguzzina era nuovamente scesa da Lex, lui era li, fuori dalla portata della sua vista. Indossava camice, mascherina e guanti. Sembrava un chirurgo. Improvvisamene gli si avvicinò prendendola di sorpresa. Una manata la colpi sulla pancia. Lei caccio un inutile urlo. Lui con una mano le copri la bocca e disse, con tono basso e fermo "abbiamo qualche ora per noi, sappi che ti torturerò nel sesso, nel culo, e su i seni" " non potrai fare nulla, ti conviene stare buona e vedrai che tutto finirà velocemente e senza grossi danni". "ora se stai zitta levo la mano dalla tua bocca, ok ?" gli occhi di lei si mossero in conferma a quello che aveva sentito. Le mani di lui si portarono sul di lei, gli sfiorarono il ventre, prima verso il sesso e risalendo poi verso i seni. Con entrambe le mani cominciò un lento massaggio su i seni, tastandoli e pressandoli. Li martorizzava sottoponendoli a pressione e subito dopo a trazione. Prese un capezzolo in mano stringendolo sempre più forte. Alternava la morsa e torsioni in tutti i lati. La reazione di lei non tardo a farsi sentire, si era ripromessa di non urlare, ma non riuscì a trattenersi cacciando un urlo disperato. Lui non fece una piega, come se nemmeno la sentisse, e ripeté la manovra anche sull’altro seno. Dopo vari minuti di tortura manuale su quei poveri seni martoriati aziono una piccola carrucola elettrica e fece scendere dal soffitto due catenelle con delle mollette. Erano mollette particolari : più che venivano messe in tensione più stringevano la tenera carne. Le applicò su entrambi i capezzoli e quindi, azionando la carrucola elettrica le mise in tensione. I capezzoli ora svettavano verso l’alto stretti fra le mandibole di queste mollette. I suoi seni di una bella pelle chiara, sempre invitanti, ora sembravano voler essere strappati; I capezzoli martoriati erano al limite dello strappo, loro in tensione e con loro tutto il seno; Il suo aguzzino previdente aveva regolato bene la tensione della catena, e, di fatto, nessun danno sarebbe stato causato, ma solo un intenso dolore. La pelle non sarebbe stata lacerata ma portata al limite. Per completare l’opera, approfittando della notevole esposizione dei seni di Eva, prese delle lunghe fascette di plastica con cui cinse i seni alla base strizzandoli fino a fargli cambiare colore, dal quel rosa pallido a un viola sempre più scuro. Erano due salsicciotti bislunghi, stirati e strizzati
Il suo torturatore penso bene, prima di continuare, di rendergli ancor più pesante la sua agonia. Si attrezzo con un divaricatore per la bocca, di quelli in uso in ospedale, e facendo leva sulle sue guance la costrinse ad aprire la bocca dove subito v'infilo lo strumento, quindi, azionaò le leve che divaricandosi le aprirono sempre più la bocca fino a fargliela aprire completamente tenendola spalancata. Ora non avrebbe più potuto urlare ma tutt'al più emettere suoni e gemiti indistinguibili. Eva non poteva serrare le labbra, la sua bocca così divaricata le forzava le articolazioni. Improvvisamente fra le labbra le venne infilato un tubo che le si infilava dentro la bocca. Da questo tubo inizio ad uscire dell'acqua, un rivolo lento ma continuo; era costretta ad ingoiare continuamente, e per farlo doveva per forza essere padrona di se. Rischiava di affogare. Un senso di sconforto l'avvolse, ma per poco. Lei era una donna forte, e sarebbe resistita a questa tortura.
L'aguzzino si sposto davanti al suo sesso, dove sapeva che avrebbe potuto operare in tutta tranquillità senza essere visto, senza che Eva potesse intuire cosa le stava via via capitando, quello che al suo sesso stava per essere inflitto. Il suo clitoride e le labbra della fica erano rattrapite dalla paura. Si sentiva indifesa e terrorizzata, quindi avrebbe voluto implorarlo ,pregarlo di non farle del male, l’avrebbe accontentato in tutto…sarebbe stata la sua schiava.. tutto pur di farlo desistere dalle sue intenzioni., me non una parola fu pronunciata, solo dei suoni senza senso. Lui non la stava nemmeno a sentire, stava procedendo nelle sue nefaste intenzioni. Eva Lo sentì trafficare in dei cassetti. Poi una sensazione freddissima, glaciale che per un istante gli bloccò il respiro... una sostanza liquida direttamente sul basso ventre le bagnò tutta la fica. Il liquido versatogli sul pube le scivolava lungo tutto il sesso inondandolo ed invadendolo e penetrando fin dentro le sue grandi labbra finendo nell'interno delle cosce. Era un disinfettante particolare, lui lo sapeva, non solo ottimo verso i microbi, ma anche un maledetto irritante per le sue parti intime. Infatti di li a poco dopo essere stata avvolta da un ondata di freddo glaciale, venne investita un tremendo bruciore le avvolse il sesso. Gli sembrava che avesse preso fuoco, che mille formiche rosse la stessero divorando...ci volle diversi minuti che la sensazione sparisse. L'aguzzino, con delle ruvide garze , le asciugo tutto il sesso con meticolosa attenzione non tralasciando alcuna parte. Le apri le labbra della fica fino a scoprire il suo grilletto su cui si accanì con la garza trastullandosi, spostandosi poi sul imbocco dell'uretra che gonfia per lo spasmo si rendeva anche più facile da trovare. Il fatto poi che la fica di Eva era stata rasata da poco gli fece molto piacere…per quello che doveva fare i peli sarebbero stati d’impiccio. Gli serviva un monte di venere liscio, un interno delle cosce glabro. Dapprima prese delle pinze chirurgiche che applico alle grandi labbra divaricandole. Voleva che il suo sesso fosse ben aperto, doveva poter accedere alla sua vagina senza difficoltà. Con il nastro americano fisso alle cosce di Eva le due pinze. Ora era tutta un altra storia...la fica di lei era completamente aperta ed esposta al suo sguardo, alle sua manovre, ai suoi strumenti. Con perizia utilizzando le dite allargo ancor di più le labbra in alto, scoperchiando ancora una volte il suo centro del piacere, Era affascinato da quel piccolo clitoride che svettava da dentro la sua fica. Decise di metterlo alla prova ; Nel cassetto prese un'altra pinza chirurgica, quelle che rimangono chiuse a scatti, , prese il clito fra le mandibole e, lentamente, iniziò a stringerlo, fino al primo "clic" delle pinze. Con estrema lentezza Inizio a tirare a se le pinze facendo allungare il suo clito allo spasmo. Il dolore doveva essere atroce, Eva avrebbe urlato a squarciagola ma non poté niente a causa di quella maledetta morsa. Purtroppo il suo torturatore aveva in mente ben altro di peggiore, voleva portarla al limite massimo del dolore. Decise che gli avrebbe riservato una cosa davvero speciale... ma prima doveva prepararla: Cerco ancora una volta il piccolo pertugio uretrale, e, dopo averlo messo in evidenza premendo con forza con due dita ai suoi lati, v’infilo dapprima un divaricatore in acciaio, allargandolo, quindi, lo tolse e vi abbocco la punta di un catetere. Una volta dentro inizio a spingerlo sempre più al suo interno, più a fondo, fino a raggiungere la vescica di Eva. Il tubicino trasparente si riempì improvvisamente di pipì. "Ottimo" disse ad alta voce, "sono arrivato in fondo, dentro te" “lo senti ? ", quindi dopo aver gonfiato il palloncino che bloccava il catetere dentro di lei, ammiro come l'avesse divaricata e d esposta, gli veniva quasi voglia di leccarla e violentarne il buco con la lingua. Invece preferì occuparsi dell'ultimo buco libero, quello ben custodito e nascosto, quello del suo culo. Dopo aver messo un poco di gel sul dito guantato, lui si fece strada fra le chiappe e, puntato sulla rosellina inizio a penetrarla, forzando il suo pertugio. In breve fu dentro. Le cercava di opporsi stringendo le chiappe, ma fu uno sforza vano. Una volta aperto il varco lui sostituii il suo dito con un divaricatore anale. Lo infilò dentro e poi l'apri e chiuse più volte vincendo la forza che il muscolo contrapponeva. Si era fatto strada divaricandola. Completò l'opera brutalizzandola con una pera in acciaio. Da chiusa era già più grande del suo sfintere, ma, una volta dentro, un meccanismo l'avrebbe aperta come un fiore riempiendone le sua cavità. Le aveva sfondato il culo lasciandola piena e straziata.
Era ora di completare l'opera, ma prima di farlo, crudele e sadico come neanche lui pensava, decise di togliere dalla bocca di Eva il tubo ed il divaricatore. Voleva, desiderava, sentirla quando avrebbe cacciato l'ultimo urlo di dolore per quello che stava per fargli. Con tutti quegli impedimenti sarebbe satto impossibile. Lei , quando senti che la liberava capi che non metteva bene per lei...che senso aveva quello che stava per fare ? perchè gli liberava la bocca ?
L'aguzzino si rimise davanti ad Eva, in mezzo alle sua gambe, professionalmente controllo che le cinte che la bloccavano erano sicure sapendo che ogni movimento sarebbe stato pericoloso per lei , diede un ultima torsione alla pera che le riempiva il culo, controllo di aver tutto a portata di mano e , dopo qualche istante un urlo sovraumano riempi le mura dell'albergo: Con una mano tiro le pinze che serravano il clitoride, poi con un lungoago punto dritto sul delicato tessuto fino a fenderne la pelle. L’urlo di lei fu talmente forte che Eva perse i sensi. L’ago aveva passato da parte a parte il suo clitoride.
Per qualche istante lui si allontanò lasciandola da sola sul lettino. Era andato a prendere uno strumento con cui avrebbe completato la sua opera; Torno con un tubo di acciaio, vuoto al suo interno, e rigato su i lati. Dopo averlo umettato con una sostanza scivolosa lo accosto alle labbra spalancate del sesso e lo spinse profondamente all’interno della fica. Eva svenuta non poteva fare alcuna resistenza, ma almeno non senti altro dolore, Il suo aguzzino lo spinse lentamente fino in fondo, poi con una luce illumino il suo interno. Vedeva tutta l’intimità di lei , e lui godeva di questo. Prese poi un oggetto di legno, tipo uno spiedino, lungo ed appuntito ed infilandolo dentro il tubo andò a torturare l’interno della sua vagina. Con lo spiedino si divertiva a punzecchiarne il profondo del sesso. Nonostante tutto questo lei non ebbe più alcuna reazione. Non si sa quanto questa manovra andò avanti ma poi fini. Lui soddisfattissimo della trattamento che le aveva perpetrato violandola e seviziandola decise che con lei aveva finito. Inizio con estrargli la pera dal culo, poi fu la volta del tubo cromato con cui le aveva sfondato la fica, seguito poi dall’ago che ancora era infilato nella sua intimità. Per ultimo levò le pinze che mantenevano aperte le sue grandi labbra. Il suo sesso era ora libero, vuoto, come lo era all'inizio. Una sorta di rimpianto prese lui, sapeva che non l'avrebbe più rivista e quello che le aveva fatto l'aveva eccitare più volte. Per completare l'opera prese una sostanza lenitiva e con questa massaggio più volte il sesso, dandogli cosi un poco di conforto. La sua mano scorreva su tutto il suo sesso, e le sue dita non tralasciarono nemmeno il grilletto che, sotto le sue dita, rispose. Lui si accorse di questo, come del movimento impercettibile della bocca di lei... Eva era sveglia e apprezzava il massaggio.... decise che l'avrebbe fatta godere. Si abbasso la maschera e con sapienti colpi di lingua inizio a leccare e passare il sesso in tutti i versi. Prese un dildo in gomma di medie dimensioni, e dopo averlo unto lo infilo dentro di lei. Muoveva la lingua ed il dildo in contemporanea. In brevissimo tempo il respiro di Eva si fece affannoso e pieno. Inizio a mugolare parole senza senso ed esplose in un orgasmo facendogli tendere tutti i muscoli, Era tutto finito. Il suo aguzzino gli lasciò li solo il catetere inserito perchè non sapeva quando sarebbe stata liberata.. Infatti la sua intenzione era lasciarla li..prima di andarsene le stacco le mollette dai capezzoli. Fu l’ultimo gesto di lui…l’ultimo momento di dolore e piacere. Poi nulla più. Lei rimase sul lettino, legata, e soddisfatta. i suoi umori copiosi avevano lenito il suo sesso. Il suo dolore lentamente svanì nel vuoto.
Eva rimase li, da sola, legata ed esposta su questo lettino ginecologico. Lex invece…. Lui era rimasto al secondo piano con un cappuccio in testa. Ma anche a lui non era andata poi molto bene. Mentre Eva era sotto le grinfie dell'aguzzino che le torturava fica e culo, l’aguzzina, invece, dopo avergli immobilizzato i polsi lo liberò dalla capra su cui era stato bloccato e, condotto, con ancora il cappuccio in testa, lo fece andare verso quella “X” che poco tempo prima avevo tenuto imprigionata la sua compagna. Lo legò con cura con gambe e braccia ben divaricate, quindi si accanì su di lui. Prese la frusta con cui lui aveva percosso Eva e lo frusto su tutto il corpo, non tralasciando nessuna parte. Più volte lo colpi direttamente su i testicoli e sopra i capezzoli facendolo urlare di dolore. Quindi, a compimento della sua opera, con delle mollette serrò i suoi capezzoli ed i testicoli. Le fece poi saltare una dopo l’altra colpendole con il frustino. Ogni volta era un urlo, e lei ci andava ancora più forte. Voleva farlo soffrire. Voleva fargli sentore cosa si provava ad essere torturati, come, la prima volta, fu fatto a lei.
Completò la tortura su di lui con una tecnica particolare, avrebbe violato il suo sesso. Tenendo il suo cazzo sul palmo della mano lo picchio più volte con uno staffilo di legno fino a farlo diventare paonazzo e turgido. Quindi lo strinse con degli elastici e, tirata giù la pelle, gli espose completamente la cappella. Il prepuzio era dolorante, esposto e violaceo. Prima di infierire su di esso lo pulì con del succo di limone che lo fece urlare dal bruciore. Poi, tenendo il cazzo stretto ne pugno della mano,con dei piccoli aghi, uno dopo l’altro l’infilzò sulla carne viva. Il cazzo di Lex Sembrava un puntaspilli , piccole gocce di sangue cadevano sul pavimento, ma lei non se ne curo. Al fine, infierì sulla sua uretra: prese una punteruolo di plastica della dimensione di un penna Bic, e, trovato il buco in cima al suo prepuzio la infilò dentro al suo pene. Aveva completato la sua opera punendo Lex per quello che aveva fatto alla compagna, ad una donna come lei.
L'aguzzina decise che l’avrebbe lasciato cosi, imprigionato ed infilzato. Se ne andò, ignorando i suoi lamenti e le sue richieste di liberarlo, l’avrebbero trovato. Nudo, impalato e con il sesso violentato.
Li avrebbero ritrovati tutt’è due se…
---
Seguirà parte terza. Se vi è piaciuto, per suggerimenti od insulti  scrivetemi a reply.to.segati@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 7 3 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.