Melissa una sorella terribile

Scritto da , il 2011-06-30, genere incesti

Era una settimana che studiavo architettura stavo preparandomi per un esame molto importante che avrei dovuto sostenere la settimana successiva, ero stressato, nervoso ed agitato , non uscivo da giorni, mangiavo poco e dulcis in fondo la mia ragazza mi aveva mollato alcune settimane prima.

Nella stanza accanto mia sorella Melissa stava preparando un esame molto importante di matematica, ed anche lei come me era nelle mie stesse condizioni normalmente era una ragazza forte e volitiva ma lo stress accumulato in questi giorni l'avevano resa particolarmente fragile e insicura .

Noi siamo “gemelli” nati lo stesso giorno con una differenza fra me e lei di pochi minuti , viviamo in simbiosi, quello che io faccio Melissa lo sente e la stessa cosa capita a me, siamo due persone diverse ma vincolate da uno strano destino, siamo uguali in tutto per tutto ci nutriamo delle stesse sensazioni e siamo dotati di una sensibilità che ci vincola l'uno all'altra


Madre natura ci ha fornito della stessa emotività e della stessa forza, tutto quello che desideriamo l'otteniamo con l'intelligenza e la cooperazione, amo mia sorella intellettualmente e fisicamente ed ultimamente il desiderio di possederla sessualmente si è fatto pressante, l'unica cosa che frena questa mia bramosia è la paura che lei non sia pronta a questa insolita esperienza.

Nel frattempo la mia mano si posa sulla cerniera lampo dei jeans la fa scorrere verso il basso afferro il mio pene ed accenno ad una masturbazione i miei pensieri si accavallano su tante ragazze, amiche mie, amiche di mia madre, amiche di mia sorella, ma poi come sempre, e più frequentemente il mio pensiero si ferma su Melissa.

La mia mano scorre veloce in un movimento meccanico e cadenzato il mio pene s'ingrossa arrossando la cappella, il desiderio sale, vampate di calore partono dal mio viso, percorrono il mio corpo per poi trasformarsi in vibrazioni che tendono i muscoli delle gambe delle dita dei piedi, con sensazioni dolcissime che partono dal mio stomaco e preludono all'imminente eiaculazione liberatoria.

Un leggero bussare alla porta interrompe tutto questo, mi ricompongo e domando: “Chi è?” la voce delicata e dolce di mia sorella chiede se può entrare, l'invito ad entrare rallegra il suo volto, come sempre Melissa veste elegantemente, sebbene sia in casa mette in pratica ciò che le è stato insegnato da nostra madre.

La sua voce armoniosa mi chiede:

“Cosa stai facendo”

Senza usare mezzi termini le rispondo che mi stavo masturbando, un sorrisino di sorpresa compare sul suo volto:

“Ti piaceva?”

Un attimo di silenzio frena il dialogo, ma poi senza dover sottostare a vergognose menzogne gli rispondo di “SI” e concludo dicendo che al centro delle mie fantasie erotiche c'era lei.

Le chiedo di avvicinarsi Melissa senza alcuna indugio si pone davanti a me, io seduto sulla sedia lei in piedi, accetta che le mie mani si posino sui suoi fianchi non recrimina quando scendono lungo le gambe soffermandosi sotto la gonna sulla parte coperta dai collant all'altezza del pube, i suoi occhi mi fissano scrutano ogni mia minima mossa con interesse e curiosità.

Con determinazione mi chiede che intenzioni ho, le rispondo che voglio vederla nuda toccarla, mi guarda e mi dice:

”Vuoi entrare dentro me?”

Le rispondo:

“No Melissa per ora non ti voglio scopare, voglio spogliarti vedere il tuo corpo nudo e toccarti, lei mi consiglia di chiudere la porta per evitare di essere scoperti dai nostri genitori qualora rientrassero
il consiglio è ottimo e viene messo subito in pratica, la sollevo da terra, è leggera come una piuma l'adagio sul mio letto, avvicino il mio volto alla sua faccia la bacio dolcemente lei risponde al mio bacio, le nostre lingue si avvinghiano in un balletto sensuale ed altamente erotico, i nostri respiri diventano pesanti e veloci in un attimo i nostri corpi sono uniti in un abbraccio intenso e profondo.

La mia mano scende sulla sua pancia piatta, s'insinua sotto la gonna sfiora il nylon delle calze si sofferma sul leggero promontorio del monte di venere e il dito medio scorre premendo fra i solchi delle grandi labbra spingendo su quel dolce avvallamento, dalla bocca di Melissa esce un leggero sospiro i suoi occhi si chiudono in un abbandono totale seguito da gemiti di piacere.

Ora la mia attenzione si sposta sul piccolo seno, sebbene Melissa abbia 19 anni il suo corpo è efebico acerbo e delicato come una ceramica di Capodimonte, apro la camicetta le scopro il virgineo reggiseno, la mia mano s'insinua fra la stoffa e la carne e ne fa fuoriuscire un seno dal capezzolo turgido e scuro avvicino il mio volto al suo petto e comincio a succhiarle la dolce protuberanza, la mia lingua percorre tutta l'area della mammella e si sofferma in più punti lasciando una leggera scia di saliva sulla pelle, le sfilo totalmente il reggiseno e rimango estasiato dalla perfezione di questa vista i seni di Melissa sono perfetti a pera piccoli ma altamente erotici, evito di morderle o lasciarle succhiotti non voglio lasciarle dei segni sulla candida pelle.

Sollevo la parte inferiore del suo corpo faccio scorrere la gonna lungo le gambe, Melissa inarca il corpo per facilitarmi il compito e mi chiede nuovamente di baciarla, le mie labbra si posano sulle sue un leggero sapore di fragola pervade la mia bocca sento la sua mano che sfiora il mio pene, la sua voce si fa sensuale e dice:

“Giuliano facciamo l'amore”.

Con un sorriso sulle labbra le dico:

“No Melissa il tempo è limitato, domenica saremo soli perché mamma e papà vanno dalla nonna ed avremo tutto il pomeriggio libero per noi”

Poi riprendo nel mio intento di spogliarla le tolgo la gonna, lasciandola con i collant e un perizoma nero di pizzo, la vista di quell'indumento cosi particolare e insospettabile fra i capi d'abbigliamento classici di mia sorella mi sorprende e mi eccita, sono costretto a liberarmi dalla stretta dei jeans e dei Boxer per evitare il dolore dovuto dalla costrizione di parti cosi delicate.

Le faccio scorrere i collant verso il basso, la mia mano tra le sue gambe si fa audace e temeraria, risale le gambe ed accarezza il suo sedere, soffermandosi sulle piegoline dell'orifizio anale, con maggiore determinazione infilo le dita sotto l’elastico del perizoma e con un dito entro dentro la fonte del suo piacere, noto che il suo sesso abbonda di umori vaginali e i peli biondi che fanno da stupenda cornice alla fessura ne sono fradici.

La voglia di odorare questa meraviglia, si fa prepotentemente strada dentro me, affondo il mio volto fra le sue gambe, l'odore del sesso di Melissa è pungente, aspro sa di aceto e pipi, il suo perizoma ne è impregnato totalmente di questo meraviglioso aroma, tutto questo mi crea una seconda erezione, i miei testicoli mi fanno male, Melissa allunga le braccia vuole che la cinga con le mie, mi prega di entrare dentro di lei, sta diventando implorante il suo grido di liberare la sua sessualità.

Sperando che i nostri genitori non rientrino anticipatamente, le strappo il perizoma di pizzo, lei è felice, ha capito che ho deciso di violare la sua femminilità, il mio pene e duro e grosso, entro con delicatezza dentro il suo utero il canale d'ingresso e piuttosto stretto.....delicatamente le sue pareti si schiudono offrendosi al mio attrezzo, la maggior lubrificazione ora rende più facile l'amplesso lei si stringe a me e mi sussurra frasi dolci e tenere:

“Ti amo amore mio, ti ho sempre amato fratello ti amerò sempre, vita mia”.

Il miei colpi cadenzati, possenti e continui raggiungono l'apice quando la voce di Melissa urla:

“Vengo Giuliano vengo amore mio”

Non riesco a trattenere il mio piacere, riempio la pancia di mia sorella di sperma.

La bacio teneramente le mie mani sfiorano le sue, per poi insinuarsi sotto il fondo schiena di mia sorella sollevandola.
Con delicatezza la rigiro mettendola prona per poi posizionarla in modo che possa avere un successivo rapporto anale con facilità.
Con il suo perizoma ormai inservibile le pulisco le ultime gocce di sperma che continuano a defluire dalla vagina.
Melissa ha capito le mie intenzioni e con voce flebile si raccomanda che usi delicatezza perché per lei sarebbe prima volta che fa “quella cosa”
Per stemperare l'atmosfera piuttosto tesa le chiedo con quante persone fosse stata prima di me, la sua risposta è sconcertante il numero è uno.

Rimango allibito le ripeto la domanda convinto che non l'abbia capita bene, la sua risposta e sempre la stessa, le chiedo chi l'avesse sverginata si ammutolisce e non mi risponde accenna a un nome Pa.. poi si ferma.

Sono pronto il mio pene è di nuovo duro e vitale con lentezza un po per volta l'affondo dentro il suo sedere, vado pianissimo lei si lamenta e comincia a piangere dal dolore, incurante delle sue rimostranze continuo ma il dolore per lei diventa insopportabile esco a malincuore da quel tenebroso ed oscuro rifugio.

Lei mi guarda mi chiede se sono rimasto deluso gli rispondo di no e la bacio teneramente sulla bocca, poi l'invito a rivestirsi perché i nostri genitori potrebbero tornare da un momento all'altro, mi chiede se voglio tenere come ricordo il suo perizoma.

Sconcertato le chiedo:

“Scusa perché non lo facciamo più “

Lei mi guarda sorride e mi dice:

“No!! amore mio l'altro sarebbe geloso”

incuriosito più che mai le chiedo:

“L'altro chi?”

Lei mi guarda e ridendo ripete di nuovo:

“L'altro”.

Nello stesso momento sento la porta d'ingresso aprirsi la voce squillante di mia madre avverte: “Siamo qui”

Io e Melissa usciamo dalla mia camera e lei come un passerotto saltella verso nostra madre la bacia e poi rivolta a mio padre le dice:

“Ciao Pa......pà”

Poi guardando verso me mi strizza l'occhio, in quel momento capisco tutto e una risata fragorosa mi esce dalla bocca, fra me e me, penso:

“Cazzo che puttana che sei Melissa, e bravo il paparino che si è sverginato la figlia”.

Sono passati due mesi da quella giornata io e Melissa ci vogliamo bene, ma l'amore lei continua a farlo con nostro padre di nascosto da mia madre, la cosa mi disturba perché mi sono accorto che mi sono innamorato di lei, la desidero follemente la voglio per me sono intenzionato a dirglielo pur sapendo che sarà un battaglia molto dura dovrò combattere contro mio padre ed userò tutte le armi lecite ed illecite, provare non mi costa nulla e a volte chissà..................

Questo racconto di è stato letto 3 4 7 7 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.