Anale. Solo anale.

Scritto da , il 2021-02-05, genere tradimenti





Lasciamolo dire a lei. Alla vacca.
Luca le chiese quali fossero, a suo avviso, le pietre miliari delle inculate subite.
E fece di tutto per non condizionarla, limitandosi ad ascoltarla.
La vacca non fu rapida nella scelta. Ammise che fu in grande difficoltà. Da quando le ruppero il culo non lo rifiutò mai a nessuno che glielo chiese. A nessuno. Quindi aveva avuto modo di testare centinaia di situazioni diverse e centinaia di cazzi in culo diversi!
La zoccola le mise in ordine di tempo quasi perfetto dimostrando (contrariamente a quello che afferma nella vita quotidiana) una eccellente memoria.
Luca notò un aspetto.
La prima non vale nemmeno la pena ricordarla: fu la memorabile sera in cui lo spaccaculi seguito da altri due porci le ruppero il culo.
“Non posso che partire da quella volta!” disse la vacca.
Come seconda la zoccola cita un episodio che risale all’agosto del 201. La vacca andò in vacanza a casa di Luca e ci fu ennesima dimostrazione di quanto fosse complicato per Luca gestire una vacca simile. Se il porco le piaceva niente la fermava, neanche aver constatato che Luca desiderava interrompere.
Come nel caso con gang 3000. Arrogante e porco. Amante del culo fece di tutto per mettere in difficoltà Luca. A casa sua, inoltre! (per chi volesse approfondire c’è un vecchio racconto: “Te la sei cercata!”)
E la vacca non collaborò per niente!
"Ricordo che mi inculava mentre io ero a cavallo e mi piaceva da morire. Non saprei dire perché ma mi fece godere molto!"
Fu nella tarda estate del 2011 che la vacca ricorda come significativo un terzo episodio.
Nicea. Beh, qui non siate pigri, è il porco narrato esattamente nel racconto precedente:" ti prego, basta in culo... basta in culo…": Rileggetelo e capirete!
Il quarto episodio è raffigurato plasticamente in una foto.
Un ampio locale. Potrebbe apparire una taverna. In realtà è uno spogliatoio con tutti i comfort compreso angolo bar.
E un divano sul quale spontaneamente la zoccola si mise alla pecorina per farsi inculare (aveva il ciclo) da una dozzina di tori presenti.
Chiuse la coda un tipo dotato di un arnese di trenta centimetri certi! E della grossezza proporzionale alla lunghezza!
La foto vede la zoccola dolorante abbracciata con una tale intensità al cornuto da sollevargli la maglietta fino a intravede la schiena!
Lo abbraccia tenendogli anche la testa. Avrebbe potuto farlo anche tenendogli le corna!
" Non so come dire" commenta la cagna" nel motel me lo ruppero sicuramente, ma qui quel porco me lo sfondò definitivamente!"
La troia non ha grande cultura e si esprime con parole semplici ma il cornuto la senti dire ricordando quell’episodio.:" Me lo ha devastato il mio povero culo. Non è più stato lo stesso da allora!". Usò proprio quel termine “devastato”.
Era chiaro che con il culo così sfondato, da quel momento in poi, furono determinanti le singole situazioni e l’abilità del porco nell’incularla, più che le dimensioni.
Il culo, oramai, era definitivamente sfondato!
Si arriva a dicembre del 2011 con il quinto episodio.
Andrea! Di nome e di Nick.
Luca fu sorpreso dalla spontanea affermazione della zoccola di qualche mese fa:" Lì ti considerai un vero cornuto! Mi spiaceva venderti ignorato da me che ero tutta presa da Andrea ma non riuscivo a smettere. Mi sono sentita tanto puttana ma mi eccitava ancora di più. E ti ho visto veramente come un cornuto".
Andrea è il secondo toro di quei memorabili tre giorni in cui la vacca decise sfacciatamente di ospitare dove viveva.
A casa di mamma! La quale era ovviamente assente, in quei tre giorni.
Appena si tolse la benda e vide in faccia Andrea la vacca si rese conto che quel maschio era una piacevolissima sorpresa.
Gli piaceva molto. Ed era ricambiata!
E poi:" Non era un martello e basta. Mi pompava lentamente fissandomi negli occhi e io ricambiavo la sfida. E poi era bravo (la vacca avrebbe dovuto dire abile) a passare dalla figa al culo con un colpo secco. Sempre stando sopra di me!"
Il video ripreso alle spalle vede raddoppiare i sii sussurrati dalla troia nel passaggio dalla figa al culo.
Con Andrea ci fu un seguito solo un paio di mesi dopo quando Luca e Anna si apprestavano a vivere insieme. Fu Andrea a collaudare il nuovo divano, scopando e inculando la vacca mentre il cornuto era uscito di casa.
Il sesto episodio che la zoccola ricorda come particolare riguarda una gang a casa di Steve. Sono presenti vari porci tra cui una coppia. Il lui della coppia è sgradito sia a Luca che alla vacca.
Anche lei lo trovava troppo pieno di sé.
"Però quando fui a cavallo di Steve con davanti Amicolbull e Dorian che mi proponevano il loro cazzo e sentii che uno mi cercava anche il culo capii che poteva essere solo quel tipo. Mi irritava ma quando me lo mise in culo in modo arrogante mi eccitò parecchio. Più lo detestavo più mi eccitava dare il culo anche a lui!"
Quindi luca ed Anna andarono a vivere insieme.
Fu una lunghissima serietà di inculate. Tutte molto intense e di alto livello. Molto difficile per la troia sceglierne qualcuna. Ci penso parecchio nel dire:" Mica male con anche quel tipo" per poi fare una descrizione sommaria del toro o della situazione per aiutare a identificarlo.
"Mica male anche il ragazzo che incontrammo in ferie. Quello che la sua donna gli negava il culo!"
La vacca si riferiva ad un episodio raccontato nel "le cornute.
Appena smise di rammentarsi di lui fece cenno ad una situazione simile. Sempre al mare. Solo che accadde l’anno successivo. Nella stessa località. Una coppia di giovani ragazzi giovani vicini di ombrellone.
"La figa di legno (come dice lei) tutta merdona e snob a prendere il sole con lo specchio e io a farmi inculare dal suo uomo."
Tra la ragazza e la zoccola una spaventosa differenza di età, di freschezza e di i bellezza.
Imparagonabili!
La ragazzina fece il madornale errore di confondere la bellezza con arroganza e la maleducazione. Infatti, non rispose al saluto mattiniero della zoccola.
Che sbaglio! Con lei! Soprattutto se ha un appiglio.
Episodio sarebbe passato lì se la cagna non avesse intravisto negli occhi del ragazzo un acceso desiderio di porcate.
Fu importante, in quel caso, la complicità di Luca fu determinante.
Sta di fatto che un paio di giorni dopo la vacca era alla pecorina e si faceva inculare dal ragazzo esattamente (luca aveva le cuffiette) mentre la ragazza (infastidita dal non trovare la giusta posizione per abbronzarsi) era al mare a pochi passi da Luca.
La vacca tutti quei cazzi passati per il suo culo non poteva certo ricordarsi di tutti. Talvolta va a descrizione sommaria.
Ma non i questo caso: con Hammer!
Nick spesso associato ad un altro sostantivo: la bestia!
Alto e possente. Dotatissimo. Anche lui arrogante e deciso.
Trattamento esplicito fin da subito. Da appena entrato in camera e la trovò come di consueto bendata.
Le prese la testa con due mani e le caccio la lingua in bocca accompagnandosi con parole dure ma sincere:" Finalmente conosco la puttana!".
La scopa da sopra come una bestia sollevandole le gambe perpendicolari al soffitto.
Il maiale ansima peggio di un asmatico ma riesce comunque a dire una frase che ripete decine e decine di volte: "Lo senti come sei troia? Lo senti come sei troia? Lo senti come sei troia".
Ovviamente arrivò anche il momento del culo!
Quindi la butta a faccia giù.
Potrebbe apparire quasi uno stupro, ma intanto la zoccola apre le gambe per permettere al porco di incularla meglio.
È una bestia! Ci mette tanta di quella energia che lui e la vacca rimbalzando sul letto.
Finché, improvvisamente, il letto cedette in uno dei suoi sostegni!
Bum!!
Il cornuto stava filmando e si sente la sua voce dire:" Attenti al letto! Attenti al letto!"
Animale e la troia non si scompongono!
Mentre il preoccupato cornuto si dedicò al letto, Hammer invitò la troia a mettersi davanti allo specchio in camera per continuare inculata.
E la troia non si fece pregare. Anzi. Allargò per bene le gambe per avere un maggiore equilibrio.
Il maiale la inculò tirandole i capelli e con le consuete parole:" lo senti come sei troia? Lo senti come sei troia?"
La vacca esita nell’inserire un ulteriore episodio. Sa che Luca non lo gradì completamente. In realtà lo subì. Dette il consenso ma a malincuore. La vacca lo aveva intortato abilmente tanto da farle fare ciò che gradiva.
Accadde un sabato pomeriggio. La vacca ospitò un porco dello stesso paese. Un tipo che al filava mentre si incrociavano al bar per la colazione. In realtà la filava da tempo, ancora quando la cagna era insieme al primo marito.
Ma con questo non era nemmeno pensabile immaginare di farsi scopare, con il nuovo cornuto era diverso.
La vacca ansimava solo ad intravederlo al bar. Tanto da dire un ignaro Luca, mentre leggeva il giornale:” Guarda che faccia da porco che ha! Che faccia da porco!”
Capitò anche che, appena rientrata dal bar, si mettesse sul letto e si masturbasse pensando a quel porco.
C’era un problema, però. Il tipo non sapeva della doppia vita della troia!
Per lui era una tipa da conquistare e da scopare. E a Luca, ovviamente, non andava affatto bene.
Certo, esisteva la possibilità di fargli capire qualcosa. Di indirizzarlo. Ma la vacca era fermamente contraria per due motivi. Il primo, il più ovvio, era che avrebbe potuto spargersi la voce in paese della sua doppia vita.
Ma ne esisteva un secondo di motivo che conferma quanto la zoccola fosse già esperta e scaltra.
Lo spiegò al cornuto.” Ci sono maschi che devono pensare di avere esclusiva. Se sanno che io prendo vagonate di cazzi si sentono in competizione. Io li capisco. Hanno di fronte una puttana come me che potrebbe giudicare la prestazione. A certi maschi non devi far sapere che ho già scopato con centinaia di porci diversi!”
In realtà esisteva anche un ulteriore motivo per farsi scopare da quel porco. Era sposato e la moglie stava tanto, ma proprio tanto, sul cazzo alla troia!
Sta di fatto che, con un abile manovra di convincimento, la vacca fece in modo che quel sabato pomeriggio Luca uscì di casa.
Quello che venne riferito solo in seguito era che la zoccola era in contatto con il porco il quale era vicino a casa. Monitorava la situazione. E conosceva Luca. Quindi quando lo vide uscire per lui fu campo libero.
Non ci furono quindi chiamate telefoniche. Né video. Solo la descrizione della troia:
“Te lo avevo detto. Non mi sbagliavo che a quel porco piacesse il culo! Ho scoperto che la cornuta non glielo da! Dovevi vederlo. Il viso ancora più da maiale mentre ci dava dentro sul mio culo! In tutti i modi! Lo intravedevo davanti allo specchio quando ero alla pecorina! Ma anche quando era sopra di me e ansimava come un porco!”
Finita questa descrizione, la troia getta la spugna su quei porci che se la sono inculata negli ultimi anni.
"Potrei dire Steve oppure Amicolbull o Uomosuper o Tony29 o Texma o molti altri di cui non ricordo neanche il nick. Come faccio a scegliere? Tutti mi hanno inculata più che bene!”
Poi riflettendo dice:" Certo che un inculata così lunga come con quel tipo prima che arrivasse la pandemia non ne ricordo!"
Si riferisce ad Amantedoc. Il porco descritto nel racconto: “La più lunga inculata" , racconto pubblicato poco tempo fa.
Ma la vacca ha la chicca e dice:" Poi si è chiuso il cerchio! In dieci anni il primo e poi ultimo quasi alla data del decimo anniversario!"
Si riferisce al: “4 gennaio. Il ritorno dello spaccaculi!”
Lei in piedi. Il cornuto fuori dalla porta e lo spaccaculi che dieci anni dopo le dava un'altra ripassata al culo!
Che rotta in culo. Ehm, pardon: che sfondata di culo!


Questo racconto di è stato letto 3 8 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.