Avventure ed esperienze di un estate - seconda parte

Scritto da , il 2019-09-18, genere dominazione

DISCLAIMER: NARRAZIONE DI PURA FANTASIA, NOMI, LUOGHI, PERSONAGGI E’ TUTTO INVENTATO. IL PROTAGONISTA E’ MAGGIORENNE E QUANTO NARRATO AVVIENE DOPO LA SUA MAGGIORE ETA’.
Avventure ed esperienze di un estate – seconda parte

Ancora impossibilitato nel muovermi sentivo il mio “sequestratore” che si muoveva per la stanza, armeggiando in qua ed in la senza però degnarmi della sua attenzione. Spostava oggetti, trafficava in qualcosa. Iniziai a sentirmi a disagio e scomodo visto che ormai era da un po’ che ero in piedi con le braccia legate in alto. Quindi provai a dire “Signore, cosa ha intenzione di farmi ? perché mi tiene qui ?” . Lui dopo essersi fermato per un istante mi si avvicino e disse “ ecco, bravo! Aspettavo proprio che tu parlassi, volevo vedere quanto ci mettevi a lamentarti!” “ora ti dovrò punire…” e si allontano da me. Iniziai ad aver paura….”apri bocca!” disse “spalancala” ! io obbedii. Lui mi prese la testa con una mano e tenendola ferma m’infilò gli slip che avevo indosso prima. Con le dita li spinse ben dentro fino a farli sparire in mezzo alle mie guance. Poi con del nastro adesivo mi tappo la bocca in maniera tale che non potessi sputarli. “ora dovrai respirare col il naso…impara come si fa!” Quindi, si allontano da me. Dai rumori che sentii capii che stava scattandomi delle foto click…click, click.-…fece numerose foto, di me nudo, legato ed imbavagliato. Probabilmente molte pose dettagliate. Dovevo essere un bel spettacolo... Lasciata la macchina fotografica mi si avvicinò, si accosto al mio sesso che nel frattempo si era ammosciato. Lo prese fra le mani ed inizio a trastullarlo. Ci giocherellò per qualche minuto finche non riprese vigore. Era nuovamente svettante, turgido, gonfio di sangue. Lui lo massaggiava lentamente facendo apparire e sparire un prepuzio viola e rigido. La pelle scorreva sù e giù sulla mia verga. Quando fu di nuovo in forma l'uomo si fermo di colpo; Aprì un bustina da cui estrasse un profilattico, poi me lo mise fino ad imbrigliare il mio membro. Riprese il massaggio dapprima lentamente, poi prese velocità, sempre più veloce, sempre più rapidamente. Mi stava masturbando con una perizia navigata che non mi lasciava scampo. Non avrei voluto esplodere così presto, avrei voluto far durare a lungo questa manipolazione ma la sega che mi stava facendo mi fece perdere ogni controllo. Il mio respiro si fece affannato, veloce, era una dispnea incontrollabile. Sentivo montare in me l’orgasmo, finche tutti i muscoli si contrassero in uno spasmo e io esplosi di piacere. Venni come un vulcano. Non so quanto sperma avessi nelle palle, ma l’orgasmo durò a lungo…
Rimasi stremato per qualche istante, non capivo più niente, le energie se ne erano andate lasciandomi intontito e vuoto. Mi ci vollero vari minuti per riprendermi… non avevo mai provato una sensazione come questa, si, qualche orgasmo da ragazzino con le mie prime seghine, ma mai niente di simile . Le sue mani mi tolsero il profilattico pieno del mio sperma , poi prese uno scottex e mi asciugo il cazzo che era ormai un cencio dopo il trattamento ricevuto. Quindi si rialzo verso di me e mi disse: ” ok , ora ti spiego alcune cose... ascoltami bene: anzitutto ho videoregistrato tutto, ed ho scattato molte foto, se tu racconterai quello che è successo farò arrivare queste immagini a casa tua, ogni cassetta della posta del condominio ne avrà copia e tutti sapranno come ti piace farti trastullare ” poi proseguì " I tuoi slip ed il tuo sperma saranno da me custoditi, saranno il mio feticcio” Io I’ascoltavo ancora intontito ma mi rendevo sempre più conto che ero ormai nelle sue grinfie. Sarei stato per sempre suo ostaggio… Concluse il discorso dicendo “sono certo che ti è piaciuto, sapevo che sarebbe andata così, da quando ho messo i miei occhi su di te la prima volta ho intuito che sarei andato a colpo sicuro ...la faccia da ragazzino per bene, quell'aria da bravo ragazzo.. anche oggi ho notato subito come ti è diventato subito duro, come i tuoi capezzoli sono diventati impavidi sotto la maglietta, come il cazzo premeva spasmodico negli slip… sei un porco e ti piace essere dominato e trastullato... Se ho capito bene come sei vorrai tornare da me, e farti toccare e magari violentare ma sappi che se tornerai ancora ci saranno delle conseguenze che forse non ti aspetti… non mi accontenterò più di farti una sega ma ti chiederò di più, e tu sarai costretto a darmelo, e sono sicuro che tu tornerai più e più volte; Bramerai le mie attenzioni, e per te sarà sempre peggio” prosegui “sarà un escalation di sesso e lussuria...ora ti lascio decidere il tuo destino; Sappilo: sarai combattuto ma non resisterai ed un giorno lo vorrai fare ancora.." " per rivedermi, per ammettere la tua sconfitta e la mia vittoria, dovrai lasciare un segno sul muro, dietro il portone, non un segno qualsiasi ma un triangolo dentro un quadrato . Quando lo vedrò deciderò io se e quando ti farò ancora mio.” “Se sei fortunato ti lascerò nella cassetta della posta un volantino pubblicitario con vergato a penna un formula matematica, se sarai cosi bravo da decifrarla saprai l’ora e la data in cui dovrai farti trovare giù, nelle cantine. Ricordati: dovrai indossare solo una maglietta ed una tuta da ginnastica ed un cappuccio che dopo ti darò” “ Se non ci sarai, o se non sarai vestito come ho detto non avrai altra occasione.” Io ascoltai fino in fondo e poi scossi la testa in segno affermativo.
Avevo capito tutto e gongolavo alle sue parole, alla possibilità che lui mi offriva... sarei stato il suo schiavo, già l'avevo deciso. Ora ti libererò, tu non saprai mai chi sono e dove sei stato, tieni sempre a mente, io potrei essere accanto o davanti e te non lo saprai mai. Ti seguirò a distanza, occhio a fare passi falsi. "ci siamo capiti puttanella?" "di nuovo il mio segno di assenso, avrei urlato "si,mio signore" Tenendomi bendato lui mi tolse il bavaglio dalla bocca, e subito dopo mi sganciò le polsiere. Quando ebbi le braccia libere lui mi si accosto, mi prese la mano è la guidò sul suo membro. "Tocca a te ora farmi godere", cosi detto mi premette sulla testa fino a farmi mettere in ginocchio; "fammi vedere come lavori con la bocca" cosi dicendo mi schiaccio la testa verso di lui facendomi ingoiare il suo cazzone. Iniziai a pomparlo , leccandolo e succhiandolo finchè mi esplose in bocca. "non sputare" mi ordinò! "Ingoia tutto e dimostrami che sei disposto a tutto per rivedermi!" Io obbedii senza ritegno, ed ingoiai fino all'ultima goccia del suo miele. Mi si stacco da dosso e con sprezzo mi ordinò di rivestirmi. Appena io fui pronto, mi disse “ora ti accompagno vicino alla scala che porta all'androne, li ti leverò la benda, tu non dovrai voltarti e te ne andrai via senza mai fermarti” “hai capito tutto ?” si, signore, grazie signore” dissi io. Lui aprì la porta e mi scorto fino alla base delle scale. Come aveva detto mi tolse la benda e, silenziosamente spari arretrando. Velocemente percorsi le scale e mi ritrovai nell’androne, dove poco prima questo sconosciuto mi aveva sequestrato. Ero sfinito, eccitato, mi vergognavo ma ero felice...era un tripudio di sensazioni che per diverso tempo non mi fecero più star tranquillo
Tornai al presente abbandonando il delizioso ricordo, i nonni accanto a me e gli ospiti di fronte… pensai, magari, quel ragazzino ha subito lo stesso trattamento, chissà…
Gli ospiti finalmente se ne andarono, quindi, ora libero, dissi a mio nonno che sarei andato in centro a fare una giratina. Arrivai nel centro del paesino presso l'edicola da cui mi ero sempre servito. Entrai e guardandomi in giro, mi orientai dove sapevo essere le riviste porno. Ero intento a scegliere quelle di mio gusto quando una voce femminile mi disse “ serve aiuto ?”. Mi girai di scatto, una signora che non conoscevo mi stava fissando…” no, scusi, sa….di solito quando venivo c’era Giannino…” “a, no, lui ora non c’è più, l’edicola adesso e mia, sono la nuova proprietaria” …”ah…mi scusi…” e. rosso di vergogna, scusandomi, feci per andare uscire dal negozio “ ma dove vai ?” mi apostrofo lei “ti vergogni di me ?..ma dai…” Ormai, colto sul fatto, era inutile che tentassi un diversivo. Sapeva perchè ero li e cosa avrei comprato...Tanto valeva fare quello per cui ero andato la …”no, non scappo…volevo comprare qualcuna di queste riviste, ed indicai lo scaffale dove erano accatastati i vari giornalini” “ma vai tranquillo, serviti pure, passa dopo che poi si fa il conto” e con un sorriso ludico si allontanò. Scelsi quelle che prendevo di solito ma poi ne vidi una nuova, il titolo era intrigante” Smclub”…lo sfogliai velocemente, trattava di un genere ben diverso a quello a cui ero abituato, ma, quello che più mi piaceva, era un ragazzo in copertina con un culo rosso segnato dalle vergate. Prometteva bene , e mi riportava indietro col tempo….

Segue….

Questo racconto di è stato letto 2 6 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.