Mia moglie 14 - No! no! Nel culo no! Gridava la moglie del capo.

Scritto da , il 2020-09-15, genere tradimenti

-Nooooo....nooooo...li no....li no!

Li sono vergine,nessuno me lo ha mai messo nel culo...neanche mio marito!-

Cercava di gridare Elisa sbavando saliva a causa del cazzo di un nero(L'amico di Dahjr) che le tappava la bocca e l'altro che già spingeva l'enorme cappella tra le sue chiappe.

Lara in ginocchio accanto a lei,col telefonino acceso,le stringeva una mano e le accarezzava i capelli nel tentativo di calmarla:

-Rilassati Lisa...rilassati e spingi come quando hai partorito o quando,seduta sul water devi evaquare.

Vedrai,è cosa di pochi secondi e dopo il dolore,comincerai anche tu a scoprire un luogo di piacere del tuo corpo che ti era sconosciuto sino ad ora e che quel cornuto di tuo marito preferiva aprire ad altre e non a te.

In realtà,tutto era stato congegnato proprio da Lara la quale,mentre Dhajr da dietro se la stava montando come una cagna,lei,dopo aver umettato il buco del culo di Lisa con la lingua,aveva cominciato a massaggiarla con le dita unte di lubrificante e mentre l'altra era impegnata col cazzone del nero che la chiavava in bocca,era riuscita persino a penetrarla con due dita.

Poi,dopo essersi sfilata il cazzone del mandingo dalla fica,lo aveva spalmato di lubrificante e lo aveva accompagnato tra le increspature del vergine forellino anale della moglie del suo capo.

Poi,mentre il negrone le aveva afferrato i fianchi ed aveva cominciato a spingere,lei le si era accucciata accanto per consolarla nel momento in cui veniva sverginata nel culo.

-Ahhhhhiiiiiiiiii!-

Era stato il lancinante grido di dolore nel momento in cui l'enorme glande del nero aveva varcato la strettoia dell'anello anale.

Il colpo era stato talmente devastante che lo sfintere era stato lacerato al punto di perdere qualche goccia di sangue.

-Sc...scccc...Lara,rilassati,vedrai che mentre ti scivolerà dentro,il dolore svanirà e,come d'incanto,sarà piacere,solo piacere.

D'altra parte,ci sono passata anch'io con questo stallone e si che quando mi ha inculata io ero già aperta da un bel pò eppure....-


Le cose si erano svolte esattamente come le aveva immaginate la diabolica mente di Lara.

Dopo aver trascorso una notte di sesso infuocato tra le braccia del suo amante mentre il marito "ingabbiato" aveva dormito nelle sua cameretta,si era svegliata più decisa che mai che la vendetta escogitata nei confronti del suo capo,era giusta e doveva essere spinta sino in fondo.

Quella notte,tra un orgasmo e l'altro,aveva perfezionato il piano insieme a Giorgio.

Avendo formato un gruppo assai numeroso,dovevano archiviare l'idea di scopare all'aperto nel parco e proprio il suo amante aveva trovato la soluzione.

Lui sapeva che all'interno di un parco pubblico proprio in città,vi era una vecchia tenuta agricola con molti locali vuoti un tempo occupati dai lavoratori e che,di tanto in tanto,veniva affittato a chi vi voleva organizzare feste dal sapore bucolico.

Dopo una breve telefonata,la prenotazione era stata fatta ed in quella,avevano compreso anche un piccolo servizio di catering..

Come prima cosa,come previsto,erano andati a prendere Lisa proprio quando il marito era fuori per il suo footing mattitino e contemporaneamente avevano dato appuntamento a tutti gli altri per l'ora di pranzo.

Poi con Elisa(Lisa)essendo abbastanza presto,avevano fatto una breve ascursione sul lago e sulla barchetta presa a nolo,mentre Giorgio remava e Lara gli faceva un pompino,il marito si era occupato di far godere Lisa con la lingua.

In quell'eccitante combinazione di corpi,Lara era abbracciata a Giorgio e si sbaciucchiavano come innamorati.

Tutto si era concluso con un intenso orgasmo della donna ed una abbondante sborrata nella sua bocca che lei aveva disinvoltamente ingoiato.

-Se il buon giorno si vede dal mattino,direi che siamo sulla buona strada.-

Aveva detto Lisa dopo aver goduto mentre il suo telefonino squillava a vuoto alle chiamate del marito.

-Quelle è inutile che le rimetti Lisa,tanto non ti serviranno sino a che non torni a casa stanotte.-

Aveva detto ridacchiando Lara mentre Elisa cercava di infilarsi le mutande.

-Dalle a mio marito che si occuperà lui di custodirle insieme alle mie.-

Avevano riso tutti e quattro prima di prendere l'ennesimo caffe e dirigersi verso il luogo dell'appuntamento.

Al loro arrivo,c'erano già tutti ed anche il servizio era già sul lungo tavolo di assi di legno grezzo.

Come previsto c'erano Dhajr col suo compaesano senegalese,i due magazzinieri e la collega di Lara conciata da vera troia ed anche lei già senza mutande come richiedeva la circostanza.

Lara aveva una video camera e l'accordo era che,tutto ciò che sarebbe successo,l'avrebbero ripreso solo con quell'apparecchio e dunque,i telefonini,per chi l'avesse voluto,potevano essere usati solo per la voce mentre le registrazioni le avrebbe tenute solo Lara per ovvi motivi di sicurezza.

-Amore...non puoi nemmeno immaginare come siamo messi quì.

Ci sono due negroni,un bel maschione,due troie e un cornuto come te.....tieni il telefonino acceso che mi farò sentire appena possibile.-

Aveva subito detto al telefono la collega di Lara parlando col marito anche lui cornuto consapevole.

Da come si era svolta la converszione,lui avrebbe voluto saperne subito di più ma lei aveva troncato bruscamente la coversazione.

-Ti ho già detto quanti siamo e come siamo....chi siamo poi,te lo dirò quando torno,adesso non insistere e non rompere i coglioni,statti buono al tuo posto di cornuto...capito!-

Com'era prevedibile,sin dai primi istanti in cui,chiusa la porta erano rimasti soli,i maggiori poli di attrazione erano i due neri e tra le donne,la moglie del capo per la quale tutti avevano sempre sbavato conoscendo quanto fosse troia all'insaputa del marito.

Lara che quei maschi li aveva già assaggiati tutti tranne il secondo nero,aveva assunto il ruolo di cameramen sostituita dal marito quando lei era impegnata i qualche performances maschio o femmina che fosse.

Nel volgere di pochissimi minuti,mentre già consumavano qualcosa dal buffet,erano già tutti nudi.

La moglie del capo,facendo valere subito i suoi privilegi,si era inginocchiata davanti a Dhajr ed il suo amico ed aveva cominciato a succhiarseli entrambi.

Alla collega di Lara,non rimavena che inginocchiarsi davanti a Giorgio per prenderglielo in bocca mentre il marito di Lara,sdraiato per terra le leccava la fica.

L'orgia che ne era scatuturita con combinazioni di corpi,di bocche,di lingue ed intrecci di sessi senza distinzione di genere e con veri e propri rovesci di sperma e umori vaginali era andata avanti,con brevi pause per la ricarica dei maschi ed il sollazzo saffico tra le donne,per tutto il giorno sino a notte inoltrata.

Naturalmente,il tutto veniva immortalato dalla video camera mentre la collega di Lara,non perdeva occasione ad ogni suo orgasmo di far pertecipare il marito al telefono il quale rispondeva segandosi.

Ad una certa ora poi,quando l'atmosfera era surriscaldata oltre ogni limite immaginabile,anche Elisa,coinvolta senza più capacità di controllo dal clima orgiastico,aveva risposto alla chiamata del marito facendogli sentire solo le urla ed i gemiti che rimbombavano nell'ambiente per poi chiudere il contatto senza parlare.

Ed era avvenuto proprio nel momento in cui il suo buco del culo veniva profanato accompagnato dal suo grido di dolore che il marito era collegato dall'altro capo del telefono.

Ed era stato proprio quello il momento in cui Lara,avvicinando la bocca al telefonino aveva gridato:

-Così...cosiiii...cosìììì Dhahjr,aprile il culo a questa troia e mandagliela rotta a quel cornuto del marito.-

Mentre Elisa col culo in fiamme e la bocca piena di sperma,giaceva sfinita sul pavimento,Lara togliendo la videocamera dalle mani del marito,gli aveva detto:

-Amore,questo è il tuo momento,chiavatela questa troia e sborrale sull'utero,mettila incinta come quel porco del marito voleva fare con me!-

Erano le tre del mattino quando Elisa,completamente imbattata di sperma e con la fica ancora piena,aveva fatto il suo ingresso a casa sua e mentre il marito la guardava muto con una espressione indescrivibile,lei aveva sollevato la gonna e sfilandosi il perizoma,aveva allargato le gambe lasciando scivolare a terra e tra le cosce rivoli di sperma.

Mentre il marito la osservana con l'espressione di un pugile suonato,lei gli aveva sbattuto in faccia le mutande sborrate "Tieni cornuto!" ed era corsa a chiudersi a chiave in camera lasciandolo fuori fiaccato e con la mente completamente perduta.

segue

Questo racconto di è stato letto 6 7 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.