Cornuto

Scritto da , il 2021-10-05, genere tradimenti

Sapevo di esserlo, a almeno, lo sospettavo, da alcuni mesi, io lavoro a Milano, e ci rimango dal lunedì al venerdì, rientro per il fine settimana e riparto il lunedì mattina.
Non è che i nostri rapporti sessuali fossero pazzeschi, la scopavo un paio di volte al mese, se capitava, e poi era vero che io avevo iniziato a frequentare un ragazzo, del palazzo, era l'inizio della mia omosessualità, lo avevo conosciuto per le scale, e in poche settimane, sono finito a letto con lui, mi ha sverginato, e mi ha mostrato la mia vera natura, ma ero ancora sposato e combattuto.
Un fine settimana, incontrai mia sorella, che era alquanto nervosa e arrbbiata, e ad un certo punto sbotta e mi dice che sono un cornuto, che mia moglie ha rapporti sessuali con alcuni miei amici, ripeto lo sospettavo, ma saperlo per certo da mia sorella poi, mi lasciò spiazzato.
Così decisi di farla seguire, e dato mandato alla solita azenzia , pochi mesi dopo, avevo la lista completa dei suoi amanti.
Erano sette, e tutti miei amici, li incontrava o in motel, o a casa a volte più di uno per volta, e questo succedeva il giovedì, sera, così decisi di autoinvitarmi.
Il giovedì seguente rientrai verso le undici di sera, aprii la porta con calma e mi diressi in camera da letto, e socchiusa la porta la potei vedere bene, in reggicalze e tacchi, intenta a prendersi un cazzo in figa e uno nel culo, mentre spompinava il terzo, due erano compagni di scuola il terzo marito della sua migliore amica.
Godeva e molto, dai spingi diceva inculami, sfondami il culo, il cornuto non sa nemmeno che non è più vergine, e tutti ridevano, quasi quasi mi facci ingravidare, appena mi scopa il coglione, e giù a ridere, assistetti a tuuta la copataPoi mi dileguai, e così, al mio rientro settimanale, nascosi una telecamerina, e così di settimana in settimana mi potevo godere le sue scopate, e io invece mi godevo il cazzo del mio ragazzo, tutte le sere, ero diventata brava a indossare intimo femminile e a truccarmi, lui dopo cena diceva ai suoi che veniva a vedere la tele da mè, e così, lo soddisfavo, mentre vedeva i filmini di mia moglie io me lo godevo.
Poi un giovedì sera, decisi di portarlo a vederla di persona, e una vota fuori dalla porta, si godette la mia lei con due maschi, io preso dal godimento mi sono inginocchiato e slacciati i pantaloni, lo stavo spompinando, quando si appoggia alla porta e si apre, e lei ci vede, io non mi accorgo, lui stà venendo, e io ingoio, e poi mi giro.
La vedo, nuda a bocca aperta, mentre i due si chiedono cosa stessi facendo, sei un frocio mi urla lei,culattone, e si alza e mi raggiunge, hai ancora lo sperma di lui sulle labbra, e mi scuote, ho il cazzo duro, lei lo afferra, e con mè è morto bastardo, mi cala i pantaloni, mi infila due dita nel culo, io rimango lì, non mi movo, entrano facilmente ma sei una merda, e ride, mi butta sul letto, tù, indica uno dei miei amici scopalo, lui ride, afferra il cazzo e me lo infila tutto dentro, io sospiro, e lo incito.
Mi ripassano tutti e trè, e rimaniamo a dormire da lei, ora è gravida, di chissà chi, e io sono la donna del mio uomo, sono finalmente frocio e cornuto.

Questo racconto di è stato letto 2 6 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.