La marchettara

Scritto da , il 2021-10-13, genere trans

Non è un mistero che io sia attratto dal mio stesso sesso, sicuramente la mia infanzia, mi ha condizionato molto nella scelta sessuale, visto che a scuola ero il più minuto, e il più arrendevole, da subito i miei compagni, mi hanno sottomesso, e così, alle medie, ero la loro compagna, con la scusa che nell'ora di ginnastica, io ero esentata, per il mio gracile corpo, li aspettavo a turno, erano quattro, negli spogliatoi, nuda, li masturbavo, o li succhiavo.
Ero il loro giocattolo, si divertivano, e io non ne soffrivo, anzi, e così, crescendo, cambiando scuole, non cambiava il mio ruolo.
Passai dai pompini, ad essere la loro donna in tutti i sensi, mi sverginarono, e mi usarono come scopamica per anni, e tanto mi piaceva quel ruolo, che accettai di travestirmi e truccarmi, fino a somigliare ad un vera ragazza.
Poi giunse il militare, fui logicamente scartata visto le mie spiccate fattezze femminili, e tendenze omosessuali, così si leggeva sulla mia scheda, poco male, non feci il militare.
Mi spiegò, un anno dopo, un Capitano medico, che mi visitò, l'anno prima, e che divenne il mio amante, che non avrebbero potuto mandarmi in camerata, perché mi avrebbero violentata tutte le notti, , me lo spiegò, mentre mi infilava trenta centimetri di cazzo nel culo, e mi afferrava i fianchi e mi montava.
Poco male, potevo dedicarmi ai miei piaceri.
Per un paio d'anni, frequentai dei maschi maturi, mi sentivo protetta da loro, anche si mandavano nel letto di uno o dell'altro senza troppi problemi, e io non me ne facevo di certo, un cazzo valeva l'altro, essere la donna di tutti mi piaceva.
Passavo la giornata a bighellonare, poi alla sera ero a loro disposizione, i montavano, godevano e mi mantenevano, soldi per il parrucchiere i vestiti le scarpe l'intimo, ero una donna felice.
Poi una delle mogli si insospettì, e scoprì la tresca, mi curarono, e una volta scoperta, mi buttarono fuori in strada quasi nuda, in reggicalze calze e tacchi.
Sputtanandomi davanti a mezzo paese, e fù grazie, a una trav di professione che mi tolsi dall'impiccio, mi caricò in auto, e mi portò da lei.
Non avevo nulla, la mia famiglia, già da un paio d'anni mi aveva scaricata, omosessuale e travestita, ma scherzi?, e così, mi aiutò per le prime settimane, a capire cosa fare e dove andare.
I miei amanti mi avevanoscaricata, lavoro non ne trovavo, ero disperata, Patty, era il suo nome mi consolò, e stringendomi trà le sue braccia, mi baciò, e poco dopo, mi gustavo la sua nerchia calda nel fondo del mio culo, godendone le proporzioni.
La ricambiavo, cucinando e soddisfandola sessualmente, ma poi la cosa non bastò più.
Una sera mi disse apertamente che non poteva mantenermi, e che se volevo, potevo lavorare per lei, in strada, accettai immediatamente, sia per soldi, che per sputtanare i miei, sapermi prostituta a disposizione di tutti mi piaceva, e così iniziai la mia carriera da prostitutta.
Inutile raccontare i primi giorni, ero la novità, bella e giovane, lavoravo discretamente, ma il bello venne dopo pochi mesi, quando, finii nel letto di mio cugino, e poi via via mio zio, per passare a mezza famiglia.
il massimo lo provai, quando, una sera, mi caricarono su di un'auto trè maschi ubriachi, e mi portarono in una villetta di uno di loro, e mi scoparono alla grande, e quando l'ultimo, più ubriaco di tutti mi venne dentro, lo ringrazia, grazie papà.
Non mi aveva riconosciuta, ma trè sere dopo, mi caricò in auto, era sano, mi prese sul sedile e mi montò con forza, divenne uno dei miei più assidui clienti.

Questo racconto di è stato letto 1 9 2 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.