Vi racconto una storia che penso sia vera al 99%.

Scritto da , il 2017-07-28, genere etero

D’estate quando sono libero faccio sempre una scappatella al mare e ci passo tutta la giornata. Oggi è domenica ma nello stabilimento balneare ho un amico che ci fa il bagnino da trenta anni e una cabina libera me la recupera sempre. Oggi mi sono fermato con lui nel ristorante dello stabilimento e mentre stavamo mangiando mi dice: Bastino ti racconto una storia di venerdì scorso che solo se ci penso mi viene un gonfiore tra le gambe. Nella prima fila degli ombrelloni, proprio in fondo sulla destra, c’è da una settimana circa una signora che se ti devo dire che è bella non te lo posso dire, ma comunque è bona! è carnale!!, lo vedi da quando si sistema le tette nel reggiseno e nel top del costume, da come si alza dalla sdraio e si infila il dito dietro per sistemarsi il filo del tanga: è uno spettacolo!!. E non ha colpito solo me, siamo in tanti che la teniamo d’occhio; ma non posso dire niente di particolare, arriva la mattina si mette a prendere il sole, si fa le sue nuotatine, poi va via per il pranzo e torna il tardo pomeriggio ed alla sera verso le sette – sette e mezzo se ne va. Mi ha detto che ieri sarebbe arrivato il marito e dovevo preparare un’altra sdraio. Che cosa c’è di strano in tutto questo gli chiedo, adesso vengo e ti spiego; venerdì sono venuti due giovani, si sono presi una cabina giornaliera e poi si sono messi a girare sul bagnasciuga; hanno visto la signora e come le mosche al miele non si sono spostati più. Alla sera dovevo chiudere lo stabilimento e loro stavano ancora lì, invece di mandarli via ho spento le luci, chiuso lo stabilimento e sono corso a vedere che cosa sarebbe successo. La signora diceva ai ragazzi: adesso come usciamo , mio Dio mi avete fatto fare tardi non ti preoccupare ci siamo noi qui abbiamo la cabina anche io ho la cabina proprio quella là andiamo dentro non conviene stare fuori. Così dicendo sono entrati, io con il passepartout mi sono infilato in quella adiacente. Logicamente non vedevo niente ma ho sentito tutto, vuoi sapere come la storia è finita? Secondo te ? hai cominciato e ora finisci anche se si sa come è finita; ma i particolari sono interessanti? E come !!. I giovani hanno cominciato ad allungare le mani e lei faceva tutta la scontrosa poi qualcuno deve averle tolto il il top del costume e diceva all’altro ; che tette meravigliose, belle, morbidose, ha già i capezzoli in tiro eh!!! glieli hai toccati, si e che aspettavo a te glieli sta già succhiando, ragazzi vi prego basta, lasciatemi andare, non potete farmi questo, no..no.. non voglio ma la voce era roca, uno dei due dice: tu attaccati alle tette io mi attacco alla figa e cerco di farla venire così la finisce con questo n..no..no. Mentre i due parlavano lei lancia un mezzo grido perché quello che le lavorava le tette deve averle messo il cazzo duro tra le gambe. Ma tu hai un cazzo troppo grosso quello di mio marito e la metà, e allora quando senti quello del mio amico ti spaventi, no’ ragazzi io ho la figa piccola, non ti preoccupare domani ce l’avrai grande. Ahhhh! che fai mi stai morsicando la figa, no.. così no… La stavano facendo riscaldare perché sentivo che lei batteva i piedi sul pavimento di legno. Non ti piace, non ti stiamo facendo eccitare?
Si, ma non dovete Aspetta mettiamo le asciugamani per terra, dice uno, e ci stendiamo sopra, mettiti comoda così brava, adesso apri bene le gambe gli diceva e poi l’altro aggiunse: alza la testa ti metto questo coso sotto il collo, perfetto adesso tu apri la bocca e fammi un bel pompino NOOOOO!!! mi viene da vomitare e si perché tuo marito ce l’ha piccolo ma quando ti scopo con questo in gola non vomiti Ahhhhhhhhhhhhh!! Mi stai morsicando il clitoride, basta ti prego adesso che te lo succhio ti faccio godere come non hai mai goduto che ne dici SIIIIII….poi solo mugolii che ha ?? non ha niente sono riuscito a farle prendere il cazzo in gola, altro che vomito mi sta succhiando anche le palle. Auahhhhhh!!! Mi manca il respiro No..non ce la faccio ti prego basta dai resisti che piace anche a te, adesso io aiuto te e tu aiuti me OK!!, cosa vuoi ancora da me, ti faccio avere un orgasmo così io e il mio amico ti possiamo chiavare insieme e sborrare e godere anche noi. Io capivo dalle voci e dai lamenti quello che succedeva: uno glielo aveva rimesso in gola e le lavorava i capezzoli, l’altro doveva averglielo messo in figa, quello del pompino doveva essere venuto. Mio Dio! quanta sborra mi hai infilato in gola mi sentivo morire, ti è piaciuto ? Si!! poi glielo fai al mio amico? Si se vuole, mamma mia mi sta martellando l’utero, Ahhhhh!! Che c’è? Mi strappa il clitoride, che bastardo!!!! Ohhhh!! Mi sto bagnando, si che vengo ma non ti fermare ti prego, lo voglio sentire ancora ancora! Sei stata grande!!! Mi hai fatto eccitare proprio bene e ti ho scaricato tutto quello che avevo nelle palle. Poi non ho più sentito niente per un paio di ore poi ho sentito aprire la porta della cabina e scendere tutti e tre sulla spiaggia e credo siano andati alla toilette. Li ho visti che tornavano tutti e tre abbracciati e si sono chiusi in cabina di nuovo ed hanno cominciato subito a far eccitare la signora che batteva i piedi contro il tavolato, si lamentava, rideva, ti piace fare sesso eh ? gli chiedeva uno
voi due mi avete perdere ogni ritegno mi sento una puttana, dai solo per questa notte, adesso facciamo un ultimo giochino vedrai che ti piacerà, che cosa volete farmi siete dei maiali dai vieni qui, mettiti alla pecorina sui teli , brava, adesso allarga bene le gambe così io ti lecco il culo ed il mio amico ti lecca la figa e ti fa uscire fuori tutto quello che hai dentro, no.. basta.. sono stanca dopo potrai dormire quanto vuoi. Devono aver cominciato a farla eccitare perché lei non si lamentava più. Lo sai che hai un culo fantastico, mi hai fatto venire una voglia che il cazzo mi scoppia, aha…ahahhhh sto venendo ancora, mi tremano le gambe. Poi ho sentito che lei insisteva a dire no e uno dei due che le diceva: se ti fa troppo male mi fermo, OK sta tranquilla. Io stavo nella cabina e mi stavo masturbando quando ho sentito un grido ma forte. Lei gridava: Bastardo mi hai fatto male da morire, tiralo fuori non riesco a sopportare il dolore, aspetta, io resto dentro e non mi muovo OK! Adesso ti aiuta lui, Oh tu! dai falla venire ancora leccale la figa e strizzale le tette. La cosa deve aver funzionata perché la tipa non gridava più ma diceva: ti prego spingi piano, si così piano.Mi piace hai un bel coso Dopo cinque minuti era infoiata come un’ossessa e vociava: pompatemi insieme!! Si non fermatevi!! Vi voglio tutti e due davanti e dietro. La storia è durata un bel po' di tempo ed alla fine chi comandava la scopata era lei quei due alla fine dovevano essere scoppiati. Siete stai grandi ragazzi! Mi avete distrutta ma sono piena da tutte le parti. Alle otto di mattina ho visto uscire dalla cabina la signora che si è buttata in acqua, si è fatta una nuota lunga e poi si è buttata sulla sdraio. A mezzogiorno è arrivato il marito; un bacio ed un saluto: Ciao amore!!

Questo racconto di è stato letto 6 3 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.