Angela e Gabriele al parco pubblico.

Scritto da , il 2021-08-03, genere esibizionismo

Angela guardò Gabriele seduto nella panchina di fronte a lei, lui le fece un cenno di intesa e lei prontamente portò i piedi sulla panchina, allargando le ginocchia e così facendo mise in nostra la mercanzia.

Per l'occasione si era messa un vestito leggero e largo, gonna al ginocchio che ora ricadendo indietro sulle cosce verso l'inguine, mostrava oscenamente ciò che aveva celato fino a quel momento.

Gabriele scattava foto col telefonino, le chiedeva ora di aprire di più le gambe, ora di dondolare un piede; Angela invece soffriva, di quella sofferenza dovuta più che altro alla furtività del gioco che stava compiendo.

Quell'eccitazione che nasce dalla paura di essere scoperta mentre si compie una marachella.

Angela si guardò intorno, il parco era deserto e prese coraggio, mise due dita nell'ampia scollatura elasticizzata e tirò in giù.

Il suo seno di buona misura, ma bello sostenuto, uscì fuori dalla stoffa del vestito, Gabriele da parte sua non credeva ai suoi occhi, scattò foto su foto, le chiese di prenderlo in mano ed Angela fece anche di più, accarezzandosi un capezzolo con un dito dopo averlo umettato con la lingua biricchina.

Ad un tratto però sentirono dietro di loro dei passi sulla ghiaia, Angela come un fulmine sì ricompose, i due si alzarono ed Angela all'orecchio di Gabriele sussurrò di portarla al fiume, che doveva dargli una cosa, magari là nell'erba alta, e sorrise maliziosa.

Questo racconto di è stato letto 2 5 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.