Mia moglie non vuole il mio cazzo.4 - Sono io a prepararle i cazzi degli altri maschi.-

Scritto da , il 2020-12-08, genere tradimenti

Mentre la leccavo con passione crescente,lei mi accarezzava i capelli e mi spingeva la testa come a volersela infilare completamente dentro.

Il messaggio era chiaro,ero dentro di lei,le appartenevo,ero una sua proprietà oramai.

Mi accarezzava,spingeva ed ansimando di piacere bisbigliava parole d'amore e di incoraggiamento ad entrare sempre più nel mio nuovo ruolo:

-Ohhh...ahhhh...come mi piace....come mi fai godere....Arturo amore mio...come mi piaci nel tuo nuovo ruolo di cornutino....si...siii...cosi...preparami con la lingua per il suo cazzone....mmmm....come mi piace...come mi fai godere....ahhh...ahhhh...dimmelo...dimmelo anche tu che ti piace vedermi godere col suo cazzone dentro di me...dimmelo...dimmelo-

-Si mi piace quando lui ti chiava e ti fa godere davanti a me...-

Le avevo miagolato con la bocca impastata poi,con un ultimo grido strozzato,spingendomi la testa sempre più dentro di se,aveva goduto spalmandomi di umori il volto e facendomi ingoiare i succhi del suo piacere.

-Che bello amore...sei stato meraviglioso,non mi hai mai fatta godere così.

Adesso tesoro occupati di lui,fai come facevi col prete,faglielo diventare duro per la tua mogliettina,per il piacere del tuo amore.....succhiaglielo tesoro,leccagli i testicoli e umettigli la cappella e l'asta in modo che mi possa scivolare dentro dandomi tanto piacere.-

Mentre mi diceva quelle cose con una sensualità della voce che non avevo mai sentito e con un tono libidinoso nei sui ansimi che mi avevano provocato un forte senso di languore ed una incredibile eccitazione mi strizzava un capezzolo e mi accarezzava le palle.

-Lo vedi amore,sei eccitato anche tu...succhiaglielo mentre io masturbo questo tuo cazzetto bello duro e queste tue palline così dolci e delicate.-

In quei pochi istanti in cui mia moglie mi aveva accompagnato in un mondo semisconosciuto,il maschio che giaceva accanto a noi,mi aveva preso la testa tra le mani ed aveva accompagnato la sua verga già gocciolante tra le mie labbra.

Mentre mia moglie mi accarezzava i testicoli e scorreva con le dita sulla mia asta,l'uomo tenendomi stretta la testa con le mani la muoveva come fosse di pezza chiavandomi la bocca con dolorosi affondi sino in gola.

Erano sensazioni incredibili quelle che stavo vivendo.

Mi sentivo avvolto in un turbinio di sensi nel quale le carezze di mia moglie parevano farmi sciogliere in un delicato languore mentre gli affondi del maschio nella mia bocca,(completamente diversi da quelli del prete custoditi nella mia memoria)mi procuravano dolorosi conati di vomito.

-Amore com'è duro e come sei duro anche tu...sei stato bravo con la bocca adesso fai l'ultimo gradino....accompagnalo tu dentro di me e mentre lui mi fa godere,puoi baciarmi sulla bocca e masturbarti anche tu e godermi sulle tette.-

In realtà,coinvolto anch'io nella foia del momento,mentre Claudio la montava alla missionaria,io le succhiavo i capezzoli ipnotizzato dallo sguardo del maschio e dal suo volto e quello di mia moglie travolti dall'impegno e dalla lussuria.

Poi,quando i due amanti avevano cambiato la postura con mia moglie alla pecorina e lui a montarla da dietro come fosse la sua cagna,non ho saputo resistere ed abbattendo ogni contegno ed ogni barriera morale e psicologica,mi ero disteso sotto di loro e con la lingua leccavo i sessi che si accoppiavano ed i coglioni del maschio che pendevano e si agitavano sul mio viso.

Impossibile descrivere le sensazioni di quel momento in cui avevo il viso imbrattato dagli liquidi che copiosi sgorgavano dai sessi in movimento,gli orecchi tempestati dai gorgoglii degli umori che schioccavano liquidi e musicali e gli ansimi e le grida dei due amanti in preda al delirio dei sensi.

Leccavo,bevevo e navigavo anch'io nei miei deliri e mi masturbavo furiosamente mentre mia moglie non prestava la minima attenzione al mio sesso limitandosi a strizzarmi dolorosamente i capezzoli.

Dio mio che sensazione quando tra grida e singulti di corpi,il maschio si era inchiodato in lei ed aveva cominciato a tempestarle l'utero coi suoi bollenti fiotti di sperma.

Alla fine di quella incredibile tenzone,aveva sfilato il cazzo che gocciolava sul mio viso,mentre la sborra dalla fica aveva cominciato a colare nella mia bocca avida di raccoglierne e gustarne ogni goccia.

Finalmente ero libero di affermare a me stesso che ero un vero cornuto contento di servire la meravigliosa troia che era diventata mia moglie.

Non rimaneva che un ultimo passo da compiere e ne avremmo parlato nei giorni a seguire.

segue

Questo racconto di è stato letto 5 3 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.