Mia moglie 12 - Stupro di gruppo col capo

Scritto da , il 2020-09-13, genere tradimenti

-Com'è che sei così bagnata?-

Aveva gridato il mio capo mettendomi le dita umide davanti agli occhi.

-E me lo chiedi?
Sapevo che appena arrivata mi avresti chiamata!-

Gli avevo risposto col viso avvampato di rosso.

-A si?!

E com'è che non era mai successo prima...com'è? eh!-

Aveva continuato con la voce sempre più alterata ed il tono che sicuramente si sentiva anche dagli altri uffici.

Al mio tentativo di dargli una risposta convincente aveva subito ripreso:

-Te lo dico io il motivo,ti sei fatta sfondare da chissà quanti cazzi per essere così aperta!-

Colta di sorpresa da tanta furia,avevo deciso di dirgli la verità non immaginando cosa sarebbe successo.

-Non è così,non mi sono fatta sfondare ma il fatto è che prima di venire in ufficio,ho fatto l'amore con mio marito.-

-Brutta zoccola che non sei altro,ti sei fatta chiavare dal cornuto!

Lo sai che non voglio che scopi con lui,non mi piace l'dea che metto il mio cazzo dove lui ha messo il suo pisello moscio.

E poi,non è possibile che sia stato lui a sfondarti così il culo e la fica!-

Aveva aggiunto sempre più alterato dopo avermi fatta girare per ispezionarmi il buco del culo davvero arrossato e aperto come mai prima.

-Dimmi la verità puttana,ti sei fatta sfondare solo da qualche bel cazzone ma a tuo marito non glielo hai dato,vero che non l'hai data anche al cornuto?!-

Quelle ultime parole mi avevano davvero offeso nell'orgoglio,nessuno si deve permettere di disprezzarti in quel modo:

-Se proprio lo vuoi sapere,abbiamo fatto un'orgia con un bel cazzone stanotte e stamattina l'ho proprio data a mio marito e mi è piaciuto tantissimo al punto che ripensandoci mentre venivo quì,mi sono bagnata!-

Glie'avevo detto,gliel'avevo sbattuta in faccia la verità ed ero contenta di averlo fatto.

Naturalmente,la sua reazione era stata furiosa:

-Lo sapavo che eri una zoccola ma non potevo immaginare che arrivassi al punto di farti montare anche dal cornuto!

Adesso rimettiti le muatande bagnate a siediti che ti sistemo io per le feste,hai due sole alternative:Fare quello che ti dico io o prendere le tue cose ed andare via licenziata in tronco!-

In quel momento,era talmente rosso in viso e fuori di se che quelle parole,mi erano suonate più come una promessa che una minaccia.

-Ok ok,faccio come vuoi tu ma non puoi licenziarmi.-

-Pronto,pronto Romeo,ti ricordi la promessa che ti avevo fatto la scorsa settimana?-

Io non sentivo la risposta dall'altro capo del telefono ma suppongo che avesse risposto di si e lui aveva continuato:

-Chi c'è li con te?

A bene,ci sei tu,c'è Fulvio e c'è anche quel nero...come si chiama?

Be se è nell'altro magazzino fallo venire intanto che noi arriviamo.

Dove possiamo metterci?

Ah,ottima idea.

Usiamo i materassi della fiera per terra nel magazzino li in fondo dove c'è anche un bagnetto.

-Che vuoi fare?-

Gli avevo chiesto dopo aver seguito la telefonata che avevo capito solo in parte.

-Adesso andiamo nell'altro magazzino dove ci stanno aspettando 2 o 3 ragazzi più un bel negrone tutti per i tuoi buchi sfondati.-

Mi aveva risposto ridacchiando.

-Uscendo dal suo ufficio,il bastardo per umiliarmi davanti ai colleghi,mi aveva fatto legare il mio reggiseno alla borsetta e grazie al mio netto rifiuto,avevo evitato di sfilare anche senza la minigonna col perizoma bagnato in bella vista.

Giunti nel posto previsto,mi ero trovata davanti a due maschi che conoscevo già nudi ed in un angolo in silenzio ed ancora vestito,vi era Dhajr un senegalese che conoscevo molto bene avendogli già fatto due o tre pompini quando era venuto in ufficio per il colloquio per l'assunzione e poi,quando era venuto per altre commissioni.

Il suo italiano era alquanto scarso ed io,facendogli l'occhiolino,gli aveva chiesto di seguirmi.

-Vado in bagno a sistemarmi,non vorrete mica scoparmi senza che mi sia lavata?-

Dal punto di vista gerarchico in azienda ero una loro superiore e questo,nonostante la presenza del grande capo,li metteva un po in soggezione.

Chiusa nel piccolo bagno con Dhajr,gli avevo dato il mio telefonino con l'incarico di riprendere tutta la scena e raccomandandogli di non spogliarsi e di venirmi a scopare per ultimo,mi ero buttata nella mischia.

Come puoi immaginare amore,immediatamente il mio capo e gli altri due,mi si erano gettati addosso come bestie affamate e nessuno di loro faceva caso che alla festa mancava il negrone che stava filmando ogni cosa.

Quando tutti e tre i maiali si erano scaricati riempindomi in ogni buco,il capo si era finalmente accorto dell'assenza di Dhajr il quale sollecitato,era intervenuto con mio grande piacere.

Ho succhiato il suo cazzone con grande trasporto mentre gli altri tre assistevano e sollecitati dal capo mi insultavano coinvolgendo anche te nei loro osceni commenti.

In quel momento per me era come se non ci fossero tanto ero impegnata a gustarmi la verga gonfia,circoncisa,nera e con due palle piene come noci di cocco di Dhajr.

Dopo averlo fatto sborrare nella mia bocca ingoiando ogni goccia mentre avevo sputato lo sperma degli altri,li guardavo e con aria di sfida,mostravo la bocca piena e mentre ingoiavo e mi leccavo le labbra.

Volevo mostrare loro che ero talmente troia che non mi meritavano non essendo alla mia altezza.

Il nero era davvero una macchina del sesso e dopo pochi minuti si era riarmato e mi aveva inculata e chiavata sborrandomi nella fica.

Finita l'orgia,il capo mi aveva riportata in ufficio per sottopormi ancora al disprezzo dei colleghi.

Rimasta sola,avevo inviato alla moglie del capo il filmato di quanto era successo avvisandola che il giorno dopo l'avrei chiamata per discutere il da farsi.

segue



-

Questo racconto di è stato letto 8 2 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.