Erotici Racconti

La figa della mamma di Nicola (L’orizzonte)

Scritto da , il 2014-03-06, genere etero

Questo racconto è opera di fantasia; ogni riferimento a cose e/o persone reali è da ritenersi puramente casuale. Tutti i personaggi contenuti in questo racconto, oltre a essere fittizi, sono anche da considerarsi maggiorenni. I comportamenti dei personaggi non sono inoltre da vedere come esempi di una morale applicabile alla realtà: ricordatevi che si tratta di un’opera di fantasia, non di un trattato di filosofia. Il racconto è inoltre destinato solamente a un pubblico maggiorenne poiché contiene riferimenti di natura sessuale.
Buona lettura.

La figa della mamma di Nicola (l’orizzonte)

Era una domenica pomeriggio e nel cielo brillava un sole accecante. Misi una mano davanti al volto per coprirmi dagli ustionanti raggi, strinsi gli occhi per guardare l’ora sul mio orologio da polso, e affrettai il passo per non arrivare in ritardo; stavo attraversando la sovrappopolata piazza oltre la quale si trovava la casa del mio amico Nicola.
Nico ed io eravamo entrambi musicisti all’ultimo anno dell’università di musica e in quel periodo lo studio si stava facendo intenso e stremante. Quella domenica, quindi, mi ero permesso uno stacco dal complesso assorbimento d’informazioni scolastiche per andare a casa del mio amico a suonare in modo scanzonato, senza dare troppa attenzione agli schemi tecnici su cui saremmo stati interrogati da lì a poco. L’università si trovava non molto distante dalla casa di Nico e quindi, a differenza mia, lui non aveva avuto alcun problema con l’alloggio, a cui pensava interamente sua mamma.
Sofia. Questo era il nome della donna che aveva dato luce a Nico a soli vent’anni d’età. Ora, vent’anni dopo -con i suoi quarant’anni d’età-, era una donna molto attraente: alta un metro e settanta circa, sempre magra e in forma, un seno piuttosto generoso ma non troppo, e un sedere a pera estremamente attraente; per rendervi l’idea, era molto simile all’attrice Kimberly Williams-Paisley. Comunque a vederla non potevi non abbandonarti, almeno per un microsecondo, a fantasie sessuali. Ora a voi, cari lettori, sembrerà assurdo ma, credetemi, l’acronimo “milf” è un eufemismo in questi casi.
Sbattei le scarpe sullo zerbino per togliere ogni residuo di terra e suonai il campanello davanti alla porta di casa del mio amico. Mi aprì sua madre, Sofia: indossava una canotta e dei pantaloni da yoga viola. Scacciai ogni residuo delle mie fantasie sessuali, le feci un sorriso, salutai, e entrai a casa.
Io e il mio amico suonammo, io il basso e lui la chitarra, per venti minuti filati e poi ci mettemmo a guardare la televisione in salotto. Mentre guardavamo le stronzate trasmesse dall’”ano quadrato” di qualche produttore televisivo, Sofia stava stirando le cose di Nico. Fortunato lui, pensai. Sofia si diresse verso di noi con una camicia tutta stropicciata fra le mani;
“Hai bisogno che ti stiro questa camicia, tesoro?” chiese.
“Si, grazie mamma.” rispose Nico.
Sofia guardò poi verso il tappetino pieno di residui di patatine sbriciolate che divideva il nostro divano dal televisore;
“Guarda che casino combinate…”
Andò poi in cucina, ritornò con scopa e paletta e s’inclinò proprio davanti a noi. La guardai di sfuggita e vidi che una parte del suo sedere stava fuoriuscendo dai pantaloni da yoga viola. Mi persi nella linea che divideva le sue natiche come in quella dell’orizzonte marittimo: ero ipnotizzato.
Aveva già pressoché finito di pulire il tappetino quando, di mia immensa sorpresa, vidi Sofia allungare la mano, mettersela nei pantaloni, e infilarsi un dito nel sedere. Si tolse poi la mano dai pantaloni, la condusse al naso, e annuso il dito.
“Mamma!” la rimproverò Nico, che aveva visto il gesto.
Sofia rise; aveva una risata molto carina, femminile, contenuta.
“Scusate.”
Nico si alzò poi dal divano.
“Ehi, devo andare a fare un paio di acquisti, mi aspetti qui?” chiese.
“Tranquillo, a dopo” risposi, e Nico s’incamminò verso l’uscita.
Era incredibile con quale semplicità si era tolto di torno e, ora che Nico non era più in giro, potevo osservare senza timore il sedere di Sofia; era veramente attraente, una calamita per gli occhi. Se ci appoggiavi lo sguardo, dovevi veramente dare uno sforzo per distoglierlo: nella sua rotondità parte del suo sedere era sempre esposta fuori dai pantaloni da yoga e il tutto rimbalzava a ogni spazzolata che dava al tappetino. A quel punto la mia erezione era ormai incontenibile. Sofia si alzò, si girò, e vide il mio pene indurito. Rise, ma la sua risata non faceva che aumentare il mio grado di eccitazione.
Sofia si avvicinò a me.
“Ti eccito?” chiese.
Mi limitai ad annuire.
Si avvicinò sempre di più, aprì le gambe, abbassò le ginocchia e appoggiò la sua figa ancora coperta dai pantaloni da yoga sul mio pene. Era morbida, matura, ne potevo percepire il calore. Il mio pene era sul punto di esplodere, volevo scopare la mamma del mio amico: assurdo ma vero. Lei cominciò a muoversi avanti e indietro contro il mio pene; potevo sentire la sua figa che si stava massaggiando spostandosi a ritmo con il suo movimento. Vidi i capezzoli eretti sulla sua canotta e capii che si stava eccitando. Anche il suo respiro cominciava ad aumentare di frequenza. Ad un tratto ebbe un brivido e una macchia apparì sui pantaloni viola, nella zona della sua morbida figa. Lei si fermò un attimo e si mise la mano sulla figa.
“Ooops” disse con un sorriso lei.
“Tranquilla” dissi di risposta io.
Lei rimise la sua figa su di me e strinse le gambe facendo in modo che la sua morbida passera facesse pressione sul mio pene. Quando faceva pressione, probabilmente involontariamente, Sofia produceva un verso gutturale di godimento, mentre quando lasciava la pressione, liberava un brivido che faceva scuotere tutto il suo corpo. Talmente era tanto il godimento, che già volevo venirle addosso.
A un tratto si afferrò la parte anteriore dei pantaloni e (giusto per un secondo) se l’abbasso facendomi vedere la sua figa nuda per poi rimettersela subito apposto e ridere.
“Ti piacerebbe, eh?” disse.
Anche se giusto per un secondo, avevo già visualizzato la sua figa: aveva una depilazione francese, quindi con giusto una sottile striscia centrale di peli.
Dopo quel gesto era arrossita in faccia: si vedeva che non era abituata
a denudarsi. Comunque sia, sempre con quei maledetti pantaloni da yoga viola, si alzò in piedi davanti a me, divaricò un po’ le gambe, e si diede uno schiaffetto sulla “patata” liberando un verso gutturale.
“Vuoi trombarmi?” chiese.
“Si, voglio trombarti!” risposi.
Si abbasso allora con violenza i pantaloni fino alle ginocchia, esponendo una volta per tutte la passera. Si avvicinò poi a me, mi tolse il pene dai pantaloni, e lo usò per massaggiarsi la figa. Poi, d’un tratto, se lo infilo dentro di lei: stavo penetrando la mamma del mio amico!
Cominciò a fare dei movimenti lenti, percorrendo tutto il mio pene fino a sbattere la figa contro il mio pube e poi ritornando su fino alla cappella. Ogni volta che arrivava giù mi guardava negli occhi e sorrideva e tornando su guardava invece i nostri organi. Era incredibilmente sensuale ed eccitante. Aumentò piano piano la velocità ed era un incrementare di godimento; i suoi capezzoli ora erano tanto eretti da quasi bucare la sua canotta. Ad un tratto disse:
“Devo venire!”
“Anch’io!” gli risposi.
“Vieni dentro di me, ti prego!” disse lei.
Di colpo un gemito che partiva dalla sua figa le attraversò tutto il corpo sotto forma di brivido per culminare in un orgasmo liberatorio, reso concreto dal suo verso di godimento. Il mio pene liberò la sborra dentro Sofia nello stesso momento.
Fui risvegliato dal mondo della fantasia da un’esplosione nel film d’azione trasmesso in televisione. Ero stato veramente ipnotizzato dalla linea del sedere di sofia come da quella dell’orizzonte marittimo.
“Ti va di suonare ancora un po’?” chiesi a Nico.
“Ok” rispose.
Intanto la mia gamba si era addormentata; la scossi per far circolare il sangue, diedi un’ultima occhiata a Sofia, e m’incamminai verso il mio strumento.

Questo racconto di è stato letto 5 8 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.