Oh mamma! - 3°-La mia mamma è una troia ed è mia!

Scritto da , il 2019-03-09, genere incesti

-Amore sveglia è la mamma!-

Com'era successo la sera precedente,mia madre si era inginocchiata di fianco al mio letto e dopo avermi svegliato con delle carezze e dei bacini sulla bocca e nell'orecchio,aveva infilato la testa sotto il lenzuolo ed aveva cominciato a leccarmi il cazzo.

Avvolto da una specie di dormiveglia,con una reazione istintiva,avevo scostato il lenzuolo e stringendola per un braccio rivolgendole un flebile "sali" l'avevo invitata a montare sul letto e lei,scostandomi la mano,era risalita ancora verso il mio volto sussurrandomi nell'orecchio:

-Amore sono un po stanca....ho scopato sino a poco fa ma non volevo andare a letto senza il tuo profumo nelle narici ed il tuo buon sapore in bocca per sostituire quello di quel porco.-

Poi,facendomi girare e ponendomi col sedere sul bordo del materasso,mi aveva fatto sollevare il bacino per mettermi un cuscino sotto i glutei ed in quella postura,aveva ripreso a leccarmi partendo dallo sfintere anale per risalire sul perineo,i testicoli e l'asta per soffermarsi infine sul frenulo prima di imboccare il prepuzio e la cappella.

Aveva ripetuto quel percorso molte volte ricoprendolo di saliva,per poi ingoiare il mio cazzo e pomparlo con le labbra strette sino a farmi sborrare nella sua bocca.

Poi,slacciandosi la camicetta,prima di ripulirmi dagli ultimi residui di sperma,aveva avvicinato il seno e manovrando il cazzo come fosse un pennello,si era massaggiata e bagnata i turgidi capezzoli e le piccole tette.

Infine,si era alzata e sfiorandomi la bocca con le sue labbra bagnate,mi aveva sussurrato:

-Buona notte tesoro....grazie...a domani.-

Ed era sparita nel buio della stanza con gli stessi passi felpati coi quali era venuta.

Tutto questo era successo la sera del giorno in cui mi aveva lasciato quel biglietto sul tavolo della colazione.

Per tutta la giornata,ripensando a quello che era successo in macchina e poi nel mio letto quando mia madre mi aveva svegliato per fare l'amore con me,non ero riuscito a pensare ad altro che all'appuntamento che avevo con lei il giorno dopo.

Anche all'università avevo combinato ben poco ed anche i miei compagni di corso si erano accorti del mio turbamento.

In realtà ero turbato e nervoso e questo mi aveva portato a reagire male anche con la ragazza colla quale filavo che insisteva con domande alle quali non potevo rispondere.

Per tutto il giorno avevo ripensato a quello che mi era successo e nella mia mente si alternavano pensieri entusiasmanti a momenti di sgomento per qualcosa che,comunque la volessi vedere,era fuori da ogni principio morale:"Avevo chiavato con mia madre e le avevo fatto bere il mio seme e quello si chiamava INCESTO!"

Il solo pronunciare col pensiero quella parola,mi procurava dei brividi che,tuttavia,non erano sufficiente a placare l'imbarazzante erezione che mi tormentava già dal mattino.

Poi mi consolavo pensando che comunque,non era stata colpa mia,era stata lei a prendere tutte le iniziative!

"Non tutto era colpa sua!" pensavo poi (in uno stato di assoluta confusione mentale) non volendo addossare tutte le responsabilità su di lei con la conseguenza che avrei dovuto inevitabilmente considerarla una madre degenere; Una puttana insomma!

"Mia madre una puttana?Certo che no!

Da tempo ormai immaginavo che le sue assenze e le sue uscite notturne avessero poco a che fare col suo lavoro e invece,tanto con un amante di cui immaginavo l'esistente.

E' vero,ero sicuro che lei avesse un amante ma la cosa non mi scandalizzava poi così tanto in una epoca di costumi aperti e donne emancipate come era mia madre.

Poi il fatto che con mio padre non vi fosse mai una discussione in un certo senso mi rassicurava sulla innocuità di certe sue scelte.

Il mio giudizio però e le mie certezze avevano cominciato a vacillare dopo le cose che mi aveva raccontato al ristorante circa il suo rapporto con mio padre ma soprattutto, dopo che era iniziata la nostra avventura erotica.

La sera di quel giorno di tormenti,ansie ed indomabile eccitazione,rientrando a casa c'era solo mio padre ad aspettarmi per cena in quanto mia madre sarebbe rientrata tardi a causa di "impegni di lavoro".

Dopo cena mio padre si era messo davanti alla TV mentre io,col computer nella mia stanza cercavo impossibili risposte navigando sui vari siti di incesti.

La maggior parte di quello che vedevo era chiaramente falso e quelle che sembravano vere,erano decisamente brutte;alcune disgustose e volgari,altri degni di denuncia penale.

Niente comunque che somigliasse a quello che stava succedendo tra me e mia madre.

Verso mezzanotte mi ero messo a letto addormentandomi e mia madre non era ancora rientrata.

Poi quella carezza,quel"Ciao tesoro sono la mamma"con tutto quello che ne è seguito sino alla sborrata nella sua bocca.

Quel fatto così inaspettato proprio quando,sfinito dalla pesante giornata mi ero addormentato,aveva risvegliato in me tutte le angosciose domande che mi ponevo.

Quell'ultimo "blitz"notturno poi,aveva caricato la situazione di nuove inquietanti domande.

Mia madre non mi aveva fatto solo un "semplice" pompino ma mi aveva anche leccato il buco del culo spalmandosi infine i residui di sborra sul seno.

Mentre tutto accadeva,godevo come un maiale...ero in estasi e inconsapevolmente porco!

La sua lingua che accarezzava le pieghe del mio sfintere anale,mi procurava un piacere devastante,la punta dura e aguzza che forzava come a volermelo profanare mentre con la mano scorreva sull'asta con una maestria che non avevo riscontrato mai nelle mie amiche ma neanche con le poche prostitute che avevo frequentato sino ad allora.

Una maestra del sesso:Una puttana!

Scavando ancora nei ricordi che forse cercavo di cancellare,mi era tornato in mente il momento in cui mi aveva portato la mano sulla sua fica senza mutande!

Mia madre!

Quella sera mia madre se non avesse avuto quel contrattempo che mi aveva "Consentito" di accompagnarla,sarebbe uscita col suo amante senza mutande!

Mia madre,già pronta ad essere montata allo scatenarsi della prima voglia sua o del suo maschio!

E poi,quando avevamo fatto l'amore(avevamo chiavato?)con lei alla guida di ogni passaggio sino al momento finale in cui,ponendosi a 69 su di me,aveva fatto scivolare nella mia bocca lo sperma che io le avevo schizzato nella fica.

In un momento di lucidità,mai mi sarei sognato di ingoiare la mia sborra per di più colata dal sesso di mia madre che io stesso le avevo pompato dentro.

Dopo il delirante piacere che mia madre mi aveva regalato,ero rimasto solo coi miei mostri.

Non solo "la guerra genera mostri" come affermato da Francisco Goya nel suo celebre dipinto,ma anche normali relazioni familiari,se turbate da eventi così trasgressivi ed inattesi,possono avere effetti devastanti per l'equilibrio di una persona.

Coerentemente col mio stato confusionale,avevo trascorso una notte di incubi ma anche di sogni meravigliosi.

Che donna sconosciuta e imprevedibile mia madre!

Il mattino successivo,accanto alla mia colazione,un bigliettino diceva:"A stasera..questo è un promemoria!"

Sul biglietto con un pezzetto di nastro adesivo,erano fissati alcuni peli neri arricciati.

Erano peli della sua fica!

"Che puttana! Che madre stupenda!"

Immediatamente mi si era rizzato il cazzo!

Quel giorno le ore erano volate veloci.

Come da sue indicazioni 1/2 SMS,ero rientrato in casa presto,avevo fatto la doccia ed avevo indossato i jeans senza slip sotto ed ero riuscito.

Poi,avevo telefonato a mio padre avvisandolo che sarei rimasto fuori coi miei amici mentre mia madre rientrando in casa si era preparata una 24 ore col necessaire per un giorno e dopo aver preparato la cena per il marito ed essersi vestita per il viaggio in treno,aveva chiamato un taxi ed era venuta nel posto dove la stavo aspettando.

Stavolta mi aveva portato in un locale piuttosto lontano,attrezzato con un piccolo ristorante,un teatrino dove facevano spettacoli sexi e dove avevano disponibili delle camere per i clienti.

Pur non essendo un club privè,ne aveva tutta l'aria.

L'atmosfera era calda con un sottofondo musicale che rendeva tutto molto intimo e soft.

A noi avevano dato un piccolo tavolo dietro un separé con le sedie messe ad angolo la qual cosa,ci permetteva di avere un contatto continuo con le gambe e la possibilità di toccarci agevolmente e lontani di sguardi indiscreti.

Mia madre senza più ritegno ne pudori di sorta aveva cominciato a parlarmi:

-Amore,quello che è successo tra noi è assolutamente meraviglioso.

Per me è meraviglioso e spero che non ti abbia turbato tutto quello che abbiamo fatto.

Io credo di avere una visione molto chiara su quello che potrebbe essere lo sviluppo futuro del nostro rapporto.

Naturalmente,ho bisogno che questo non comprometta il naturale sviluppo della tua personalità e non influenzi negativamente la tua vita.

In questi ultimi due giorni ho scoperto che in te coesistono un figlio meraviglioso ed un potenziale,insostituibile amante.

Devo confessarti,anche se credo che tu in parte lo abbia già capito,che io non sono la classica madre e moglie che tutte le famiglie "per bene" vorrebbero avere.

Fulvio....io sono una ninfomane insaziabile e sempre in cerca di un cazzo.

Tu stesso hai visto come mi sono comportata l'altra sera.

Ti giuro,non era mia intenzione soggiogarti per sottometterti alle mie voglie incestuose.

E' vero,ero eccitata all'idea di dover incontrare il mio amante e mi ero preparata per questo come avrai potuto notare dal mio abbigliamento.

Con te avevo passato una bella serata e mi ero rilassata al punto che le mie voglie si erano assopite.

Poi tutto è precipitato quando ho visto il tuo sguardo sulle mie cosce e sui miei seni.

In quel momento mi sono sentita desiderata ed senza più pensare che eri mio figlio,ma vedendoti solo come un giovane maschio,mi sono lasciata andare e...sai bene com'è finita.

Ecco Fulvio,io sono così e se la cosa ti turba,siamo ancora in tempo per porvi fine.-

Io l'avevo ascoltata in silenzio ed anche se mi sentivo già parte della nuova vita che mi si stava prospettando,volevo saperne di più anche se il mio cazzo,aveva accettato senza condizioni gonfiandosi oltre ogni misura sotto i miei pantaloni troppo stretti in quella circostanza.

-Mamma ti prego....comincia dall'inizio....da quando eri piccola...la scuola...papà!-

E così mia madre aveva cominciato a raccontare che sin da bambina sentiva pulsioni diverse da ogni sua amichetta.

Aveva cominciato a masturbarsi a 5/6 anni da li partivano i suoi ricordi.

Poi aveva preso a spiare i suoi genitori ed imitare con alcuni amichetti i giochi che vedeva fare.

Da adolescente si era resa conto di essere la più brutta e per questo scansata dai maschi ed emarginata dalle sue coetanee.

Lei però,aveva un carattere forte ed un spiccato senso della giustizia che non le facevano accettare passivamente quella situazione.

A differenza delle altre adolescenti,lei sapeva già tutto del sesso.

Nel paese dove aveva vissuto sino a qualche anno prima,diversi maschi,anche più grandi,l'avevano svezzata ai piaceri del sesso.

A 12 anni aveva già perso la verginità.

Aveva dunque dalla sua un'arma che nessuna delle ragazzine,anche le più scaltre o belle possedevano.

Non le era stato difficile spostare su di se le attenzioni di quei maschi che le piacevano e che per lei trascuravano le più bellocce in attesa del momento in cui lei,appagava ogni loro desiderio,anche il più spinto!

All'università era giunta col massimo dei voti e con un carattere che sovrastava tutti quelli del suo corso.

Aveva imparato a truccarsi e vestirsi in modo da apparire sempre più attraente delle altre e dunque,i maschi facevano a gara per i suoi favori.

Poi aveva incontrato mio padre che aveva voluto sposarla anche se ne conosceva le "Gesta":

-Dal matrimonio siete nati tu e le tue sorelle.-

-Dal matrimonio?E papà?-

Avevo ribattuto in cerca della certezza della paternità mia e delle mie sorelle:

-Tranquillo Fulvio...voi siete figli miei e di vostro padre!-

In quel momento preso com'ero dall'incredibile trama di quel racconto,non avevo voluto approfondire il senso di quella risposta alquanto sibillina.

-Ma il rapporto con papà com'era mamma?-

Avevo chiesto:

-Con lui scopavo anche prima di sposarci come facevo con tutti gli altri.

Poi,dopo il matrimonio avevo deciso di cambiare vita ed essergli il più possibile fedele.

Lui conosceva tutto di me,del mio calore,dalla mia passione,della mia fame di cazzo e voglia di trasgressione...tutto!

E tutto quello che lui sa del sesso lo deve a me che gli sono stata moglie,amante e maestra.

Per diversi anni il nostro rapporto ha funzionato anche se,ogni tanto mi concedevo un piccolo diversivo.

Tutto è cambiato però,quando la sua passione ha cominciato a scemare e contestualmente,riprendeva vita la troia temporaneamente in letargo dentro di me.

Poi lui si è spento completamente ed io mi sono sentita libera di riprendermi la mia vita.

-Ma lui lo sa mamma che vita conduci fuori dal matrimonio e che hai degli amanti?-

Le avevo chiesto eccitao e con insistente pruriginosità:

-Non ne abbiamo mai parlato ma sono sicura che lui sappia tutto e sa anche che,se un giorno volesse venire a cercarmi,sarei pronta anche per lui.

Fulvio,sono oramai troppo avanti cogli anni per distinguere la qualità di un cazzo!

Mi va bene tutto anche quello di un marito addormentato se solo mi chiedesse di svegliarlo.

Certo che,quando riesco ad attrarre l'interesse di uno stallone giovane e dotato come te,faccio di tutto per non farmelo scappare e ti assicuro che non me ne mancano!

Solo con te che sei mio figlio posso avere dei freni anche se la voglia di averti sempre e solo per me mi tormenta l'anima.-

-Mamma...io sono tuo e lo sarò per sempre se lo vorrai anche tu!-

Le avevo risposto mentre le nostre bocche si congiungevano in un bacio voluttuoso pieno di desiderio e le nostre mani sotto al tavolo cercavano i nostri sessi eccitati.

segue


Questo racconto di è stato letto 8 1 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.