Mamma amore mio

Scritto da , il 2011-08-18, genere incesti

Da circa un' oretta mia madre parlava al telefono con mia zia Angela, la mia curiosità nel sapere cosa si dicevano mi portò ad ascoltare i loro discorsi con l'apparecchio secondario della mia stanza, mia madre parlava di me e del mio recente viaggio in Olanda.

Come regalo del mio diciottesimo compleanno mi era stata data la possibilità di recarmi da mia zia Manuela sposata con un antiquario olandese,la quale aveva agevolato volentieri il mio soggiorno anche perché mia cugina Annelore si era dimostrata entusiasta della mia visita. Mia cugina aveva favorito il mio desiderio di conoscere la città di Amsterdam e come conseguenza di questa continua affinità ci eravamo talmente avvicinati fino ad avere dei rapporti sessuali.

Indubbiamente era stata una vacanza che aveva lasciato un segno importante su tutti e due,la storia si protrasse per tre settimane e culminò con una certa intensità al punto che mia cugina, si prenotò per l'anno successivo per un suo soggiorno in Italia.

Riprendendo il discorso precedente mia zia Angela si lamentava di mio zio Ugo che da diverso tempo la trascurava sessualmente, e chiedeva a mia madre come faceva lei dal momento che mio padre era morto da oltre un anno a soddisfare le sue voglie....a quel punto la curiosità che fino ad allora aveva viaggiato su soglie basse, si elevò con alti picchi fino a tramutarsi in vera morbosità.

Mia madre per un attimo rimase silenziosa, poi con voce bassa quasi avesse paura che qualcun altro potesse sentire disse: “Mi arrangio da sola con l'aiuto del vibratore”. Mia zia con aria sarcastica aggiunse: “Ma dai Sara.. vuoi mettere un pezzo di plastica con un bel cazzo duro dentro la figa non dirmi che una bella donna di 42 anni come te non trova un uomo che se la scopa senza impegno, non ci credo neanche se vedo”.

La voce di mia madre sempre più imbarazzata le rispose:
“No!!! non è questo Angela...ho paura, le persone che frequenti a volte non si conoscono mai abbastanza e poi sono passati solo otto mesi dalla morte di Renato...cosa direbbe Luca”.
Sentii mia zia rimproverare mia madre:
“Sara tu hai bisogno di avere un uomo, va bene il lutto per qualche mese ma poi basta”. Poi con aria perentoria aggiunse:
“Se hai di queste paure dillo a Luca che ti venga incontro”.
E con una risatina concluse.
“Basta che non ti venga dentro”.
Mia madre scandalizzata rispose.
“Ma cosa stai dicendo Stronza”
Pur non vedendo in volto mia madre già m'immaginavo la sua espressione.

Sapendo che mia madre sarebbe arrivata da un momento all'altro, abbandonai il mio posto d'ascolto e mi misi a pensare a quello che le aveva suggerito sua sorella, in effetti il suo discorso non era sbagliato.
L'unica nota stonata era il consiglio di portare una persona esterna nella sua vita.....e questo non mi piaceva assolutamente.

Seduto sul divanetto della mia stanza, provai ad immaginarmi mia madre solo come donna....Alta, Gambe bellissime ed affusolate, ben proporzionata, Seno piccolo da ragazzina, sempre elegante e curata con un volto pulito e giovanile.

Mentre stavo facendo questi ragionamenti lei arrivò e mi guardò, la cosa mi fece sorridere mi alzai dal divanetto l'abbracciai e le diedi un bacio sulla guancia e la strinsi forte.
Lei si girò e mi chiese: “ Cosa c'è tesoro?” Le risposi: “ Mamma ti voglio bene” mi sorrise e mi accarezzò, baciandomi poi sulle guance.

Erano passati diversi giorni da quando avevo ascoltato la telefonata di mia madre ma l'eccitazione di quel momento mi tormentava in continuazione, cercavo di scrutare ogni suo movimento, sondavo i suoi pensieri e centellinavo le sue parole alla ricerca di un qualcosa che potesse darmi il coraggio di avventurarmi in una situazione piacevolissima ma tremendamente pericolosa.

Fu durante un momento di relax complice la stanchezza e la giornata uggiosa che mia madre addormentata sul divano assunse una posizione particolare, aveva leggermente schiuso le gambe, quel tanto, che dal divano di fronte dove ero disteso io, mi permetteva di scrutare fra le pieghe della gonna le rotondità delle sue cosce coperte dal nylon delle autoreggenti, e la dolce rotondità della sua femminilità nascosta dalle candide mutandine mi provocò un' erezione al punto che dovetti recarmi in bagno per masturbarmi.

Poi come spesso capita fra madre e figlio per una strana alchimia cominciai ad avere un legame sempre più intenso favorito anche dalla mancanza di altre figure maschili mi ritrovai sempre più spesso a farle domande che la mettevano in imbarazzo, create con arte e malizia con lo scopo di stuzzicarla, al fine di provocarla ed indurla a dare risposte mirate alla sua sessualità.

All'inizio vi era stata un po di reticenza da parte sua, poi la cosa era stata presa con disinvoltura da ambo le parti e cominciammo a parlare di fatti personali e privati senza porre limiti agli argomenti con la prerogativa di rendere più interessante questo gioco fatto di verità e mezze verità, che eccitavano entrambi e ci facevano ridere anche sulle cose più banali.

Una sera decidemmo di cenare in pizzeria, la serata trascorse senza particolari emozioni poi improvvisamente mia madre mi chiese.
”Luca mi sembra che tu stia trascurando le tue amicizie per starmi sempre vicino”. La guardai
”mi trovo bene con te”
lei rispose.
“Tesoro non voglio che ti sacrifichi per me hai diritto ad avere contatti più assidui con gli amici”

Il vialetto dove era parcheggiata l'auto era semibuio, sebbene fossero le dieci di sera non vi era traffico, le poche persone in giro a quell'ora passavano veloci e vedendoci ci scambiavano per una coppia, la cosa mi eccitò tremendamente, istintivamente le cinsi la vita e l'abbracciai.

Mi fermai in una zona buia del viale lei non disse nulla, ma rimase sorpresa e meravigliata quando presi il suo volto fra le mie mani e la baciai sulle labbra, all'inizio le sua bocca rimase serrata poi un poco per volta si apri e permise alla mia lingua di entrare il suo respiro divento pesante, la mia mano si posò sopra un seno la sentì irrigidirsi, si staccò da me e con imbarazzo entrò in auto.

Quando salì in auto i suoi occhi erano fissi su di me, con molta dolcezza disse.
“Luca non è successo nulla”
Io risposi.
“Mamma ti sembra che non sia successo nulla, ti ho baciato...io ti...voglio bene, ti...amo”
Un sussulto fu la conseguenza alla mia risposta, poi chiuse il discorso con un filo di voce
“Ma io sono la tua mamma Luca non si può fare.”

Avvicinai nuovamente il mio volto al suo, lei cerco come difesa di spostarsi di lato, ma tutto questo non fece altro che accrescere la mia voglia.

La mia mano si appoggio sulla gonna vellutata poi con mossa veloce s'insinuo sotto, la senti sussurrare.
“Ti prego Luca no questo no!!!! per favore nooo!!!! non voglio mi vergogno”

Non la lasciai finire la mie dita aveva superato la barriera delle calze e si erano aperte la strada sotto gli slip di pizzo, avevano toccato i peli della figa. Ma la sua opposizione a questa mia iniziativa era stata netta e decisa il tentativo riuscito di stringere le gambe aveva interrotto la mia manovra, poi con forza aveva allontanato le mie mani dalle mutandine.

Passarono diverse settimane e non parlammo più di quella sera, lei fece finta di nulla ed io l'assecondai in tutto e per tutto, ma il nostro rapporto era leggermente cambiato, dedicavo molto meno tempo a lei, ero più distaccato e meno partecipe alla sua vita, avevo cominciato a frequentare una mia amica di nome Alessandra uscivamo quasi tutte le sere, dedicandole quasi tutto il mio tempo libero.

Mia madre, con eleganza fece notare che questa nuova situazione la rendeva triste, ed una sera che decisi di rimanere a casa prese il coraggio e comincio chiedermi alcune cose.
”Luca come mai non esci stasera,non vai dalla tua amica?”
“No mamma stasera sto in casa”. Fu tutto un susseguirsi di domande, dove l'avevo conosciuta, se lei la conosceva, come era? e a che punto era il nostro rapporto, risposi alle sue domande curioso di vedere la sua reazione in prospettiva di quello che io volevo da lei.

Prossimi all'ora di cena lei mi propose di ritornare nella stessa pizzeria di alcune settimane prima, accettai ma volli cambiare programma lanciai l'idea un ristorantino al mare.

Lei si preparo con cura, con un completino gonna maglioncino, i capelli riuniti in una coda di cavallo, senza un filo di trucco e il tutto completato da un paio di stivaletti di Pollini, decisamente mia madre poteva passare, per una sorella maggiore, un' universitaria, un amica più grande, ma mai per una mamma e di questo ne ero orgoglioso.
Verso le nove uscimmo di casa.

Passammo una bella serata, cenammo, e concludemmo il tutto con una passeggiata sulla spiaggia, l'aria era fresca e pulita come solo le serate di ottobre sanno proporre.

Le chiesi se potevo abbracciarla,lei mi sorrise e disse.
“Ma smettila sciocco ti permetto anche di darmi un bacio se lo vuoi”
Subito ribattei.
”Come l'altra volta”
Lei mi guardò e comincio a ridere, strano non mi ero mai accorto quanto fosse bella quando rideva...avvinghiandosi a me disse.
“Ritieni sia il caso cretinetti”
E stringendola a me replicai.

“Certo mamma pensa che stasera mi sono cambiato anche le mutande, però non ho i preservativi” E il gioco continuò cosi per tutto il tragitto che occorse per arrivare al parcheggio dell'auto, fra risate ed allusioni con chiari riferimenti sessuali.

Una volta a bordo, ci fu un attimo di silenzio, i nostri occhi s'incrociarono, le mani si strinsero e ci baciammo con voluttuosità, le accarezzai il seno poi le mie dita s'infilarono sotto il maglioncino e lo sfilarono, toccarono la carne nuda del suo petto, s'insinuarono dentro le coppe del reggiseno i miei polpastrelli toccarono i capezzoli turgidi e gonfi la sentì gemere mentre le facevo un succhiotto sulla gola preso dalla foga le sganciai il reggiseno con tale veemenza che lo ruppi, sentivo il desiderio aumentare vertiginosamente e cominciai a succhiarle i capezzoli, in tutto questo turbinio di sensi mi resi conto che eravamo troppo in vista e avrebbero potuto vederci, perciò spostai l'auto nella retrostante pineta al sicuro da occhi indiscreti.

Abbassai il ribaltabile dell'auto, mia madre non capiva più nulla e si lasciava fare tutto quello che io volevo.
Le sollevai la gonna oltre la vita lo spettacolo del suo inguine coperto dalle mutandine rosa e dai collant chiari apparve in tutta la sua bellezza.

Affondai la mia faccia fra le sue gambe l'odore pungente del sesso misto all'odore della pipi era intenso ed eccitante e ne impregnava il cavallo degli slip, persi la testa le strappai con violenza i collant le feci dei succhiotti sulla pancia e sulle cosce.

La mia lingua s'infilò dentro l'ombelico e lo riempii di saliva.
La mano sotto l'elastico delle mutandine vagava fra i dolci avvallamenti del suo inguine.
La mia bocca si nutrii dell'umore leggermente salato delle sue secrezioni, lei inarcò la schiena quando la lingua cominciò a titillarle il clitoride e cominciò a gemere dicendomi parole dolci, per poi spingere fortemente il volto contro la sua figa.

La testa mi scoppiava stavo per scoparmi mia madre e la cosa mi galvanizzava enormemente.
Le infilai due dita dentro la fessura lei lancio un urlo di piacere, nello stesso momento la senti supplicare che voleva il mio cazzo in bocca.
Feci delle vere e proprie acrobazie per meglio posizionarmi.

La sua lingua leccava la mia cappella rossa dall'enorme flusso di sangue, le sue labbra succhiavano il mio cazzo fino alla radice sentivo un enorme calore pervadermi il basso ventre la sua bocca era come un'enorme ventosa.
Mia mamma era molto brava in questa pratica e questo lasciava presupporre che non fosse nuova a questo genere di cose.

Mentre lei mi faceva un bocchino le mie dita entravano dentro la sua passera cominciai a muovere le dita in senso rotatorio poi su e giù i suoi umori mi bagnarono il palmo della mano.
Mia madre godeva dicendomi parole dolci e frasi d'amore, quando le infilai un dito su per il culo, istintivamente lei contrasse le pareti dell'orifizio anale staccando la bocca dal mio uccello disse.
“Luca per favore non voglio nulla nel sedere, neanche a tuo padre ho mai permesso di entrare li dentro”
Le risposi
“Mamma per me farai un eccezione perché ho deciso d'incularti”
Lei rispose.
”Non ci pensare nemmeno”.

Le palpai ogni parte del corpo, la pelle era vellutata e profumata, la misi prona facendo attenzione, perché l'abitacolo era angusto, cominciai a baciarle la schiena, la mia lingua lasciava una scia di saliva sulla sua pelle.
Istintivamente le morsicai la schiena facendole male, lei si lamentò e la cosa mi eccitò moltissimo.
Le divaricai le gambe le sue cosce erano sode come il marmo, un raggio di luce che illuminava in distanza la stradina della pineta illuminò la figa di mia madre era imponente, con le grandi labbra ben delineate ed in evidenza, era tremendamente sensuale in quella posizione.

Lei sorrise.
“Ti piace Luca sai che oltre te e tuo padre pochissime altre persone l'hanno vista”
Ero eccitato le balzai sopra, il cazzo entrò dentro la sua pancia inizialmente con delicatezza, poi con sempre maggior veemenza la feci mia.
La senti gemere, poi i gemiti si trasformarono in veri e propri grida di piacere mentre la scopavo lei in balia all'eccitazione più animalesca mi mordeva le spalle e il petto.

Come in preda a una crisi convulsiva girava la testa da una parte e dall'altra dicendomi.
"Luca sei un animale ti stai scopando tua madre”
“Porco maledetto mi stai aprendo la pancia con il tuo cazzo, ti piace maiale chiavarmi....porcooo incestuosoo!!!!.

Stavo chiavando la mia genitrice il mio sogno si era avverato il mio arnese andava su e giù dentro la figa che diciotto anni prima mi aveva partorito.

Ero rientrato dentro il suo ventre, sentì le pareti della vagina calde e lubrificate stringere come una morsa il mio cazzo.
”Sborrami dentro porcooo”
“Mamma se ho ben capito non pigli nulla, se poi rimani incinta?”
Con voce stridula dall'eccitazione.

“Non me ne frega un cazzo se rimarrò incinta lo farò”
“Mamma sei sicura che vuoi che ti venga dentro”
“Voglio sentire il tuo godimento dai riempimi la figa siii!!!!! cosi si cosi amore mio“
Non fece in tempo a finire la frase, che dal mio cazzo un mare di crema calda riempi il suo utero.

Stavo inseminando mia madre, il mio cazzo spaziando dentro la sua pancia si preparava a donarle lo spirito di una nuova vita....i suoi umori vaginali avevano facilitato il mio amplesso e il suo godimento raggiunse il culmine nello stesso istante in cui io venivo...un rantolo uscii dalla sua bocca in simbiosi con mio urlo liberatorio
"Godi troia puttana"
Poi stremati ci baciammo lei mi accarezzò
”Ti è piaciuto amore”
Risposi.
“Si mamma mi è piaciuto molto, scusami se ti ho chiamato troia puttana, ero cosi eccitato che non capivo più nulla, ricordati che da oggi sei la mia donna, nessun altro ti deve toccare solo io ho dei diritti su di te”

Lei mi guardò.
“Luca cosa vuoi dire che da oggi sono come tua moglie, spiegati meglio e scoppio a ridere”
La sua risata mi fece male ma poi lei divenne subito seria.

“Amore ti rendi conto che questa tua infatuazione potrà durare per qualche anno, poi ti sposerai, avrai dei figli, ed io?”.

Aveva ragione.
Mentre rimuginavo sulla sua risposta, lei apri il finestrino e gettò fuori dall'auto collant e reggiseno ormai inservibili si rivesti alla meglio mi guardo e mi diede un bacio sulla bocca.

“Tesoro non essere triste non facciamo programmi, per ora quando avremo voglia di fare sesso potremo farlo tranquillamente a casa nostra e per il resto... per te sarò sempre tua madre, la tua confidente, la tua troia, la tua puttana ma tutto questo rimarrà sempre cosi senza vincoli o impegni"

Il nostro modo di essere amanti ha comportato una relazione intima e nascosta che comunque ha reso felici entrambi.
Tutto questo è rimasto chiuso dentro le quattro mura di casa, anche se mia zia Angela nel cambiamento umorale di mia madre ha identificato un qualcosa di strano e misterioso che però non è ancora riuscita a decifrare lasciandola nella curiosità e perché no!! nell'invidia dell'improvvisa serenità di sua sorella.

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 9 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.