La dipendenza

Scritto da , il 2021-08-25, genere feticismo

L'inizio della dipendenza di Cecilia la si può ricondurre ad una mattina d'estate, quando adolescente vide in un parco vicino casa due ragazzi poco più grandi intenti a masturbarsi.
L'immagine di quei due cazzi duri e svettanti dapprima la scioccò, ma contemporaneamente la rapì in maniera totale e ineluttabile. Riparata da una pianta non smise nemmeno per un secondo di osservarli, le mani che incessantemente si muovevano lunghe quelle aste dure e sempre più rosse le davano delle continue scosse, le cappelle sempre più gonfie e lucide le facevano brillare gli occhi. Fino a quando li vide tremare in modo scomposto eruttando un liquido biancastro che in parte si depositò sulla panchina vicina.
Rimase riparata dietro l'albero fino a quando i due ragazzi non se ne andarono, a quel punto tremante si avvicinò alla panchina e con la sua mano inesperta toccò la consistenza di quel liquido. In modo automatico porto due dita alla bocca per assaporarne il gusto, ne venne rapita immediatamente, in modo goloso come se si trattasse di un dolce prelibato incominciò a succhiarle fino a ripulirle completamente.
Da quel giorno tutto cambiò, per sempre, la sua mente nel sonno o nella veglia continuava a vedere cazzi in eruzione di cui lei voleva nutrirsi. Ogni uomo che incontrava era obbligata come da un impulso irrefrenabile a fissarlo in mezzo alle gambe, cercando di capire come fosse fatto.

Quando Cecilia cominciò a sentire le prime spinte del desiderio, vedendo un uomo qualsiasi, di qualunque età e andatura, non poteva fare a meno di pensare alle appendici carnose che gli pendevano fra le gambe. Cecilia si faceva liquida all’idea di prenderglielo in bocca e succhiarlo fino a ottenere quella bevanda che da ragazzina l’aveva soddisfatta in una maniera straordinaria e totale, con la gola assaltata dagli spermatozoi. Ricordava quella sensazione come di un momento di felicità e la ricercava.



In giro per i centri commerciali Cecilia guardava i maschi e si bagnava fra le cosce in modo così abbondante da costringerla a mettersi un assorbente per non far trapelare la macchia all’esterno dei jeans. In bocca la salivazione era così abbondante che doveva continuamente inghiottire. Ogni tanto qualche maschio particolarmente perspicace si accorgeva di una donna che, in preda al desiderio sessuale, diventava paonazza, inghiottiva e sudava.



In fondo era quello che lei voleva. e quando aveva capito di aver suscitato attenzione virile faceva in modo di rendersi visibile nei suoi movimenti. Era graziosa, con un bellissimo culo che sapeva muovere in modo provocante. Lei faceva tutto quello che poteva per essere promettente. Cominciavano i preliminari con chiunque si mostrasse sensibile alla sua danza. Sporgeva segretamente la figa in attesa di una bocca maschile. Quella grazia non mancava se, come succedeva abbastanza spesso, il drudo l’aveva posseduto nel parcheggio del supermercato, dove riusciva abbastanza facilmente a tirarsi il maschio dietro.



In quel momento Cecilia sapeva che dalla figa le stava colando una cascata e della bocca usciva saliva e lingua. Allora lei si metteva le mani sulle guance e accoglieva in quella bocca raddoppiata tutta la carne che poteva, fino al momento in cui la sua bocca e poi il suo stomaco potevano nutrirsi del nettare che da sempre le dava dipendenza....

Questo racconto di è stato letto 1 5 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.