Corna e un' inculata come presentazione!

Scritto da , il 2021-02-14, genere tradimenti

Le corna ostentate dalla puttana nel video del precedente racconto, corna che sono state enfatizzate.
Chi narra comprende la difficoltà nel lettore a capire dove stia la novità in una moglie che si fa scopare da centinaia di porci, sia uno alla volta sia in gruppo, sia in sua presenza che in sua assenza.
È chiaro che il marito (Luca) è un cornutone! Dov'è la novità?
In realtà i fatti inizialmente avevano preso una piega completamente diversa. Una rinfrescata al racconto “Te la sei cercata!” aiuterebbe. Ma ne parliamo comunque.
Dall' inizio di questa incredibile storia e per il primo anno la zoccola ebbe un marito. Marito che non voleva perderla e pareva non volerle concedere la separazione. Certo, non avevano più rapporti intimi ma, particolare importante, la zoccola fece qualche pressione per accelerare la separazione?
Neanche un poco. A chi glielo chiedesse si limitava a dire:" Beh io glielo ho chiesto. Ma non si decide!".
Seppur vivessero separati lavoravano insieme. Lei ogni mattina era il primo uomo che vedeva. A lavoro la vacca si sentiva in obbligo di nascondere il telefono. Spessissimo tornava nella casa dove aveva vissuto poco prima per riassettare e magari si ferma a pranzo con figli e lui.
Ovviamente il marito non sapeva dell'esistenza di Luca, immaginarsi se avesse saputo che la mogliettina usciva (senza Luca presente) a farsi sbattere da porci, anche in gruppo. Porci mai visti (ne sentiti) prima di quel momento.
E per fare questo era chiara la complicità di Luca!
Ognuno tiri le somme che vuole sul marito. Se lo considera un cornuto o meno, ma Luca si vedeva come lo scopamico della vacca alla quale intrigava organizzare incontri extra.
In realtà, fin da subito la vacca capì che non era il caso di mollare la presa su Luca. Poco alla volta e con mille cautele lo inserì nel gruppo ristretto delle amiche e lo presento si suoi parenti più fidati.
Insomma, Luca diventò il nuovo compagno.
In una lunga prima fase compagno da tenere assolutamente nascosto al marito (nonostante venisse ospitato nella casa dove viveva la troia).
Quindi, solo quando il marito capi che non ci fossero speranze e decise di concederle la separazione, fu il momento di (senza inutili ostentazioni) poter rendere visibile Luca agli occhi di tutti.
Ma quel periodo durò un anno, mica un mese!
E in quell'anno accadde di tutto. Solo per dire: una quarantina di incontri da sola, una decina di gang delle quali due senza la presenza di Luca. Da vergine di culo a rotta in culo per poi essere definitivamente sfondata.
E per Luca fu subito un problema. Hai voglia tu a spiegare ai porci che non sei il marito ma solo un complice che comunque è intrigato a sentirla godere!
Luca intuì immediatamente che questi distinguo non reggevano. Decise di soprassedere, sorvolò sulla figura del complice e decise che si sarebbe comunque spacciato come compagno della troia.
Ma una cosa era chiara (almeno dal suo punto di vista): non c'erano cornuti! Solo complici!
La vacca imparo a memoria un assioma: "Cornuti sono solo quelli ignari. Che non sanno dell'esistenza delle corna."
Lo pensava veramente? Neanche un poco. Ma questo lo si scoprirà solo nel 2018 (non dimenticate che la storia inizia nel 2011) quando si sentì maggiormente libera di esprimere i suoi pensieri.
"Effettivamente a Venezia il cornutone fu solo mio marito" disse la troia" ma poco alla volta ci fu anche Luca. Uno non sapeva cosa facessi ma l’altro si. Comunque, sempre due cornuti erano. Quella fu l’epoca dei due cornuti!"
Così pensava la vacca. Ma non lo avrebbe mai ammesso. Neanche sotto tortura! Era consapevole che Luca si sarebbe incazzato. Forse anche al punto di mollarla. E la vacca non lo gradiva affatto!
Ma se giudichiamo dai comportamenti e non delle parole i pensieri della puttana (epoca due cornuti) coincidono con certi comportamenti, diciamo sopra le righe.
In realtà furono comportamenti da vera troia! altro che complice!
E i tori? Troppo esperti per giocarsi un incontro con la troia solo per un "cornuto" scappato di bocca. A qualcuno queste dinamiche fregavano poco: importante era scoparsi la troia.
Chi invece pensava veramente che Luca fosse un cornuto, si limitava a non dirlo ma era evidente che lo pensasse.
Quando un toro dal cazzone enorme incula lentamente la troia, richiama l’attenzione di Luca (che sta filmando) per fargli riprendere quel primo piano del palo di carne in culo e aggiunge con voce roca e porca:" Guarda come la sto sfondando!", è chiaro che manca solo la parola "cornuto" a chiudere la frase.
Immediatamente dopo la separazione dal marito Anna e Luca andarono a vivere insieme e veniva quindi meno alibi del maritino.
Ora solo Anna e Luca.
Gli episodi che deponevano sulla aggiunta di corna sulla fronte di Luca erano evidenti. Detto questo quando Luca contattava il porco di turno tra le primissime cose era di regola dire:" Qui non ci sono cornuti!". E il bull (in genere ipocritamente) abbozzava.
E la troia? La troia aveva le sue ferme convinzioni che si guardava bene da esprimere. A lei interessava solo scopare. Sintomatica una frase che ebbe modo di dire ad una amica del sito:" Se andava bene a lui figurarsi a me !!!".
Perché rovinare tutto con un semplice "cornuto"?
Fu poco alla volta che Luca ritenne che fosse il momento di calare il velo. Accadde nel 2018 e sollecitò Anna alla sincerità.
Lei come reagì? Non ebbe problemi. Nel 2017 si erano sposati. La situazione, quindi, era completamente diversa dagli anni precedenti. Non si immaginava certo che Luca potesse fare granché. Quindi prima la vacca si premurò di chiarire:" Non è che dopo fai le paturnie?"
Quando ebbe certezza (la vacca lo conosce molto bene) che non sarebbe accaduto, fu libera di esprimere ciò che pensava nel corso degli anni e soprattutto da qui in avanti.
Ma cosa spinse Luca a questo cambiamento? Un poco alla volta la consapevolezza ma ci fu anche un episodio chiave.
I video girati dalla zoccola con Uomosuper! Senza la sua presenza.
Per Luca ci fu esigenza di sistemare le centinaia di video presenti. Di crearne qualcuno nuovo. Qualche raccolta di cazzi da postare sul sito. Fu in quel contesto che ebbe modo di riguardarsi con attenzione un paio di video della puttana insieme a Uomosuper e si rese conto che gli erano scappati dei dettagli che la dicevano lunga. Tanto lunga.
Dovete capire che ad una prima visione molte cose possono scappare. Spesso il video è lungo anche un ora. Va compattato. Se serve postare qualcosa, lo si fa nelle parti più significative della monta e dove i visi non sono riconoscibili. Si tralascia di interpretare meglio i bisbigli. E poi non è detto che sia nelle parti apparentemente meno importanti che non si nasconda il dettaglio rivelatore. Ma in genere una volta fatto quanto sopra Luca abbandonava il video per curarne un altro. Con tutti gli incontri che fece la vacca hai voglia a tagliare, compattare e postare video!
Ora descriviamo questo Uomosuper
Come nick, appunto, si fa chiamare Uomosuper e questo la dice lunga sulla modestia.
La vacca lo conobbe nel periodo che si prostituì nel privé. In occasione della memorabile gang tra lei, la pornostar e un numero imprecisato di porci.
A Uomosuper non sfuggì la troia, tanto che qualche giorno dopo tornò nel privé solo per incontrarla. Passarono il pomeriggio insieme scopando a più riprese e in quella circostanza scoprirono che erano iscritti nello stesso sito hard.
Uomosuper è piccolo di statura. Sei o sette anni meno della troia. Non grasso. Bel viso curato con pizzetto, occhi chiarissimi molto belli. Si vede che da giovane era un gran figo.
Modi di fare spavaldi e decisi.
Ci sono tori ai quali interessa solo scopare. Poi che la vacca di turno sia libera o meno, frega poco. Non toglie e aggiunge niente alla scopata.
Uomosuper è esattamente il contrario!
Idea di scoparsi una donna di un altro lo eccita da impazzire. Fare delle vittime cornute, mariti, fidanzati, compagni.
Quando, in occasione del secondo incontro nel privé, conobbe dalla vacca la sua incredibile storia, si eccitò oltre misura.
Chiese delucidazioni sul primo marito, chiese dove fosse Luca in quei momenti.
La vacca lo accontentò volentieri.
Anzi, la vacca ci mise il dettaglio. Fece notare al porco che nello stare nel club privé si invertivano le consuete modalità.
Mentre quando era in motel lei avrebbe risposto ad una chiamata di Luca, nel privé era sottinteso opposto: se non rispondeva era il segnale che stesse scopando. Solo nel caso che fosse al bar all' ingresso avrebbe risposto!
Ovviamente questo per Uomosuper rappresento un extra eccitazione che sfogò sulla troia!
Il terzo incontro è legato alle sorprese fatte dalla cagna a Luca.
Che puttana! Avrebbe potuto chiamare altri invece (come seconda sorpresa) pensò a lui.
Uomosuper era incredulo ed eccitato nel sentire la proposta della troia.
" Luca non sa niente. Vieni a casa mia. Ti aiuto io a trovare la strada. Lo chiamiamo quando è a lavoro e stiamo scopando! Però dobbiamo anche filmarci. Voglio fargli vedere la monta dopo!"
La voce eccitata del porco:" Ma davvero non sa niente?"
"Niente di niente! Zero!".
Ovviamente accettò. La zoccola però (avendo capito il tipo) si raccomandò di una cosa importantissima: quando la telecamera era accesa la parola "cornuto" era abolita.
Quando non era accesa, massima libertà!
Il giorno della prima sorpresa (eh sì. Ce ne saranno altre, sempre con Uomosuper) la vacca accese la telecamera appena furono in camera.
Si abbracciano con la massima naturalezza. Lui è vestito. La vacca è già con il consueto completino della monta.
Lui sussurra qualcosa nell'orecchio della troia. La vacca reagisce ridendo e amichevolmente con un colpetto sulla spalla dicendogli:" Che porco che sei!".
Chissà cosa le avrà detto Uomosuper! Sicuramente avrà fatto cenno alle corna di Luca!
Iniziano. Uomosuper è energico e resistente. Resistentissimo. Anche un’ora. Ininterrottamente. È uomo da una sborrata sola, ma la durata è da record.
Il tempo giusto per i preliminari. Lecca la figa, sessantanove, mano in figa.
Poi la monta. Animalesca.
Il porco parla moltissimo durante la scopata. E soprattutto fa domande. Ma il momento decisivo è quando la vacca lo ferma.
Lo fissa in faccia e gli dice con fare porco:" Dai che adesso glielo facciamo sentire!"
Alla puttana brillano gli occhi quando scandisce quelle parole!
Parte la chiamata.
Uomosuper le è sopra. Ha solo rallentato il ritmo e la vacca ha delle difficoltà a comporre il numero. Sta godendo.
Cazzo: Luca non è raggiungibile. Beh. Richiamerà.
La vacca molla il telefono a fianco del cuscino e continuano come prima.
Quindi squilla!
La vacca non ha esitazioni. Nessuna. Zero. Impugna il telefono. Lo porta davanti alla bocca sua e del porco.
E fa partire la comunicazione!
Nel video compare chiaramente il bagliore.
Uomosuper è una bestia! I colpi animaleschi risuonano per la camera.
La vacca urla nel microfono. Ma sono le parole del porco ad essere chiare.
Non conosce Luca e la cosa lo eccita maggiormente: " La senti come gode??eehh?? La senti come gode? " Scandisce chiaramente.
La vacca urla e gode.
"Diglielo che stai godendo cagna. Diglielo!"
E la vacca conferma: " oh sii..si...siiiiii"
"Senti tua moglie. Senti come gode!" In realtà non erano ancora sposati, ma per il porco era come se lo fossero.
Quelle frasi erano dette con una convinzione e con un disprezzo che mancava solo una parola: cornuto!
Quando Luca vide il video questo era palese. Ma non si soffermò su altri particolari.
Ci fu un quarto incontro con la zoccola. Sempre a casa di Luca e Anna e sempre, neanche dirlo, con Luca assente.
Non fu una vera e propria sorpresa come la precedente, ma lo sviluppo fu il medesimo.
Luca seppe in seguito che il porco si soffermò a osservare i quadretti appesi sulle pareti con le foto romantiche di Anna e Luca e commentò: "Certo che ha proprio una bella faccia da cornuto, tuo marito!"
La vacca abilmente lo chiamò vicino a sé e gli fece vedere un’altra foto:' questo è il mio primo marito. E lui, che faccia ha?"
Cornutone pure lui ovviamente. E Uomosuper ricordava bene la storia.
Anche il secondo incontro in casa ebbe lo stesso sviluppo, tanto che i video si potrebbero confondere. La stessa luce pomeridiana che filtra dalla finestra, lo stesso copriletto. Solo qualche dettaglio indica che sono monte diverse.
E le solite telefonate.
Ma fu il quinto incontro, anch'esso filmato, il più significativo. Il più esplicito.
Mancava poco tempo al matrimonio tra Anna e Luca tanto che il porco parlò di un regalo di matrimonio per la puttana.
Era un giorno feriale. Un mattino. Luca aveva qualche impegno, tra cui uno appunto legato all'imminente matrimonio.
La vacca sveva concordato con Uomosuper una sorpresa diversa.
Basta con Luca a lavoro. La vacca desiderava che finalmente al quinto incontro con Uomosuper fosse presente anche Luca.
Ma non subito. A monta iniziata!
Luca uscì di casa. Non potevano sapere che Uomosuper era praticamente all' ingresso. In attesa di un avviso della puttana.
Un SMS:" Sta uscendo".
Il porco lo intravide a pochi passi. Quindi lo fece sfilare ed entro in casa.
In questa quinta circostanza era oramai consuetudine usare il PC per filmarsi e questo comportava (diversamente dalla videocamera) registrare intera monta!
La vacca fu abile. Non voleva che Luca rientrasse immediatamente. Gli inviò un SMS quando fu certa che fosse impegnato.
"Amore. Appena riesci chiamami che ho una urgenza!"
Luca, per fortuna, si appartò. Senti le urla della vacca, ma dovette interrompere.
Immediatamente ricevette un altro SMS:" Amore rientra appena riesci che ti presento un amico!"
Appena possibile si diresse verso casa. Era a piedi. Durante il percorso chiamò ancora e rispose un:" La senti Come gode? Tutto dentro ce l'ha tutto dentro la puttana di tua moglie!"
Ci scappò anche:" Ti piace il cazzo di Uomosuper vero puttana?? Diglielo che ti piace!"
E la vacca confermava con i suoi consueta si..si...siiiii
"Mi ha cercato lei. La puttana. Mi ha cercato lei. Non dimentica il cazzo di Uomosuper questa vacca!'
Ovviamente era tutto vero. In compenso Luca sapeva con chi fosse la vacca. Non lo aveva mai visto di persona, ma ora lo avrebbe conosciuto.
È il video a testimoniare cosa accadde.
Luca entrò in camera quando la vacca era alla pecorina e Uomosuper la stava inculando.
Disinvolto come fosse casa sua. Appena vide Luca disse:" Ciao. Finisco di incularla poi ci presentiamo!".
Erano già passati cinquanta minuti di interrotta monta.
Una inculata come presentazione!
Per Uomosuper era il momento della sborrata. Faccia su. La zoccola gli lavorava uccello.
Luca prese la telecamera a mano.
La voce del porco fuori campo:" Bravo Luca. Filmala quando le sborro in bocca. E tu bevi tutto troia. Come sempre!"
Si ode l’ansimare del porco. La zoccola alterna bocca e mano. E quando lo sega lo fissa in viso.
Espressione da vera puttana, Luca è come se non esistesse. Osserva il viso estasiato di Uomosuper. La vacca si passa ostentatamente e lentamente la lingua sulle labbra.
È un sussurro il suo:" Dai sborra. Porco sborra!"
Fino al gemito del maiale. Il cazzo che scompare in bocca e la puttana deglutisce. Quindi immancabile pulizia.
A monta conclusa Uomosuper scambia, per la prima volta, qualche parola con Luca.
Ovviamente il registro cambia, ma Luca non è scemo, è evidente che per Uomosuper lui rappresenta l’ideale di cornuto.
È anche un poco sfrontato. Non esita a mettere comunque le mani addosso ad Anna la quale capisce che non fece esagerare e si allontana.
Non chiede di andare in bagno. Lo comunica con un:" Vado in bagno." Aggiungendo un inutile:" so dove è, oramai sono di casa qui!"
Quando se ne va forse fu questo a spingere Luca a visionare con maggiore attenzione il video appena fatto ma anche i precedenti con quel porco.
Quando lo fece si dette del coglione! Avrebbe, infatti, dovuto ascoltate con maggiore attenzione l’audio, senza farsi distrarre dalle immagini.
Sono parole sussurrate. Quasi incomprensibili. È evidente che vengono volutamente sussurrate per non essere carpite dalla telecamera.
Ma il porco non era riuscito a resistere e nemmeno la zoccola.
Se non si sentiva cornuto era una parola che finiva in "uto”, e non è che ce ne fossero molte a disposizione nel vocabolario!
Ma una sequenza è significativa.
Il porco è sopra la vacca. Il telefono è acceso. Ad ogni affondo un bisbiglio. Un semplice "cornuto".
Un colpo e "cornuto". Un altro colpo e "cornuto".
Sussurrato nelle orecchie della troia ma comprensibile. Seppur a fatica.
E la vacca? Ad ogni bisbiglio un convintissimo" siiiii".
Luca aveva già maturato ipotesi di indagare maggiormente sulla questione corna. Ma quella fu la svolta.
Ora la situazione è meno ipocrita di prima. La vacca esprime tranquillamente il suo pensiero.
Ma come si diceva all’inizio, non fu sempre così.

Questo racconto di è stato letto 3 5 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.