Nadia e Hilenia...

Scritto da , il 2022-02-24, genere prime esperienze

La vita a volte riserva delle sorprese e Nadia, figlia di agricoltori benestanti, immaginava una vita agiata e tranquilla anche se non pensava certo certo di continuare le attività di famiglia. Era la terza figlia dopo due fratelli quindi era la cocca della casa. A lei era concesso tutto, contrariamente agli altri che erano già avviati a proseguire le attività del padre con tutti i sacrifici che essa comportava. La gestione dei terreni con semina e raccolti, quella del bestiame con allevamenti e vendite e quella delle proprietà che erano rilevanti. Per il commercio dei prodotti si erano affidati ad un'agenzia che era diretta dal signor Paolo, un omone di oltre cento chili originario della Romagna che sprizzava simpatia solo a guardarlo. Questo viveva con la sua famiglia, una moglie e due bambini, in una palazzina non distante dall'azienda agricola.
Torniamo a Nadia, bellissima ragazza, che ultimati gli studi liceali si era iscritta alla facoltà di medicina e chirurgia perché voleva fare l'urologa. La specializzazione la sentiva come una missione in quanto la mamma della sua amica del cuore, Hilenia era morta per un grosso problema nell'apparato specifico.
Hilenia aveva un fratello, Ottavio più piccolo di lei che aveva un problema di deambulazione. Per muoversi aveva bisogno di un tutore meccanico applicato alle gambe.
Nadia non lo sapeva ma era desiderata da due persone in modo spasmodico, il signor Paolo ed il diciassettenne Ottavio.
Il signor Paolo che oltre alla bellezza mirava a parte delle proprietà ed Ottavio che invece mirava alla sua figa.
La bramosia di Ottavio verso di lei era stata Hilenia a fargliela notare, mentre Paolo la corteggiava sfacciatamente.
Nadia innocentemente dava corda ad entrambi, solo che con Ottavio lo faceva per handicap mentre con Paolo per la sua simpatia e questo si seppe dopo per il suo mostruoso cazzo.
Non che di tempo ne avesse molto a causa degli studi comunque riusciva a gestire le situazioni. Quando frequentava casa di Hilenia, Ottavio era sempre con loro, era legatissimo alla sorella, forse più del rapporto fraterno, ed un giorno, davanti a Nadia gli chiese di essere masturbato. Hilenia lo richiamò ma l'insistenza fu tale che tirò fuori il bel cazzo di Ottavio e gli fece una sega. Durante l'atto spiegò che si sentiva in dovere di masturbare il fratello perché la sua menomazione non lo agevolava ad avere rapporti con ragazze. Ottavio era leggermente menomato alle gambe ma per il resto era messo molto bene soprattutto per il cazzo. Nadia rimase attonita di fronte a quella situazione, soprattutto per il rapporto fratello sorella, ma capì il problema e si rassegnò senza diminuire la sua stima nei confronti di Hilenia. Tornò a casa abbastanza eccitata, lei aveva un ragazzo che risiedeva ad una ventina di chilometri e non vedeva spesso, e quella sera a casa trovò nelle vicinanze il signor Paolo che appena la vide l'abbracciò in segno di affetto ma nel farlo gli fece sentire la forma del suo cazzo. Contrariamente alle altre volte Nadia cercò di prolungare l'abbraccio per sentire l'eccitazione di Paolo. Fu una situazione imbarazzante ma deliziosa e tutto finì senza un seguito. La notte Nadia dovette masturbarsi per placare la sua eccitazione.
Dopo qualche giorno si presentò la stessa situazione a casa di Hilenia, ed ormai sapevano gli eventuali sviluppi, Ottavio che era molto intelligente tirò fuori il cazzo ,lo fece crescere e chiese alla sorella di masturbarlo ma voleva essere accompagnato sul letto. Assieme esaudirono le sue richieste e pretese anche di essere denudato. Disteso sul letto Ottavio non mostrava nessun problema, era un bellissimo ragazzo con un notevole cazzo.
La sorella iniziò la masturbazione in modo sensuale poi avvicinò la bocca al cazzo e l'avvolse con le labbra. Una scena troppo eccitante al punto che Nadia si avvicinò e collaborò con Hilenia. Mentre leccavano il glande, Ottavio venne senza avvisarle rivestendole di sborra. Ormai erano in ballo e proseguirono Nadia col Randello di Ottavio e Hilenia con la figa di Nadia. Fu un orgasmo inaspettato ma non per questo meno bello.
Gli incontri di Nadia, Hilenia e Ottavio ,compatibilmente con il tempo libero, la disponibilità della casa in cui naturalmente viveva anche il padre di Ottavio e Hilenia, la disponibilità di Nadia avvenivano con le stesse modalità. Mentre Ottavio era consapevole di adorare la figa di Nadia, Hilenia non pensava assolutamente di avere la stessa predisposizione, ma una volta provatala non riusciva più a farne a meno. Era un rapporto a tre molto intenso e piacevole.
Queste circostanze arrivarono all'orecchio del fidanzato di Nadia che sentendosi tradito e disgustato la lasciò immediatamente, e purtroppo le notizie arrivarono anche ai fratelli che le imposero di interrompere quel rapporto.
Nadia non era assolutamente d'accordo e siccome le possibilità economiche non le mancavano prese un appartamentino in affitto ed acquistò la piena indipendenza.
Naturalmente le frequentazioni aumentavano e Nadia si accorse di essersi innamorata di Ottavio, non solo ma si verificò una straordinaria coincidenza. Conobbe nell'ambiente universitario un luminare nel campo ortopedico a cui illustrò il problema di Ottavio.
Dopo la visita, due interventi chirurgici e due mesi di riabilitazione Ottavio riacquistò totalmente l'uso delle gambe. Questo evento saldò ancora di più il legame tra Nadia Hilenia ed Ottavio che ormai vivevano la stessa vita. I rapporti sessuali, pur non approvati dalle rispettive famiglie, erano molto soddisfacenti. Tre ragazzi bellissimi che si adoravano.
Subito dopo la laurea Nadia e Ottavio sentivano la necessità di avere dei figli che vennero per la gioia di tutti ma soprattutto di Hilenia.
A distanza di anni il loro rapporto prosegue benissimo il loro letto matrimoniale è a tre posti non solo ma la disponibilità di Hilenia verso i nipoti ha consentito a Nadia di aprire uno studio per svolgere la sua attività di urologa.
Questa vicenda ha poco di erotico ma ha molto di amore dimostrando che il sesso può essere una risorsa anche tra moglie marito e cognata in tutte le sue sfumature.
L'unico, che per le sue aspettative è rimasto deluso, è stato il signor Paolo che comunque ha proseguito con le attività e con la sua famiglia.

Questo racconto di è stato letto 2 3 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.