Menage a trois -13- si gioca in quattro

Scritto da , il 2021-06-25, genere orge

Mentre ci avviciniamo verso la tavola vedo Lucrezia avvolta in una nuvola di pensieri, sia io che mio marito intuiamo il perché, è decisamente preoccupata per noi, per quel che ne potrebbe derivare da quanto successo con il figlio del nostro vicino di casa. Entrambi le diciamo di stare tranquilla, tutto si risolverà in un nulla, adesso dobbiamo solo pensare a mangiare.

Vado in cucina a prendere l’insalata di riso e giunta al tavolo vedo mio marito che, sicuramente eccitato dalla scena vissuta da voyeur in terrazza, si è avvicinato a Lucrezia mettendole il suo gran cazzo in mano.

Lei come sempre è stregata dalle sue dimensioni e con decisione lo trattiene, lo accarezza guardandolo estasiata. Mi avvicino decisa e lo invito a sedersi, “amore non adesso, è il momento di mangiare” e in modo sibillino aggiungo che con il caffè potrebbe esserci una sorpresa…

Si perché un attimo prima che Gianluca tornasse verso casa gli ho chiesto il suo numero di cellulare e ho in mente una cosa che al momento non ho condiviso con loro.

Mentre mangiamo e beviamo regna fra noi come sempre una atmosfera meravigliosa, li osservo nelle loro nudità come un abito naturale, l’armonia che regna fra noi tre è davvero stupenda. Per un attimo un velo di malinconia mi permea, domani Lucrezia lascerà la nostra casa, la sto osservando mentre parla, scherza e sorride con mio marito e penso al vuoto immenso che ci lascerà. Per qualche secondo il viso si bagna di lacrime che scendono come lame ma poi decido che ogni singolo istante di questo pazzo fine settimana non deve essere buttato.

Senza che loro se ne accorgano mi scatto un selfie, recupero dalla galleria la foto e la invio a Gianluca dicendogli se vuole venire a prendere un caffè.

Quando poco dopo suonano alla porta Lucrezia e mio marito rimangono interdetti, io invece mi dirigo tranquilla ad aprire, “vieni Gianluca, il caffè è pronto”

Quando ancora il nostro giovane virgulto sta bevendo io mi avvicino a lui e calandogli i bermuda gli dico “vedrai che questa giornata te la ricorderai per un pezzo…”. Di fronte a me trovo già il suo cazzo mezzo pronto, lo afferro e in modo lascivo fissandolo negli occhi incomincio a leccarlo dai testicoli fino al glande, per poi ingoiarlo tutto fino a quasi farmi soffocare. Mi giro un attimo di lato e vedo che Lucrezia come in un effetto a specchio fa lo stesso con mio marito. Gli unici rumori percepibili sono i sospiri degli uomini e il risucchio delle nostre bocche. Una volta preparati i maschi dalla nostra splendida fellatio io e Lucrezia ci disponiamo carponi una di fronte all’altra, veniamo cavalcate con un ritmo costante mentre io e lei ci baciamo perdutamente e gemendo come delle giumente.

In questo contatto stretto entrambe possiamo verificare i ripetuti orgasmi da cui siamo investite.

Per cercare una posizione più comoda decidiamo di spostarci nel lettone, i due uomini si stendono uno di fianco all’altro supini, noi sedute sopra in modo sfalsato, io dando la schiena a Gianluca e lei al contrario, in modo che il nostro contatto rimanga strettissimo. E’ splendidamente oscena l’immagine riflessa dei nostri sguardi, gli occhi e i visi deformati dal piacere. Lucrezia non smette più di squirtare, il ventre di mio marito è bagnato come se lei avesse urinato. Per un attimo smette di baciarmi e guardandomi fissa mi dice “ Serena ma tu lo sai che siamo delle Troie perdute, ne hai consapevolezza vero?”

La sua frase è come una frustata un po' per tutti, io e lei siamo scosse dall’ennesimo orgasmo mentre i due uomini quasi insieme scaricano in noi il loro sperma.

Noi due ancora come non appagate ci sfiliamo e accomodandoci in un 69 ci scambiamo il loro seme, perdute in una alcova che non conosce oramai più tregua…

Questo racconto di è stato letto 1 7 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.